Meité, esordio vittorioso con il Milan: venti minuti convincenti per il francese

Italia Granata / Il centrocampista di proprietà del Toro in campo nella ripresa al posto di Tonali: positivi i primi segnali da giocatore rossonero

di Alberto Giulini, @albigiulini

Esordio con vittoria per Soualiho Meité, che ieri sera ha giocato i primi minuti con la maglia del Milan. Una doppietta di Zlatan Ibrahimovic ha spianato la strada ai rossoneri ed il centrocampista francese, che ha fatto il suo ingresso al 71′ al posto di Tonali, è stato quindi chiamato a gestire il doppio vantaggio. Due minuti più tardi il secondo giallo a Saelemaekers ha però costretto la squadra di Pioli a chiudere l’incontro con l’uomo in meno ed anche Meité ha dovuto far sfoggiare una prova di maggior sacrificio. Positiva la prestazione del giocatore di proprietà granata, al Milan in prestito con diritto di riscatto. L’ex Bordeaux e Monaco si è calato bene nella parte, mettendosi anche in mostra con un bello spunto in fase offensiva (VOTO: 6).

 

47 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Forzatoro - 1 mese fa

    Con tutti quelli che stanno mettendo in croce tutti (dirigenti e tifosi) per la cessione di meite, parlando di lui come il miglior centrocampista che era in rosa, quello da tenere ecc. ecc., e che dicono: “ecco, vedete, ve l’avevo detto!”, per 20 (VENTI!) minuti DISCRETI giocati nel Milan, in una partita che stavano vincendo 2-0, vorrei parlare tra tre-quattro mesi, ma, ancora meglio, tra sette-otto mesi, per vedere dove sarà, e quello che avrà fatto, meite.
    Per me questa cessione è stata la miglior operazione di mercato che ha fatto Vagnati da quando è da noi (non che ci volesse molto)…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gm - 1 mese fa

    Ibra ieri sera lo ha citato fra i rinforzi, Maldini e Pioli lo reputano adatto a giocare nella squadra prima in classifica e non più nella terz’ultima. Spiace leggere che secondo alcuni Meite è scarso perché lento (per il ruolo di mezz’ala com’è inteso oggi non devi essere velocissimo, vedi Kroos, Kedira, Kessie, Pellegrini..), leggo che non ha grinta, mah!personalmente preferisco eventualmente pagare per guardare uno come Meite che almeno riesce a saltare l’uomo e prova a GIOCARE ad uno che recita la parte del duro ma entra spesso a casaccio sull’avversario facendosi ammonire (Zaza). Andate a leggere le statistiche della serie A, Meite è ai primi posti per dribbling e passaggi riusciti pur giocando fino all’altro ieri con dei brocchi assoluti. Cairo lo ha svenduto per 9 milioni (un terzo di sturaro per fare un paragone).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 1 mese fa

    Buongiorno a tutti…
    Devo di re che un po’ me l’aspettavo, un coro di persone che “tesse le lodi” a giocatori che con la nostra maglia addosso hanno dimostrato limiti evidentissimi ma pronte a lanciare strali e frecciate a tutti (allenatori, società e compagni) non appena fanno 20minuti (ripeto, VENTI MINUTI finali di partita) decenti con un altra maglia addosso….
    Meité è un giocatore discreto, giovane e di conseguenza ancora con margini per migliorarsi SE la testa gli gira bene, con noi ha avuto più di un’occasione e ben 3 mister (Mazzarri Longo Giampaolo) ed un dirigente come Emiliano Moretti con cui eventualmente interfacciarsi, oltre a compagni di squadra di spessore tecnico ed umano come Sirigu e Belotti, al Milan troverà sicuramente altri compagni di squadra ed altra struttura societaria e sta a lui dimostrare che questa collocazione è più efficace della precedente…
    A coloro che continuano a difendere giocatori che non hanno dato ciò che avrebbero potuto/dovuto sia in campo che nello spogliatoio addossando tutte le colpe alla società faccio sempre presente che nella stessa società gioca DA 5 ANNI un certo Andrea Belotti, e ci gioca SENZA che venga ricattato o altro, ci gioca impegnandosi allo stremo in ogni occasione sia in allenamento (mai saltato UNO) sia in partita (SEMPRE dando il 110%), quindi NON E’ questione di “Società” se un giocatore decide di NON impegnarsi ma DI COSCENZA, di amor proprio e rispetto e professionalità…
    Le colpe della Società e di Cairo ci sono e sono tante ma questo NON GIUSTIFICA giocatori che non si impegnano o che giocano col freno-a-mano tirato, nell’ultima partita contro lo Spezia non c’era in campo “la Società” ma c’erano LORO, e posso dire con certezza 2 cose:
    1) Se per caso un domani Meité dovesse avere un atteggiamento simile con la maglia del Milan addosso ma soprattutto con un compagno di squadra come Ibra lo sentiremo strillare fino a Torino per i calci nel sedere che gli rifilerà e…
    2) Credo con con Nicola il tempo dell’allenatore “amichevole” di Giampaolo sia finito: o fai come dice Lui, in allenamento ed in partita, oppure sei fuori, in tribuna direttamente, un po’ come capitò con Longo a Millico & Edera, indipendentemente se Ti chiami Zaza o Verdi e se sei costato un botto di Milioni…
    Ci aspettano 20 partite da qui alla fine del campionato: 20 partite da giocare fino alla morte, come se non ci fosse un domani, 20 partite CHE DEVONO portare ALMENO 27 punti, 27 punti che vogliono dire 9 vittorie e 11 sconfitte, oppure un mix di vittorie sconfitte e pareggi ma in ogni caso con Nicola sulla panchina che non ha NULLA DA PERDERE ne vedremo di scene tragiche se alcuni non cambieranno atteggiamento!
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 mese fa

      non credo ti riferissi anche a me come “tessitore di lodi” non intendevo fre questo,piuttosto stigmatizzare certi atteggiamenti che si hanno verso i nostri beniamini,al di la di quanto siano o meno capaci,non sarebbe comunque un problema,per il resto concordo e spero tu abbia ragione su Nicola SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 1 mese fa

        No amico, non ce l’ho con Te ma con chi si ostina a difendere i giocatori piuttosto che stigmatizzare i Loro comportamenti solo per aver l’ennesima occasione di insultare la Società….
        Società che poi è Cairo, parliamoci chiaro, Cairo che ha IMMENSE ed INNUMEREVOLI colpe ma questo non dev’essere motivo di giustificazione per dei “professionisti” che anziché svolgere al meglio il Loro mestiere (perché in fondo essendo professionisti E’ QUESTO che fanno, un mestiere anzi “IL” mestiere più bello del mondo, come ebbe occasione di dire Sinisa…) fanno quel minimo che consenta Loro di incassare i soldi dell’ingaggio, tutto qui…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Forza Toro - 1 mese fa

    Zaza: imbrocchito. Verdi: imbrocchito. Soriano: imbrocchito. Quant’è difficile giocare in questa squadra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ricu's - 1 mese fa

      Verdi e Soriano OK, concordo. Zaza non s’ è imbrocchito. Zaza E’ UN BROCCO MONUMENTALE. Dopo questi 2 anni e mezzo mi sento di dirlo senza alcuno dubbio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Il Giaguaro - 1 mese fa

    Normale, è un buon giocatore! Piuttosto che riempire di merda tutti i nostri tesserati noi tifosi dovremmo chiederci perché chiunque (tranne rare eccezioni) mettendosi addosso la casacca granata da due anni a questa parte si trasformi in un’ameba.
    Salvo dimostrare, appena in altra squadra, che proprio nullo non era…
    Esattamente il contrario di quanto avveniva con Ventura, periodo nel quale Cairo ha riempito di “sole” i concorrenti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Numero7 - 1 mese fa

    Calma….tutto al suo tempo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Aca Toro - 1 mese fa

    non capisco dove sia lo stupore … è uno dei giocatori più tecnici che abbiamo (forse l’unico). Probabilmente è una persona che necessita di forti stimoli per correre e far fatica cosa che a Torino evidentemente non ha trovato. Sono certo che si farà valere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. tric - 1 mese fa

    Nei primi cinque minuti ha corso come non mai, poi ha già rallentato …. Non lo rimpiango certo. Se in futuro dovessi farlo maledirei gli allenatori che ha avuto da noi (ma non credo).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. FORZA TORO - 1 mese fa

    e Berenguer anche se non ho idea con quali meriti ha alzato la coppa, contento anche per lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tric - 1 mese fa

      Un altro che ha solo scampoli di qualità

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FORZA TORO - 1 mese fa

        sicuramente non un fenomeno,ma bistrattato da alcuni molto più dei suoi demeriti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. FORZA TORO - 1 mese fa

    io non ero certo di quelli che insultava Meité o altri giocatori su questo sito,anzi quei tipi proprio li schifo,ma è sicuro che in un contesto diverso più sano,con compagni più forti,dove ora tutto gira a meraviglia,le sue qualità usciranno più facilmente e comunque per giudicare non basta una partita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Donato - 1 mese fa

    Mercenario indolente e presuntuoso. Ha corso più ieri a Cagliari in 20 minuti che da noi in 40 partite. Segno di professionalità zero
    Ambiente depresso? Non mi sembra che lui fosse un’eccezione, anzi ha contribuito e non poco alle nostre figuracce.
    Con Ibrahimovic in squadra farebbe bella figura anche Zaza, ed ho detto tutto
    Gente così non la rimpiango

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. bloodyhell - 1 mese fa

    granata, che è molto competente, ha tentato infinite volte di far capire come meitè fosse un giocatore di valore. il risultato è stato che molti frequentatori del forum, che più che capire di calcio semplicemente lo vedono, lo hanno sempre riempito di commenti ironici. meitè era l’unico di qualità a centrocampo che avevamo, ma senza adeguata compagnia, leggi regista, non poteva esprimersi al meglio. al milan farà bene, e presto lo rimpiangeremo. come rimpiangeremo berenguer, che è infinitamente migliore della coppia murru rodriguez.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Gigiotto - 1 mese fa

    Una cosa è certa 12 rigori in 18 partite, forse neppure la Juve è mai stata così aiutata, certo lo sappiamo che se il Milan non va in Champion quest’anno deve andare in tribunale a portare i libri, cone si usa dire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Junior - 1 mese fa

    L’unico che ci ha veramente guadagnato nel Toro. Aria nuova, stimoli nuovi, gestione di altro livello. Gli auguro cmq tutto il bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Donato - 1 mese fa

      Io no. Scusa ma l’ho visto correre più in 20 minuti a Cagliari che in 20 partite col Toro e questo mi irrita parecchio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 1 mese fa

      sono d’accordo su tutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. mansell80 - 1 mese fa

    Per me un errore regalare Meité appena prima di cambiare allenatore. E’ un giocatore con grandi qualità, che con l’allenatore giusto (vedi Longo) può essere sempre tra i migliori in campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 mese fa

      2 anni da noi con 3 allenatori diversi e con più di 60 partite giocate e non ha praticamente mai impressionato!
      Cos’altro dovevamo attendere?!?!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Roland78 - 1 mese fa

        Con Longo è stato molto importante.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 1 mese fa

          E’ stato importante (ha giocato meglio del resto della stagione) solo, e ripeto solo, dopo il lockdown (come d’altronde Verdi).
          X il resto 100% fuffa

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

            Si giocava ogni 3 giorni e ritmi si erano abbassati parecchio.

            Mi piace Non mi piace
      2. Marchese Granata - 1 mese fa

        Avremmo dovuto tenere Meitè e cambiare tutto, ma proprio tutto, ciò che gli stava intorno. Forse ci avremmo guadagnato 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 1 mese fa

          Andava venduto il 1° anno e preso un vero Centrocampista che sappia inventare un passaggio filtrante (basta leggersi i numeri degli assist che ha fatto con noi)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Donato - 1 mese fa

      Un mercenario svagato che ha corso più in 20 minuti a Cagliari che in 40 partite con noi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. christian85 - 1 mese fa

      @mansell80

      non hai capito…. non era il problema di quale allenatore ci fosse nel Toro.. poteva esserci anche Mourinho o Guardiola.. il problema di Meitè, cosi come per Izzo, N’Koulou e Sirigu, nasce da un fatto collegato in società.

      Meitè ha cambiato come tutti, 3 allenatori : Mazzarri, Longo e Giampaolo.. quindi non è un problema di tipo tecnico, ma solo ed esclusivamente societario.

      Chiaramente, Meitè ha un mercato più basso di N’Koulou e Izzo.. per questo venderlo a 10 milioni, per essere considerato un indesiderato, meglio lasciarlo andare e francamente ti dico, non ho alcun tipo di rimpianto, e poi come dice giustamente qualcuno, capirai… 20 minuti col Cagliari.. vediamo quando c’è da fare 90 minuti cosa riesce a combinare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Mimmo75 #prexit - 1 mese fa

    Mah! Una giocata palla al piede e poco altro. In compenso si sentiva Pioli urlargli addosso di continuo perché tendeva ad abbassarsi. Ci sta, deve calarsi negli schemi. Sono convinto che farà benissimo al Milan ma scrivere che ieri ha giocato bene vuol dire non aver visto la partita. Errori di scrittura a parte…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

      Mimmo non “far sfoggiare” la tua cultura. C’è già chi ci pensa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Pavl73 - 1 mese fa

    Io ho sempre sostenuto che ci sono elementi che x rendere al meglio e a volte addirittura oltre le loro possibilità devono essere affiancati da giocatori di primo livello.
    In 1 Centrocampo 5 ci devono essere almeno 2 o 3 giocatori che garantiscono qualità x l’intero campionato
    Meite l’avresti ceduto con ben altro valore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 1 mese fa

      Non glielo fai capire nemmeno sotto tortura che senza elementi di ELEVATA QUALITA’ non vai da nessuna parte, a centrocampo più che mai!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. suoladicane - 1 mese fa

    ambiente, fiducia, concentrazione, giocare nel proprio ruolo insomma gli stimoli positivi fanno brillare le qualità e mettono in ombra i difetti; al torino fc tutto questo non c’è ed anche a giocatori discreti come Meitè fanno scappare la voglia facendoli sembrare poi degli scarponi indolenti
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Marchese Granata - 1 mese fa

    Mi sembrava Frank Rijkaard!!! S’è scrollato la depressione da dosso, evidentemente. Perché in questo momento, e già da un bel po’, il nostro ambiente e proprio depresso.
    Forza Nicola!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Fede Granata - 1 mese fa

    Veramente contenta x Meite . L’allenatore e anche i compagni contano tanto. Ieri sera l”ho visto e ha fatto bene. Gli è stata data fiducia. Appena arrivato già fatto giocare. Come sono tanto contenta x Berenguer che ha alzato la coppa in Spagna. Qui li prendiamo come fossero salvatori della patria poi si ritrovano in un ambiente confusionario senza capo ne coda. Personalmente non penso che i nostri calciatori son tutti così scarsi. Noi riusciamo a rovinarli tutti, con scelte di allenatori totalmente sbagliati. Anche il Gallo sta perdendo la sua verve ed è stanco. Speriamo ora in bene. Che ritorni la fiducia e Nicola ricavi dai nostri giocatori il meglio che possono dare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 1 mese fa

      😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giaguaro 66 - 1 mese fa

      d’accordo al 100% con te!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. ALELUX777 - 1 mese fa

    Io penso che in questo momento chiunque entri nel contesto milan, a partita in corso, possa fare la sua bella figura. Ciò non toglie a Meite le sue qualità che sono ottime, salvo poi nel medio lungo periodo addormentarsi in campo diventando indisponente allosservatore interessato qual è il tifoso. Ottime qualità e se non avesse dormito così tanto sarebbe potuto diventare un idolo.
    Buona la prima..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

    Ieri Meite ha fatto 20 minuti ottimi. Sembrava il Meite del girone di andata del suo primo anno a Torino con Mazzarri allenatore e Petrachi ds

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. MarchigianoGranata - 1 mese fa

    Chissà quanto starà ridendo sotto i baffi Meite.
    Ha lasciato una squadra completamente abbandonata dal mandrogno per accasarsi, intanto per 5 mesi, al Milan primo in classifica.
    Solo la presenza di Ibra lo stimolerà a dare tutto e se non sarà stupido farà di tutto per farsi confermare.
    Al Toro invece fanno di tutto per farsi mandare via.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Giaguaro 66 - 1 mese fa

    Purtroppo su questo forum si buttano sempre giù giudizi di pancia senza capire se un giocatore di base è tecnicamente forte oppure no ed il motivo per il quale non riesce a rendere. Per chi non ha mai fatto sport per molti anni a livello agonistico è difficile comprenderne le dinamiche, vi assicuro però che si innescano una serie di meccanismi che vanno dal rapporto con il coach a quello con la società. Senza prendere le parti a Meité, vista la società inesistente (uomini e strutture) e gli allenatori con il quale ha lavorato (Mazzarri ahi, e GP) è semplice comprendere perchè al Milan sarà un’altro e lo rimpiangeremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luizmuller - 1 mese fa

      Non mi stupisce proprio che si sia subito inserito, e non è soltanto questione di ruolo: al Milan il tasso tecnico medio è alto, corrono tutti, si smarcano, e la palla sai sempre a chi darla, anzi puoi scegliere fra molte possibilità, il contrario di quel che succede, o succedeva, qui. Poi i dirigenti del Milan non sono proprio stupidi (Maldini a quanto pare è bravo anche in quel ruolo) e se hanno voluto Meite un motivo c’è.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. valex - 1 mese fa

    Perfetto. Molto bene. Ora tenetevelo stretto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ACT1906 - 1 mese fa

      Esatto fortissimo sta m. E. R. D. A.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. otto88 - 1 mese fa

    Come volevasi dimostrare…..a cosa serve l’allenatore? A mettere i giocatori in campo nel loro ruolo e stimolarli a dare il meglio ……tutti e dico tutti entravano in campo spaesati ……per fortuna si e’ cambiato ……andiamo in giro a cercare i Kurtic di 32 anni e forse li abbiamo o li avevamo in casa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy