Falque, quanta sfortuna: dopo il rinnovo quattro infortuni

Falque, quanta sfortuna: dopo il rinnovo quattro infortuni

Focus On / L’attaccante spagnolo, già l’anno scorso saltò il derby al Grande Torino contro la Juventus

di Luca Sardo

Iago Falque salta il derby. La notizia è arrivata ieri pomeriggio dopo la seduta pomeridiana del Torino al Filadelfia: il numero 10 spagnolo ha concluso in anticipo l’allenamento per un problema muscolare alla coscia sinistra. Lunedì verranno effettuati gli esami strumentali che diranno i tempi di recupero del giocatore. Non è un periodo fortunato per l’attaccante spagnolo che, appena lasciatosi alle spalle l’infortunio alla caviglia, dovrà nuovamente stare lontano dal rettangolo verde. Da quando Iago Falque ha rinnovato il contratto con il Torino – il 19 novembre 2018 – è curioso il dato per quanto riguarda gli infortuni: quattro sono state in totale le volte che lo spagnolo è stato costretto a fermarsi ai box dall’allungamento sino al 2022.

INFORTUNI – Il primo di questi infortuni risale al 9 dicembre 2018. Nel match contro il Milan uscì al 69′ per un affaticamento muscolare alla coscia destra che lo costrinse a saltare il derby della Mole allo stadio Olimpico Grande Torino. Tornò in campo la partita successiva con il Sassuolo subentrando all’80’ al posto di Zaza. Poi il 31 marzo arrivò una brutta tegola per lo spagnolo: al 51′ della partita contro la Fiorentina all’Artemio Franchi fu costretto ad uscire per un fastidio al ginocchio. Gli esami poi evidenziarono uno stiramento di primo grado del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro: rientrò tra i convocati di Mazzarri il 28 aprile, ma tornò in campo solo il 12 maggio al Grande Torino contro il Sassuolo in cui disputò 70′. Poi fu regolarmente in campo le ultime due partite della stagione con Empoli e Lazio.

Il Toro aspetta il vero Verdi: nel derby la chance per il rilancio

ANCORA PROBLEMI – Nuova stagione e nuovi infortuni. Nel match di andata dei preliminari contro il Debrecen al Grande Torino dello scorso 25 luglio 2019, Iago Falque rimediò una forte contusione alla caviglia sinistra che lo costrinse ad uscire al 75′ del match contro gli ungheresi. Nei giorni successivi all’infortunio furono effettuati tutti gli esami che evidenziarono una lesione capsulo-legamentosa alla caviglia. Il numero 10 spagnolo tornò nuovamente in campo il 13 settembre con la Primavera del Torino di Sesia in occasione della prima partita di campionato dei giovani granata. La settimana successiva, Iago Falque fu convocato per il match contro la Sampdoria a Marassi: il ritorno ufficiale in Serie A lo fece contro il Napoli, lo scorso 6 ottobre. Ora si presenta un nuovo problema muscolare: dopo un totale di 93′ giocati con Napoli, Udinese, Cagliari e Lazio il numero 10 granata dovrà ancora fermarsi. Lo spagnolo era alla ricerca della migliore condizione dopo l’infortunio alla caviglia: nei prossimi giorni si conoscerà l’entità del danno muscolare con annessi tempi di recupero, sperando che – una volta rientrato – Iago Falque possa lasciarsi la sfortuna alle spalle.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14003131 - 4 mesi fa

    La sua carriera ha imboccato una china in discesa… si riuscirà mai a vendere?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 4 mesi fa

    Beh non capisco dove stia la sfortuna… è un casino se non ti rinnovano il contratto e sei pure i fortunati e nessuno ti vuole, non il contrario. Con un milione e mezzo in tasca per diversi anni penso possa vivere sereno il suo dolorino muscolare, oltretutto il fisioterapista e il voltaren manco lo paga!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FORZA TORO - 4 mesi fa

    era meglio averlo,una soluzione in più,ma non credo che avrebbe cambiato l’esito dell’incontro,purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ddavide69 - 4 mesi fa

    Serre indizi fanno una prova, quattro cosa fanno?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 4 mesi fa

    Rovinato da Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bischero - 4 mesi fa

    Purtroppo non stava bene e si vedeva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. eurotoro - 4 mesi fa

    …tanto non lo avrebbe messo ala destra!!!…assenza ininfluente x il modulo freno a mano!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 4 mesi fa

      Peró magari lo metteva dopo. Tanto 90 minuti non era in grado di farli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 4 mesi fa

        fratello se non c’è jago metti berenguer parigini edera millico…insomma metti i rincalzi pari ruolo…una rosa di giocatori piu adatta al 343 che al 3511 …oggettivamente

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. eurotoro - 4 mesi fa

          ..sempre se vogliamo smetterla di fare solo 1/2 tiri a partita

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Bischero - 4 mesi fa

          Guarda euro toro. Da una parte capisco la tua crociata sul modulo. Ma dobbiamo guardare in faccia la realtà. Si può giocare con 3 davanti offensivi ma se poi continuiamo a beccare imbarcate per via centrale serve anche gente che copra un po’. Verdi e Iago non sono brillanti dal punto di vista fisico e si vede. Di parigini ed edera non parlo e dobbiamo chiederci e sforzarci anche un po di capire come mai non lo convoca nemmeno. Anche io giocherei sempre con verdi e Iago. Ma bisogna vedere cosa danno. Come sicuramente avrai notato giocando più offensivi creiamo di più ma concediamo tanto di più. La situazione non é facile ma come ribadisco mi sembra solo un problema di condizione. Ci sono troppi giocatori fermi. Braccio alzato a chiamare la palla ma senza movimento. Esterni mediani. Mezze punte. L unico che corre é il gallo. Finché i due mezzi di difesa si alzano a turno in appoggio alla manovra a centrocampo teniamo bene ma se smettono finiamo di giocare. Se guardi Verona e Lecce per esempio che giocano a 3 come noi a centrocampo. Cé un continuo movimento che noi non facciamo. Non cé schema o regista o fenomeno che tenga se nel gioco del calcio non ti muovi e suggerisci il passaggio a chi porta palla.da che mondo è mondo uno si avvicina e l altro va via con l esterno(ansaldi o desilvestri) che dovrebbe salire. stasera prova a guardarla e poi mi dici.tanto dopo 3 giorni da Roma la condizione sarà la stessa. Magari all inizio l adrenalina e la voglia lì faranno andare un po”. Ma dopo 30 minuti saranno cotti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. eurotoro - 4 mesi fa

            hai centrato il problema che non vuole vedere il mister..non abbiamo mezzali di movimento ma 4 mediani ..ecco la mia crociata spiegata..343 coi 2 mediani e puoi sempre chiedere un sacrificio alle 2 ali..ma almeno utilizzi tutti i piu in forma nei loro ruoli naturali…meite rincon baselli e lukic ottimi mediani ma non hanno la corsa che vorresti…naingolan e’ una mezzala..castro..amsik..benassi i 2 della lazio

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy