Giampaolo batte Corini: il turn over è coraggioso ma “nessuno deve rimanere indietro”

Il Confronto / Tante novità di formazione giustificate dallo stesso allenatore granata al termine della gara

di Andrea Calderoni

Il confronto tra Marco Giampaolo ed Eugenio Corini deve partire dalle parole del tecnico granata al termine della gara vinta ai tempi supplementari dalla sua squadra. “Oggi abbiamo vinto, ma ci sono diverse cose da rivedere. La squadra è stata brava a trovare gli spazi e i passaggi giusti. C’è anche da mettere in preventivo che oggi si sono visti diversi giocatori che scendevano in campo per la prima volta” ha dichiarato Giampaolo. Il ragionamento non fa una grinfia. Il Torino non ha brillato, ma le attenuanti sono parecchie e le principali riguardano le coraggiose scelte dello stesso allenatore. Ci sono stati quattro esordi stagionali dal 1’ minuto (il portiere Milinkovic-Savic, Singo, Segre e Gojak) e Bonazzoli era alla seconda gara in granata. Dunque, Giampaolo si attende miglioramenti ma era probabilmente consapevole che contro il Lecce il suo Torino avrebbe potuto faticare a replicare la buona prestazione a livello di gioco di Reggio Emilia.

LEGGI ANCHE: Un (doppio) passo in avanti

TURN OVER – D’altronde è stato lo stesso Giampaolo a decidere di non convocare i due leader dell’attuale Torino: Salvatore Sirigu ed Andrea Belotti. Si è preso un rischio in vista del campionato (la prossima settimana sarà ricca di impegni e si dovranno vedere miglioramenti significativi match dopo match), ma il suo concetto di turn over fila, come testimoniano le sue stesse parole: “Il campionato è lungo, abbiamo sempre il problema del Covid-19 che ci minaccia, rischiamo di perdere giocatori anche il giorno prima della gara e quindi è giusto non lasciare indietro nessuno. I giocatori sono arrivati con energie al lumicino, dobbiamo migliorare nell’ultima mezzora. Giocheremo una partita ogni quattro/cinque giorni e sarà sempre più difficile. Però, oggi abbiamo dato spazio ai giocatori che hanno giocato poco o niente”. In sintesi: il Torino di Giampaolo ha bisogno di tutti gli effettivi in rosa, dal secondo portiere all’ultimo acquisto in ordine di tempo. Le incognite nella stagione 2020/2021 sono tantissime e bisogna sempre rimanere all’erta. Inoltre, soltanto giocando tutti possono entrare a far parte della macchina di Giampaolo.

TURIN, ITALY – OCTOBER 28: Stefano Pettinari (L) of US Lecce in action during the Coppa Italia match between Torino FC and US Lecce at Stadio Olimpico Grande Torino on October 28, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

AVVERSARIO DA NON BUTTARE – Affrontato il tema scelte, passiamo al discorso tattico. Come detto, Giampaolo non è rimasto completamente soddisfatto. “Dobbiamo capire di stare corti e non correre pericoli stupidi. Capire che tipo di corse fare. Se non corri e ti muovi in maniera armonica concedi spazi e oggi abbiamo concesso qualche spazio di troppo” ha affermato. Se il Torino si muoverà meglio in campo, le energie a fine partita non saranno ridotte al lumicino come contro il Lecce ieri pomeriggio. Se le energie non saranno al lumicino, la qualità del gioco migliorerà nell’arco dei 90 minuti. Una conseguenza dietro all’altra, ma tutto passa dalla mentalità di Giampaolo che dovrà essere definitivamente inculcata nel gruppo squadra nelle prossime settimane, magari centrando risultati sofferti, come quello contro il Lecce, ma pur sempre risultati positivi per dare morale e serenità. E il Lecce di Corini? Si è dimostrato squadra organizzata e da non sottovalutare. È vero il Torino non ha eliminato il Bayern Monaco, ma i granata hanno trovato sulla propria strada una formazione tutt’altro da scartare che rivuole il prima possibile la Serie A.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Messere Granata - 1 mese fa

    Solo un “iracondo” come Cellino poteva mandar via Corini, per poi richiamarlo e poi ricacciarlo per assumere chi? Di Biagio, e Brescia in B. Eugenio è stato un grande Giocatore e gli auguro le migliori fortune come allenatore. È bravissimo e un’ottima persona e chissà che un giorno non possa sedersi sulla panchina del Toro. Mai dire mai. Complimenti “Genio”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BiriLLo - 1 mese fa

    Ma non era turnover..
    Poi che si sia passati ai supplementari è palese, si poteva anche uscire.
    Ha fatto bene il mister a testare i giovani contro un ottimo Lecce, onore a Corini e loro.
    Abbiamo avuto responsi e GP non è uno sprovveduto, saprà come valutare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

    non si corre o meglio si corre poco e piano giusto lanciare segre e insistere il ragazzo promette bene ,ma presentare ansaldi a centro campo mi lascia perplesso si tratta di un ottimo uomo ma anche di un ex atleta (non ce lla fa piu)nkulu è giusto che debba stare fuori lukic deve giocare sempre ,meitè la manderei a lavorare nei campi dove si fa molta fatica ma lentamente con calma ,da rivedere gojak a me personalmente piace milinkovic savic perche gioca benissimo con i piedi e nel calcio di oggi oggi è indispensabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lucabenzoni7_8317634 - 1 mese fa

    DAI MISTER !!!! ora serve scegliere bene i titolari è e progredire …… FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. RiccoBello - 1 mese fa

    1 – Meno male non abbiamo più mister “rosa corta”…sennò con il COVID non so come avrebbe fatto quel balengo.

    2 – L’anno scorso contro il Lecce si perdeva 4 – 0 con Belotti e Sirigu. Quindi un progresso si vede di sicuro. Bisogna dire, che partivamo proprio da 0, o quasi…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy