Il giro palla dell’Atalanta ubriaca il Toro con 4 pinte

L’Analisi di Gino Strippoli / Granata alla seconda sconfitta consecutiva e già 5 gol subiti

di Gino Strippoli

Quello che ha impressionato ieri sulla partita tra Torino e Atalanta non è tanto la forza e la potenza dei bergamaschi quanto la pochezza dei granata, dove non si è visto ancora un’idea di gioco, senza ritmo, senza mai cercare di prendere in mano la partita. Quattro gol sono sempre tanti e non possono rassicurare i due realizzati dal migliore granata in campo, il Gallo Belotti, nati su amnesie nerazzurre. Infatti il primo gol è nato su suggerimento di Rincon ma con Gosens che lascia il campo al centrocampista granata libero di assistere un Belotti pronto a far partire un bel diagonale. Il secondo gol con il cannoniere granata che anticipa il difensore incornando di testa. Ma sono state due situazioni sicuramente nate non da un gioco rispetto a quelle che invece sono state le quattro reti dell’Atalanta, nate tutte da azioni corali. Ancora una volta come in occasione della partita contro la Fiorentina la linea difensiva granata è apparsa troppo ferma e stretta in area lasciando sempre le due fasce esterne libere per gli inserimenti di Muriel e Gosens. Murru e Vojvoda alla fine sono sembrati ubriacati dalla verve avversaria.

LEGGI ANCHE: Le pagelle di Torino-Atalanta 2-4: non basta super Belotti. Murru, che confusione

Inutile descrivere i gol atalantini, tutti belli e dettati da tempi di gioco spettacolari. Già, la squadra di Gasperini è stata ancora una volta spettacolare, incisiva e compatta, nono stante i due gol incassati. Male il centrocampo granata dove ancora una volta sono mancate geometrie e fantasia per le punte. De Roon l’ha fatta da padrone in mezzo al campo insieme a Gosens e Hateboer. Il Toro ha sempre sofferto i cambi di gioco veloci del numero 15 olandese che ha sempre fatto muovere la linea difensiva del Toro. Da destra a sinistra un po’ com’era successo al Franchi. Nota negativa granata è stato il campo da gioco che più che un rettangolo verde per il calcio è sembrato un campo dove si era appena svolta una gara di rugby, con zolle volanti e palloni sempre al rallentatore.

LEGGI ANCHETorino-Atalanta 2-4, Giampaolo: “Avversario complicato. Il modo di giocare non lo cambio”

Il girotondo del pallone impresso dai bergamaschi ha ubriacato i granata con il centrocampo andato subito in tilt. Linetty, miglior acquisto di questa stagione, non si è mai visto né sentito in campo, idem per Meité. Meglio ha fatto sicuramente Rincon con l’assist per Belotti e con una presenza buona da incontrista. È la seconda sconfitta consecutiva in campionato con già 5 gol subiti. Si dirà che la stagione è appena iniziata ma è anche vero che questo Toro sembra più debole e più perforabile dello scorso anno. Se lo scorso anno De Silvestri e Ansaldi riuscivano a dare qualche buon pallone dalle fasce a Belotti, quest’anno non sembrano esserci spunti verso gli attaccanti. Cosa manca a questo Toro tutti lo sanno ma non sembra che ci siano margini di miglioramento al mercato granata.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cinquantott_13953589 - 4 settimane fa

    Almeno 12 squadre in serie A sono superiori al Toro, con altre tre il Toro se la può giocare alla pari e con le rimanenti sono costretti a raccogliere punti preziosi per la lotta nella zona retrocessione. La quartultima posizione a fine campionato sarebbe un grosso traguardo: ma è alla portata di questa squadra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatasky - 4 settimane fa

    LE quattro “pinte di birra” se le fanno il mandrogno e GP ogni sabato/domenica, per consolarsi dagli “schiaffoni” che puntualmente prendono in partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. maxxx - 4 settimane fa

    …. ed il giro “palle” abbatte noi tifosi che non ne possiamo più di questa situazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 4 settimane fa

      si però anche il giro balle che abbatte alcuni tifosi,per il vostro continuo piagnucolare però non è male

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fede Granata - 4 settimane fa

    Il fatto è che loro hanno 11 Sirigu e Belotti è i loro panchinari che subentrano sono uguali a chi esce ma più freschi. Da noi i panchinari non fanno differenza . Anzi. Poi ieri han rischiato grosso tutti con quel manto erboso. Mi son vergognata. Ma di chi è la colpa? ?? Chissà chi si interessa di queste cose…ma non ne azzecchiamo una veramente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. gianni bui - 4 settimane fa

    Concordo sul divario tecnico che ci divide dalla Dea…ma i primi tre goal dell’Atalanta sono da Playstion. I primi tre tiri sono stati tre goal…poi si può dire tutto e ci sta. Ma la sfiga non si dimentica mai di noi. Ricordate il goal di Acerbi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 4 settimane fa

      ahaha ogni volta che vedo acerbi mi ricordo, specie quando sparacchia malamente fuori,pocrca di quella zozza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. gpmorano - 4 settimane fa

    Sulla differenza tra il gioco delle due squadre non ci piove, ma irrita il commento “i nostri nati su amnesie nerazzurre”. Sul primo magari (ma Gomez a goduto di triplo spazio rispetto a Rincon), ma sul secondo è un insulto a Belotti che si è inserito tra le maglie avversarie con un tempismo che solo un bomber di razza possiede.
    Capisco che scrivere bisogna e tanti tifosi (???) amano leggere di queste negatività. Ieri ho letto pagelle ovunque con motivazioni che valgono per una squadra quanto meno rodata.
    Almeno fino alla fine del mercato questo è un cantiere aperto e in base a cosa giudichiamo una squadra o un giocatore? Solo l’allenatore sa se l’atleta ha assolto al suo compito.
    Se e quando questa “rivoluzione” andrà in porto, allora prendiamocela o meno con chi non l’ha attuata per anni ed ora ci prova nel momento meno propizio all’avere tempo a disposizione che alla scelta di un tecnico bravo ma le cui esigenza ben si dovevano conoscere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gigioscal - 4 settimane fa

      condivido. E non sono d’accordo sul giudizio completamente negativo della prestazione, nel primo tempo ho visto una squadra che ha provato a battersi con un’idea di provare a verticalizzare fino a poco tempo fa inesistente. Poi accomunare le prestazioni dei 2 esterni è un’eresia, Murru inesistente e negativo in tutte le situazioni della partita, Vojvoda ha tenuto in difesa ed è stato propositivo quando ha potuto, a me è piaciuto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Robs - 4 settimane fa

        Sono d’accordo articolo che ne azzecca poche… Anche i cambi giochi paragonati con quelli viola, in questo momento è semplicemente inesatto… Bah!! Poi il paragone con l’anno scorso per i terzini.. Assolutamente non condivisibile

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. FORZA TORO - 4 settimane fa

    si i nostri gol sono nati da amnesie,perchè i loro come sono nati?la difesa se è per questo faceva acqua anche lo scorso anno,per il resto facile essere d’accordo,vediamo se arriva qualcuno,anche se io non credo e non credo possa fare chissà che differenza,quella che è sempre stata la mia unica speranza è che con il tempo e pazienza si possa fare qualcosa per arrivare a salvarsi,ma come dico da mo,sarà dura SFT e Forza Giampaolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Nero77 - 4 settimane fa

    Una società senza ambizioni,un DS senza portafogli, un allenatore fallito.Questa è la dura e cruda realtà. Prepariamo le valigie,si va in B.Grazie Urbanetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. maxgemelli - 4 settimane fa

    Ma daiiiiii, anche tu te ne sei accorto? Occhio che ti bannano dalla redazione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy