Progetto Taurinorum, ecco uno degli advisor: è la “Console and Partners”

Toro News / Svelato uno dei consulenti finanziari che si stanno occupando dell’operazione: ha il quartier generale in Corso Galileo Ferraris a Torino

di Redazione Toro News

Dopo la smentita di Paolo Ferrero e del Circolo dell’innovazione, arrivano nuove indiscrezioni sul progetto Taurinorum “il Toro è di chi lo ama!!!”. Con un nuovo comunicato diffuso nella serata di ieri, è stato infatti svelato il nome di uno degli advisor che si starebbero occupando dell’operazione finanziaria. Si tratta della “Console and Partners”, gruppo fondato nel 2010 dal torinese Francesco Paolo Console.

LEGGI ANCHE: Cairo: “Mai venderei il Torino dopo una stagione come questa. A Longo un grazie

IL GRUPPO – Console and Partners è Partner Equity Markets di Borsa Italiana (Gruppo London Stock Exchange) e collabora con Borsa Italiana per supportare e far crescere le piccole e medie imprese italiane in ogni fase del loro ciclo di vita. Il quartier generale del gruppo è a Torino, in corso Galileo Ferraris 50, ma non mancano le sedi nel resto del mondo: New York, Miami, Londra, Lussemburgo, Tirana, Budapest, Bucarest, Sofia, Abu Dhabi e Doha.

FRANCESCO CONSOLE – E sarà proprio la sede di Torino ad ospitare la conferenza stampa in cui sarà presentato il progetto Taurinorum. Ancora nessuna novità per quanto riguarda i nomi di possibili investitori, ad oggi l’unica indiscrezione è che tra gli advisor che si occuperanno dell’operazione c’è il gruppo diretto da Console. Torinese di nascita e tifoso della Juventus, ha conseguito una laurea in scienze politiche ed ha frequentato due master in materie economiche presso l’Università ed il Politecnico. Nel 2002 Console ha fondato il Gruppo C&C e nel 2010 la Console and Partners ed è advisor nelle missioni Ance e Confindustria.

 

 

 

 

225 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Steu68 - 3 mesi fa

    oh….ridendo e scherzando sono quasi le 11….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Sono già sulla sdraio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxx72 - 3 mesi fa

    Prova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granatissimo1973 - 3 mesi fa

    Di cordate mi è bastata quella dei genovesi (sampdoriani tra l’altro).

    Poi tanto per curiosita’ leggo testualmente che uno dei capi di questa coordata è torinese di nascita e juventino…e allora la cordata la faccia si ma per comprare la Juve, al Toro non vogliamo gobbi!!!

    Cimminelli era gobbo e il Toro con lui è fallito.

    Quindi piu’ che di progetto taurinorium mi sembra il classico progetto fregatorium

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

    Visto che il sito e’ giu’, questo ho trovato, magari interessa:
    “La Console and Partners è una società di consulenza finanziaria e legale con sede a Torino. E’ partner di Equity Markets di Borsa italiana (gruppo London Stock Exchange) e basa la propria attività sulla crescita dei propri clienti ponendosi come advisor di riferimento, in una prospettiva sempre più internazionale, nelle operazioni di finanza ordinaria e straordinaria e nello sviluppo dei progetti delle aziende.

    Il nostro target di riferimento sono le medie e grosse aziende, quindi con un certo tipo di fatturato. Le nostre attività principali sono: finanza strutturata, private equity, venture capital, emissione di bond e certificati in riferimento a prodotti finanziari che non vengono normalmente gestiti dagli istituti bancari italiani.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

      Ma chi e’, il nano che mi ha messo il MENO? Ma legge Toro News?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FuriaGRANATA - 3 mesi fa

    Speriamo bene.ma già che è un gobbo… mi viene da pensare male
    FVCG
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

    Riporto solo per info: non dovrebbero essere dei nuovi Ciuccariello
    “società Console and Partners di Torino, specializzata in servizi di Advisor Finanziario ed investimenti strutturati, grazie alla collaborazione e alla gestione diretta di fondi d’investimento esteri, con altrettanti investitori mondiali, come qatarini, cinesi e vietnamiti.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. marione - 3 mesi fa

    Inutile anticipare. Domani sapremo se sono gente seria o i figli di Ciuccariello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 3 mesi fa

    Secondo me la maggioranza dei critici su questi fantomatici acquirenti in fondo in fondo lo fa per scaramanzia. Ci sperano quasi tutti(parenti di Cairo e ciampornie stampella a parte). Domani se sono persone serie diranno nomi e cognomi e ne sapremo di più. Vi invito a ragionare su molti aspetti. Non solo sulla capacità economica fine a sé stessa. Il mandrogno é fra i 30 uomini più ricchi d Italia e non tira fuori 1 euro per questa squadra da 8 anni. Presa a 0 con 60 milioni di prestito soci. Neanche ricapitalizzazione. Prestito soci. Ferrerò della Samp che é un pezzente rispetto a Cairo ottiene i medesimi risultati. Quindi… Chi vuole capire capisca. Gli altri continuino a vivere nel loro mondo di 30 anni fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Mi piace quando ti esponi e parli chiaro così 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 3 mesi fa

        Più che altro siamo una tifoseria vecchia. Con concezioni di un calcio che non esiste più. Se non ci fosse la legge melandri e i 50 milioni di sky Cairo avrebbe già venduto 7 o 8 anni fa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

          Ahahahah più che una tifoseria siamo dei poveri coglioni bischero,
          I tifosi del Toro sono morti prima ancora che Cairo li uccidesse di nuovo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. ddavide69 - 3 mesi fa

          Se non ci fossero i diritti tv non esisterebbe neppure la serie a.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rimbaud - 3 mesi fa

      Diciamo che di personaggi poco seri ne abbiamo visti tanti da queste parti e il piemontese è diffidente per natura. Aggiungi che costoro, se conoscono davvero la storia del Toro come millantano (“Il Toro è di chi lo ama?”) avrebbero dovuto approcciarsi con i piedi di piombo, lasciando perdere per esempio gli innovatori lacchè degli agnelli, per non parlare di comunicati grotteschi con tanto di errori grammaticali. Alla luce di quanto detto da @granata però, questo Console(il suo sito è down tra parentesi) non è poi un cretino e molti nel suo staff sono arabi e gli investitori, chissà, potrebbero venire da lì. Di sicuro è rivedibile l’approccio, comunque domani scopriremo la realtà e certamente siamo tutti un po’ curiosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        Anche io ho visto che il sito è down.
        Comunque domani si avvicina.

        Maxxxxxxx72
        Non dormirà stanotte….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Opi - 3 mesi fa

      Chi vuole intendere intenda, gli altri … in roulotte!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

    Sarà tutto ilare e guascone ma l advisor non è proprio un cesso che abbia tempo da perdere in pagliacciate, poi per carità tutto può essere, ma rifletteteci secondo voi si sputtana in questo modo?
    Avendo dei pagliacci dietro?
    Ne siete certi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Granata - 3 mesi fa

    Conobbi Console una decina di anni fa e so per certo che , all’epoca, aveva contatti consolidati con persone della penisola araba. Persone che i soldi li avevano e li hanno. Adesso non saprei dire se esistono ancora quei rapporti. Non mi esalterei sino a domani e, se ci fossero persone straniere, vorrei sperare fossero rispettosi della storia della società. Ci sono state molte dismissioni di arabi che hanno lasciato macerie. In Spagna Francia e non solo. Bello sognare il miliardario straniero slegato da tutto ma il rovescio della medaglia ve lo lascio immaginare. Chi investe deve guadagnare e se non guadagna butta il giocattolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 mesi fa

      Commento molto sensato. Che condivido. Ma bisogna anche dire che cmq in un business plan per lo meno l investimento iniziale viene fatto. Noi siamo fermi a barone nel 2006.o sbaglio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rimbaud - 3 mesi fa

      Notizia interessante. Grazie!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 3 mesi fa

        È la verità. Il suo ufficio si affacciava sul corso ed era ad un piano rialzato sulla destra lasciando il centro città alle spalle.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Granata - 3 mesi fa

      @Bischero, no non sbagli. Cairo aveva una grande possibilità, anzi, cosa dico grande, era, è enorme. Immagina Cairo che, anziché comprare barone e Recoba investe 7 8 mln€ ogni anno in più nel vivaio. Pensa se investe comprando il Fila e magari la squadra lotta per salvarsi 1 anno o due ma continua a mettere 10 15 mln€/ anno sul vivaio. Altrettanti sul Fila, lo farebbero Santo davvero. Lui vuole imitare Berlusconi, Moratti senza averne le possibilità e quindi sopravvive facendosi nemici. Se non capisce cos’è il vivaio continua a fallire sia sportivamente che a livello di immagine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 3 mesi fa

        ..se non capisce cos’è il vivaio?..lui è il presidente e questo non significa capirci per forza di calcio di allenatori di mercato e di vivaio..è un dg. assieme al ds. che devono capirci di calcio e programmazione ..il presidente deve solo mettere un badget a disposizione del dg. che assieme al ds. di anno in anno programmano investono e vendono…questo è una società di calcio professionistico!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bischero - 3 mesi fa

          Alla presentazione alla Roma I giornalisti chiesero a petrachi che budget pallotta gli avesse messo a disposizione. La risposta?:”budget?… Io non ho mai lavorato con un budget.” il budget che Cairo può offrire sono i ticket restourant della Cairo com. Se vendi(alle cifre che vuole lui) hai un budget. Altrimenti ti attacchi a sta cippa. Questo é il toro di Cairo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. ddavide69 - 3 mesi fa

      Chi investe deve guadagnare ci sta, si spera solo che co guadagni il giusto senza esagerare. Di certo è che oggi ci sta guadagnando uno che non investe in cazzo. Per cui io rischierei….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

    Questi pseudogiornalisti non scrivono che questo Advisor, pur non essendo un mostro, lavora solo con medi/grandi gruppi/aziende e sul mercato estero. Secondo gli stipendiati del nano, questi sono dei Ciuccariello del 2020.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Ma infatti questa è gente estera, viene da Pinasca. Ci faresti sapere come la pensa Pato Hernandez per cortesia?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

        Ignorarmi gadan

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

        Sei stipendiato dal nano con un fisso o sei pagato a minchi.ata che scrivi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. gianTORO - 3 mesi fa

          mi sa che guadagneresti di più tu…non tollero le persone che offendono a prescindere. e non conta essere pro o contro cairo…i modi definiscono l’uomo e tu sei ben definito. ti ignorerò con gioia.
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

            E tu chi sei? Il fratello maggiore?

            Mi piace Non mi piace
          2. maxx72 - 3 mesi fa

            I tuoi insulti sono tutte medaglie.

            Mi piace Non mi piace
  12. rza78 - 3 mesi fa

    Purtropp o non c’è da illudersi. Siamo davanti ad una nuova cordata di pagliacci. Dovremo sorbirci l’incapace che rumina ancora per anni. Io lo odio…non ce la faccio più. E leggete l’art precedente..il nuovo potente ds tratta fares e strefezza..solito profilo rasoterra. Maledetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

    Ma e se i compratori non fossero per nulla italiani, ma con un italiano come presidente? Sarebbe forse la unica possibilita’ di levarci dai maroni sto pezz…ente, in maniera seria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. LeoJunior - 3 mesi fa

    COMUNICATO A TUTTI GLI UTENTI: onde evitare incomprensioni e post inutili, quelli indicati sono gli advisor che in linguaggio più comprensibile sono i consulenti dell’operazione. Quindi NON sono loro a fare l’offerta ma solo quelli che ospitano la conferenza stampa e forse poi dovrebbero assisterli. Quindi nessun gobbo che compra nulla.
    In realtà qui non c’è nè gobbi, nè advisor di livello e tanto meno acquirenti!
    Io spero che ci sia qualche anima pia che registri l’evento e lo metta in streaming così almeno troviamo soddisfazione facendoci 4 risate…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Ecco appunto bravo per la precisazione.
      Sulla mancanza di acquirenti vediamo domani…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. pasastabala - 3 mesi fa

    @TOROPERDUTO sono completamente d’accordo con te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Purtroppo la nostra dimensione è difficile da trovare….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Guevara2019 - 3 mesi fa

    Che presa per il culo, in corso Galileo Ferraris c’è anche il vespasiano dei gobbi, e questo è pure tifoso gobbo, ma ci rendiamo conto di quale brutta fine faremo.
    Toccherebbe cambiare città,qui non muove foglia che quelli non vogliano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. paolinux - 3 mesi fa

    Viene da chiedersi, perche’ un gobbo vuole comprare il Toro? Per renderlo piu’ competitivo? O per favorire la squadra del cuore? (o meglio, del cu..)
    Abbiamo visto che Cimmi has svolto il compitino di mettere il Toro fuori dai giochi per lo stadio Delle Alpi, preso dai gobbi per un tozzo di pane.
    Basta con questi mafiosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Scusa, perché dici un gobbo vuole comprare il Toro?
      Dove l hai letto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. paolinux - 3 mesi fa

        Lo dice l’articolo. ultima sezione, in cui dicono chi e’ Francesco Console. “Torinese di nascita e tifoso della Juventus, ha conseguito una laurea in scienze politiche…” eccetera.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. paolinux - 3 mesi fa

          Anche fosse solo coinvolto di striscio, perche’ rivolgersi a gente nel giro sbagliato?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

          È un advisor non un acquirente….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

            È scritto in inglese, questo sconosciuto.

            Mi piace Non mi piace
  18. dattero - 3 mesi fa

    Denegri mai si è interessato al Toro,MAII

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Ardi - 3 mesi fa

    Sembra che a de Negri, che ha un patrimonio immenso appena si è interessato al Toro a gennaio, gli sia arrivata la finanza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. L’Armadillo - 3 mesi fa

    Ragazzi, qualcuno sa qualcosa in più? L’offerta, oltretutto non ancora presentata formalmente, mi pare un po’ strana: soprattutto il valore stimato, che, per quanto si possa essere pessimisti, non penso si avvicini minimamente a quello reale. Sarei felice anche io di non vedere più Cairo seduto lì a contar frottole, ma temo anche che con questi, mai si avverasse, si passerebbe dalla pentola alla brace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Sì Armadillo, e credo sia la paura di molti. Per quello stiamo facendo ironia da un paio di giorni, per sdrammatizzare quella che ci sembra essere l’ennesima preso in giro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. geloofsgranaat - 3 mesi fa

    Fratelli, non date seguito a queste balle assortite: servono solo al mandrogno e al suo sito per farci fare tanti “clic” e per animare le discussioi e mettere zizzania tra di noi.

    E’ chiaro che tutto ciò è una bufala, orchestrata dallo stesso mandrogno, per convincerci che, alla fine, è meglio lui che una cordata di gobbi impostori senza fissa dimora e senza capitali.

    Come se lui non fosse un servo dei gobbi!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. L’Armadillo - 3 mesi fa

      ahahhaa il famoso aggiottaggio inverso, Cairo grande imprenditore eh! Mi aspetto di tutto da lui, ma questo sarebbe davvero ridicolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. geloofsgranaat - 3 mesi fa

        Non c’è nulla di ridicolo nell’orchestrare un teatrino di questo genere, con il semplice scopo di mantenere salda la proprietà nelle sue mani.

        D’altronde è 15 anni che fallisce a livello di obiettvi sportivi e adesso ha praticamente piazza e media contro.

        E’ l’unico modo che gli è rimasto per far abboccare i soliti citrulli: dimostrare che lui è quello più affidabile finanziariamente e che, per il bene dei tifosi, non venderà la società a delle cordate che non danno garanzie serie e consistenti.

        Come si vede cche molti non conoscono o non sanno chi è Urbano Cairo e che cosa non farebbe per fare quattrini per il proprio tornaconto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. pasastabala - 3 mesi fa

    @rimbaud, sono d’accordo con te quando affermi, con Brecht, che è “beato quel popolo che non ha bisogno di eroi”. Noi, purtroppo, tradiamo la nostra debolezza perché tendiamo a mitizzare giocatori, allenatori e presidenti gloriosi e anche la nostra stessa Storia. Che Belotti, Giagnoni, Pianelli siano e siano stati dei grandi nessuno lo può mettere in discussione, ma attaccarsi troppo al mito significa avere una società debole, senza prospettive di futuro. Non penso di bestemmiare se dico che sono stufo di pensare troppo spesso a Superga e al Grande Torino. Vorrei pensare di più a un domani che possa darmi delle – anche modeste (tipo Bilbao) – soddisfazioni. E non credo che dalla conferenza di questi advisors questa speranza nascerà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      @ pasastabala
      Tocchi argomenti difficilissimi e complicatissimi.
      Sono d’accordo con te che bisogna abbandonare il passato, ma ammesso e non concesso lo si riesca a fare resta la difficoltà di come collocarsi nel calcio moderno.
      Io sono convinto che avremmo dovuto fare la via di mezzo, ossia lasciare il passato come risultati calcistici e Grande Torino ma mantenere la nostra identità attorno al Filadelfia.

      Anche perché se no resta difficile ancora di più collocarsi nel calcio moderno dove solo pochi club primeggiano.

      Il futuro del calcio io lo vedo negli stadi di proprietà, nelle cittadelle dello sport nei musei nel merchandising, capisci che da questo punto noi non abbiamo costruito niente di niente e manco iniziato?
      Sì siamo in serie A ma per quanto???
      Tutte queste cose mancano oltre ai risultati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucapecc_908 - 3 mesi fa

        D’accordo con te, il calcio va verso quello che dici tu, ma in Italia fare questo è molto difficile (da quanto tempo è che ci prova la Roma? E la Fiorentina prima con i Della Valle e ora con Commisso?), a Torino è impossibile perchè lo ha già fatto e lo potrà fare solo chi ha il potere.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

          Sì lo so e comunque i problemi sono nei problemi.
          Già l’Italia fiscalmente non è appetibile per nessuno, Torino poi che come dicevo è pure economicamente morta.
          Per non parlare infine delle amministrazioni comunali e regionali che non stendono certo tappeti rossi per il Toro.

          Però cazzo come godrei arrivasse qualcuno pronto ad investire in infrastrutture e che con progetti seri inchiodasse tutti alle proprie responsabilità.

          Comunque per me una delle cose più avvilenti che abbiamo è questo surrogato di Filadelfia…. Tutto nasce da lì

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. nopainnogain - 3 mesi fa

      SOTTOSCRIVO AL 110%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Rimbaud - 3 mesi fa

      Ciao, io non mi riferivo al fatto di abbandonare il passato, anzi al contrario andrebbe valorizzato. Siamo una società con una storia e una tradizione forte e dovremmo costrurire un’identità attorno ad essa.
      Ciò a cui mi riferivo è che tramite una società organizzata si ottengono dei risultati, anche i fasti del passato, sono frutto del lavoro di persone competenti che si circondavano di altre persone competenti. Non dimentichiamolo. Se aspettiamo ogni anno di imbroccare l’allenatore o il giocatore in stato di grazia allora non andremo lontano. Ventura aveva una visione che ha portato al Toro, ma il Torino FC dovrebbe costruire la propria visione a prescindere dall’allenatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Rimbaud - 3 mesi fa

      Per esempio dotandosi di una struttura dirigenziale forte, il Torino FC dà l’idea di essere una scatola vuota, con dipendenti che sono consulenti a gettoni, in cui nessuno a partire da Comi dà l’idea di aprire bocca se non con il permesso e a comando del proprietario. Vai a vedere Marino,Zamagna,Sartori come intervengono nelle vicende dell’Atalanta. Serve un management forte e indipendente che crei un senso di appartenza e dia visione a questo povero Torello senza anima (perfino il Toro di cimmi aveva un’anima che noi non abbiamo più), figure come Leo Junior, Cravero, Pulici potrebbero essere introdotte in quanto persone competenti e garanzia per i tifosi per un Torino FC che torni a sapere di Toro. Serve una rete di osservatori strutturata e di fiducia, non consulenti retribuiti che portano il loro database al miglior offerente, un settore giovanile che guidi i ragazzi e li faccia crescere anche moralmente per esser eil nostro futuro. E infine lo stadio, il fila da ultimare, il robaldo da portare a termine. Senza contare che potremmo farci promotori di un progetto di riqualificazione dell’area degli ex mercati generali che sarebbe perfetta in quanto vicinissima al feudo granata di Santa Rita.
      Soldi ne sono girati per fare tutto questo, ma manca la visione, l’ambizione, il Torino FC in 15 anni purtroppo è rimasta una scatola vuota sempre più povera di valori…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Rimbaud - 3 mesi fa

      Per esempio dotandosi di una struttura dirigenziale forte, il Torino FC dà l’idea di essere una scatola vuota, con dipendenti che sono consulenti a gettoni, in cui nessuno a partire da Comi dà l’idea di aprire bocca se non con il permesso e a comando del proprietario. Vai a vedere Marino,Zamagna,Sartori come intervengono nelle vicende dell’Atalanta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Rimbaud - 3 mesi fa

      Serve un management forte e indipendente che crei un senso di appartenza e dia visione a questo povero Torello senza anima (perfino il Toro di cimmi aveva un’anima che noi non abbiamo più), figure come Leo Junior, Cravero, Pulici potrebbero essere introdotte in quanto persone competenti e garanzia per i tifosi per un Torino FC che torni a sapere di Toro. Serve una rete di osservatori strutturata e di fiducia, non consulenti retribuiti che portano il loro database al miglior offerente, un settore giovanile che guidi i ragazzi e li faccia crescere anche moralmente per esser eil nostro futuro. E infine lo stadio, il fila da ultimare, il robaldo da portare a termine. Senza contare che potremmo farci promotori di un progetto di riqualificazione dell’area degli ex mercati generali che sarebbe perfetta in quanto vicinissima al feudo granata di Santa Rita.
      Soldi ne sono girati per fare tutto questo, ma manca la visione, l’ambizione, il Torino FC in 15 anni purtroppo è rimasta una scatola vuota sempre più povera di valori…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Rimbaud - 3 mesi fa

      Attualmente il Torino FC sembra una scatola vuota, in cui i dipendenti sono consulenti a gettone, nessuno a partire da Comi sembra poter parlare se non col permesso e a comando del proprietario. Le idee sono confuse, si passa da allenatori come Ventura, a Miha, a Mazzarri dandoigli la stessa rosa. Tutti ottimi allenatori che però non erano funzionali ai giocatori a disposizione. Soprattutto il livornese, ottimo tecnico, non era adatto a valorizzare un patrimonio calcistico come quello costituito da Belotti, Ljajc, Iago Falque, non è la sua idea di calcio, la responsabilità è di chi l’ha ingaggiato. Con questo modo di procedere i risultati possono essere SOLO e SOLAMENTE frutto del caso e della fortuna, mai della programmazione. Ecco cosa contesto a Cairo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. VM8 - 3 mesi fa

    Io vorrei solo poter dire una cosa a chi fa le liste di quanto valgono i giocatori.
    Ricordatevi che i contratti sono del Torino Fc Spa
    Non di Urbano Roberto Agostino Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Ardi - 3 mesi fa

    A me sa tanto che cairo non abbia intenzione di vendere, altrimenti si sarebbe affidato ad una società specializzata e che questa storia sia stata montata ad arte per far vedere che dopo di lui c’è il baratro. Ovviamente spero di sbagliarmi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 3 mesi fa

      ..a me questa notizia mi fa’ illudere che ci siano prospettive migliori in futuro dato che sono convinto che Cairo non si buttera’ mai a capofitto sul Toro e che il meglio l’abbia gia’ dato ben vengano cordate di ogni genere e magari spunta fuori veramente lo sceicco..ahhhhhhhhhhhh che bello sognare!…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Forza Toro - 3 mesi fa

        Uno sceicco col braccino, però…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. palmiro - 3 mesi fa

      Ecco appunto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. verarob_701 - 3 mesi fa

    A proposito di Twinbull….riportiamo il fondo di TORONEWS…
    CALCIO MERCATO
    03 settembre 2019 – 06:30
    Meglio tardi che mai

    Editoriale / Il presidente Cairo mantiene tutte le promesse: dal mercato esce un Torino forte e completo. Unica macchia il caso Nkoulou

    di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

    DÌ LA TUA 134
    Il calciomercato estivo ci lascia in eredità un messaggio chiaro: ora il presidente Cairo vuole puntare in alto. Nessuna cessione eccellente, come promesso: strategia votata alla continuità tecnico-tattica della rosa e al suo completamento con poche ma adeguate pedine. Una delle quali è l’innesto di qualità che mancava come l’aria e che necessariamente richiedeva un investimento importante: Simone Verdi, per il quale Cairo si è impegnato a spendere 25 milioni, il colpo più caro della sua presidenza nel giorno del 14° anniversario.

    Potrà lasciare perplessi la tempistica degli affari in entrata. Il fatto che tutti e tre gli acquisti siano arrivati dopo il playoff europeo con il Wolverhampton ha destato in alcuni l’impressione che al presidente non importasse rinforzare la squadra per quell’appuntamento. Ma è chiaro che per chiudere le trattative bisogna essere d’accordo in tre: il giocatore, chi compra e chi cede. In altre parole, se il Napoli si è deciso a dare il giocatore solo l’ultimo giorno di mercato c’è poco da fare. Inoltre nessuno potrà mai avere la certezza che sarebbero bastati Verdi e Laxalt per avere la meglio su un’ottima squadra come il Wolverhampton. Sicuramente sarebbe servito avere il vero Nkoulou in difesa: ma il primo ad aver sbagliato ci pare proprio il camerunese, che ha lasciato i compagni in difficoltà nel momento del bisogno e ha deluso i tifosi che lo hanno sempre acclamato, dimenticandosi che è stato il Torino a dargli un’altra chance in una fase non eccelsa della carriera.

    Se si tratta di giocatori che completano la squadra e alzano il livello della rosa, allora, meglio averli tardi che non averli. Laxalt e Verdi potenzialmente lo sono, dal punto di vista tecnico e dal punto di vista umano. E il fatto che il contratto di Verdi sia stato depositato addirittura a tre minuti dal gong, col senno di poi, ha reso memorabile l’ultimo giorno di trattative. L’unico vero difetto di questo mercato granata è ravvisabile nel fatto che il club non sia riuscito a piazzare in prestito giocatori come Millico, Buongiorno e De Angelis. Se a ciò si aggiunge il fatto che la Primavera è strapiena di fuoriquota, vien da pensare che sarà forse conveniente rompere gli indugi sulla seconda squadra. Per il resto, considerando anche che si veniva dalla rottura traumatica con Gianluca Petrachi che per forza di cose ha comportato e comporta tuttora un periodo di transizione a livello di organizzazione interna, esprimiamo un sincero apprezzamento al mercato del Torino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Esempio di incompetenza pura, più e più volte sottolineata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Twinbull - 3 mesi fa

    Ma dopo i risultati dello scorso anno e l’acquisto di Verdi , quanti hanno criticato Cairo?
    Stagione tremenda sicuro non riesco ancora a credere che siamo salvi , ma chi critica Cairo si ricorda l’elenco dei suoi predecessori già indicati in altri commenti ? Nostalgia di questi personaggi e delle loro gesta ?
    Quanto meno a parte questa stagione siamo sempre stati nella colonna sinistra della classifica
    Chi incita Cairo a vendere deve arrivare con un compratore affidabile e sicuro; come detto le esperienze passate bruciano ancora….
    Saremo una piccola squadra, ma le grandi quante sono ? negli ultimi 9 anni ?
    e allora …. piccoli , ma grandi, con grinta passione e p…. poi tutto è possibile
    Forza Toro !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 3 mesi fa

      Io. Ho sempre scritto che sono arrivati 7 per puro culo, ottenendo 3 punti con 1 tiro in porta e infatti finito il culo si è visto quanto valessero. Verdi oltre a non servire ha fallito a Napoli.
      ma cosa dici? ma che squadra tifi? E le annate in B non le hai viste? E le salvezze con le partite combinate? Altro che parte sinistra. Pure il Chievo ha fatto meglio, andando in Champions. Quasi tutte le altre sono andate in Uefa, la cairese solo per disgrazie altrui e l’anno scorso ha fatto soli i preliminaroi. Racconti più balle di cairo. Vi meritate costui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        Lascia perdere Marione va bene così,
        Tanto è sempre solo sfiga….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. maxx72 - 3 mesi fa

        Scusami Marione ma il Chievo fini in Champions quell’anno che vennero squalificare tre squadre…se fosse successo l’anno scorso anche noi saremmo stati in Champions. Bisogna ricordare queste cose.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Rimbaud - 3 mesi fa

    @Pasastabala, avevo scritto un commento molto più articolato, ma per motivi misteriosi questo non viene pubblicato. Riassumo e ti dico solo che i risultati non sono il motivo per cui personalmente contesto Cairo, ma sono diretta conseguenza del suo modo di agire (assenza di società e strutture). Procedendo in questo modo continueremo a sbagliare e il successo è pura fortuna e non viceversa. Siamo sempre alla ricerca dell’uomo della provvidenza (come è stato Ventura piaccia o no). Ma come diceva Brecht “Beato quel popolo che non ha bisogno di eroi”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. roberto.cor197_12157524 - 3 mesi fa

    Repubblica.it: il quotidiano online con tutte le notizie in tempo reale.Archivio
    HomePubblicoEconomia&FinanzaSportSpettacoliCulturaMotoriViaggiModaCasaSaluteAnnunciLavoroMeteo
    Sei in: Archivio > la Repubblica.it > 2013 > 07 > 10 > Carte di credito, presi i…
    Carte di credito, presi i maghi della clonazione
    AVEVANO clonato migliaia di bancomate carte di credito e falsificato carte di identità, passaporti, patenti e anche assicurazioni auto, libretti di circolazione e tagliandi dei mezzi che utilizzavano. Ieri la loro attività è stata fermata con i 21 arrestati del commissariato Centro e della squadra mobile di Torino. Tra i fermati il capo Adrian Nazarie, romeno, 36 anni, e Georgiana Malihin di 26, la compagna alla quale aveva comperato un appartamento da 150mila euro con i frutti delle truffe. Ogni fine settimana arrivavano a Milano per individuare bancomat da manomettere con l’ applicazione di skimmer e lettori di bande elettromagnetiche, utili alle clonazioni (è stata trovata una mappa degli sportelli da manomettere). In un laboratorio a Chieri sono stati trovati anche lettori apriporte, plafoniere, videotelefoni. Le loro trasferte nel capoluogo venivano regolarmente retribuite come missioni fuori sede.

    (s.b.)
    10 luglio 2013 sez.
    TOPIC CORRELATI
    PERSONE
    ENTI E SOCIETÀ
    LUOGHI
    Footer
    Fai di Repubblica la tua

    homepage Mappa del sito

    GEORGIANA MALIHIN
    Responsabile Amministrazione
    People
    Console & Partners

    Magari nn è la stessa persona…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. palmiro - 3 mesi fa

      Ognuno ha i suoi metodi: “I problemi non sono solo nel calcio. Questo mese Cairo ha chiesto lo stato di crisi per Rcs, la prima volta nella sua gestione. L’unico modo per poter usare i contributi pubblici stanziati dal governo per i prepensionamenti di giornalisti e poligrafici, nella legge di Bilancio per il 2020. Molti si chiedono perché, visto che il gruppo ha accumulato 85 milioni di euro di utili nel 2018 e dovrebbe arrivare 60 milioni per il 2019. Una spiegazione la si può trovare nel dato dei primi nove mesi del 2019 che Rcs ha chiuso con un utile netto di 40,7 milioni euro. Dodici in meno dei 52,1 milioni di euro dello stesso periodo nel 2018. Sono calati sia i ricavi legati alla diffusione delle copie (- 6,3%), sia quelli della pubblicità (-4.7).”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. palmiro - 3 mesi fa

        “-1” il “contributo pubblico” lo paghi anche tu, genio…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. palmiro - 3 mesi fa

    Questi signori non hanno ancora parlato e vengono già definiti dagli “esperti” del sito:
    “mezze tacche”, “quelli della pagliacciata”, “avventurieri”, “quelli che vogliono solo farsi pubblicità. ”, “persone limitate”, “cialtroni da strapazzo, con simil sceicco” ecc…
    Non capisco questa sindrome di Stoccolma maturata nella debole mente di un certo popolino granata.
    Cairo la sua occasione ce l’ha avuta ed è durata la bellezza di quindici anni.
    I risultati sono sotto gli occhi di tutti…
    Il milanese si è sempre lamentato di aver messo il Toro in vendita e di non aver trovato mai acquirenti.
    Probabilmente domani un acquirente ci sarà e farà un offerta in linea con il valore reale di questa società sportiva gestita per troppi anni da chi non l’ha fatta crescere.
    Se poi sarà una pagliaccia amen, ma questo tiro al piccione anticipato è veramente singolare e andrebbe trattato da qualche bravo psicologo. Uno molto bravo però…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torodal73 - 3 mesi fa

      100 Ml per una societa’ con circa 80 ML di ricavi e un parco giocatori sicuramente sopra i 100 ML onestamente mi pare in linea col valore reale della societa’, pi qua non e’ che si vuol difendere cairo, ma io penso che una seria proposta non si fa indicendo una conferenza stampa gridata ai quattro venti ma, tramite professionisti vari (avvocati commercialisti esperti finanziari, banchieri) e nelle sedi opportune non certo al circolo delle bocce. Gia’ anticipare pubblicamente l’offerta per il club, e dichiarare una cifra anche poco consona non e’ che rafforzi tutta sta’ fiducia, le cordate poi non e’ che abbiano mai portato a grandi risultati. Poi e’ vero, prima di sparare a zero si dovrebbe oggettivamente essere in grado di verificare la fattibilita’ della cosa e la reale potenza finanziaria del gruppo, onestamente devi riconoscere che gia’ tempi e modi non sono stati prorpio perfetti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torodal73 - 3 mesi fa

        NON MI PARE IN LINEA scustae

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. marione - 3 mesi fa

        Vorrei ricordare che il prezzo (valore) di un bene si ottiene dall’incrocio della curva di domanda con quella di offerta. Se metto in vendita la mia auto (e ho intenzione di venderla) debbo basarmi sulle offerte che ricevo, non sul fumo. Quanto vale Belotti? Lo dirà il mercato.
        I ricavi non servono a nulla, si guarda l’utile. A chi interessa comprare una società che ha 80 milioni di ricavi e magari 200 di perdite?
        Allora per ogni euro che metto nel Toro, che utili mi porta?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. verarob_701 - 3 mesi fa

          Quanto vale Belotti, lo dirà il mercato, ma gli addetti ritengono 50Muna cifra congrua, Lyanco N’Koulou Izzo hanno mercato e non valgono meno di Bonifazi, per Ola Aina e Meitè ci sono stati già interessamenti e la decina di milioni è una valutazione accettabile, Lukic Bremer Rincon Berenguer Baselli Iago Zaza a 5 milioni l’uno sul banchetto al mercato vanno via come il pane, 5 milioni per Singo erano già stati offerti..Verdi non recuperi il costo ma a 10 vuoi dire che non ha mercato?…è un gioco, ma tranquillo che se mettessi in vendita la rosa del Toro, 150 milioni li fai in una settimana….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. marione - 3 mesi fa

            Se li mettessi anche in vendita a 800 milioni, non modifica il fatto che se nessuno te ne offre 150, il valore non è 150.

            Mi piace Non mi piace
          2. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

            Ma gli addetti sono gli stessi che citi aver osannato il mercato dello scorso anno?
            Allora si spiegano tante cose..

            Mi piace Non mi piace
      3. palmiro - 3 mesi fa

        I metodi del milanese invece sono ineccepibili, già…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. verarob_701 - 3 mesi fa

      …Probabilmente ci sarà un offerta in linea con il valore….questo vuol dire oltre 150 milioni, che è il valore base ( minimo)della rosa….
      Se poi come riportato da ” La Stampa”, i progetti sono costruire uno stadio in piazza d’Armi, chiedersi come sarebbe il minimo…e ottenere una caserma, bonificarla, ottenere tutti i permessi e farci una casa per le giovanili…diciamo ci vogliono 5 anni….criticare un progetto simile mi pare il minimo….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        Che il Toro valga 150 milioni inteso come soldi che un acquirente dovrebbe dare a Cairo scordatelo perché non si calcola proprio così.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. verarob_701 - 3 mesi fa

          Quindi il Torino che ha preso Cairo senza giocatori, valeva quello di oggi che ha 150 milioni di valore tesserati? spiegami

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

            Informati su come sono i bilanci ed in base a come si fa una compravendita.
            Non ho detto quello, ho detto che il Toro non vale 150 milioni come prezzo di vendita.
            Poi se vuoi capire bene se no parla a slogan

            Mi piace Non mi piace
      2. palmiro - 3 mesi fa

        Ma 150 milioni di che?… Ma finiamola sù!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. verarob_701 - 3 mesi fa

          Commisso ha rilevato la Fiorentina per una cifra intorno ai 170 milioni…..il Toro vale la metà o poco di più?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

            Potrebbe valere anche un terzo, senza bilanci alla mano…

            Mi piace Non mi piace
    3. roberto.cor197_12157524 - 3 mesi fa

      Senza voler essere catastrofisti, ma credo che in pochi di noi si affiderebbero alla “banda bassotti” per intavolare un discorso di affari con zio Paperone…e nemmeno credo che lo stesso affiderebbe loro una qualsivoglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Rimbaud - 3 mesi fa

      Fosse una notizia vera non hai bisogno di creare questa suspence, un Ferrero (quello vero), un denegri hanno la potenza di fuoco per indire una conferenza a sorpresa senza tanti fronzoli.
      Questa è gente che vuole solo pubblicità, comunque per carità io il beneficio del dubbio lo do a tutti, per cui ascolterò cosa hanno da dire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Steu68 - 3 mesi fa

      Oh finalmente si è palesato il signor “non mi piace”. Bene. Palmiro, io credo che una trattativa comunque delicata come potrebbe essere la compravendità di una società calcistica del valore di svariati milioni, tra venditori e acquirenti seri, sarebbe condotta sotto il massimo rispetto della privacy e del riserbo. Tu, io e tutto il popolo granata sapremmo le cose solo a conti fatti. La condotta fin qui adottata mi sembra alquanto originale e strampalata. Da alcune semplici “indagini” (basta navigare il sito internet) abbiamo potuto constatare la totale assenza di contenuti e credibilità sia del circolo dell’innovazione che di questi altri. Detto questo, io come forse tanti mi auguro di sbagliare e che tu abbia completamente ragione, e sarò pronto a ritornare sui miei passi, ma fino ad allora lo scetticiscmo che regna sovrano mi sembra assolutamente giustificato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. palmiro - 3 mesi fa

        Primo: il signor “non mi piace” non sono io…e di solito, i questi casi, si dice che il primo gallo a cantare…
        Secondo: la società calcistica di svariati milioni è solo nella testa di Cairo.
        Terzo: non sono qua a perorare la causa di nessuno. Trovo singolare che ci siano tanti tifosi interessati a salvaguardare il presunto patrimonio del milanese…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. verarob_701 - 3 mesi fa

          Io personalmente sono qui a perorare l’utilizzo dell’intelligenza….non è Cairo che dice che la rosa del Toro vale oltre 150 milioni, ma siccome siete stati in molti a rompere per anni che Cairo stornava i soldi dal Toro per metterli nelle aziende, ma adesso dite che la società non vale i soldi incassati dalla vendita dei giocatori, dovete spiegare anche come funziona…Belotti te lo pagano con i soldi del monopoli?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. palmiro - 3 mesi fa

            “siete stati in molti a rompere” chi? Ma tu che ne sai di cosa ho detto io? Sarebbe questa tutta la tua intelligenza? Mettere in bocca ad altri quello che frulla nella tua testolina a forma di fiasco del monopoli? Sai che ti dico? Hai ragione…e la ragione si da…

            Mi piace Non mi piace
        2. Steu68 - 3 mesi fa

          Il primo gallo a cantare generalmente è quello che scorreggia in ascensore o in ufficio.
          Non sono un revisore dei conti, ma non credo che il Torino calcio lo si possa portare via per pochi spiccioli, Cairo o non Cairo (di cui, contrariamente a quanto forse potresti pensare, non sono più un gran estimatore). E penso anche che nessuno dei tifosi interessi salvaguardare il suo patrimonio, non so nemmeno bene come potremmo agire in tal senso. Siamo tutti qui, chi si lamenta di più e chi si lamenta di meno, perchè ci accomuna solamente un fattore comune, il Toro. Tutto il resto, credo compresi i signori di domani, è fuffa.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 3 mesi fa

            La tua prima frase è un vero capolavoro.

            Mi piace Non mi piace
          2. palmiro - 3 mesi fa

            Cura i tuoi problemi di meteorismo allora…

            Mi piace Non mi piace
          3. Steu68 - 3 mesi fa

            ahahahah….perchè? E’ così liberatorio mollare uno scorreggione in ascensore. Non essere timido, fallo anche tu….vedrai dopo che soddisfazione.

            Mi piace Non mi piace
          4. maxx72 - 3 mesi fa

            Non ti incazzare Palmiro, davvero.

            Mi piace Non mi piace
          5. Steu68 - 3 mesi fa

            Dai Palmiro, facciamo pace 🙂 ….vogliamo tutti il bene del nostro Toro, ma non possiamo pensarla tutti allo stesso modo. Attendiamo domani e capiremo se farci una grossa risata oppure festeggiare i nuovi salvatori.

            Mi piace Non mi piace
  30. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    @leojunior: Sulle contestazioni ai vari presidenti (tutti ) hai ragione anche se personalmente Pianelli non l’ho contestato e Rossi neanche. Gli altri a turno si. Ma non è che avessimo molto torto a contestare Borsano quando vendette tutti. Calleri che fece peggio. Vidulich che non fece nulla e Cimminelli che ci fece fallire.
    Cairo ha invece la colpa di averci ridimensionato definitivamente a piccola squadra. E noi del Toro come dici tu giustamente ci sentiamo per blasone sempre una grande. È la maledizione di avere avuto il Grande Torino. Anche Nereo Rocco mal sopportava i tifosi del Toro nei tre anni che lo allenó. Diceva che ad ogni tocco di palla qualcuno in tribuna borbottava “ Ossola avrebbe fatto meglio “. Mazzola era di un altro pianeta “. Come Maroso in difesa mai nessuno “
    Però secondo me contestare Cairo dopo una stagione così, non lo trovo inopportuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 3 mesi fa

      Fermo restando che ognuno ha le proprie idee, contestare Cairo dopo questa stagione in un mondo normale è completamente inopportuno….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Leojunior - 3 mesi fa

      Ovviamente io non mi riferivo a te in particolare, ma al tifoso medio del Toro, alla contestazione in generale che non ha mai portato nulla di buono. Con i giocatori che hanno paura a scendere in campo e di fare una giocata perchè al primo errore giù fischi e insulti. Rossi cedette a Gerbi e De Finis perchè dopo aver messo un sacco di soldi si prendeva gli insulti. Quindi va bene tralasciamo i successivi presidenti, anche se Borsano ci ha portati in finale di Coppa Uefa e Cimminelli ha perso un’azienda per il Toro, ti sembra che Cairo sia paragonabile ai vari Calleri, Goveani, Vidulich ecc ecc. Ti sembra che se Meité fa una cappella a centrocampo sia colpa di Cairo? Ti sembra che i giocatori avessero diritto al premio EL dopo essere stati ammessi per il forfait del Milan ed eliminati ai preliminari? Ti sembra che sia colpa di Cairo se un giocatore soprannominato “EL General” (che è una pippa pazzesca) dopo aver fatto schifo per l’ennesima volta dichiara che Juric gli “aveva costruito una squadra attorno”? E Radice una pippa, Mondonico bollito, Camolese dopo averci portato in serie A e ai preliminari di coppa, alla seconda partita persa l’anno dopo si becca la contestazione a Borgaro (e fu Serie B). De Biasi e Novellino contestati… e allora vogliamo Camolese (e fu serie B). E Ventura “frulla la palla indietro”, e Mihajlovic “mandriano ignorante”, Mazzarri “ubriacone Testa di Ghisa”… vogliamo Longo o Nicola che sono del Toro… Prendiamo Longo e allora era meglio Nicola, poi Longo batte Nicola allora Longo non è adatto e fa schifo. Allora salveremo solo con Millico in campo…. La domanda è serve a qualcosa tutto ciò? Secondo te la contestazione ci porta punti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Rimbaud - 3 mesi fa

        Su questo discorso sono d’accordo, la piazza è volubile, per questo serve una società strutturata con idee chiare che alla piazza dia il giusto peso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      @veratob: secondo me avresti ragione se fosse la prima stagione deludente e non l’ennesima. Fermo restando che si contesta in modo civile.

      @leojunior: si chiaro, ti ho risposto solo perché mi includo tra i detrattori di Cairo. E lo faccio senza volere innescare polemiche.
      Vero che lui è un presidente migliore di Calleri e altri che hai citato, ma affermare che non è il peggiore di tutti non lo porte a essere un buon presidente.
      Sono dell’idea che possieda il Toro solamente per lucrare e accrescere il suo ego (peccato minore ) e dopo 15 anni penso possa anche lasciare a qualcun altro, possibilmente all’altezza. Di certo non ha bisogno di essere difeso dalle critiche dei tifosi..
      Vedremo che succederà. Ma temo resterà ancora lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leojunior - 3 mesi fa

        No ma guarda che Cairo lo contestavamo già dopo un anno di presidenza. Dopo 5 anni gli abbiamo fatto un agguato con bombe carta tirate sulla sua auto prima di un Torino Grosseto 4-1.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      @leojunior: un conto è contestare, altra cosa lanciare bombe carta.
      Io lo contesto.
      Dalla seconda retrocessione. E l’ho anche applaudito quando sembrava avesse cambiato marcia. Ma poi mi sono dovuto ricredere ancora. Insomma, abbiamo fatto il giro della morte con Cairo, ora potremmo anche cambiare giostra, no ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Bela Bartok - 3 mesi fa

    Che risate. Hanno riciclato il file di testo di ieri e sbagliato il loro stesso nome. Complimenti alla Stampa, altra pagina gloriosa del giornalismo nostrano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

    Comunque lo ribadisco,
    Comunque andrà a finire dal mio punto di vista resterà una delle peggiori pagine di giornalismo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. gianTORO - 3 mesi fa

    iniziamo bene…non sanno neanche scrivere il loro nome….mvfc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Steu68 - 3 mesi fa

    Dai, teniamo duro. Ancora 24 ore di pazienza e questa pagliacciata sarà finita, gli abitanti in zona Piazza D’Armi stiano tranquilli, non ci sarà mai nessun altro stadio e questi filibustieri spariranno nuovamente nel loro anonimato…gli abbiamo dato un paio di giorni di celebrità, dovrebbero comunque ringraziarci. GIU’ LE MANI DAL TORO !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Pectol - 3 mesi fa

    La storia del Toro ci riporta esempi di potenziali acquirenti con disponibilità finanziarie rilevanti, i soliti nomi, Ferrero, Lavazza, Cinzano. E questi erano anche tifosi del Toro, quindi la migliore delle soluzioni, come lo sono stati Moratti e Berlusconi. Ma non se ne è mai fatto nulla e questo per loro scelta, non perchè non ci fossero le condizioni per acquisire la società. In sostanza, forse la sempre buona descrizione del tipico piemontese “bugianen”.
    Certo il rischio di finire in mano ad avventurieri che non hanno a cuore il Toro mi spaventa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 3 mesi fa

      Perchè adesso in mano a chi sei?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 3 mesi fa

        beh dai Marione, con tutte le critiche che possiamo muovere a Cairo, definirlo avventuriero mi sembra troppo. Con tutti i limiti ed errori (e zero soddisfazioni) almeno la serietà e solidità dei bilanci ce la garantisce.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bischero - 3 mesi fa

          La solidità dei bilanci é dovuta al fatto che incassa 50 e spende 50?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. marione - 3 mesi fa

          sostantivo maschile
          . Chi va in cerca di fortuna e di facili guadagni.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 3 mesi fa

      Invece quello che c è adesso non é un filibustiere ed ha a cuore le sorti del toro? Forse non ricordi chi era urbano Cairo 15 anni fa. Diva e donna. Dpiu tv… Un grande imprenditore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pectol - 3 mesi fa

        Beh, se parli di filibustieri è in buona compagnia a cominciare dagli Agnelli e passando da Lotito, Preziosi, Ferrero.
        E’ un buon imprenditore, ma non è tifoso del Toro come vorremmo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Donato - 3 mesi fa

    Mi piacerebbe sapere davvero chi ha architettato questa pagliacciata.
    L’unico del quale si è fatto il nome è anche gobbo. Anche un certo Cimminelli mi pare lo fosse.
    Pare che anche Bill Gates nutra simpatie per gli ovini, magari dietro questo teatrino è lui Mangiafuoco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 3 mesi fa

      credo che nessuno abbia architettato. Nè Cairo (per autocelebrarsi come unico salvatore) nè gli Agnelli. Con tutta probabilità ci troveremo di fronte a delle mezze tacche che vogliono solo farsi pubblicità. Nella migliore delle ipotesi delle brave persone ma limitate che avranno anche un progetto ma con possibilità di realizzarsi pari a zero.
      Se poi ci smentiscono (?!) saremo tutti contenti.
      Ma parliamo di cose serie che è meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Donato - 3 mesi fa

        Non so ma a me pare destabilizzante e il credito che ha avuto sui giornali è perlomeno eccessivo. Poi vabbè, vedremo. Però hai ragione, parliamo di cose serie. Del Toro 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Steu68 - 3 mesi fa

        Ha ragione Leo, secondo me. Ma perchè continuiamo a pensare che sistano trame degli Agnelli per sminuirci? Quallo lo facciamo già molto bene da soli. L’avvocato è morto quasi da 20 anni, la juve è ormai una potenza economica nel panorama calcistico europeo, cosa volete che gli interessi del Toro. E’ come se una petroliera si preoccupasse dello speronamento di un gommone.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. eurotoro - 3 mesi fa

    come passa il tempo! sembra ieri ero trentenne ed entusiasta dell’arrivo di cairo..ora che vado x i 50 direi anche basta con le aspettative!..poche storie qua serve uno sceicco e vagonate di soldi! voglio lo sceicco! voglio lo sceicco! voglio lo sceicco! facile.it! facile.it! faaaaaaciiileeee.iiiiiittttt!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Minchia che botta al cuore che mi hai dato ricordando quanto tempo è passato e l’età…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 3 mesi fa

        ..davvero un toro perduto che mai piu tornera’ quello leggenda di Mazzola..mai piu’ tornera’ quello grandissimo di Radice…e mai piu quello grande di Mondonico…a meno che’ non spunta fuori uno sceicco a cui piace la montagna ed andare a sciare!…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. pasastabala - 3 mesi fa

    So che mi attirerò critiche, ma vorrei che l’ambiente si rasserenasse un pochino per riflettere a mente fredda sulla situazione.
    Come la maggior parte di voi, anch’io nutro molte perplessità sull’esistenza e la tipologia di questi potenziali acquirenti.
    Primo perché la notizia è stata innescata da La Stampa e secondo per le modalità.
    Come da molti sottolineato un soggetto serio che intenda acquistare formula l’offerta direttamente e riservatamente alla proprietà diffondendo la notizia solo a trattativa felicemente conclusa.
    Staremo comunque a vedere domani.
    Lieto, come tutti, di sbagliarmi.
    Posto che l’alternativa a Cairo non esista – come credo – attenderei, prima di addossargli tutte le colpe del disastro in cui si è ridotta la squadra, le sue mosse per il prossimo campionato: scelta dell’allenatore, poderoso ricambio di giocatori, incremento nella strutturazione della società etc.
    Ammettiamo che abbiamo anche avuto molta sfortuna con la scelta – rivelatasi poi sbagliata – di Miha e Mazzarri, con l’accesso alla EL all’ultimo minuto con la ripresa troppo veloce degli allenamenti estivi e la conseguente preparazione atletica forzata che ha inciso negativamente sulla stagione, con la rottura con Petrachi, con l’ammutinamento dei giocatori (in primis Nkolou) per il mancato pagamento del bonus EL, con il sorteggio che ci ha appioppato da subito una squadra più forte (Wolverhampton), etc. etc.
    Aggiungiamoci le eccessive contestazioni dei tifosi anche quando le cose non si erano ancora messe malissimo e la frittata è fatta.
    Aspetterei, perciò, ancora il prossimo anno prima di crocifiggere Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Ciao pasastabala,
      Spero di aver scritto giusto tra tutta ste bale:p

      Ti e vi faccio sta domanda.

      Posto che potresti avere ragione, ma allora fino a quando dovremo avere pazienza???

      Nel senso se non capisco male il senso del tuo discorso è questo, siccome non c’è nessuno serio ad oggi che vuole comprare il Toro dobbiamo e dovete stare zitti ed aspettare senza contestare e farvi andare bene tutto.

      Perché capirai che sta cosa di vedere cosa fa va bene 1 campionato, va bene 2, va bene 3 va bene 4 ma qua si sta parlando di tre lustri e se quest’anno non dovesse andare di nuovo bene la prossima estate ci sarà sicuramente chi dirà aspettiamo di vedere cosa fa.

      Sai che se quelli nel cavallo di troia avessero ragionato così sarebbero ancora lì ad aspettare la notte giusta per uscire…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Steu68 - 3 mesi fa

      Non hai torto, c’è da dire però che gli eventi sfavorevoli che hanno sicuramente condizionato negativamente l’annata si sarebbero potuti evitare, o forse gestiti meglio, se alle spalle ci fosse stata una società strutturata adeguatamente con uomini capaci al comando aventi obiettivi ben precisi ed un progetto in cui credere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        Infatti la responsabilità di quest’anno, contrariamente a quanti invece la liquidino come sfiga, è altissima e poco perdonabile

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. marione - 3 mesi fa

      Che persona sfortunata. E’ arrivato con due giornaletti, ha fatto i soldi con le plusvalenze, è propietario di RCS, acqusita sappiamo come ed è sfortunato… ma poveretto. Io aspetteri almeno il 2050 prima di criticarlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianTORO - 3 mesi fa

        …scusa ma sembrerebbe che tu non ne sappia molto di bilanci eheheh FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Donato - 3 mesi fa

      Ciao. Il tuo discorso non fa una piega.Certo è duro da far digerire a coloro che piuttosto che Cairo si lancerebbero dalla rupe. Peccato che giù dalla rupe sia poi una discesa senza ritorno.
      E tra l’altro io non ho dimenticato gli entusiasmi di agosto della folla granata. Magari ci siamo sbagliati anche noi? Un po’ di sana autocritica sarebbe doverosa ma si sa, criticare è uno sport per tutti, autocriticarsi è da fuoriclasse. Poi alla luce di questa fantomatica cordata creata ad arte per destabilizzare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Rimbaud - 3 mesi fa

      vorrei tanto risponderti, ma non riesco a postare il commento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Rimbaud - 3 mesi fa

      Excusatio non petita, accusatio manifesta. In ogni caso, i risultati sportivi sono l’ultima delle cose che contesto a Cairo, ma per come la vedo io sono la diretta conseguenza. Ma perché Cairo non si dota di una struttura societaria degna come ha fatto Percassi? Perché tutti i suoi collaboratori danno l’idea di essere consulenti a gettone? Perché non abbiamo un direttore generale serio, una rete di osservatori decente e tutto il resto? Un episodio come quello del db sparito o del buco lasciato da petrachi in una società solida non si sarebbe verificato. Perché non porta un po’ di sano Toro all’interno della società? Persone come Leo junior, Cravero, Pulici sarebbero garanzia per i tifosi oltre che persone competenti, perché il Toro di oggi non ha un’anima e i calciatori non vengono scelti per il loro carattere cosa che dovrebbe essere? Persino il Toro di Cimmi e Vidulich in campo aveva un’anima…che noi non abbiamo più. Perché tutti gli elementi di questa pseudo-società a partire da Comi danno l’idea di parlare solo se interpellati e con permesso? Vai a leggere quanto sono invece presenti Marino, SArtori e Zamagna nelle vicende della squadra di Percassi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. LeoJunior - 3 mesi fa

      in linea di massima concordo con te e forse l’avrai letto in diverse forme in vari miei post. Io credo che l’errore che non dobbiamo fare è quello che porta a contestare a seguito del flop sportivo. Quello a mio avviso ci può stare e capita a spesso (penso alle milanesi degli ultimi anni, al PSG in CL, etc.).
      Quello che secondo me facciamo sempre più fatica a comprendere è la probabile causa che porta a questi insuccessi.
      Quando per anni ti accontenti di una società ridicola nel numero di persone che vi lavorano e soprattutto nella loro qualità (credo che nessuno di noi abbia ancora capito come sia possibile che Comi sia DG!), non fai capire se esiste una strategia, non fai investimenti, etc. allora sì che la preoccupazione e la rabbia sale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        È l’oscurità degli obiettivi e delle prospettive.
        Al di là degli insulti beceri e che trascendono se si va a ben vedere non c’è una dichiarazione di Cairo in 15 anni che fosse di contenuto.
        Parla a slogan, a banner, quasi replicasse nel vivo il modo di comunicare del web, a spot vuoti per bombardare per menti delle persone.

        Non sono scioccato dal risultato sportivo di quest’anno ma da come esso sia maturato e dai suoi presupposti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. FVCG80 - 3 mesi fa

      Non strutturera’ nulla, ha preso vaganti. Stop. Al massimo si butta insieme alui a capofitto. Secondo me sotto sotto lo sai anche tu che non farà nulla di tutto ciò. Nessun progetto, a parte galleggiare nella mediocrità e curare i propri interessi privati. Ancora un anno?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. spiritolibero - 3 mesi fa

    Ricchi ricchissimi praticamente in mutande C’è pure lo sceicco che si inc… Pozzetto in cambio dell’azienda piena di debiti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 3 mesi fa

      Grande, esatto ahhahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Nello69 - 3 mesi fa

    Questi sedicenti advisor non sanno neanche scrivere il loro nome in un comunicato stampa …
    Non abbiamo già avuto abbastanza disgrazie?
    Perché ci deve capitare anche questa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

    Tan tan tan tan tan alla Console…….
    Tan tan tan tan tan alla Console…
    Tan tan tan tan tan alla console….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Minchia oggi siamo carichi come delle bestie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

        Ahahahah,
        Lo aspettavo il tuo commento 😀

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 3 mesi fa

          E aspetta domani dopo le 11. Sarà lo tsunami granata sul mondo, mi sono già chiesto un giorno di ferie per rimanere 12 ore su toronews. Naturalmente con frittatona di cipolle, Peroni ghiacciata e rutto libero.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

            Quasi quasi domani prendo ferie: P

            Mi piace Non mi piace
          2. maxx72 - 3 mesi fa

            Io le ferie le ho chieste a me stesso e mi sono detto di si.

            Mi piace Non mi piace
  42. Leojunior - 3 mesi fa

    Oservazioni sparse.
    Di per se stesso un Advisor vale (più o meno) un altro. Questo in ogni caso è torinese e va bane per una società di calcio torinese. Non ci rimane che aspettare domani e giudicare.
    Vale però la pena osservare come questa operazione sia stata montata da La Stampa, che oggi addirittura scrive un articolo “I tifosi del Toro tra rabbia e speranza: “Cairo ci ha delusi, venda la società”. Ora se è vero che i tifosi del Toro sono circa 14 anni anni che dicono “Cairo Vattene”, hanno avuto solo un anno di pazienza, è anche vero che a giudicare da questo forum non è che siamo particolarmente entusiasti di questa operazione. Mi puzza molto di sciacallaggio da parte del quotidiano torinese che in fondo è in concorrenza editoriale con RCS. Non credo proprio che il Gruppo Gedi in qualche maniera tenga il moccolo a Cairo per fare i suoi interessi.
    Mi sembra molto un’operazione alla Basharin, o quella di Ethiad inventata dalla redazione di Toronews mi pare nel 2010. Campagna per destabilizzare l’ambiente.
    Quanto al mio omonimo Junior, che propone l’azionariato popolare, fidati tra i tifosi del toro si raccoglierebbero circa 200 euro in tutto. Anche perchè non so se vi ricordate l’operazione “una pietra per il filadelfia”? AL costo di 100 euro (o centomila lire non ricordo) si comprava un pezzo di cemento del Filadelfia abbattuto, al di la del fatto che nessuno quel pezzo di cemento lo ha mai ricevuto, non si è mai capito dove sono finiti quei (pochi) soldi raccolti.
    A febbraio molti siti davano per quasi conclusa l’acquisizione del Toro da parte di Luxottica, esattamente dopo lo 0-7 e lo 0-4 con con Atalanta e Lecce. Ne deduco che nei momenti difficili del Toro c’è sempre qualcuno che va a rimestare nel torbido, cavalcando il malcontento di una tifoseria che è campionessa mondiale di contestazione. Questa volta che sembra che non ci stiamo cascando, arriva La Stampa a fomentare. Io credo davvero, e non ne capisco le motivazioni perchè in fondo non diamo fastidio a quasi nessuno scarsi come siamo, ci sia un progetto se non di fare sparire il Toro, almeno di renderla una società di Serie B o Serie C.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Hai ragione Leo, tutto condivisibile. Ritengo però questi signori dei cialtroni da strapazzo, un sito internet è un po’ la propria carta d’identità, c’è pure la foto di un simil sceicco responsabile della filiale negli Emirati. Il motivo per cui avvengano con regolarità queste operazione screditizie nei confronti del Toro è oscuro anche a me. Certo è che oggi, con il web a disposizione, è semplicissimo. Poco più di 20 anni fa, una “campagna” del genere non sarebbe stata possibile se non avendo a disposizione mezzi stampa reali e costosi. Oggi basta pubblicare un post su Facebook e se tocchi le corde giuste ti ritrovi nella prima pagina di un quotidiano nazionale che parla di te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LeoJunior - 3 mesi fa

      caro quasiomonimo Leojunior, concordo con te. E la mia provocazione era proprio finalizzata a dimostrare questo. Mi piacerebbe ci fosse un’iniziativa seria (che quindi toglierebbe ogni scusa del tipo “a questi non do i miei soldi”) per capire quanto gli urlatori da stadio, striscione, tastiera siano pronti a mettere le mani in tasca. Perchè sono sicuro che quelli che gridano a Cairo braccino hanno il braccio ancora più corto del suo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MAgo - 3 mesi fa

        Concordo in pieno la tua osservazione : tutti ricchi coi soldi degli altri ! Questo non vuol dire che io sia pro-Cairo, anzi ho ben presente tutta la storia e sono strastufo di vedere stà pena…ma sarei davvero curioso di capire quanto l’azionariato popolare sarebbe in grado di mettere sul piatto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      Leojunior: Secondo me però nella classifica delle tifoserie che contestano non siamo così soli. Viola e Lazio (per citarne due alla nostra portata ) mi pare abbiano fatto di peggio e con gran baccano, e a differenza nostra avevano presidenti che hanno portato le loro squadre più di una volta tra le prime 4 in classifica, vinto coppe Italia etc.
      Noi contestiamo invece un presidente che in 15 anni il massimo che ha fatto sono due settimi posti, 22 derby persi, coppa Italia mai pervenuta, e ben due retrocessioni, con una che ci ha visto marcire in serie B per tre anni.
      Insomma, saremo polemici finché vuoi, ma non siamo soli e non lo siamo solamente tanto per demonizzare Cairo. I suoi numeri sono da presidente del Chievo non del Toro.
      Dati alla mano il Chievo negli ultimi 15 anni ha collezionato in serie A più punti complessivi del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leojunior - 3 mesi fa

        Daniele, io diciamo sono vecchio e con buona memoria, e per la precisione noi abbiamo contestato Pianelli, Rossi, Borsano, Calleri, Vidulich, Cimminelli e Cairo. Gli allenatori li abbiamo insultati tutti, anche Radice, Mondonico e Camolese. Mi ricordo un “se Radice se ne andrà resteremo in serie A, se Radice resta qui ce ne andremo in serie B”. Fu cosi che Radice venne esonerato ed al suo posto vennero prima Caudio Sala poi Vatta ed in Serie B andammo (era l’anno 1988-1989). Piu o meno come quest’anno con la differenza che all’epoca si salvo il Lecce e quest’anno ci salviamo noi.
        Ci siamo spinti alle bombe carta, abbiamo dato schiaffi ai giocatori, messo striscioni ovunque. Andiamo allo stadio in 4 gatti tranne che in occasioni particolari. Continuiamo a pensare di meritare la Champions quando dal 93 non andiamo oltre al settimo posto. Pensiamo di meritare un mega miliardario, Champions tutti gli anni, e fatturiamo na miseria. Volevamo a tutti i costi Longo, poi ho letto affermazioni ignobili sul suo conto che ha avuto al massimo 15 giorni er lavorare con la squadra. Dicevamo allora che se avessimo preso Nicola saremmo stati meglio, poi Longo ha rifilato 3 soffioni a Nicola. Ma salvezza invece era Millico, che con la Fiorentina ha fatto danni. Fidati siamo una tifoseria di Psicopatici incompetenti, e c’è qualcuno che con questo fatto ci gioca, sperando che prendiamo le bombe ed andiamo in sede a fare danni come facemmo per la vendita di Lentini al Milan.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Steu68 - 3 mesi fa

          Hai ragione caro Leo, eccome se hai ragione 🙁

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Donato - 3 mesi fa

          Ottimo Leojunior, Sottoscrivo anche la punteggiatura !!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. LeoJunior - 3 mesi fa

          ovvio che sottoscrivo tutto e aggiungo/rafforzo. Io temo stiamo vivendo la sindrome del nobile decaduto. Continua a pensare che gli sia tutto dovuto pur se è ridotto a vivere nella soffitta del palazzo e ha ipotecato le sue proprietà. La storia non si baratta ma non può giustificare l’approccio alla vita. Siamo una squadra con storia che sulla storia deve ricostruirsi ma sapendo che adesso è al pari del Sassuolo, Parma, etc. Non ci fa piacere ma è così. Se non lo capiamo vivremo sempre male e soprattutto non ci riprenderemo mai nemmeno una parte di quello che dovremmo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Leojunior - 3 mesi fa

            Esatto omonimo, alla stessa maniera la Pro Vercelli dovrebbe ambire alla Europa League.

            Mi piace Non mi piace
        4. enrico - 3 mesi fa

          Un analisi lucida e perfetta. Non c’è più niente da dire!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. nonnogranata - 3 mesi fa

    Leggo che Francesco Console è tifoso gobbo, direi perfetto !!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Il dottore in Scienze Politiche Console, prego. Con innumerevoli “master” in economia nelle più prestigiose università. Coadiuvato da un principe del foro di Bari. 🙁

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Donato - 3 mesi fa

        Wow!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. dattero - 3 mesi fa

    pagliacciata stratosferica e volgaruccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Rimbaud - 3 mesi fa

    Io faccio notare nel frattempo che hanno persino sbagliato a scrivere la parola partners nel comunicato..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. user-14944775 - 3 mesi fa

    Ma sempre nelle mani di un gobbo deve finire il toro ? Abbiamo visto come è finita in passato, non ci è bastato ?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Rimbaud - 3 mesi fa

    Tutte le società di consulenza sono delle scatole vuote, ma spesso hanno centinaia o migliaia di persone che lavorano presso i clienti. Perlomeno parliamo di una società più o meno seria che ha diverse sedi anche negli emirati per dirne una. Tuttavia escludo che grandi acquirenti internazionali possano rivolgersi a una compagnia del genere, ci sarebbero advisor del calibro di jp morgan , Barclays come in occasioni di altri acquisizioni importanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 3 mesi fa

      Vero, ma qui parliamo di una pmi visti i fatturati. Chi è che acquista una pmi andando da Jp Morgan? Poi a me convince ben poco sta storia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Rimbaud - 3 mesi fa

        ma tu te lo vedi un mansour o al thani o ferrero che si rivolgono per l’acquisto a console&partners e fissano la conferenza al circolo degli innovatori?
        Poi può essere che trattandosi di “uno degli advisors” ce ne siano altri più importanti per carità

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Rimbaud - 3 mesi fa

        ed è vero che i fatturati non sono importanti, ma le squadre di calcio sono una cassa mediatica enorme, non vai a farti gaffe colossali come quella di sbagliare a scrivere i comunicati o fissare conferenze in mezzo ai rampolli degli ovini

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. Gallochecanta - 3 mesi fa

    Ecco, chi fa un certo tipo di mestiere sa benissimo che questi faccendieri sono da evitare e che nessun personaggio serio si avvicinerebbe a loro.
    Vi anticipo, così domani potrete verificarlo, il contenuto delle dichiarazioni. C’è un fondo lussemburghese che raccoglie parecchi investitori internazionali, di cui al momento non si possono fare i nomi, che finanziano l’iniziativa. I Front-man, ovvero i cialtroni che domani parleranno, si occuperanno della trattativa e della finalizzazione dell’operazione.
    Roba brutta brutta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Hai ragione Gallo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. maxx72 - 3 mesi fa

    Io so solo che non vedo l’ora arrivi domani. Finalmente saremo liberi e con lo stadio di proprietà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Roland78 - 3 mesi fa

      E abbonamenti gratis per tutti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fedeltoro49 - 3 mesi fa

        E cchiù pilu ppi tutti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Steu68 - 3 mesi fa

      Già….un bel 45000 posti bello nuovo. Non vi bastano 45000? Facciamo 50000….cosa? Ancora poco…..facciamo 70000, crepi l’avarizia, e non se ne parli più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 3 mesi fa

        Non dimentichiamoci la caserma con la Fenech e magari anche la Giorgi dentro. Roba di prima classe, gli unici in serie A.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Steu68 - 3 mesi fa

          Sarei curioso di capire i “non mi piace”…tu maxx, non sei curioso? Forse qualcuno sa e non parla? Il mistero si infittisce…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 3 mesi fa

            Non hanno capito l’ironia…pazienza

            Mi piace Non mi piace
      2. fedeltoro49 - 3 mesi fa

        E cchiù pilu ppi tutti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. Roland78 - 3 mesi fa

    Sì, danno proprio l’idea di una console… Di una play station. Mah, speriamo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. roberto.cor197_12157524 - 3 mesi fa

    Basta fare un po’di ricerche in rete, la paura!!!!! Georgiana
    GEORGIANA MALIHIN
    Responsabile Amministrazione
    Quotidiano digitale
    MobileFacebookTwitter
    RE Le inchieste
    l’Espresso
    Network
    Repubblica.it: il quotidiano online con tutte le notizie in tempo reale.Archivio
    HomePubblicoEconomia&FinanzaSportSpettacoliCulturaMotoriViaggiModaCasaSaluteAnnunciLavoroMeteo
    Sei in: Archivio > la Repubblica.it > 2013 > 07 > 10 > Carte di credito, presi i…
    Carte di credito, presi i maghi della clonazione
    AVEVANO clonato migliaia di bancomate carte di credito e falsificato carte di identità, passaporti, patenti e anche assicurazioni auto, libretti di circolazione e tagliandi dei mezzi che utilizzavano. Ieri la loro attività è stata fermata con i 21 arrestati del commissariato Centro e della squadra mobile di Torino. Tra i fermati il capo Adrian Nazarie, romeno, 36 anni, e Georgiana Malihin di 26, la compagna alla quale aveva comperato un appartamento da 150mila euro con i frutti delle truffe. Ogni fine settimana arrivavano a Milano per individuare bancomat da manomettere con l’ applicazione di skimmer e lettori di bande elettromagnetiche, utili alle clonazioni (è stata trovata una mappa degli sportelli da manomettere). In un laboratorio a Chieri sono stati trovati anche lettori apriporte, plafoniere, videotelefoni. Le loro trasferte nel capoluogo venivano regolarmente retribuite come missioni fuori sede.

    (s.b.)
    10 luglio 2013 sez.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Non ho capito 🙁

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pau - 3 mesi fa

      beh aspetta, non è detto che sia la stessa persona.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. dattero - 3 mesi fa

    sono anticairo totale,pero’ a me ste cose ricordano vidulich,comunque aspettiamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. marione - 3 mesi fa

    Pur non convincendomi per nulla, vi invito a considerare che costoro sono solo advisor, non la cordata. Poi per chi è nel settore, la parola Borsa Italiana (che di italiano non ha nulla, nemmeno la mail) non è che dia chissà quali garanzie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. LeoJunior - 3 mesi fa

    Premesso che non so chi siano questi e in effetti sembrano un pò “debolini” faccio presente che sarebbero gli advisor e non gli acquirenti.
    Credo che l’iniziativa sia zoppa fin dall’inizio ma se per assurdo fosse una buona operazione di tipo diverso (rimando all’altro mio post) come un azionariato popolare, il ruolo dell’advisor sarebbe solo tecnico nel costruire lo strumento. Quindi non mi focalizzerei su di loro, anche le lo standing conta sempre. Ma questo non lo sappiamo.
    Dipende dall’idea e chi la porta avanti. Deve essere persona conosciuta e fidata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ...ed ora Silenzi !!! - 3 mesi fa

      Concordo, non confondere acquirenti con Advisor

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. policano1967 - 3 mesi fa

    Se questi so gli acquirenti nn fanno altro che consolidare la posizione di cairo.cmq aspettare e vedere nn costa niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. LeoJunior - 3 mesi fa

    Prendo spunto dalla conferma che arriva da questo articolo rispetto all’idea che mi sono fatto per raccogliere un pò di idee e reazioni a quella che potrebbe essere la provocazione alla quale saremo realmente sottoposti come tifosi. Fin da subito è stato chiaro che dietro questa iniziativa non può esserci un gruppo o una cordata che già è dotata di 100 milioni. Non avrebbero presentato la cosa in questo modo e non si sarebbero mossì con queste modalità.
    Quindi deve essere un’iniziativa “diversa” e il fatto che ci sia un advisor che si occupa di collocazioni in borsa e operazioni finanziarie (quindi non un advisor di peso che trova acquirenti) conferma questa mia ipotesi.
    Io credo che la proposta che andranno a fare è di aprire ad un azionariato popolare.
    E’ un’idea che ho già più volte lanciato su questo forum. Potrebbe essere strutturara in questo modo: caro Presidente, noi facciamo partire una raccolta di adesioni di azionariato. Se raggiungiamo i 100 milioni costituiamo un Fondo che entra nel capitale del Torino FC. Non per rilevarlo ma per sostenere ed avere una qualche voce in capitolo. Cairo tiene la maggioranza (aumentando a sua volta il Capitale Sociale, possibilmente anche con denaro fresco). Con i “nostri” 100 milioni, non avendo possibilità di decidere sulla gestione ordinaria (non avendo la maggioranza), facciamo gli investimenti. Questo perchè, a prescindere da come andrà la gestione, almeno resteranno al toro. Quindi stadio, Fila, strutture giovanili, etc.
    Non avendo la maggioranza non avremo maggioranza nel cda ma qualche membro sì, che farà da sentinella.
    Tra le condizioni quella di aumentare il peso della società e della struttura.
    Sarebbe una bella proposta alla quale Cairo avrebbe difficoltà a dire di no. Resta in sella, decide e qualcuno mette i soldi per gli investimenti. In cambio qualcuno che controlla che valori, strategie, etc. siano in linea con la nostra storia.

    E passo alla provocazione lanciando alla redazione l’idea di un sondaggio che potrebbe anche essere d’aiuto ai promotori dell’iniziativa.
    Facile mettersi nella posizione di chi aspetta la soluzione da altri potendo anche godere del diritto di insultare, criticare, chiedere la testa di chi non soddisfa le nostre aspettative. Avviene quotidianamente. Lo viviamo nella politica, locale e nazionale. Ma se veniamo chiamati in causa come reagiamo?
    Diciamo che è colpa degli Agnelli se non arriva lo sceicco? Bene, trasformiamoci noi nello sceicco di turno.
    Diciamo sempre di essere una tifoseria numerosa (ho sentito dire 1 milione di italiani) e affezionata (quindi disposta ad investire).
    Siamo giustamente critici e faremo meglio noi di chi c’è. Allora facciamo.
    Se tutte queste condizioni sono vere, non dovrebbero esserci problemi.
    Ma la cosa che mi piacerebbe di più se fosse questa l’idea è che dovremmo confrontarci con la realtà e non con le sbruffonate da tastiere. Dovremmo misurarci e vedere chi siamo veramente.
    100 milioni di euro non sono così tanti se i numeri e l’affetto che millantiamo sono veri. Sono 100.000 persone che mettono 1.000 euro, 200.000 che ne mettono 500 o avanti così. non arrivo al milione che mette 100 euro perchè considero il numero ridicolo.
    Ovviamente il numero e il contributo vanno giustamente considerati in proporzione alle proprie capacità finanziarie. Ogni persona si comprerà le quote che può e vuole.

    Ma il sondaggio che propongo qui e mi piacerebbe fosse esteso è: sei disposto a investire il 20% del tuo stipendio/compenso/reddito MENSILE nel progetto toro?

    Vediamo come reagiamo. Se non dovessimo aderire però ci autodisinnescheremmo. Con che diritto potremmo poi dare del braccino a Cairo se ci dimostrassimo più braccino di lui?

    Mi sa che si avvicina l’ora del giudizio …..

    Però sarebbe intrigante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 3 mesi fa

      Ciao, tu affideresti il Toro (e i tuoi soldi) a gente così? Un progetto del genere deve essere guidato e sponsorizzato da persone che siano totale garanzia rispetto ai tifosi non certo da questi 4 pagliacci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. marione - 3 mesi fa

        Non sappiamo chi ci sia dietro. Io mi chiedo; ma gente così, affiderebbe i propri soldi a Cairo?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      È un’utopia.
      E per quanto mi riguarda, pur con tutta la passione che nutro per il Toro, io non affiderei mai il 20% del mio (magro) stipendio nel “progetto Toro”. Per diffidenza e perché non posso permettermi un azzardo simile. E non puoi paragonare il braccino di Cairo, che è nel Toro per lucrare, per cui i 100 euro che potrei mettere io o altri tifosi sarebbero già 100 euro di più rispetto a quelli messi da Cairo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 3 mesi fa

        La mia provocazione è condizionata al fatto che la proposta sia seria, ovviamente e gestita da persone affidabili. Non sappiamo chi c’è dietro e non puoi dire che gli advisor sono gentaglia perchè non lo sappiamo. Un advisor è un consulente, non deve essere una multinazionale. Se hai capito l’operazione.
        Però vedo che iniziano le scuse , i se, i ma. Sono convinto che tutti quelli che scrivono Cairo vattene non metterebbero un euro.
        Stai sicuro che ognuno di noi butta ben di più del 20% dello stipendio mensile durante tutta una vita! Qui si tratterebbe di una tantum. E per il tuo Toro, anche se guadagni 1.500 euro, non metteresti 300 euro in tutta la tua vita?!
        Cairo braccino numero 1, ma credo che la fila sia lunga….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Rimbaud - 3 mesi fa

          Di fronte a persone riconosciute come affidabili 300 euro per il Toro io li metterei senza problemi

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. vanni73 - 3 mesi fa

      stando alle classifiche siamo circa 450.000 (non so se è un dato attendibile ma tant’è). se anche solo 40.000 innamorati cronici della maglia più bella del mondo ci mettessero la pecunia, farebbero 2500 euro a testa di media. così a naso, temo non sia percorribile.
      PS sarei senza dubbio uno dei 40.000, se servisse a qualcosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. gigioscal - 3 mesi fa

      Faccio parte come socio sostenitore dell’associazione TOROMIO che sta cercando da qualche anno di far passare ai vari governi una legge che faciliti e tuteli l’azionariato popolare nel calcio italiano, in collaborazione con altre associazioni legate ad altre squadre. Le quote previste per i soci veri e propri sono di 200€ all’anno, per i soci sostenitori come me 20€ all’anno. Non ha molta importanza arrivare a 100 milioni ma avere una legge che tuteli anche il minimo investimento che ogni tifoso decidesse di fare. Se qualcuno fosse interessato ad approfondire toromio.net

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      @LeoJunior:
      In realtà avevo capito che proponevi un 20% mensile dello stipendio, non una tantum. E ad ogni modo da tifoso 200km lontano da Torino dó già il mio contributo andando allo stadio 3 4 volte l’anno e con i vari abbonamenti a Sky etc. Detto ciò non voglio, anzi, non vorrei essere prevenuto ma non ritengo degni di professionalità i modi con i quali si sono presentati questi presunti acquirenti. Ho l’impressione nella migliore delle ipotesi che si tratti di una cordata debole e un po’ improvvisata. Nella peggiore che sia solo l’ennesima presa per i fondelli architettata dai soliti noti o da un qualche truffatore che vuol mettere le mani sul Toro approfittando della situazione. Se poi mi sbaglierò sarò contento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 3 mesi fa

        Daniele, so perfettamente che ognuno di noi in qualche modo contribuisce. E la mia provocazione voleva esserlo a prescindere da questa iniziativa che ha tutti gli elementi per essere una buffonata. Prendo solo spunto da questa novità per riproporre un tema: quanto saremmo disposti a metterci del nostro per sostenere il nostro Toro? Anche se continuo a pensare che per alcune realtà come la nostra possa essere realmente una ipotesi di lavoro. Noi grandi nomi, sceicchi e altro non credo ne vedremo e solo tirandoci su le maniche e difendendo in prima persona i nostri valori potremmo ottenere qualche cosa. Vorrei fossimo un piccolo Atletico Madrid

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

      @LeoJunior: la tua ipotesi/proposta/ è bella e sarebbe sensata. Ma solo se avvenisse nel migliore dei mondi possibile. E ormai mi sento tristemente disincantato e non penso che ciò che auspici abbia più possibilità dell’avvento di uno sceicco. Tutto qui. Sono con te, a parte il discorso sui contributi dati da Cairo vs con quello dato dai tifosi. Lui è l’imprenditore noi siamo i consumatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    Lo scorso anno a una manciata di punti dalla zona Champions.
    Scatta dunque l’operazione gobba “Affossare il Toro”
    1 – Ricacciarci in fondo alla classifica (fatto )
    2 – Creare malumori e divisione tra i tifosi (fatto )
    3 – promettere mari e monti e trasferimenti ad alcuni giocatori per poi deluderli e spaccare l’ambiente nello spogliatoio (fatto )
    4 – Non rinforzare il centrocampo e non prendere un DS (fatto )
    5 – Inventare improbabili acquirenti per facilitare la resa dei tifosi a Cairo (fatto )
    6 – Perdere 22 derby su 26 per accentuare la differenza con i gobbi e perdere giovani generazioni di tifosi (fatto. Il Toro è stato negli anni di Cairo la squadra con la quale i gobbi hanno fatto più punti ! )

    C’è la possibilità che il Coronavirus sia un virus naturale ma difficilmente contro il Toro non esiste un complotto gobbo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni bui - 3 mesi fa

      Cavolo … sembra il programma della Propaganda 2 (P2) di Licio Gelli …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  58. Steu68 - 3 mesi fa

    Ragazzi, anche questi non sono da meno rispetto ai nostri amici innovatori. Gurdatevi il sito. Un’altra bella scatola vuota, piena di sigle, ma zero contenuti. Il “management” sono 3 gatti messi in croce e non credo ci sia nessuna struttura alle spalle. Informazioni vaghe non verificabili anche sui loro curricula….bisognerebbe inondare la mail dell’annuncio con un semplice messaggio “GIU’ LE MANI DA TORO”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  59. Rimbaud - 3 mesi fa

    Mi chiedo solo se ci siano appigli o fattispecie tali per cui questi signori siano perseguibili per appropriamento indebito di simboli che per noi sono sacri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  60. spiritolibero - 3 mesi fa

    Progetto Gobba Taurinorum

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  61. Grande Torino - 3 mesi fa

    Ha,ha,ha. Tali gli ‘imprenditori’, tali ‘gli advisor’. Il nulla….Ma come si fa a montare una cosa del genere con certi personaggi…Mi sembra una sceneggiatura di vecchi film dei grandi Totò e De Filippo… Mi sto compisciando dal ridere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Il Sig. Console si dice sia anche proprietario della Fontana di Trevi 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 3 mesi fa

        Ma non era il Duomo di Milano?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  62. Rimbaud - 3 mesi fa

    Francamente sono disgustato da questo teatrino, difficilmente credevo potessero esistere personaggi come questi “innovatori”, figli di papà buoni a nulla che si prostrano con mille riverenze al solo nome degli ovini, servi a tal punto da definire John Elkann “un esempio”, così proni e appecorati da scrivere un comunicato stampa che per la sua pomposità ricorda un carme del seicento. Giullari e ruffiani di corte senza arte nè parte
    La cosa buona è che chi doveva presentare ha pensato bene perlomeno di cambiare location, la cosa negativa è che chiunque sia in contatto con questi innovatori per più di 2 minuti (il tempo di staccarsene con garbo) dubito possa essere persona seria(se lo fosse deve davvero considerare di ribaltare il suo ufficio stampa…).
    Tutto sembra congegnato ad arte all’unico scopo di far pubblicità a un paio di buffoni vogliosi di apparire e per restaurare Cairo come unico presidente in grado di fornire garanzie. Vedremo domani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  63. maxgemelli - 3 mesi fa

    Ciuccariello sotto mentite spoglie….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  64. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

    Da quello che nella mia ignoranza riesco a presumere mi sembra che in sostanza questo famigerato gruppo si occupi del nulla……Anche io penso che Cairo abbia fatto il suo tempo ma se devo tirarmi fuori dall’acqua per affogare nella merda ….Almeno parliamone…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  65. ...ed ora Silenzi !!! - 3 mesi fa

    Aspettiamo mercoledì. Perché si deve subito pensare che, per forza,qualcosa di poco chiaro,ci sarà.
    Non so se questa “cordata” è quella vera, ma è certo che Cairo vende,anzi ha già venduto.

    SEMPRE TORO ALE’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Steu68 - 3 mesi fa

      Fratello, non ho idea se Cairo venda oppure no. Se ci fosse una trattativa vera, con compratori veri e credibili, lo sapremmo solo a cose fatte. Le modalità di questa pagliacciata lasciano presagire nulla di affidabile. Forse una immane, peraltro riuscitissima, campagna pubblicitaria. Pensa da ieri quanti pirla come noi si sono dati da fare a postare commenti, navigare sui siti di questi signori, etc, etc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ...ed ora Silenzi !!! - 3 mesi fa

        Fratello Steu, quello che mi fa dire che abbia già venduto è la situazione insostenibile che ormai si respira,ma che soprattutto si vede fra tifosi e società. I segnali ci sono stati a gennaio. Nessun acquisto, vendita di giocatori (non gli intoccabili) che permettevano ancora di recuperare soldi…in sostanza recuperare il piu possibile senza perdere troppo il valore del club.
        Inoltre queste trattitive di cessione/acquisto quando escono, sono già state come minimo avviate,in questo caso già fatta.
        Quello che si leggerà in questi giorni sono solo per dare tempo alle verifiche dei revisori dei conti degli acquirenti.
        SEMPRE TORO ALE’

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  66. Steu68 - 3 mesi fa

    Vai Opi…attendo una tua riflessione 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  67. user-13658761 - 3 mesi fa

    Sempre qualcosa dei gobbi nasce il sospetto di un altro tentativo di una nuova era cimminelli per farci sparire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  68. Steu68 - 3 mesi fa

    “collabora con Borsa Italiana per supportare e far crescere le piccole e medie imprese italiane in ogni fase del loro ciclo di vita” che significa altra azienda che si occupa di “consulenza” fuffa…nulla di concreto, di affidabile, di credibile. E’ pazzesco come ci sia gente al mondo che si guadagna da vivere col nulla. E poi è pure della giuve 🙁

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  69. Dr Bobetti - 3 mesi fa

    Indubbiamente e tristemente si parte sempre male, Console tifoso della gobba…..
    Al peggio non c’è mai limite e questo non sia una giustificazione a Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  70. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Senza farmi particolari illusioni(troppe volte si è giocato in modo squallido sui sentimenti di noi tifosi ormai esausti)attendo con disincantata curiosità questa “conferenza stampa” a mio parere arma a doppio taglio:1 Dopo di me il diluvio potrebbe dire Cairo e quindi..2 Stanare Cairo che qualcosa dovrà pur dire…Certo se l’incipit è quello di “parlare” di Fares e Strafezza mi verrebbe da dire “Urbano lassa stà!”FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  71. tric - 3 mesi fa

    Urbano, resisti! Ti insultano? Non ti curar di lor …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-14275746 - 3 mesi fa

      Mi associo! Forza Toro e forza Urbano!
      Solo destabilizzatori da due soldi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. giacomom - 3 mesi fa

      Mi associo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Testadicairo - 3 mesi fa

      Meglio un calcio nei coglioni o uno nel culo? Vai urbano mira il coccige

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy