Torino, contro il Cagliari attesi i primi progressi e anche i primi punti

Verso il match / Granata ancora a zero punti. I sardi ne hanno 1, quello ottenuto all’esordio con il Sassuolo

di Andrea Calderoni

Torino-Cagliari si avvicina. La settimana della partita sta ufficialmente entrando nel vivo. I due allenatori non hanno ancora a disposizione diversi nazionali impegnati qua e là in giro per il mondo. 12 gli assenti tra le fila di Eusebio Di Francesco, 10 tra quelli di Marco Giampaolo. Il capitano granata Andrea Belotti ha fatto, però, ritorno stamane a Torino, essendo squalificato per la gara contro l’Olanda. Che match attendersi al “Grande Torino” davanti a mille tifosi (biglietti in vendita da domani, mercoledì 14 ottobre) domenica 18 ottobre alle 15?

ZERO PUNTI – Il Torino arriverà da una sosta senza partite ufficiali lunga tre settimane, complice il rinvio della gara con il Genoa. Sarà fondamentale comprendere se la squadra di Giampaolo avrà fatto alcuni passi in avanti rispetto alla sfida di Firenze e alla gara casalinga con l’Atalanta. Da quando è arrivato sotto la Mole, Giampaolo ha predicato tempo e un po’ tutti gli addetti ai lavori hanno sottolineato come gli automatismi del gioco di Giampaolo non sono assolutamente immediati. Ora, un po’ di tempo a disposizione il tecnico abruzzese l’ha avuto e vedremo se qualche segnale positivo arriverà. Anche per Giampaolo, crediamo, saranno 90 minuti importanti per comprendere come sta procedendo il processo di crescita della squadra. Inoltre, vedremo se avverrà l’inserimento degli ultimi acquisti, Bonazzoli e Gojak. Dopo sole due partite è prematuro parlare di classifica, ma è chiaro che contro il Cagliari il Torino dovrà cercare in ogni modo di togliersi da quello spiacevole zero.

TURIN, ITALY – SEPTEMBER 26: Torino FC head coach Marco Giampaolo
looks on during the Serie A match between Torino FC and Atalanta BC at Stadio Olimpico di Torino on September 26, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

PUNTO CAGLIARI – Di fronte ci sarà un Cagliari disposto, proprio come il Torino, a giocare a calcio. In tal senso è attesa una gara divertente e aperta. I sardi allenati da Di Francesco hanno inaugurato il nuovo corso con una campagna acquisti significativa ma hanno conquistato soltanto un punto nei primi 270 minuti. Il calendario non è stato agevole. Prima della sosta per le Nazionali, infatti, i rossoblù hanno perso contro Lazio e Atalanta. L’unico pareggio stagionale risale al primo turno: 1 a 1 casalingo contro il Sassuolo. L’andamento della partita appare ad oggi una grossa incognita per svariate ragioni, prima fra tutte la sosta per le selezioni nazionali con moltissimi giocatori di Torino e Cagliari impegnati in Europa e in Sudamerica e poi per lo spettro Covid-19. Sarà, comunque, il duello tra due allenatori amanti del bel gioco e dei principi di gioco. Da capire chi, però, tra Giampaolo e Di Francesco sarà riuscito a trasmetterli meglio da metà agosto ad oggi.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bastone e Carota - 6 giorni fa

    Giampaolo ha avuto tre settimane, ma si è dovuto accontentare di allenare “i resti” della squadra. Sui famosi automatismi non ha potuto lavorare con Rincon, Vojvoda, Linetty, Gojak, Lukic, Rodriguez, Buongiorno, Belotti, Sirigu e Ferigra. E poco con Bonazzoli arrivato sullo scadere del calciomercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. LoviR - 6 giorni fa

    Spero di vedere in campo con coraggio: Sirigu, Vojoda N’Koulou Bremer Rodriguez, Segre Lukic Gojak, Verdi Belotti Bonazzoli. Per me questa dovrebbe esere la squadra tipo salvo infortuni e spero che Giampaolo non sia così pavido da centellinare i nuovi acquisti. Più giocano insieme più si crea prima l’amalgama di squadra e se all’inizio questi dovessero perdere qualche partita non è un dramma, ma a gioco lungo verranno fuori. Forza Toro e cairo vattene!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 6 giorni fa

      Rincon e linetty sono due giocatori che GP vorrà sempre in campo. Poi la tua formazione è un 433 con nessun incontrista, contro una squadra che gioca bene palla a terra come il cagliari, figurati con squadre ben più attrezzate! GP cerca un sistema di gioco da applicare ad una squadra equilibrata nei reparti, una sintesi tra mhjailovic e mazzarri tanto per intenderci. Una difesa a 4 senza un buon interditore davanti alla difesa è un bel rischio e GP secondo vuole rincon li, non un regista.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paul67 - 7 giorni fa

    Un bel pareggio e si smuove la classifica, il nostro registra, tornerà oggi da oltre oceano dopo aver giocato 2 partite in 3 giorni, nn potrà essere al massimo della condizione e se teniamo conto che nn è un regista….. Insomma le premesse nn sono esaltanti,poi il campo è stato sistemato? Poi ci sono sempre i problemi cronici, Zaza, Verdi, Edera,Lyanco…….
    Mi chiedo come si possa vedere il bicchiere mezzo pieno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. barrieradimilano - 7 giorni fa

    FORZA RAGAZZI!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tommydado - 7 giorni fa

    Ma foto con espressioni più intelligenti del mister non ci sono proprio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. martin76 - 7 giorni fa

    Diciamo che potrei accontentarmi dei primi punti, poi ci fossero anche progressi nel gioco non mi farebbero schifo ma iniziare a muovere la classifica sarebbe fondamentale. Anche perchè 0 punti in 3 partite, per una squadra che si è salvata per il rotto della cuffia l’anno scorso, sarebbero una mazzata mica da ridere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Messere Granata - 6 giorni fa

      La partita con il Genoa è stata rinviata, ma evidentemente l’abbiamo già persa. Quando si dice la fiducia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 6 giorni fa

        Credo che intendesse quella contro il cagliari la terza partita, se dovesse andare male sarebbero 0 punti in 3 partite

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. abatta68 - 1 settimana fa

    tre settimane da dedicare all’allenamento atletico e tattico non sono poche ed era quello che serviva a GP, oltre a recuperare qualche infortunato. Bene anche la pausa della Nazionale, che comunque non ha stressato più di tanto i nostri, Belotti in primis. Dopo le infinite critiche a questa società (sacrosante!) è ora di tornare a correre e di vedere il Toro giocare. Per me rimane una squadra da 50 punti, ma quello che spero è di vedere un bel gioco, che valorizzi i calciatori, soprattutto i nuovi arrivati, oltre a rilanciare qualcuno dei vecchi che valgono molto di più di quello che non hanno fatto vedere lo scorso anno (Izzo, Nkoulou, Baselli, Verdi, Zaza,ecc)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy