Torino, rispetto al 2019 il monte ingaggi decresce di 3 milioni: ma in 5 anni è triplicato

Analisi / Nel 2016/2017 ammontava a 16,650 milioni, oggi supera i 50. L’anno scorso era 54 milioni (record dell’era Cairo)

di Andrea Calderoni

Il monte ingaggi totale (al lordo) 2020/2021 del Torino è pari a 51 milioni di euro, secondo La Gazzetta dello Sport. Vale precisamente 3 milioni in meno rispetto alla stagione 2019/2020, quando si attestava sui 54 milioni. Torna, perciò, a diminuire un dato che è sempre molto interessante da tenere in considerazione. I 54 milioni hanno rappresentato un record nella gestione Urbano Cairo, anche perché negli ultimi 15 anni lo stipendio medio di un calciatore è cresciuto. La squadra allenata da Walter Mazzarri nel 2018/2019 si fermava a quota 43 milioni, mentre quella di Sinisa Mihajlovic del 2017/2018 raggiungeva quota 45 milioni con Niang che affiancava Belotti e Sirigu nella casella dei più pagati.

IMPENNATA – Questi numeri non sono nemmeno lontanamente paragonabili a quelli del settembre 2016 per la stagione 2016/2017 o del settembre 2015 per l’annata 2015/2016. A quel tempo, infatti, ci si fermava rispettivamente a quota 16,650 milioni di euro e a 11 milioni di euro. Sono significativi in tal senso gli ingaggi percepiti dai giocatori granata nel 2016/2017: il più pagato era al tempo Ljajic con 1,4 milioni (oggi i più pagati sono Belotti e Sirigu, che percepiscono 2 milioni), seguito da Hart (1,2 milioni) e da Falque (un milione). Soltanto tre giocatori granata cinque stagioni or sono viaggiavano sopra il milione. Belotti addirittura si fermava alla cifra di 800mila euro (stesso stipendio di Castan per intenderci). Dunque, in un lustro il Torino ha dovuto conformarsi ai nuovi standard del calcio mondiale.

LEGGI ANCHE: Luca Asvisio: “Filadelfia, tra febbraio e marzo pronta la sala mensa”

LEGGERO CALO – È indubbio, tuttavia, che c’è stato un importante investimento di capitale da parte della dirigenza tra nuovi acquisti e soprattutto adeguamenti dei contratti. Proprio come tra settembre 2017 e settembre 2018, anche quest’anno rispetto all’anno scorso si nota una leggera flessione, favorita da alcune operazioni in uscita e da altre in entrata. Almeno a monte ingaggi, perciò, il Torino non dovrebbe combattere per la salvezza ma il dato dell’anno scorso resta un monito da non dimenticare: i 54 milioni del 2019/2020, investiti per giocarsi l’Europa, sono serviti a malapena per evitare una clamorosa retrocessione in Serie B, perché nel calcio e nella vita spendere tanto conta ma è ancora più importante spendere bene.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. GRANATA_11 - 1 settimana fa

    Vorrei ricordare al signor Calderoni che i dati del 2016 erano netti (16 circa), mentre quelli che ritiene triplicati al 2020 sono lordi (51 circa).
    Verificare prima di pubblicare, sennò lascia il dubbio che ci sia malafede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garnet Bull - 1 settimana fa

      Cosa pretendi, nelle cessioni non considerano nemmeno l’ammortamento, fanno le sottrazioni con i prezzi interi… Sono le basi, quindi o non ci fanno attenzione o non sono capaci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mimmo75 - 1 settimana fa

    Nell’articolo relativo al saldo del calciomercato (-2.6 milioni mi pare) chiesi di approfondire anche la questione stipendi per capire se la società aveva davvero fatto uno sforzo per migliorare la rosa e renderla adatta al gioco di Giampaolo. Beh, beh, beh! Le bugie hanno le gambe corte presidente! Gira e rigira scopriamo che a conti fatti fino in fondo la rosa non è stata completata a dovere ed è rimasto pure qualche soldo in saccoccia. Chapeau!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Garnet Bull - 1 settimana fa

    In alcuni casi gli stipendi elevati sono necessari per trattenere giocatori che comunque dal canto loro hanno dimostrato di valere quegli ingaggi, ovviamente parlo di sirigu e belotti che hanno quello step in più (anche più di uno) sia sul lato tecnico che personale. In altri casi invece buttiamo letteralmente via svariati milioni per giocatori che non restituiscono sul campo quanto ricevono… Un’altra cosa che non ho ben capito è stato il rinnovo di rincon alle stesse cifre del contratto precedente, oltre ovviamente al dover stipendiare ben 3 portieri di riserva

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy