Torino, i pagelloni di fine stagione – Longo 6: missione compiuta per il ragazzo del Fila

Torino, i pagelloni di fine stagione – Longo 6: missione compiuta per il ragazzo del Fila

I voti finali / L’ormai ex tecnico ha raccolto la squadra nel periodo più complicato dimostrandosi propositivo

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

L’esperienza di Moreno Longo sulla panchina granata è durata 16 partite. Il tecnico piemontese è stato scelto per raggiungere un obbiettivo che, al passaggio di testimone da Walter Mazzarri lo scorso febbraio, sembrava poter sfuggire dalle mani di Belotti e compagni: la salvezza. Con Longo il Toro ha centrato il traguardo piazzandosi 16° – la sicurezza è arrivata a sole due giornate dal termine, contro la Spal – e di questo va dato atto all’allenatore classe ’76. Il giudizio sull’operato del “ragazzo del Fila” può essere sufficiente, anche se nella sua gestione non sono mancati punti persi in modo spiacevole. Longo però ha ereditato una squadra senza carattere, e con il morale sotto ai tacchi, reduce dal dolorosissimo poker incassato a Lecce.

Il lockdown dovuto all’emergenza sanitaria gli ha concesso di entrare nella testa dei suoi giocatori e, pian piano, scacciarne le paure. Non è un caso infatti, che il primo punto di Longo sulla panchina granata sia arrivato dopo tre mesi di inattività. Così come la prima vittoria, raccolta nello scontro diretto contro l’Udinese appena tre giorni dopo e firmata ancora una volta dal Gallo. È stata la partita in cui io capitano granata ha iniziato la striscia di gol in sette partite consecutive: Belotti è secondo solo a Franco Ossola, in gol per otto partite di fila nel 1948. Se l’attaccante ha centrato questa striscia di gol qualche merito ce l’ha anche Longo, che evidentemente ha saputo metterlo in condizione di fare bene.

Il tecnico torinese, penalizzato dall’infortunio di Daniele Baselli, fermatosi ad inizio giugno, e con soli 17 giocatori di movimento (esclusi i giovani), ha dovuto fare di necessità virtù gestendo al meglio le forze in un format che prevedeva 13 partite in un mese e mezzo. Ha fatto spesso scelte coraggiose come far riposare Rincon e Nkoulou contro la Juventus, per poterne poi usufruire nello scontro diretto con il Brescia la giornata successiva. E sotto la guida di Longo, giocatori molto deludenti fino a quel momento come Meité, Verdi e Zaza hanno ritrovato una propria dimensione, risultando in alcune occasioni, importanti. È vero che la classifica post-Covid non è dalla parte dell’ex tecnico granata, dal momento che i suoi uomini hanno raccolto 13 punti in altrettante giornate, piazzandosi così quartultimi sopra Lecce, Brescia e Spal in questa particolare classifica. Però far meglio di così era difficile. L’impressione è che, in condizioni normali e con più tempo a disposizione, Longo avrebbe potuto rendere più rosea la stagione del Toro. Intanto, il tecnico ha compiuto la missione-salvezza mantenendo pulita la sua “fedina” granata.


LEGGI ANCHE:
Torino, i pagelloni della stagione – Mazzarri 5, è il naufragio del suo progetto tecnico

LEGGI ANCHE: La classifica post lockdown: il Torino è quartultimo. Peggio solo Lecce, Brescia e Spal

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. leggendagranata - 1 mese fa

    Ritengo il 6 un voto giusto per quello che ha fatto Longo, cui molto si perdona,ma francamente da lui mi aspettavo qualcosa di più. E’ stato diligente, si è applicato, ma gli è mancato soprattutto inizialmente il coraggio di cambiare l’ asfittico gioco mazzarriano. Solo dopo il lungo lockdown ha adottato in molte partite la formula d’ attacco con Belotti-Zaza-Verdi, quella che ci ha permesso di raccogliere i punti (non molti per la verità) indispensabili a salvarci. Non una grande impresa, visto che la nostra rosa era sicuramente superiore a quella delle tre squadre retrocesse e anche a quella del Genoa. Anche l’ impiego di un giovane interessante come Singo, che come si è visto avrebbe potuto dare maggiore dinamicità alla manovra, è avvenuto solo a salvezza raggiunta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rimbaud - 1 mese fa

    Spero che abbia l’occasione di dimostrare altrove il suo valore. Persona equilibrata e preparata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Junior - 1 mese fa

    6 è ingeneroso per una persona chiamata all’ultimo momento a gestire una situazione non creata da lui e alla fine pure cacciato, nonostante aver raggiunto l’obiettivo. Ricordo negli anni passati le stesse situazioni e siamo quasi sempre scesi vergognosamente in B, umiliati da tutti.
    Moreno si merita almeno un 7 per quello che ha fatto e soprattutto per aver dimostrato che esiste ancora un cuore toro. Si proprio quel cuore toro che la maggior parte dei nostri giocatori attuali non sa nemmeno cosa significa. FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      “Cuore Toro che la maggior parte dei nostri giocatori non sa memmeno cosa significa”, ma non solo dei nostri giocatori.
      Spesso ho letto di “nostalgici” come noi che ne parlavano e di tifosi come noi che ne ridevano.
      Di tifosi che ci accusano di essere legati al passato, lontani dai tempi moderni, non pragmatici.
      Di tifosi che dicono: “io me ne frego del sentimentalismo, io voglio solo vincere, vincete e basta,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 1 mese fa

        “Vincere in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo”, così come i nostri “cugini” e molti tifosi di molte altre squadre ci insegnano!
        Squadre che sono ormai solo più delle imprese, delle società spesso multinazionali che devono produrre reddito, e per questo scopo “vincere”, ribadisco amaramente, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo.
        Bando ai sentimentalismi e alle vecchie tradizioni, a quelle tradizioni che da sempre, da più di un secolo a questa parte, hanno fatto del Toro una squadra diversa da tutte le altre..
        Grazie, signor Longo, per aver dimostrato a noi “vecchi” che anche al giorno d’oggi esiste ancora qualcuno che crede in quei sentimentalismi e in quelle vecchie tradizioni e che si impegna ancora, con dignità ed onore, a cercare di metterli in pratica.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WGranata76 - 1 mese fa

    Chi da giudizi negativi evidentemente non ha mai giocato a calcio aldilà del parchetto e tantomeno fatto uno sport agonistico di squadra a livello professionale.
    Un allenatore ha tantissimi aspetti da curare ed sostanzialmente sia un manager che un progettista, perché deve saper gestire risorse, anche umane, e soprattutto impostare obbiettivi e strumenti per raggiungerli. Forse si tende a sottovalutare il valore e l’importanza del ruolo di un allenatore, ma non è vero che chiunque con uno squadrone vince, mentre è più probabile che un ottimo allenatore con risorse limitate sappia comunque impostare e raggiungere obbiettivi concreti.
    Ora andiamo nello specifico. Mazzarri ha avuto una rosa a disposizione per un anno e mezzo e nessuno degli elementi a disposizione nelle sue mani è migliorato in questo suo secondo anno, anzi ci sono state tante involuzioni e non da poco. Poi è vero che con la nostra società ci sono oggettive difficoltà di gestione del mercato e molti ostacoli ad impostare obbiettivi con il poco che si ha a disposizione, ma comunque la gestione dello spogliatoio e dell’umore dei giocatori è stato pessimo ed è evidente dalla curva discendente dei risultati e da come hanno affrontato Dea e Lecce.
    Poi il mercato di gennaio assente è anche responsabilità di Mazzarri, che quanto meno avrebbe dovuto opporsi ad una vendita insensata senza acquisti, ma non lo ha fatto.
    Anche la preparazione estiva è stata evidentemente carente e questo ha influenzato tutto il campionato. I nostri giocatori sono stati troppo carenti dal punto di vista atletico per buona parte del campionato e, pur con attenuanti della gestione sbagliata di Cairo sull’EL, è una responsabilità di allenatore e staff la preparazione.
    Passiamo a Longo. Cosa ha trovato quando è arrivato? Uno spogliatoio fatto da giocatori svuotati di ambizioni, obbiettivi e lasciati a se stessi da allenatore e società. Giocatori fisicamente non al meglio e tatticamente poveri di idee e, questo anche per la visione di gioco molto fisica di Mazzarri. I risultati erano deprimenti e la società non proteggeva i giocatori, responsabili anche loro, dalle critiche della piazza. Longo è arrivato nella peggiore condizione possibile, ossia con una rosa non costruita da lui, impostata per un gioco fisico che lui non predilige e con il morale a terra. Inoltre non ha potuto avere continuità di allenamento a causa del lockdown e il campo e l’allenamento sono le cure migliori per i giocatori, sempre.
    Da queste condizioni Longo ha fatto 13 punti, che sono pochi vero, ma non si poteva fare molto di più. Ha anche, agli occhi di chi conosce il calcio, abbozzato schemi di attacco e aumentato il numero di giocatori costantemente in area, ma ovviamente con la scarsa qualità tecnica in mediana è difficile alzare i risultati. Infatti è aumentata la produzione offensiva del 30-35%, ma sbagliando spesso l’ultimo tocco non si realizzano i gol a dovere. Queste trasformazioni di gioco richiedono tempo e la possibilità di avere i giocatori a disposizione da tempo.
    Il risultato è stato raggiunto con quei punti, mentre Mazzarri che aveva due risultati li ha fallito clamorosamente tutti e finendo anzi tempo.
    Per quello che posso osservare Longo ha grandi meriti nella salvezza e ha fatto tutto il possibile con il materiale a disposizione e credo che diventerà presto un buon allenatore da serie A, ha mostrato di avere determinazione e preparazione a sufficienza, manca solo la fiducia di una società che gli dia una occasione e una rosa decente, il suo Frosinone non faceva testo dove Molinaro era il top player…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 1 mese fa

      ..pazzesco hai scritto tutto quello che pensavo anch’io..aggiungo x chi ha scritto e fatto notare che Longo ha fatto meno punti di Mazzarri forse dimentica che la rosa corta a gennaio è diventata striminzita dopo le cessioni e soprattutto dimentica un baselli in meno (infortunio e stagione finita) ed un rincon spremuto come un limone… Mazzarri col kazz che faceva 27 punti senza baselli e con un rincon cosi’!!!…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

    Chi critica Longo nascondendosi dietro i semplici numeri non è corretto.
    Mazzarri ha fatto 27 punti, tutto vero,Longo ne ha fatti 13, nulla da eccepire, ma se Mazzarri ha dovuto lasciare evidentemente c’erano problemi che andavano ben oltre i risultati. Chi dice che Longo per poco ci manda in B io credo non si sia reso conto che con la testa e lo spirito i nostri “eroi” erano già in B e ci stavano andando diritti anche con il corpo, oltre che con lo spirito…Io credo che dal punto di vista mentale Longo ha compiuto un vero miracolo, aiutato anche finalmente dalla presenza di un DS vero altrimenti in quelle condizioni nemmeno guardiola ci avrebbe salvato…Ovviamente sono d’accordo con chi afferma che non è stato “trombato ” , aveva un contratto a termine, lo sapeva, lo ha accettato e infatti ha preso atto di tutto senza ombra di polemica, un vero Signore. Aggiungo solamente che fra le critiche e i dubbi su Moreno ci sia la poca esperienza in serie A , ora io non voglio fare paragoni antipatici ma qualcuno mi spiega che esperienza ha Pirlo da allenatore in serie A????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      E, oltre a Pirlo, in un paio d’anni a questa parte, Inzaghi, e Gattuso e gli altri giovani allenatori dell’era-Longo??
      Tutti hanno raccolto ottimi risultati: perché??
      Forse perché è stata data loro fiducia??
      Le altre squadre hanno allenatori quarantenni con i fiocchi e giocatori ventenni con i fiocchi perché hanno “osato”.
      Il Toro fa ricorso da sempre
      all’ “usato sicuro”: allenatori che hanno molto raccolto, e non hanno più nulla da dare, vedi Mazzarri, qualche anno fa persino il “decano Ulivieri” o allenatori già navigati, ma con tanti insuccessi e licenziamenti alle spalle, tipo Giampaolo.
      Spero ardentemente che questa volta vada bene, che questo signore sia l'”uomo giusto” per noi..
      Però “buttarci” per una volta pure noi, e rischiare con gli “outsiders”, come syanno facendo tante tra le squadre più importanti, non mi sarebbe affatto dispiaciuto!!!
      Al Signor Longo rinnovo oer l’ennesima volta i

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 1 mese fa

        Scusate.
        Al signor Longo rinnovo per l’ennesima volta un infinito “grazie” per aver letteralmente salvato il “nostro”, il “suo” Toro!
        Grazie, grazie, grazie, con riconoscenza infinita.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. eurotoro - 1 mese fa

          ..lo penso anch’io! letteralmente salvati dalla b! dopo lo 0-7 con l’atalanta era chiaro che tutti avevano mollato e gia con la testa altrove..arduo motivare e stimolare chi ha gia deciso di cambiare aria..lui ci e’ riuscito! orgoglioso di questo allenatore fratello granata e siccome a gattuso ed inzaghi gli danno fiducia ma anche fior di giocatori di classe..io dico che è meglio x lui così!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14287754 - 1 mese fa

    grazie Moreno era una missione difficile!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fantomen - 1 mese fa

    Ma come 6 …..venuto per migliorare la situazione è a momenti ci manda in B ……e noi gli diamo 6 ……5 a Mazzarri che ha fatto 27 punti …….per me era da 5 Mazzarri e 3 Longo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mimmo75 - 1 mese fa

    Media punti da ultima in classifica… dovessimo giudicarlo in base ai freddi numeri sarebbe da bocciare senza appello. In realtà ha salvato il salvabile spremendo l’ultima stilla di dignità rimasta a sta banda di mercenari (salvo pochissime note eccezioni) e accettando per amore del Toro un contratto che altri avrebbero strappato in faccia a Cairo. Trombato senza pietà dal presidente che lo ha usato come un rotolo di carta igienica. 10 e lode Moreno, a presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 1 mese fa

      Concordo fino a…”accettando per amore del Toro..”… Tutto giusto fin lì ma poi…
      Si entra nel campo delle speculazioni, dei “sentito dire”, dei “forse, però, dato che…”…
      Quello che è certo è che Moreno ha accettato SENZA essere costretto né sotto minaccia né sotto tortura, quindi ha accettato perché “Amo il Toro e per me è stato come un sogno che si realizza”, parole Sue E NON inventate o riportate da “amici che conoscono ecc…ecc…”
      Sapeva bene che era un contratto a termine, esattamente come Bava sapeva che la Sua “promozione” a DS prima squadra (che fra l’altro non c’è mai stata ufficialmente..) era PRO TEMPORE, quindi ENTRAMBI “non sono stati trombati” ma semplicemente una volta terminato con successo il compito Loro affidatogli sono usciti DA PROFESSIONISTI SERI quali sono….
      Noi, come tifosi, possiamo poi scrivere che ci sarebbe piaciuto che Longo restasse (IO PER PRIMO) con una squadra presa in mano dall’inizio e scelta/fatta DA LUI e non “ereditata”, ma da qui a dire che “è stato trombato” ce ne passa, proprio come sostenere che NESSUN ALTRO avrebbe accettato di prendere il Toro come invece ha fatto Lui, ci sono prove per sostenere questo? No, sono solo pensieri/congetture nostre, da tifosi….
      Ma va bene così, cerchiamo adesso di non cominciare a SPUTARE VELENO prima ancora di cominciare, OK?
      FV♥G!! SEMPRE!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 1 mese fa

        Quali congetture, scusa? Sono fatti. Moreno ha sperato fino all’ultimo di essere confermato, avendo raggiunto un risultato difficilissimo. Lo ha detto e ripetuto fino all’ultimo secondo. Tutti i contratti sono protempore, avendo una scadenza. Cairo ha tutto il diritto di gestire il Toro come più gli aggrada, visto che suo è il rischio d’impresa. Un diritto che neanche una volta, nemmeno per sbaglio, in oltre 3 lustri ha esercitato tenendo sinceramente conto dei sentimenti dei tifosi del Toro. Sempre e solo freddo calcolo imprenditoriale. Le volte che ha colorato di granata le sue scelte lo ha fatto per necessità contingente, per calmare la piazza e non per accoglierne sinceramente le istanze. Moreno è solo l’ultimo esempio in materia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. bertu62 - 1 mese fa

          @Mimmo75, non hai letto bene oppure fai finta di non capire….
          Non importa, ne approfitto per ribadire il concetto: i fatti sono fatti, ciò che non è dimostrato non è un fatto, è una congettura…
          Che Moreno abbia salvato il Toro dalla retrocessione E’ UN FATTO,
          quando dici che “altri avrebbero strappato in faccia a Cairo il contratto che ha firmato” invece FAI UNA CONGETTURA, non supportata da nessun dato dimostrato/dimostrabile, esattamente come come affermi che “(Longo) è stato trombato senza pietà ed usato come carta igienica..”, FAI UNA CONGETTURA, anzi peggio, SPACCI DELLE TUE IDEE COME SE FOSSERO FATTI….
          Ora, posso essere d’accordo con Te su molte cose ma su questo di “accomodare” la realtà a nostro piacimento no….
          Cairo deve lasciare il Toro, passare la mano, cedere il club, insomma se ne deve andare, e lo farà perché NESSUNO è eterno, ma questo “spalare c**a” indiscriminatamente su ogni cosa che riguarda il Toro non mi appartiene, non mi ci riconosco né tantomeno mi ci identifico, e oltretutto non è questa la maniera giusta per farlo “mollare”, anzi, più lo si attacca frontalmente è più si arrocca e si fa passare per vittima, ma questo non viene capito dai più, e così sta storia chissà per quanto andrà avanti…
          FV♥G!! SEMPRE!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BACIGALUPO1967 - 1 mese fa

            Lei invece spaccia sue idee come fossero dogmi!!
            Signor Bertu62 umiltà!

            Mi piace Non mi piace
  9. Bischero - 1 mese fa

    Longo sei… Mazzarri 5….me cojoni. Se faceva 27 punti gli davate 11?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 1 mese fa

      Infatti…Ahahah Ahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. spiritolibero - 1 mese fa

    Per me voto troppo basso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Gallochecanta - 1 mese fa

    Va tutto bene per carità, Mazzarri 5, che ha fatto 27 punti e Longo 6 che manco con l’ultima in classifica già retrocessa è riuscito ad impostare una partita decente. Eh ma la rosa corta voluta da Mazzarri, etc etc come se Mazzarri scientemente volesse pochi giocatori e scarsi (semplicemente avrà avallato l’allontanamento di gente inutile come Laxalt, Iago, Parigini) e preso atto della taccagneria societaria.
    Dai, massima simpatia per Longo, uomo di un’educazione straordinaria e grande in bocca al lupo per il futuro, ma non era pensabile confermarlo, direi guardando i risultati, la sua esperienza la metto al pari di quella di Lerda, altro trombato del Filadelfia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Cuore granata 69 - 1 mese fa

    A Longo dico grazie,ha preso lo spogliatoio dopo uno 0 a 7 contro l’Atalanta eun 4 a 0 con lecce dove non vi era ombra di reazione e voglia di lottare.ha perso 2 partite alla portata di sto toro doria in casa e cagliari,le altre contro squadre più forti e che stavano messe tutte meglio in classifica.Ha rimarcato non era facile salvarsi e io gli credo.quello che deve essere successo in quello spogliatoio dopo le sconfitte prima citate noi non lo sapremo mai.ha vinto le partite che doveva.ha portato la nave in porto.avendo pochissimi giocatori a disposizione e giocando ogni 3 giorni,spero trovi una sistemazione con una squadra scelta e fatta da lui per dimostrare che può far bene a sti livelli,glielo auguro di cuore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Steu68 - 1 mese fa

    Tra tante parole e giudizi direi che quella più appropriata sia semplicemente “grazie”. Spero che le strade si incrocino nuovamente in un prossimo futuro in tempi e modi diversi. In bocca al lupo Moreno. Arrivederci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. maxx72 - 1 mese fa

    Minimissimo sindacale, non un punto di più. Io direi che è stato bravissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Bastone e Carota - 1 mese fa

    Non so giudicare i meriti o i demeriti di Longo, che si è trovato a guidare una banda di zombies in mezzo al covid. Squadra che non ha scelto e che non ha preparato lui per il campionato. Il giudizio rimane sospeso in attesa di future prove.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Donato - 1 mese fa

    Ancora due partite e si andava in B con media punti raccapricciante. Davvero una gran missione!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy