Torino, il pagellone di fine 2020: Izzo 5.5, è il più grande paradosso granata

I voti / Doveva partite, è rimasto. Sembrava un separato in casa, è tornato decisivo con Bologna e soprattutto Napoli. Siamo di fronte ad un percorso altalenante senza un vero senso logico, proprio come la stagione del Torino fin qui

di Andrea Calderoni

Sotto le Feste su Toro News torna l’appuntamento con i pagelloni di fine anno: a ogni giocatore assegneremo un voto che riassuma la prima parte della stagione 2020/2021, ossia il periodo che va da settembre a dicembre. Buona lettura


Si può definire Armando Izzo il più grande paradosso della prima parte della stagione granata? Probabilmente sì. Era il primo della lista dei giocatori in uscita in estate, è rimasto perché nessuno è riuscito a soddisfare le richieste economiche del presidente Urbano Cairo, poi è stato per gran parte del tempo ai margini, un po’ perchè il modulo iniziale non era il più adatto per lui e un po’ per alcuni problemi fisici. Marco Giampaolo gli ha concesso poco spazio e appariva sempre più indiziato ad abbandonare Torino nell’imminente sessione invernale di calciomercato. Ecco, però, le ultime due titolarità e le due prestazioni convincenti dapprima contro il Bologna e poi soprattutto nella “sua” Napoli. Dunque? Siamo veramente di fronte ad un percorso altalenante senza un vero senso logico. Per questo Izzo rappresenta meglio di ogni altro il Torino 2020/2021 visto finora, ancora molto lontano dalla strada maestra.

PARTITA TOP – La sua miglior partita è stata la sua quarta del suo campionato, la sua quinta della sua stagione, quella al “Diego Armando Maradona” di Napoli. Una prestazione convincente sotto tutti i punti di vista. Izzo è stato determinato e decisivo sia in fase difensiva che offensiva. Per una notte è tornato punto di riferimento del Torino. Già contro il Bologna i segnali erano stati incoraggianti, ma con il Napoli Izzo ha risalito un altro paio di gradini, e questo può incidere anche sul suo futuro, che comunque tutt’ora pare un rebus da risolvere in un senso (rilancio definitivo) o nell’altro (cessione).

FLORENCE, ITALY – SEPTEMBER 19: Armando Izzo of Torino FC in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on September 19, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

PARTITA FLOP – A Firenze nella prima giornata del campionato 2020/2021 ha sofferto molto da laterale difensivo nella difesa a quattro. Castrovilli, d’altronde, segnò anticipandolo sul secondo palo. Una prestazione grigia per un avvio di stagione letteralmente in salita. Dopo un lungo stop il 12 dicembre un po’ a sorpresa è stato gettato nella mischia al 1′ della ripresa contro l’Udinese. Complice l’esito nefasto della gara, i suoi sorrisi all’uscita dal campo erano apparsi fuori luogo e apparivano un ulteriore indizio sulla fine del rapporto tra il difensore napoletano e il Torino. Ma, poi, ecco, come detto, le prestazioni contro Bologna e Napoli in grado di cambiare le carte in tavola e capaci di aprire mille interrogativi sul futuro di Izzo.

NAPLES, ITALY – DECEMBER 23: Elseid Hysaj of SSC Napoli is challenged by Armando Izzo of Torino during the Serie A match between SSC Napoli and Torino FC at Stadio Diego Armando Maradona on December 23, 2020 in Naples, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

VOTO – Fatte tutte queste considerazioni, come valutare la prima parte di stagione di Izzo? Il voto è un 5.5. Da lui ovviamente è lecito attendersi molto di più. Se rimarrà al Torino, parte delle fortune o delle sfortune granata da gennaio in avanti dipenderanno dal suo rendimento. Izzo è stato un giocatore imprescindibile all’inizio della gestione di Walter Mazzarri, poi dall’anno scorso un calo prestazionale preoccupante che è coinciso con il crollo del Torino sotto tutti i punti di vista. Tuttavia, pensando solo alla stagione attualmente in corso, merita mezzo voto in più rispetto al 5 perché è stato ostacolato da diverse problematiche fisiche che l’hanno tenuto ai box.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. renato (quello vero) - 4 settimane fa

    Pienamente d’accordo con @olivia, Izzo è un signor difensore che nel suo ruolo ha pochi eguali in Italia quindi sarebbe bene che un allenatore (chiunque esso sia) imparasse ad utilizzarlo in modo utile e non soltanto occasionalmente.
    Non ho mai creduto che remasse contro la squadra e mi sembra che contro il Napoli lo abbia dimostrato.
    Quando si esprime un’opinione (sia da parte dei tifosi che dell’allenatore, cosa più importante) forse bisognerebbe valutare anche il contesto nel quale certe prestazioni non proprio esaltanti sono avvenute.
    Per me da tenere ASSOLUTAMENTE, ho già detto in altri post che la nostra rosa non è così scarsa come la si dipinge, bisogna però sfruttarla meglio di quanto si sia fatto finora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. olivia - 4 settimane fa

    A parte che Castrovilli non lo ha seguito Meite’ a Firenze con Izzo abbiamo preso un goal solo e perso per quello sciagurato di ZAZA UNA BESTIA.Dopo senza Izzo abbiamo preso goal a grappoli.IZZO lo sappiamo e’ il migliore esterno basso destro italiano.Da non cedere assolutamente.In difesa possiamo dare via tutti gli altri non IZZO.Aquei bastardoni milanisti per Krunic gli possiamo dare Voivoda Bremer o Lyanco non certo IZZO.Cairo devi svegliarti .Di calcio vai a scuola da Moggi che come conoscenza di giocatori non ha eguali.IZZO voto 7.GIAMPAOLO voto Zero.Se abbiamo preso 32 goal una cosa indegna,e’ hanno sempre giocato Lyanco e Bremer a quel coglione di GIAMPAOLO non gli viene niente in mente.?D’ accordo che di calcio non capisce un cazzo ma essere proprio imbecilli totali e’ il colmo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 settimane fa

      Sono d’accordo. Sullo scambio alla pari Izzo-krunic ci rimetteremmo.
      Già abbiamo la grana N’Koulou che deve andare via dalle palle. Non possiamo permetterci di perdere un altro difensore ..con questa difesa. I due brasiliano insieme non vanno bene. Ogni tanto puntualmente si fanno una dormitina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy