Torino, con l’Udinese il rilancio di Bonazzoli: ora deve dimostrare il suo valore

Focus On / L’attaccante è entrato in campo contro l’Udinese dimostrando grande determinazione: ora va a caccia di un posto da titolare

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

In un periodo difficile come questo, il Torino si aggrappa a tutto ciò che può. Oltre all’instancabile Andrea Belotti, ci potrebbe essere un’altra luce di speranza in attacco, che porta il nome di Federico Bonazzoli. Il giocatore ex Sampdoria si candida fortemente per vestire la maglia da titolare contro la Roma, dopo il suo buon impatto nell’ultima gara contro l’Udinese.

SCOSSA – Dopo le prime partite assolutamente appannate, con errori che pesano anche nell’economia del campionato – come il gol divorato contro il Crotone nei minuti finali – pare essere arrivata la scossa che ci si aspettava da Bonazzoli. Il mister Giampaolo ha scelto lui per sostituire un Simone Zaza impalpabile nel primo tempo contro l’Udinese, ottenendo ottimi risultati. L’attaccante è entrato in campo con il piglio giusto, con il fuoco negli occhi, andando subito a far spallate nell’area di rigore avversaria. Proprio da una sua iniziativa di disturbo a Samir è nato il primo gol di Belotti, poi l’ex Sampdoria ha capitalizzato al meglio con il sinistro il grande assist del Gallo (di tacco) un minuto dopo.

MERITO – Gli va dato atto che è stato l’unico, sempre insieme al Gallo, ad averci creduto da quando è entrato in campo. E per questo si potrebbe meritare una maglia da titolare contro la Roma. Ma questo premio non dovrà essere affatto una distrazione: Bonazzoli deve sicuramente trovare una continuità di rendimento, non è sufficiente un buon secondo tempo contro l’Udinese per affidargli l’attacco insieme a Belotti in pianta stabile. L’ex Sampdoria si trova di fronte ad una partita chiave per la sua stagione. Con una buona prestazione contro i giallorossi, si candiderebbe a diventare un titolare di questo Torino.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 mese fa

    Bonazzoli mostra perlomeno una lucidità sotto porta del tutto assente in Zaza. Se son rose fioriranno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy