Torino, la carriera di Mandragora: infortuni e risalite per l’ex capitano dell’Under 21

Profilo / Due gravi stop, uno per un problema al piede destro, l’altro più recente per la rottura del crociato. Di proprietà della Juventus dal gennaio 2016

di Andrea Calderoni

PRIMI PASSI

Baselli

Rolando Mandragora è diventato un giocatore del Torino in prestito con obbligo di riscatto. Detto della sua duttilità dal punto di vista tattico (LEGGI QUI), ripercorriamo la carriera del centrocampista nato a Napoli il 29 giugno 1997. Mandragora muove i suoi primi passi da calciatore nel Genoa. Con i rossoblù completa il proprio percorso giovanile, raggiungendo la squadra Primavera. Talento particolarmente precoce, con i liguri, allora allenati da Gasperini, si affaccia in Serie A – addirittura da titolare in una sfida casalinga contro la Juventus, che poi diventerà proprietaria del suo cartellino – ad appena 17 anni e 4 mesi. E’ la stagione 2014/2015 e Mandragora chiude il suo primo campionato tra i professionisti con 5 apparizioni per un totale di 131 minuti. Gli anni genovesi, tra l’altro, corrispondono con la sua gavetta nelle Nazionali giovanili azzurre. Inizia con l’Under 17, poi passa in Under 18, quindi per una decina di partite in Under 19 e per sette in Under 20, prima di diventare un punto di riferimento dell’Under 21 tra il 2015 e il 2019.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottobre1955 - 3 settimane fa

    Salabria a me pare più un 3/4 che una prima punta, le caratteristiche tecniche di sposano bene con il Gallo, salta l’avversario, crossa e sa tenere palla . Mandragora e ‘ dal 2018 a Udine e anno dopo anno è migliorato, ha avuto un brutto infortunio ma per età e carattere ha recuperato bene. Sulla carta sono due buoni acquisti utili per il girone di ritorno. Speriamo bene perché le difficoltà non mancheranno e sarà importante mantenere nervi saldi e calma. Sempre FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese Granata - 3 settimane fa

      Se scrivi SaLabria, devi scrivere anche MandragoLa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ottobre1955 - 3 settimane fa

        Permaloso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. FORZA TORO - 3 settimane fa

        già fatto io ieri 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. LeoJunior - 3 settimane fa

    Purtroppo ci tocca fare un esercizio difficile di sdoppiamento della personalità. Se pensiamo a come agisce male la società sia per tempistiche che per mancanza di programmazione allora non riusciamo a non farci coinvolgere negativamente e rischiamo di compromettere anche i giudizi più strettamente “di campo”. Quindi dobbiamo astrarci ogni tanto e fare finta (!! difficile!!) di non sapere quello che è la nostra società e analizzare quello che accade.
    I due acquisti non sono per nulla male. Hanno età giusta e potenziale di indubbio livello. Ovvio, per diversi motivi hanno elementi di rischio/scommessa. Però in prospettiva, se ne avremo!, non sono male per nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FORZA TORO - 3 settimane fa

    speriamo questa volta di aver quantomeno imbroccato gli acquisti,miracoli non li possono fare,forza Rolando,un nome da buoni ricordi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Junior - 3 settimane fa

    nessuno mette in dubbio Rolando sia un buon giocatore. ma non mi concentrerei su cosa ha fatto ma su quello che puó fare per noi. forza rolando!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy