Torino, Meité in versione mezzala: il francese prova a restare protagonista

Torino, Meité in versione mezzala: il francese prova a restare protagonista

Focus on / Il francese dovrà ripetersi sui livelli post-lockdown. Contro il Novara ha iniziato da titolare e con il piede giusto

di Andrea Calderoni

Soualiho Meité ha iniziato il nuovo corso di Marco Giampaolo titolare. Contro il Novara nella prima amichevole stagionale del Torino ha ricoperto lui il ruolo di mezzala destra dal primo minuto. Tra l’altro, si è disimpegnato piuttosto bene, dimostrando di essere tornato abbastanza in forma dalle vacanze agostane. A proposito d’estate, è stata certamente molto positiva per il francese. La fase post-lockdown l’ha visto assoluto protagonista nel Torino di Moreno Longo. Insieme a Gleison Bremer, è stato colui il quale ha elevato maggiormente il livello delle proprie prestazioni.

LEGGI ANCHE: Torino, Giampaolo: “Per ora sono contento. Al Filadelfia si respira la storia”

BUONA LA PRIMAA differenza di Tomas Rincon regista, Meité mezzala contro il Novara ha piuttosto convinto. Ora, però, starà a lui fare ulteriori passi in avanti per assicurarsi dapprima la permanenza in granata (ad oggi dovrebbe rimanere, ma è risaputo che in periodo di calciomercato tutto può sempre accadere) e poi un posto da titolare nello schieramento di Giampaolo. Diciamo che chi ben comincia è alla metà dell’opera e Meité ha mosso bene il suo primo passo nella nuova annata.

LEGGI ANCHE: Giampaolo studia la trequarti: Falque, Berenguer e Verdi possono adattarsi ma…

SENZA LUKIC – Ad oggi, 31 agosto, è lui primo nelle gerarchie granata nel ruolo di mezzala destra (a sinistra Karol Linetty) e il match amichevole di sabato l’ha confermato. C’è da dire che, però, non ha sfidato gli azzurri Sasa Lukic, alle prese con un affaticamento. Il serbo può essere una valida alternativa di Meité. Inoltre, anche dal mercato in entrata del Torino potrebbero arrivare ulteriori novità che aumenterebbero la concorrenza per il francese classe 1994 pronto ad iniziare la sua terza stagione sotto la Mole. Starà perciò al transalpino nato a Parigi dimostrare a Giampaolo che può essere il tassello giusto nella mediana granata, riprendendo un percorso che sembrava essersi interrotto e che invece questa strana estate ha illuminato di nuovo.

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bischero - 1 mese fa

    Il ragazzo non ha il passo per giocare a ritmi elevato per 90 minuti come mezzala. Ma visto che si vuole adattare tutti ci sta che venga messo lì. Se qualcuno pensa che verdi possa fare il fantasista allora meité può fare la mezzala senza problemi. Per me si può alternare con lukic anche perché se non hanno ancora comprato il play e il fantasista dove siamo completamente scoperti non vedo perché si possa pensare che arrivi un altra mezzala quando hai linetty lukic meité segre e baselli da gennaio. Sono già 5 per 2 posti da gennaio. Per logica dovrebbero essere in 9 per 4 posti. Mancano i due fantasisti e i 2 play.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 1 mese fa

    Sempre che parlate di ste pippe, ma di Torreira, Pratt, Pelé, Maradona niente? Strano, erano quasi lì. Manco Vera e la chioccia o Carrascal e la fi.ga che ha per le mani. Far articoli sul nulla è complicato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ommi... - 1 mese fa

    È proprio scarso Meitè, povero ragazzo. È alto e non ne piglia una di testa, ha il fisico per imporsi su mezza serie A e prova a fare il giocatore tecnico. Rincon assomiglia più a Yaya Toure che Meitè ad un calciatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mirafiori64 - 1 mese fa

    il ragazzo ha fisico e una discreta visione di gioco, purtroppo è lento e a volte dimostra poca concentrazione (tipico dei giocatori di colore), a lui preferisco baselli, se dovessi sacrificare uno tra baselli, meite, rincon e lukic come probabilmente sarà, forse sarebbe proprio lui il sacrificabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

      Junior infatti non era mai concentrato…
      Anche Pele’ non lo era, per non parlare di Eto’
      Forse meglio dire che esistono calciatori che sono bravi per 90 minuti ed altri che non lo sono.
      Lasciamo stare il colore della pelle che non ha nulla a che fare con una maggiore o minore concentrazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gallochecanta - 1 mese fa

      Ci mancava la nota xenofoba

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. filippo67 - 4 settimane fa

      Commento totalmente fuori luogo,che caspita c’entra il colore della pelle??Mah,davvero certi commenti non hanno senso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Grizzly - 1 mese fa

    Le qualità tecniche Meitè le ha di sicuro, se qualcuno non le vede credo che non abbia mai giocato a calcio fuori dall’oratorio, semmai il problema è legato alla percezione della posizione in campo che ha ed il fatto che non ha le caratteristiche classiche della mezzala nel centrocampo a 3, ovvero inserimento, scatto e buon tiro anche da fuori. Ha giocato molto meglio nel centrocampo a 2 e lo si è visto anche nelle ultime partite dove era molto più sicuro (a parte qualche errore grossolano).
    Se tenerlo o meno non saprei perchè dipende molto dal lavoro che vuole impostare il mister e dalle possibilità che vuole avere anche a partita in corso dove può cambiare assetto.

    Se dipendesse da me terrei sia lui che Baselli (che è più mezzala e ha un tiro migliore) e lascerei andare Lukic (che trovo poco incisivo e con poca personalità) e Rincon perchè incomincia a risentire il peso degli anni.

    Segre mi sembra un bel prospetto, ma tra Chievo in serie B e la serie A c’è una bella differenza per cui non lo caricherei troppo di responsabilità e gli darei il tempo di imparare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 1 mese fa

      Si concordo …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kieft - 1 mese fa

    A concludere in porta ha da imparare da segre……è lento ….però ha qualità fisiche uniche in squadra…io insisterei a provarlo in regia perché tecnicamente non è male …lukic come mezz’ala mi piace di più di lui perché sa calciare meglio in porta …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gallochecanta - 1 mese fa

    Terrei solo lui tra i vecchi centrocampisti perché ci sono partite in cui servono muscoli, altezza e spintoni. Gli altri possono andarsene, credo rimarrà Baselli perché chi lo compra rotto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Messere Granata - 1 mese fa

    Meite è un rebus. Gli ho visto fare cose “spaziali” e commettere errori sesquipedali. Potenziale enorme alternato a vuoti “mentali” imbarazzanti. Potrà Giampaolo dargli più continuità di rendimento? Me lo auguro. Sarebbe un grande acquisto. Ha margini di crescita enormi e nuove e più stimolanti emozioni potrebbero “stimolarlo”. Da accendere. Come uno “stoppino”. Dai Meite. Voglio credere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 mese fa

      sono della stessa idea e non mi rassegno al fallimento. Potenzialmente è forte e ha caratteristiche difficili da riscontrare. Certo che uno così non spacchi con i colpi di testa inserendosi da dietro, che provi un tiro ogni 10 partite, etc. fa rabbia. Se GP fa il miracolo ci regala un bel giocatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rolandinho9 - 1 mese fa

        Ragazzi onesta, baselli ha un potenziale enorme ma è sempre rotto, Meite ha 0 potenziale ma un fisico da finale di Champions,non confondiamo il fisico col potenziale, i piedi non impara a usarli a 26 anni, auguriamoci che stia bene Daniele piuttosto, la mezzala di quantità forte è Linetty, giocatore vero

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Kieft - 1 mese fa

          Se fosse stato superiore a quelli che abbiamo Ferrero gli avrebbe dato l’ingaggio che gli da Cairo …è un discreto calciatore un po’ basso che conosce Giampaolo ..tutto qui….dalla sua ha che A 25 anni ha ancora margini per migliorare ..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. abatta68 - 1 mese fa

          Meitè, con nkoulou, è il giocatore più tecnico che abbiamo al momento. Ciò che è mancato a lui è la rapidità di esecuzione, sia nel tiro ma soprattutto nel passaggio. Queste cose però so allenano e si imparano a fare quando ci si abitua a giocare a due tocchi e GP questo lo chiede. Io ho visto poesie nem milan e credo che l allenatore vorrà impiegare meitè nello stesso modo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gianTORO - 1 mese fa

    è un ottimo giocatore con potenzialità enormi…se solo avesse testa e voglia di giocare sempre…così come in questi ultimi due anni (ultimi due mesi a parte ma non fanno testo) è onestamente sostituibile senza molti rimpianti purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. rolandinho9 - 1 mese fa

    Per quanto mi riguarda dovrebbe avere le valigie già pronte dietro la porta di casa, e lo venderei al primo incompetente che ci offre 5-6 milioni. Se si fa crescere un altro po quei rasta manco ci vede più,non è da toro, e inoltre giacché non vale un titolare neanche di squadre che giocano per retrocedere come panchinaro 100 volte meglio Segre. Centrocampo tipo: Linetty Baselli Lukic Segre ( regista ) ( Barak )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pupi - 1 mese fa

      Iperboli a iosa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianTORO - 1 mese fa

        misti anche ad altro direi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. marione - 1 mese fa

      Il fatto è che non lo cerca nessuno, quindi cercano di spacciarlo per uno buono. Se avesse testa… Biglia se non fosse rotto, l’altro se non fosse fermo da un anno. Sta a vedere che G Paolo è un santone, impone le mani e guarisce fisici e teste

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 1 mese fa

        Marione, lungi da me farti gli affaracci tuoi, ma riesci ad essere positivo su qualche argomento? E’ veramente dura pensare che di qualunque cosa si parli tu abbia una visione così nera e pessimista. Già tifare toro è dura, e lo sappiamo, ma per te deve essere veramente una via crucis.
        Di una cosa stai certo: se mai Cairo dovesse vendere sarai il primo al quale rivolgerò un pensiero.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. rolandinho9 - 1 mese fa

          Ma perché è da pessimisti constatare che un giocatore antipatico nel suo essere svogliato e privo di carattere è oggettivamente limitato tecnicamente e tatticamente, ma dotato solo ai un grandissimo fisico non abbia mercato ? Non è pessimismo ma realismo, niang a 15 milioni già lo abbiamo venduto, il miracolo lo abbiamo giocato, ora come dice lui questo ci tocca reintegrarli e raccontarci che ci scommettiamo di nuovo per forza di cose

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. LeoJunior - 1 mese fa

            ma certo che sì. Ognuno di noi ha motivo per essere contrario o pessimista su alcune cose. Ma Marione lo è su tutti gli argomenti. Batte ogni record e gli sono vicino. Deve essere durissima

            Mi piace Non mi piace
      2. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 1 mese fa

        È una pippa colossale. Fa peggio di lui solo Ola Ola. Sono grossi e sono rimasti nella famosa rete di Petracchio il fenomeno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy