Verdi centra la prima perla in granata. E si proietta sul futuro al Torino

Focus On / L’attaccante granata ieri sera ha siglato il suo secondo gol di questo campionato

di Luca Sardo

Credo sia uno dei gol più belli che abbia fatto in Serie A, se non il più bello. Peccato per il risultato perché volevamo vincere a tutti i costi”. Queste sono state le parole di Simone Verdi ieri sera dopo il pareggio e la salvezza conquistata con il suo Torino dopo una stagione complicatissima sotto tutti i punti di vista. Contro la Spal ieri ha segnato il suo secondo gol in campionato con la maglia del Toro. A detta dello stesso numero 24 granata probabilmente è stato il più bello della sua carriera: un sinistro a giro sul secondo palo, pallone sotto il sette e niente da fare per il portiere della Spal.

LEGGI ANCHE: Le pagelle di Spal-Torino 1-1: Verdi, meglio tardi che mai. Zaza e Belotti a secco

MOTIVAZIONE – Il fatto che sia stato solo il secondo gol (sei, invece, gli assist) rispecchia bene quanto sia stata deludente nel suo complesso la stagione del numero 24. E Verdi nel post partita ha pronunciato parole di autocritica. “Nella prima parte della stagione sono stato al di sotto delle aspettative di tutti e io ero il primo ad essere insoddisfatto. Sono un ragazzo molto introverso ma anche molto autocritico. So di non aver rispettato le aspettative di tutti e anche le mie”. Moreno Longo, parlando di Verdi, ha detto che “per quanto lo riguarda si tratta solo di trovare la situazione mentale giusta per approcciare le partite senza blocchi e con la giusta spensieratezza. Quando sta bene di testa, Simone fa grandi cose perchè ha qualità enormi”. C’è comunque da dare atto che dal rientro dopo la sosta forzata a causa per il coronavirus, il numero 24 granata ha saputo alzare il suo livello di gioco e si sono visti dei miglioramenti nelle prestazioni individuali, ad esempio, nel derby contro la Juventus e con il Brescia. Un’analisi condivisa dallo stesso Verdi: “Il lockdown mi ha fatto bene mentalmente, perché mi ha fatto recuperare energie nervose. E il fatto che ci fosse poco tempo per pensare tra una partita e l’altra mi è piaciuto”.

LEGGI ANCHE: Spal-Torino 1-1, Verdi: “Deluso dalle mie prestazioni. L’anno prossimo servirà altro”

AUTOCRITICA – Dalle parole di Verdi dopo il match contro la Spal si evince anche che l’intenzione del giocatore è quella di cercare il riscatto nella prossima stagione sempre con la maglia granata addosso. “L’anno prossimo dobbiamo avere non una, non due, ma tre marce in più. Questa società merita di più. Io per primo posso e devo fare di più”. Difficile, peraltro, pensare di cedere un giocatore che è costato 25 milioni e che proprio per questo deve rivalutarsi. Le partite post-Covid possono essere un segnale di speranza. Ora non restano che le due gare contro Roma e Bologna, che possono servire a Verdi per migliorare il bottino stagionale di reti e assist. Poi, dopo un breve periodo di vacanza, sarà tempo di dare il via alla prossima stagione.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fede Granata - 3 mesi fa

    Forza Simone… il prossimo anno al top.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. renatoponzzo - 3 mesi fa

    Venderlo a chi se lo piglia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 3 mesi fa

      E chi se lo piglia?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cuore granata 69 - 3 mesi fa

    Verdi per me tecnicamente e’ uno dei più validi della rosa,manca un po in cattiveria e continuità,ma abbiamo aspettato bidoni ben peggiori di lui,direi di dare fiducia a SImone!!che poi per me va anche sfruttato nel suo ruolo ,esterno offensivo.a destra o a sinistra visto che usa bene entrambe i pied.diciamo in un attacco a 3 con belotti al centro e Iago( o chi per esso) sulla fascia opposta,come giocava al Bologna o come giocava Sinisa con noi,Lijac gallo Iago,se torna troppo perde il suo potenziale non avendo gran fisico lo devi sfruttare negli ultimi 30 metr,li per me può fare la differenza!! Dopo la sosta comunque qualcosina di meglio ha fatto!! Penso sia giusto ripartire da lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Perché non regge i ritmi più alti lui come meite, tanto ce lo terremo ma restano soldi buttati nel cesso.
      Purtroppo Cairo controlla tutta la carta stampata perché sarebbero tante per domande da porgli tra cui questa di Verdi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. marione - 3 mesi fa

        Ad ses. perchè comprare a 25 milioni uno che aveva fallito e ne costava 25 da promessa. Eh sarebbe una bella domanda e non gliela dovremmo fare noi ma qualcun altro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 3 mesi fa

    Sembra un ragazzo intelligente e a ottima tecnica. Non so cosa sia successo quest’anno anche a lui. Niente è andato bene, a parte Belotti e Sirigu, che però sono la dimostrazione che non c’è sfiga che tiene se hai carattere e volontà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. christian85 - 3 mesi fa

    A campionato concluso e dopo 34 partite giocate con la media sotto il 6, mi pare un pò poco.. se non addirittura nullo.

    Non voglio mancare di rispetto, ma.. gol bellissimo, ma mi piacerebbe vederli magari contro la Juve anche e non magari con una squadra retrocessa.

    Non so se il tuo problema è stato presentarti in condizioni fisiche al 40%… ma di sicuro non è possibile vedere a Bologna un certo giocatore e poi qui a Torino vedere una mummia a momenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy