Toro, contro il Sassuolo far punti significa non sprofondare

L’Analisi di Gino Strippoli / Delicata trasferta per i granata che devono sbloccarsi in campionato

di Gino Strippoli
sassuolo - torino

Un campionato così in salita non si ricorda, nella storia granata, da tempi immemorabili terminati con la retrocessione. La trasferta di oggi assume un’importanza quasi di vita o di morte agonistica per il Torino. Una nuova sconfitta significherebbe cadere in un baratro profondo, anche se la stagione in serie A è appena iniziata. La squadra allenata da Marco Giampaolo è ancora a zero punti e nemmeno il più negativo tra i tifosi granata si sarebbe mai immaginato un percorso così duro, in salita e disastroso.

Il Toro visto in queste giornate non è un cantiere aperto, ma una casa costruita male. In cui, al posto di porre basi importanti, si son lasciate le vecchie strutture mentre il tetto è stato fatto con tegole di terza scelta dai costi bassi. Infatti, su questo Toro piove di tutto e di più: bastano gli 8 gol subiti in 3 giornate?

LEGGI ANCHE: Toro, con il Cagliari i primi punti?

Giocare contro una squadra che gioca a memoria come il Sassuolo, mantenendo lo stesso modulo vuol dire andare incontro ad un’ennesima sconfitta, a meno che questi giocatori facciano uscire un po’ di vero orgoglio (questo non è il caso di Belotti; Sirigu e i giovanotti Singo e Lukic). Altra soluzione sarebbe quella di vedere la squadra sistemata in maniera diversa con più copertura sulle fasce, oggi il punto debole di questo Toro, da dove sbucano orde di avversari. Inoltre, basta con le sperimentazioni: Bremer dà più sicurezze di Lyanco e Lukic non è un trequartista, ma funziona meglio di Meitè da mezzala. Inutile poi ricordare la problematica cabina di regia.

LEGGI ANCHE: Al Toro c’è solo Belotti e il Cagliari vince meritatamente

Piuttosto, il miglior acquisto del Toro di quest’anno – ovvero Linetty – deve partecipare di più nella fase difensiva aiutando Rodriguez. In queste tre partite è stato un disastro, idem per Meitè. Se non danno coperture il Toro è destinato a essere sempre perforato, e con gente come Boga, Traorè, Locatelli, Berardi, Defrel e Caputo non c’è molto da scherzare.

D’altronde, la squadra di De Zerbi gioca a memoria con manovre veloci e palla a terra, con i giocatori che si muovono senza palla creando azioni e occasioni che si tramutano poi in gol. Occhio poi agli esterni d’attacco che il mister del Sassuolo utilizza a piede invertito per favorire la giocata interna al campo.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. suoladicane - 1 mese fa

    dubito che si vedranno progressi dal punto di vista del gioco, però magari è salita la condizione fisica e anche un po’ l’autostima, magari si strappa un punticino che sarebbe già tanta roba
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Messere Granata - 1 mese fa

    Il tempo degli esperimenti sta finendo e il Torino deve assumere una propria fisionomia. Siamo una Squadra di “argilla” per via della scarsa qualità complessiva? Allora facciamo almeno un “vaso” di terracotta se non abbiamo il “materiale” adatto per fare le Ceramiche di Capodimonte. Oppure si cambia il vasaio. Più complicato è congedare il padrone della “fornace” che procura spesso materiale “scadente”. Come nella Boxe, attendiamo che getti la spugna e si ritiri. “Mascella di vetro”? No,di argilla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. lucabenzoni7_8317634 - 1 mese fa

    Dai raga OTTIMISMO per stasera OTTIMISMO ….. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

      Mi sembri il compianto Tonino Guerra “Cairo l’ottimismo è il sale della vita!!!”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucabenzoni7_8317634 - 1 mese fa

        Se vuoi mi adeguo alla marmaglia che c’è qua dentro (95%) e scrivo : Cairo Vattene, meglio la serie B ….. va a ciapè i rat !!!!! ….. FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy