Toro, le ammissioni di Giampaolo: “Siamo ancora lontani dal mio calcio”. E su Verdi…

Toro News / Il tecnico del Torino non si nasconde: “Dobbiamo migliorare ancora tanto, ma con il tempo non possiamo fare altro che migliorare”

di Nicolò Muggianu

Siamo ancora lontani dalla mia visione di calcio, ne sono consapevole“. Questa l’ammissione di mister Giampaolo alla vigilia di Torino-Atalanta. Una presa di coscienza non scontata quella dell’ex tecnico del Milan che, prima di una partita importante come quella di oggi, ha preferito affrontare di petto e senza peli sulla lingua tutti i limiti palesati dal suo Torino. Torino che, stando alle sue parole, Giampaolo non sente ancora “suo” al 100% ma sul quale sta lavorando per raggiungere al più presto un’alchimia di gioco idonea alla sua idea di calcio. Intanto un primo segnale positivo però c’è stato ed è quello lanciato dai calciatori: “Mi rende fiducioso vedere come i calciatori si allenano e come cercano di mettere in pratica il mio pensiero – ha proseguito Giampaolo a Torino Channel -. Questo mi conforta perché so che con il tempo e con il lavoro non possiamo fare altro che migliorare“.

LEGGI ANCHE: Giampaolo pre Torino-Atalanta: “Non vogliamo alibi. Contento di affrontare l’Atalanta oggi”

MIGLIORIE – Ma cosa manca concretamente al Torino affinché Giampaolo possa sentirsi soddisfatto? Ancora molto. Ed il mister granata lo ha specificato, stilando una lista di elementi su cui c’è ancora parecchio da lavorare. “Che miglioramenti mi aspetto? – ha confessato Giampaolo – Dobbiamo imparare a palleggiare di più e meglio, dobbiamo migliorare la percentuale di possesso palla e l’altezza del recupero palla, troppo bassa contro la Fiorentina. Poi migliorare le linee di passaggio: c’è chi invece di toccare 40 palloni ne deve toccare 80. E poi ovviamente serve migliorare la fase di finalizzazione. In fase di non possesso invece, serve lavorare nella metà campo degli altri per far sì che la linea difensiva non si abbassi“. Tanti (forse troppi) gli elementi su cui c’è da lavorare. Insomma, all’orizzonte per il Torino c’è un processo che richiederà tempo e che per essere accelerato avrà bisogno di un’iniezione di forze fresche dal mercato; meglio se nei ruoli indicati come “cruciali” dal tecnico.

VERDI – Un altro passaggio dell’intervista realizzata ieri dal tecnico ha destato qualche sensazione particolare. E cioè la risposta a una domanda su Simone Verdi. Sul numero 24 Giampaolo ha esordito dicendo: “Fondamentale lui è un esterno, un’ala“. Stesse parole utilizzate per mettere di fatto alla porta Simone Edera la settimana scorsa, durante la conferenza pre Fiorentina-Torino. Verdi oggi potrebbe essere della partita e chissà che non possa rendersi protagonista. Ma le parole di Giampaolo sono un indizio che fa pensare che scenari di mercato possono ancora coinvolgere l’ex giocatore del Napoli, sul quale ci sono riflessioni in corso a tutto tondo. Come approfondito ieri su Toro News, non è escluso che possa essere coinvolto in scambi di mercato. 

28 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. eurotoro - 1 mese fa

    ok mister fondamentalmente verdi e’ un’ala…pero’ e’ molto piu’ seconda punta di zaza…oggi si gioca ancora con 2 centravanti che non hanno nelle corde il fraseggio stretto?…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. crew_389 - 1 mese fa

    A questo punto visto che il calciomercato latita per dare all’allenatore i giocatori per il suo sistema di calcio e visto che tipo di giocatori in rosa forse era meglio prendere Di Francesco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FORZA TORO - 1 mese fa

    che a questo punto si fosse ancora lontano dal suo calcio,si sapeva già appena lo hanno preso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 mese fa

      ovviamente non per colpa sua

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. leggendagranata - 1 mese fa

    La verità che la Fiorentina si è rinforzata e noi no. In campo sono andati sostanzialmente quelli dell’ anno scorso,con qualche peggioramento (Izzo a fare il difensore di fascia, Rincon regista) e i risultati si sono visti. Inutile pensare ai moduli, se gli interpreti non sono adatti o sono scarsi. Questa squadra ha bisogno di un regista e di un trequartista, non mi pare che abbia giocatori adattabili, almeno si provi Segre nel ruolo di trequartista. Vero, Verdi è un’ ala, ma potrebbe fare quello che una volta si chiamava il tornante, al servizio delle due punte, Longo, per tirarsi fuori dai guai in cui si era cacciato, ha adottato la formula con Verdi-Belotti-Zaza e sono arrivati gli unici punti della sua gestione. E’ tanto difficile provare a riproporla?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      Longo era disponibile e “si adattava”, anche quando il modulo e gli uomini non erano i più congeniali per lui.
      Giampaolo pretende “che siano gli uomini ad adattarsi a lui”, che non si smuove di un millimetro e vuole solo ciò che vuole lui!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 1 mese fa

      Chi ha preso la Fiorentina che era in campo contro il Torino? Si è rafforzata perché i giovani stanno migliorando e si affinata l’intesa …ma non ci hanno asfaltato ….hanno giocato meglio ….l’anno scorso abbiamo vinto a Parma contro Atalanta giocando molto peggio …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BAVARO GRANATA - 1 mese fa

    un altro venditore di fumo che nn ha mai vinto nulla e nulla mai vincerà.

    un altro cosiddetto maestro che quando parla sembra discerna di temi cosmici mentre il calcio è molto ma molto più semplice di quanto vogliano far credere sti pseudo guru per poter giustificare stipendi abnormi.
    Afirenze ha sbagliato tutto quello che poteva sbagliare come i due esterni di difesa o far giocare qualla capra di zaza preferire zaza o berenger a millico o verdi è assurdo .E ancora una volra belotti nn fa il centravanti……………..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pupi - 1 mese fa

      A Firenze il Toro di Longo ha fatto molto peggio di sabato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 1 mese fa

        ..si ma sono 2 situazioni psicologiche opposte..la testa dei giocatori conta tanto quanto gli schemi la preparazione fisica e la tecnica.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. iugen - 1 mese fa

    La sua famosa visione di calcio che gli ha portato scudetti e coppe in quantità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Messere Granata - 1 mese fa

    Giampaolo merita fiducia. Il Torino sta vivendo una vera rivoluzione e ha bisogno di tempo. Non abbiamo l’assillo della Champions’ League, anche se ci piacerebbe molto, e possiamo tentare di costruire qualcosa di buono per il futuro. Una cosa. Il Calcio di oggi è molto più fisico e molti giocatori, seppur tecnici, pagano un “deficit” importante sul piano atletico. Bello collegare “l’Accademia” allo Sport, ma il Calcio è fatto non solo di idee, ma anche di “muscoli”. E tanti. Forza Toro, grinta e coraggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iugen - 1 mese fa

      Assillo della Champions? Ma è già tanto se non andiamo in B quest’anno, altro che Champions.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 1 mese fa

      certamente che merita fiducia,tempo e fiducia SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. TOROPERDUTO - 1 mese fa

    “con il tempo non possiamo che migliorare” della serie peggio di così non si può….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 1 mese fa

      Certo che non capite neanche i commenti mamma mia che branco di capre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pavl73 - 1 mese fa

    E be!!!
    Io nn avrei scelto Giampaolo ma…
    Può essere un mister che può dare una svolta
    Sa come far giocare bene le squadre ma va messo in condizione
    Ora concludo
    La società è conscia del gruppo che mette in mano a questo tipo di allenatore?
    A questo punto io direi di sì
    È quindi si metta sul mercato per completare la rosa come giusto che sia
    Ad oggi mancano 3-4 elementi di primo livello
    Nn di elementi che completano un gruppo.
    Di quelli ne abbiamo già abbastanza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. fabio.tesei6_13657766 - 1 mese fa

    Ma uno con un credo calcistico più semplice non c’era?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

      Abbiamo già dato!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. markmail200_96 - 1 mese fa

    Figurati dal nostro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Mimmo75 - 1 mese fa

    Però riportatele tutte le dichiarazioni del mister se dovete fare approfondimento serio. Mentre Edera fu messo alla porta e NON convocato perché “ha caratteristiche diverse da quello che predichiamo”, su Verdi il mister, pur riconoscendo che è sopratutto un esterno, sicsta comportando e si è sempre comportato diversamente, convocandolo e schierandolo. E ieri ha spiegato che Simone può giocare dietro due attaccanti e che sta lavorando da trequartista, ruolo che può ricoprire. Ora magari Simone andrà via lo stesso perché è sempre preferibile avere giocatori di ruolo piuttosto che adattati, però mettere sullo stesso piano la sua situazione e quella di Edera mi pare sbagliato. Farlo omettendo una parte importante delle parole del mister lo trovo scorretto nei confronti di Simone (che viene sminuito), del mister (il cui pensiero risulta distorto) e di chi legge (cui viene veicolata un’informazione distorta).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vlad51 - 1 mese fa

      Mi sembra che si confondano Buoni giocatori con giocatori da Serie B…sia Edera che verdi sono giocatori da serie B non sono fenomeni e tantomeno campioni…l’anno scorso l’ho scritto 100 volte che con i soldi di verdi si potevano comprare Krunic e Benacer…questo errore fatto l’anno scorso lo pagheremo caro e salto…e a questo punto una retrocessione in serie B sembra l’unica strada per rifare completamente la squadra…tanto Izzo non lo vuole Nessuno cosi come Lyanco come Verdi Edera etc…quindi l’unica soluzione e’ fare un bell’anno di purgatorio nella serie cadetta….tanto meta’ squadra da serie B l’abbiamo gia’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. spiritolibero - 1 mese fa

        Vladi io in serie b non ci voglio andare per nessuna ragione

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. spiritolibero - 1 mese fa

        Io sono sempre del parere che Verdi sia il giocatore più tecnico che abbiamo Se non il solo Deve crescere mentalmente ma è da recuperare a tutti i costi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iugen - 1 mese fa

          Concordo, è il più tecnico, ma purtroppo è un esterno e come trequartista ci azzecca poco. Resta un mistero il suo acquisto, visto che anche Mazzarri giocava senza esterni

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Robs - 1 mese fa

        Difficilmente ci vai a fare un anno con una squadra completamente rifatta pronta a salire.. E poi anche riuscendoci meglio non ricominciare a fare la parte della squadra yo-yo tipo Benevento.. Il blasone non va in campo ma cazzo siamo il toro!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. TOROPERDUTO - 1 mese fa

      Di quale Simone parli 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. FORZA TORO - 1 mese fa

      sono d’accordissimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy