Zaza, un gol pesante e poco altro. Poi l’ammissione: “Due anni al di sotto delle aspettative”

Zaza, un gol pesante e poco altro. Poi l’ammissione: “Due anni al di sotto delle aspettative”

Focus on / Il gol di testa dell’attaccante lucano permette ai granata di strappare un punto, ma da lui il Torino si aspetta di più

di Nicolò Muggianu

Un gol (non poco per un attaccante) e basta. Simone Zaza torna a segnare e lo fa per l’ottava volta su nove reti stagionali (cinque in campionato) all’Olimpico Grande Torino. Una rete che ha permesso alla squadra di Moreno Longo di agguantare un punto in rimonta contro l’Hellas Verona, ma che è stato un lampo in una prestazione a dir poco opaca dell’attaccante ex Valencia; mai nel vivo del gioco e poco in grado di essere di supporto ai compagni in fase di costruzione.

LEGGI ANCHE: Torino-Verona 1-1, Longo: “Soddisfatti del punto. Rinnovo? Non ho ricevuto chiamate”

L’AMMISSIONE – L’ennesima prestazione da “potrebbe fare di più” quella di Zaza. Il solito buon proposito sin qui mai portato a compimento, che è un po’ il leitmotiv dell’avventura granata dell’attaccante lucano. Ed è stato lo stesso giocatore, nel post partita, ad ammettere le proprie colpe di questi due anni al di sotto delle aspettative: “Mi conosco e posso fare meglio – ha detto Zaza a Sky -. Sono il primo ad essere consapevole del fatto di aver fatto due anni al di sotto delle aspettative. È vero che per fare gol bisogna giocare e io non ho mai giocato molto. Ma comunque mi prendo le mie responsabilità. Ho fatto tante partite al di sotto del mio livello“.

FUTURO – Ma al di là degli obiettivi personali, c’è da pensare anche e soprattutto alla salvezza che il Torino dovrà provare a conquistare definitivamente domenica prossima in casa della Spal. Un match che, salvo sorprese, Zaza giocherà dal primo minuto; così come tutti gli altri scontri-salvezza andati in scena nell’ultimo periodo. Longo d’altronde ha dimostrato di riporre molta fiducia nel proprio numero 11, nonostante le tante prestazioni sottotono. Una volta raggiunta la salvezza, sarà poi il momento di tirare le somme con Zaza che – nonostante le tante critiche ricevute – si vede ancora in granata: “A gennaio ho voluto restare al Toro – ha concluso Simone -. La mia intenzione è quella di restare qui anche il prossimo anno, sperando però di giocare. Devo dimostrare a me stesso di poter fare qualcosa in più“. Iniziando da Ferrara.

LEGGI ANCHE: Torino-Verona 1-1, Zaza: “Sono il primo a sapere di aver deluso. Ma voglio restare”

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. altoro - 2 mesi fa

    La premessa personale parte dal dato oggettivo che l’altra sera il colpo di testa risolutore di Simone Zaza ha dato al Toro un punto di vitale importanza logistica in chiave salvezza e ritengo che si tratta di un punto assolutamente guadagnato contro la squadra scaligera sostanzialmente superiore sotto l’aspetto tecnico.
    Quindi effettuo un analisi globale sul rendimento specifico di Simone Zaza a consuntivo di un biennio in maglia granata. Durante quasi due stagioni al TORO Zaza ha realizzato il magro bottino di complessive nove reti, tuttavia occorre evidenziare che sotto la gestione dell’ex tecnico toscano Mazzarri egli spesso è rimasto emarginato in panchina.
    Due estati fa l’ex Direttore Sportivo Petrachi acquistò il suo cartellino dal Valencia, nelle cui file era reduce da una ottima stagione con diciannove reti all’attivo, per una cifra superiore ai quattordici milioni.
    In quel momento la Società TORINO F.c. ripose evidentemente assoluta fiducia nella qualità tecnica dell’attaccante lucano effettuando un investimento finanziario di tale onerosa portata.
    In considerazione dell’insufficiente rendimento globale dimostrato sino ad oggi, tuttavia personalmente ritengo assolutamente sovradimensionato l’ingaggio di un milione e mezzo netto a stagione che Zaza percepisce rispetto all’effettivo valore tecnico dell stesso.
    Allo stesso modo ritengo che l’operazione di mercato effettuata dall’ex dirigente Petrachi sia stata una autentica follia in considerazione della lunghezza quinquennale del contratto alla sopracitata cifra di ingaggio. Infatti per questo semplice motivo non dubito assolutamente che il ventinovenne Zaza si auspica vivamente di rimanere in granata anche per le prossime tre stagioni.
    Prendo atto della sua autocritica, tuttavia presumo che, proprio a causa del suo ingaggio milionario assolutamente sovradimensionato rispetto al globale rendimento offerto durante queste due stagioni, il nome di Simone Zaza costituisce una priorità logistica, annotata sull’agenda del Direttore Sportivo Vagnati, alla voce Uscite durante la prossima sessione estiva di mercato.
    Alla data odierna tale operazione di mercato non si preannuncia assolutamente semplice in quanto l’eventuale Società acquirente, forse il Sassuolo, dovrebbe accollarsi l’assurdo ingaggio che l’attaccante lucano percepisce in modo assolutamente indegno e vergognoso.
    Purtroppo nel calcio professionistico determinate analisi approssimativamente effettuate, nel caso specifico, dalla Societa TORINO F.c., su un determinato calciatore la cui operazione di mercato si è successivamente rivelata un autentico flop, come nel caso specifico di Zaza, si pagano sempre ad un prezzo davvero esorbitante ! Vedremo … . Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mp63 - 2 mesi fa

    Certo che se ha ammesso che ha buttato via 2 anni proprio al Toro doveva venire. Grazie a Mazzarri e alle sue idee stupide sulla rosa corta. Non sarà tutta colpa di Zaza se ha reso meno di quanto vale, anche se secondo me il suo valore è sovrastimato. Deve essere anche un bravo ragazzo ma deve scusarci. Abbiamo avuto attaccanti che hanno dato di più anche se pagati di meno. Speriamo di salvarci. Anche per Zaza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. maxx72 - 2 mesi fa

    Intanto ieri sera ci ha salvato il didietro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

      Parla del tuo che il mio non è ancora salvo 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 mesi fa

        Ahahah Ahahah

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Roberto - 2 mesi fa

    Zaza non mi dispiaceva Come giocatore prima che venisse da noi…., Ma da noi è stato veramente scarso, a parte qualche gol tipo ieri sera ha fatto solo danni e ogni partita rischia di essere cacciato perde quasi la totalità dei Palloni ricevuti, anche se sono pochi, non può coesistere col gallo, anche ieri sera non sì sono mai capiti e abbiamo buttato al vento buone occasioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leggendagranata - 2 mesi fa

      Ma di quali buone occasioni parli, oltre al gol e al palo? Forse ce n’ è stata un’ altra mezza e niente di più. E poi certe affermazioni: “non può coesistere col gallo” andrebbero fatte sulla scorta di seri tentativi di farli giocare insieme, adattando la manovra della squadra e le posizioni in campo. Niente di tutto questo è avvenuto; l’ utilizzo del cosiddetto tridente è iniziato dopo il lockdow ed è stata l’ unica formula che ci ha portato punti. Questa è storia, il resto sono chiacchiere da bar.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

    Almeno ha i coglioni di non sottrarsi a responsabilità, per carità poca roba e dovrebbe essere la norma, ma non mi sembra che lo sia invece.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Luigi-TR - 2 mesi fa

    non sono d’accordo…ha lottato, ha segnato…secondo me insieme a Belotti gli unici che hanno giocato (non male anche Bremer e Bereenguer che quando è entrato qualche guizzo buono lo ha fatto), sul resto stendiamo un velo pietoso e continuo a non capire come Meitè continui a trovare spazio nel centrocampo granata e a riscuotere consensi tra gli addetti ai lavori e agli amici del forum

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pupi - 2 mesi fa

      Meité? La mancanza di alternative credibili non ti dice niente?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi-TR - 2 mesi fa

        Lukic è molto meglio (ieri era squalificato ma le altre…? )

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. eurotoro - 2 mesi fa

    grandissimo gol da vero centravanti..del resto e’ sempre stato nel giro della nazionale ma ha sbagliato a venire qui sapendo di essere chiuso dal gallo..totalmente incompatibili..tutti e due hanno bisogno di stare al centro da soli in mezzo a due ali che li riforniscono di cross!…una cosa e’ sicura pero’..dovesse andare via Andrea io punterei tutto su Simone e investirei su una grande ala !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 2 mesi fa

      Ha segnato, percui ha salvato una partita disastrosa, come quasi tutte le altre che ha giocato nel Toro. Gli mancano i fondamentali per giocare a calcio ad un certo livello, non è in grado di stoppare il pallone, quasi tutte le volte che tira cicca la palla, probabilmente perchè vuole strafare, sui rinvii non tiene un pallone manco a morire, quando passa la palla, il 50% delle volte la passa all’avversario, fa falli inutili e a volte ridicoli, ad es. quando è nella trequarti avversa e l’avversario è girato verso la sua porta… è forte fisicamente ed è innegabile che sia cazzuto… però il calcio, secondo me, è un’altra cosa… poi non ho niente contro il ragazzo, per carità, ma credo ormai che sia troppo tardi per insegnargli a giocare a pallone…
      Il fatto poi che fosse nel giro della Nazionale, come dici tu, è un mistero forse superiore a tutti quelli mistici del cattolicesimo messi assieme… e ne cito alcuni, Lourdes, Fatima, Medjugorje, Banneaux, Loreto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. pupi - 2 mesi fa

    Zaza sbaglia cose che sono indipendenti dal gioco mediocre del Toro. È vero che è agevolato nel suo “lavoro” ma la mostruosità di ciò che sbaglia prescinde dal resto del contesto. Ovvio in una squadra che gioca a memoria ne trarrebbe enorme vantaggio. Credo che non sia poi questo giocatore menefreghista che a me è sempre parso, credo invece che lui psicologicamente stia patendo il fatto che Belotti sia (giustamente) il re e che sia inserito in un contesto tattico assurdo. Ripeto, pur non essendo un grande calciatore (dopotutto nei suoi pochi anni migliori più di 10 gol non li ha fatti) lui ora sta sbagliando cose impossibili per un giocatore scarso di serie C. Quindi, a parte il fatto che non era sicuramente il giocatore da mettere assieme al gallo, è evidente che il suo sia, secondo me, un problema di testa e non sono sicuro che al Toro lo possa risolvere. Comunque onore alle sue dichiarazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 2 mesi fa

      Guarda ci fosse qualcuno in grado di recuperarlo potrebbe tornare anche un bel giocatore, non capisco nemmeno io però l’ostinazione a voler restare e dimostrare il suo valore quando cambiare aria forse gli farebbe anche bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Alelux77 - 2 mesi fa

    Io mi ricordavo di uno Zaza capace di giocare il pallone, dribblare l’uomo, con ottime doti tecniche ed anche forza fisica. Al toro, qualche lampo di tanto in tanto, pochissimi sprazzi tecnici e molti anzi troppi falli di irruenza. Certo l’ambiente societario attuale non può giovare a, di sicuro alla base di una società vincente c’è l’uso della “buona comunicazione” verso i giocatori e quest’anno questa strada è stata polverizzata con le gestioni assurde e suicide della vicenda petrachi le conferenze stampa post wolwes(vicenda Nkoulo). Però se sei Zaza e hai il suo stipendio, qualcosa di meglio per migliorare la tua struttura e gestire nella tua professione la testa calda che sei, credo che si possa fare di quello che è stato fatto. C’è anche il fatto che giocare assieme a Belotti per entrambi non è la soluzione migliore e non ci vuole un genio della tattica per capirlo quindi la società dovrà fare delle scelte chiare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 2 mesi fa

      Esatto, ricordo un Zaza completamente diverso, il modo con cui stoppa la palla, si muove in modo goffo etc fanno vedere un giocatore completamente involuto distrutto completamente a livello mentale che sembra mancare di fondamentali necessari persino per la serie cadetta. Io credo che la società sia colpevole, Simone arrivava già da un periodo negativo e a giudicare come lui si lamenta del poco impiego in passato è stato vittima di una guerra tra Petrachi (che l’ha preso) e Mazzarri(che non crede nella doppia punta).
      Alla fine tutti criticano, però ai tifosi basta poco per piacere, riconoscere i propri errori e lottare per tirarsene fuori. Non so se è longo, ma serve un tecnico che lo ricostruisca come giocatore professionista, perchè Zaza non è quello che abbiamo visto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luigi-TR - 2 mesi fa

      gli anni passano per tutti e di certo tutto il resto della compagnia cantante granata non lo aiuta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Ardi - 2 mesi fa

      Quali scelte, zaza, a meno che non vada in cina sarà una minusvalenza se fosse venduto, al contrario di Belotti. A livello sportivo invece la scelta chiara sarebbe tenere il Gallo e vendere zaza, ovviamente alzando di molto lo stipendio a Belotti e costruendogli una squadra competitiva, cosa a cui non credo affatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fb - 2 mesi fa

    Zaza e’ forte, chissa’ cosa non ha funzionato…

    Ora tocca a Vagnati scegliere l’allenatore e poi decidere cosa fare con lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. avvopal_14171626 - 2 mesi fa

    Gran gol ieri, nulla da dire….quanto al resto, amici come prima e buona fortuna per il futuro…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. leggendagranata - 2 mesi fa

    Zaza è sempre nel mirino, certo potrebbe fare di più, ma non in un’ orchestra stonata come è oggi il Toro. Quanti palloni giocabili hanno le nostre punte? Perchè i due arieti d’ attacco giocano distanti decine di metri l’ uno dall’ altro, come hanno sottolineato criticamente i commentatori di Sky durante e dopo la partita col Verona? E, infatti, quando è entrato Berenguer e Belotti si è accentrato maggiormente sono arrivati un gol e un quasi gol. Longo non ha un compito facile, ma se schiera una squadra a trazione anteriore, non può adottare una tattica a trazione posteriore, che si affida sul lancione lungo e sulla squadra molto allungata. Per qualità dei singoli il Verona vale meno di noi (basta leggersi la rosa, Borini ha fatto tre gol in tutto il campionato, Lazovic è uno scarto del Genoa, tra i due portieri c’ è un abisso, ecc.), ma, come scrive La Stampa “è una squadra molto ben organizzata” e Repubblica sottolinea: “il mare gialloblù è in continuo movimento, uno va dentro e l’altro fuori: stantuffi…Un piacere vedere i centrocampisti che si inseriscono quando le ali coprono, e viceversa. La corsa, l’energia, le idee, non manca nulla, fino agli ultimi metri…”. Il Toro è completamente all’ opposto. Le scorie della gestione Mazzarri si fanno ancora sentire e buon per noi che, dopo tante titubanze, Longo si è affidato al trio Belotti-Verdi-Zaza, il meno peggio che ha e che gli ha portato in dote gli unici punti raccolti dopo il lockdow. Adesso una vittoria con la Spal e a fine campionato un bel repulisti (se ne siamo capaci) dall’ allenatore in giù.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mattia19_9_1530065 - 2 mesi fa

      Prendere per buoni i commenti dei telecronisti sky non credo sia la miglior Cosa da fare visto che non Hanno capito che con l´ingresso di berenguer non siamo passati al 4-4-2 bensi al 4-3-3 con berenguer mezzala e belotti sempre a sinistra…….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi-TR - 2 mesi fa

        veramente hanno detto 4-2-4 che sembrava più un 4-2-2-2
        io comunque questo fantomatico 4-3-3 non l’ho visto era solo un’accozzaglia di gente che correva (per modo di dire) per il campo in lungo e in largo senza alcun senso tattico

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Gli fa male onore averlo ammesso, ma io non lo vorrei il prossimo anno. Una decina di gol in due anni, tanti errori, tanti falli commessi, penoso e dannosi nei derby. Non mi piace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. toro52anni - 2 mesi fa

    ZAZA viva L’onestà…e già non è poco fare autocritica.Bravo.
    piuttosto,mi spiegate che giocatore è Meitè ?
    Non capisco che ruolo possa fare a centrocampo…..è lento per interdire e scarsissimo nell’impostare, e ha una lettura del gioco talmente lenta che quando ha deciso cosa fare gli hanno già preso la palla o tappato gli spazi…
    Boh…boh…boh…a questo punto metterei Nkoulu al suo posto e Izzo al posto di Nkoulu…non penso il gioco ne risenta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luigi-TR - 2 mesi fa

      su Meitè la penso come te, gli riesce bene sono il contrasto e il gioco di ostruzione per la sua massa notevole

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy