Nove contro undici

Culto / Torna l’appuntamento con la rubrica di Francesco Bugnone: “Lo stadio diventa una bolgia, il nostro numero due prima sembra calmo, incredulo, poi all’improvviso va verso l’arbitro in cerca di una spiegazione, Lentini prova a trattenerlo e la cosa fa infuriare ulteriormente il nostro”

di Francesco Bugnone

Dei derby ti entrano nel cuore anche se fanno male. Anche se perdi, se c’è il pieno di polemiche, se per una settimana andrà in onda L’ora del moralista. Ci pensavo l’altra sera quando eravamo undici contro nove. La testa è a quella volta che in nove eravamo noi, davanti ai nostri cugini e gli abbiamo fatto sudare quella stramaledetta vittoria fino all’ultimo.

Novembre 1991: il Toro è nel bel mezzo della sua peggior crisi stagionale, rimarrà senza gol per 637’ dalla rete di Bresciani contro la Roma il venti ottobre a quella di Lentini contro la Fiorentina il quindici dicembre. E’ nella sua peggior crisi stagionale, ma non lo sa e non lo sa per due motivi. Il primo sono le coppe, dove segna e va avanti in scioltezza sia in Italia che oltre il confine. Il secondo è la difesa. Sì, perché, nonostante un digiuno così lungo, i granata perderanno soltanto due partite, contro le due prime della classe: la Juventus, vedremo come, e il Milan capolista, che quell’anno non perderà mai. Questo per dire quanto forte fosse il reparto arretrato granata, che, a fine campionato, sarà il migliore con soli venti gol al passivo.

Il Toro comincia a perdere la stracittadina nella giornata precedente, il tre novembre, prima della sosta per le nazionali. Comincia a perderlo sempre a causa di un cartellino rosso. Contro l’Inter, infatti, l’ex Scifo viene espulso per un fallo di reazione su Matthaus e priva i granata di uno degli elementi più di classe della squadra. La partita contro i nerazzurri di Orrico finisce a reti inviolate e Riccardo Ferri commenterà che se l’Inter giocasse così in casa i tifosi tirerebbero i seggiolini in campo, quasi dimenticando di essere stati sopra di un uomo per più di mezzora e di non essere riusciti a vincere. L’Inter finirà ottava, fuori dalle coppe e con sole quatte vittorie interne. Prima di guardare la pagliuzza negli occhi del Toro, c’è la trave in quella del biscione.

LEGGI ANCHE: La punizione di Edu

Poco da segnalare alla vigilia, se non richiami alla correttezza che, visti col senno di poi, fanno sorridere. Il sole bacia Torino e l’inizio di gara è equilibrato, ma fa già intravedere qualche rudezza di troppo. All’11’ il patatrac: Mussi valuta male un lancio per Alessio che centra da sinistra, Casiraghi anticipa Bruno di testa e supera Marchegiani. Subire gol in un derby è sempre orrendo, ma per Pasquale, stavolta, lo è di più del solito, visto che ha segnato il “suo” uomo e la cosa lo innervosisce.

Passano 5’. Bruno e Casiraghi a contatto al limite dell’area. Il bianconero stramazza al suolo. Ceccarini, QUEL Ceccarini arriva e sventola il secondo giallo a Pasquale, che significa rosso.

Non c’è una gomitata, Bruno gli va addosso col corpo, gli fa sentire la cosiddetta presenza, al limite alza la spalla. Niente da fare, bisogna uscire. Lo stadio diventa una bolgia, il nostro numero due prima sembra calmo, incredulo, poi all’improvviso va verso l’arbitro in cerca di una spiegazione, Lentini prova a trattenerlo e la cosa fa infuriare ulteriormente il nostro. Lo stadio è una bolgia, Bruno viene trascinato fuori in preda a un attacco di nervi per l’ingiustizia che pensa di avere subito. Il Toro è in dieci. Lo shock sembrano subirlo anche gli uomini di Trapattoni che combinano poco nonostante la superiorità numerica. Il tempo finisce così, senza troppo da segnalare. Il clima è strano, quasi mortificato. La Juve che non sa bene cosa fare, visto che arrotondare il risultato sembra un obbligo. Il Toro deve decidere come e quando colpire per raddrizzare il pomeriggio.

LEGGI ANCHE: Tutto Toro-Real minuto per minuto

Secondo tempo: al 50’ Policano ha il pallone fra i piedi nei pressi della panchina bianconera. Casiraghi entra durissimo sulle gambe di Robi, quello sbagliato a cui fare una cosa del genere e lo dimostra subito con una scarpata in pieno volto all’avversario. Il rosso è inevitabile e sacrosanto, ma ci sarebbe anche quello per Casiraghi che, già ammonito per aver festeggiato fuori dal campo la sua rete, ha commesso un fallo da giallo. Niente, Ceccarini sventola il cartellino solo a Policano. Toro in nove, Juventus in undici. Si va verso un massacro sportivo, sulla carta. Invece no.

Il Toro non ci sta e lo fa sapere quasi subito a tutti quando, al 53’, Martin Vazquez pesca in area Bresciani che, con una girata in diagonale, manda il pallone vicinissimo al secondo palo senza che nessuno riesca a deviarla in rete. Sarà proprio Rafa a guidare i tentativi di riscossa del Toro sotto di due uomini, con un incedere quasi sacerdotale in campo. La Juventus, nel frattempo, ha la goleada a portata di mano, ma non ce la fa. Ha praterie in contropiede, ma non ne approfitta, sprecando occasioni incredibili. Passano i minuti e sembra quasi convincersi che potrebbe esserci la beffa, così si rifugia nella melina e nel retropassaggio.

C’è da rimarcare come la curva Maratona entri a gamba tesa nel derby con una colonna sonora geniale e irridente, con la bravura di adeguare il tifo all’andamento della gara da vero dodicesimo uomo. Il coro “Schillaci in nazionale” ogni volta che Totò sbaglia un’occasione più facile da realizzare è di rara perfidia, calcolando che Sacchi ha tutto tranne che l’intenzione di fargli rivestire l’azzurro. Sbeffeggiare la paura di chi passa indietro a Tacconi nel finale fa trasparire quanto venga prima la prestazione e il coraggio e poi il risultato nel cuore del più caldo tifo granata. L’apoteosi sarebbe se il tiro di Vazquez a una decina di minuti dalla fine, dopo un pallone rubato in pressing, fosse stato dalla parte giusta del palo e invece no, fuori di poco.

LEGGI ANCHE: La porta sempre più piccola

Alla fine, ovvio, esultano loro e non noi. La sconfitta fa male, malissimo. Il giorno dopo verremo presi per il culo a scuola o in ufficio, ci sta. Come ci sta guardare negli occhi chi lo fa e non abbassare lo sbaglio visto come si è resistito nove contro undici. Oppure si potrebbe far leggere l’incipit dell’articolo di Mario Gherarducci sul Corriere della Sera “Se questa è la Juve che dovrebbe contendere lo scudetto al Milan, i rossoneri possono dormire tra guanciali”. E sarà così. Al ritorno la musica sarà diversa, chiedere a Casagrande per informazioni.

Siccome la storia si ripete sempre due volte, la prima come tragedia e la seconda come farsa, nel 2002/2003 il peggior Toro di serie A di sempre, dati alla mano, si ritroverà addirittura otto contro dieci e la palla tra i piedi di Fattori che inspiegabilmente non tira rimarrà uno dei momenti più grotteschi e inspiegabili della nostra storia. Se proprio dobbiamo scegliere, preferiamo ricordare quel derby del Toro 91/92.


Classe 1979, tifoso del Toro dal 1985 grazie a Junior (o meglio, a una sua figurina). Il primo ricordo un gol di Pusceddu a San Siro, la prima incazzatura l’eliminazione col Tirol, nutro un culto laico per Policano, Lentinie…Marinelli. A volte penso alla traversa di Sordo e capisco che non mi è ancora passata.

Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cuoretoro - 3 settimane fa

    I gemelli del giudice sportivo.. Bruno 9 giornate e Policano 5 giornate di squalifica. Orgoglioso di quel Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BogaBoga - 3 settimane fa

    Sentire cairese news parlare di quegli Uomini gloriosi è come farsi raccontare dal prete come si lecca la figa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GlennGould - 3 settimane fa

    Una grande squadra.
    Un grande pubblico.
    Un grande settore giovanile.
    Una società consolidata.
    Il periodo più bello, per quanto mi riguarda.
    Andare allo stadio, abbonarsi, era il massimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. paulinStantun - 3 settimane fa

    A parte la tristezza del leggere di queste cose successe una vita fa e pensare che allora avevo già 20 anni (che mi fa sentire molto vecchio), mi fa venire in mente una riflessione su come sono cambiate le cose in questo mondo.
    Mentre ora si parla per giorni e giorni di un faccia a faccia tra Lukaku e Ibrahimovi, per altro risolto con 4 insulti, ci si indigna e si condannano i protagonisti, allora era abbastana normale che per un fallaccio ci si rifilasse una scarpata in faccia o che un giocatore desse di matto fino a mettere le mani addosso ad un arbitro (se Bruno non fosse stato trattenuto quello sarebbe successo). Altra cosa: adesso se un giocatore gioca contro la sua ex squadra non deve esultare, e per alcuni non dovrebbe neanche impegnarsi alla morte (anche questo si è detto ad esempio su Glik di sue settimane fa) e magari fare il cuoricino con le dita, mentre allora ci si “innamorava”, sportivamente parlando, di Pasquale “O’ animale’ proprio per la garra che metteva contro la sua ex squadra.
    Bene, A ME QUESTO CALCIO MANCA TANTISSIMO!!!
    E sono convinto che alla fine non portasse nessun esempio cattivo, vedendo come vanno oggi le cose nonostante tutto questo disgustoso buonismo imperante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 3 settimane fa

    Io c’ero.
    Presente, nei Leoni della Maratona, con tanto di tessera personale.
    Quello era il toro.
    Quella era la maratona.
    La seconda è scomparsa, il primo sta scomparendo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 3 settimane fa

      Caro mio è cambiato il mondo e in peggio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toroperduto - 3 settimane fa

    Me la ricordo ero allo stadio, per un attimo ho avuto paura per l’arbitro non riuscivano più a tenere Bruno che se lo voleva mangiare.
    Penso che Casiraghi abbia ancora oggi i segni dei tacchetti di Bruno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. AustraliaGranata - 3 settimane fa

    Mamma mia son già passati (quasi) 30 anni! Sembra ieri.. Io e mio fratello gobbo (lo so, una vergogna!) allo stadio nei distinti (regalo di un suo cliente che non era potuto andare), praticamente in mezzo ai gobbi. Una bolgia sugli spalti, un putiferio in campo! 9 contro 11 ed abbiamo pure “rischiato”di pareggiare, attaccando fino alla fine…Che spettacolo, che nostalgia di una squadra così… FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-15014553 - 3 settimane fa

    Uno degli ultime vere formazioni degne di essere chiamate toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. RugbyGranata - 3 settimane fa

    Fattori davanti a Buffon…. è durata 10 minuti quella situazione nella mia testa…. TIRA, TIRA, TIRAAAAAAAAAAAAAAAA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AustraliaGranata - 3 settimane fa

      Fattori all’epoca abitava in via Servais a Torino ed io li in zona avevo un negozio. Pochi giorni dopo passa da me ed io faccio finta di non riconoscerlo ma poi (non ricordo come) esce fuori quel fatto e dico che lo ho riconosciuto. Il mio commento fu a metà fra il critico e la presa per i fondelli (che cavolata colossale ha fatto?!) e lui mi guarda tra l’imbarazzato e lo scocciato. Poi me ne esco con un :non ti preoccupare sono un Tifoso Granata, forza Toro! ti perdono! p.s. non l’ho mai più visto! Ahahahah FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. mauro69 - 3 settimane fa

    Questa era una squadra, questo era il Toro, non i depressi di adesso, hanno paura della loro ombra.
    Hai voglia a lavorare sul morale, Nicola, se poi i risultati fanno pena.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy