Tutto Toro-Real minuto per minuto

Culto / Torna l’appuntamento con la rubrica di Francesco Bugnone: un’imperdibile rievocazione secondo per secondo, azione per azione di una partita storica per tutto il mondo granata

di Francesco Bugnone

Avevo tanta voglia di parlare di Toro-Real Madrid e stavolta quello “vero”, non l’amichevole del 1996 raccontata parecchi mesi fa. Perché è un totem, un rito di passaggio per chi c’era e un racconto di fantascienza per chi è arrivato dopo. Volevo parlarne, ma cosa dire che non sia stato già detto? Volevo parlarne, ma in modo diverso e allora sono andato su YouTube, ho cercato il video di Famila76 in cui c’era tutta la partita e me la sono riguardata tutta e mentre la riguardavo la commentavo nella testa. Rivivevo emozioni, scoprivo cose che mi erano sfuggite. Allora ho deciso di parlarne così, scrivendo man mano ciò che vedevo in una sorta di Toro-Real minuto per minuto, semifinale di ritorno di coppa Uefa, notte di sogni.

PREPARTITA

 0.00 OLE’. Comincia così il collegamento della Rai, con un grido del pubblico mentre lo speaker sta leggendo le formazioni. Ai tempi i prepartita erano rarissimi, anzi l’importanza dell’incontro è data dal fatto che tutto inizi qualche minuto prima della gara, visto che in altre circostanze le immagini iniziavano a scorrere con le squadre già in campo o addirittura a partita iniziata da qualche secondo. Comunque OLE’ è l’urlo che accoglie i telespettatori, per far capire che aria tira, che la Maratona è già in palla, pronta per affrontare quel ritorno che aspettava dal triplice fischio finale di Madrid, dopo l’immeritato 2-1 subito.
La calda voce di Pizzul illustra le formazioni, mentre Galler guida in campo le squadre. Real senza Sanchez, Prosinecki e Sanchis, noi senza Policano. Bruno passa la parola ad Agroppi, “vecchio cuore granata” e gli chiede se sente la partita. Aldo, con un filo di voce, si dice fiducioso, ma emozionato. “Chi non salta bianconero è” in sottofondo, poi “Martin Martin Vazquez”. Gran colonna sonora da subito. Il Real è alla portata e non è una boutade. E’ vero, pare di sognare.
Mentre Pizzul dice di come Galler non sia particolarmente gradito ai madridisti, tutto è pronto per partire.

MILAN, ITALY – NOVEMBER 16: President FIGC Carlo Tavecchio (L) and Bruno Pizzul attend the EURO 2016 Group H Qualifier match between Italy and Croatia at Stadio Giuseppe Meazza on November 16, 2014 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

PRIMO TEMPO

2.40 Partiti, batte il Real sotto una salva di fischi. Una quindicina di secondi e Fusi, in scivolata, interrompe la trama di gioco dei blancos toccando il primo pallone granata. L’olè del pubblico squarcia l’etere, uno di quegli urli che si ricordano finché si campa.

4.37 Il più teso sembra Cravero, uscito in barella all’andata. Prova un dribbling, scivola, solo un po’ di spavento.

5.45 Primo assaggio del trattamento Bruno per Butragueno, che va addosso col corpo allo spagnolo in mezzo al campo. Intervento rude, ma non cattivissimo. Giusto per far capire che non sarà serata.

6.13 La miccia che accende il Toro è un colpo di testa di Casagrande a lanciare Vazquez, anticipato all’ultimo da Lasa. Sul pallone poi vanno ancora Casagrande, Lasa, l’avanzato Annoni. Tutti vogliono quel pallone. Galler fischia un fallo sul nostro numero nove ai venticinque metri.

8.03 Inquadrano la panchina del Real. Spunta l’inconfondibile scucchia di un giovane Luis Enrique.

9.01 Lunghissimo e ottimo giro palla del Toro nella metà campo madrilena, intesa come i loro trenta metri, altro che partire da dietro. Lentini lavora bene una palla a destra per Annoni che centra lunghissimo, Mussi non sa bene come fare a domare quel pallone difficile e lo stoppa malamente con le ginocchia, ma recupera e appoggia a Martin Vazquez. Rafa sembra perderla, ma poi la riconquista e verticalizza genialmente ancora per Mussi. Mister Utilità entra in area e centra lungo come Annoni, ma dalla parte opposta. Lentini recupera palla sul lato destro dell’area, cross per Casagrande che viene anticipato da Ricardo Rocha che non può far altro che imitare quello che avrebbe fatto Walter se gli fosse arrivato il pallone, ovvero metterlo in rete. Il “GOOOOL” urlato dal “Delle Alpi” arriva dalle viscere, è belluino, orgasmico, me lo sono risentito in continuazione nei giorni successivi. 1-0, passeremmo noi. Chicca sadica, che bello che se la sia buttata dentro da solo Rocha, odioso all’andata (andò a urlare in faccia a Policano a terra non si sa cosa, forse per intimorirlo, senza sapere chi avesse di fronte: Robi sghignazzò e fece il gesto “questo è matto”) e già plateale al ritorno, con gesticolate inutili. Sono passati sette minuti. La finale dista ottantatré. Ricordo quando ero piccolo ripetermi, ogni dieci minuti, ne mancano solo ottanta, settanta, sessanta. Ma non corriamo troppo. Torniamo lì. In campo abbracci random fra i giocatori, quando non sai bene chi festeggiare dopo un autogol.

11.41 Anche Agroppi chiede quanto manchi alla fine

13.43 Ricardo Rocha palla al piede continua a fare gesti. Ma che cazzo fai i gesti. Sono andato a vedere se era ancora vivo giusto per capire se potevo ancora dirgliene. E’ vivo. Quindi cazzo gesticoli. Con sti baffoni alla John Holmes, poi.

14.39 Uno splendido recupero palla di Lentini fa capire una cosa che già si intuiva: Gigi è leggermente in serata.

20.55 Martin Vazquez fa un recupero difensivo e non è nemmeno il primo. Eppure stanno dicendo che non sta giocando molto bene, sta sentendo la partita. Vorrei aprire una squarcio temporale e fargli vedere cosa arriverà da un cinque-sei anni dopo in poi. Pochi secondi e verticalizza con pura classe per Lentini. Vorrei riaprire lo squarcio.

24.51 Paco Llorente calcia malamente sul fondo da posizione non impossibile. Meno male che non c’è Sanchez.

LEGGI ANCHE: La porta sempre più piccola

25.45 Spunto centrale di Scifo e lancio meraviglioso a destra per Annoni, sul cui bel cross Casagrande arriva con un centesimo di secondo di ritardo e Fusi si fa ribattere il tiro. Quanto siamo forti.

29.23 Il pubblico chiama l’uomo a Cravero, da vero dodicesimo in campo. Agroppi, poco dopo, dice che il Torino, probabilmente, in Spagna vincerebbe il campionato.

33.37 Quando Cravero si sgancia, Fusi lo copre. E viceversa. Questa cosa mi faceva letteralmente impazzire. Un meccanismo perfetto.

LEGGI ANCHE: Rievocare perle tra amici

35.13 Un Annoni pervaso da senso di onnipotenza è bravissimo a opporsi in scivolata a un tentativo in area di Llorente. Qualche istante dopo è Bruno a immolarsi col corpo su Michel. Perdiamo qualche pallone di troppo, siamo noi ad avviare le azioni del Real. Nel frattempo Bruno manda al bar Michel con una finta nei pressi della linea di fondo e libera con la Maratona in delirio. Chissà, nove mesi dopo, quanti bambini si chiameranno Pasquale grazie a questa giocata.

35.56 Ammonito il diffidato Hierro.
Pizzul: “comunque vadano le cose Hierro non potrà giocare la prossima partita di coppa con il Real”

Agroppi: “Di questo passo non l’avrebbe giocata lo stesso”

Pizzul: “Piano Aldo, non vendiamo…”

Agroppi: “Io forse sono un po’ più tifoso di te, la vedo più…”

Pizzul (sorride): “Si tratta di essere prudenti”
Agroppi: “Hai ragione, hai ragione, quando vedo queste maglie purtroppo…”

LEGGI ANCHE: 1985/86: Storia di una stagione sottovalutata (parte 3)

38.05 Un malinteso Annoni-Venturin lancia un contropiede Real, panico, Llorente da sinistra mette un pallone pericoloso, Marchegiani esce e torna indietro, non si capisce più nulla, Hagi non aggancia, poi Venturin sbroglia. Aiuto.

38.24 Ricardo Rocha sclera per una mancata regola del vantaggio, fa gesti, mima cartellini, botta di fischi, ma fate furb.

44.35 Dopo un tempo a cantare senza sosta, la Maratona respira un secondo. I tifosi madrileni ne approfittano per un “Torino Torino vaffanculo”. Qualche secondo e si ricambia con calore, poi si ricomincia a cantare.

45.55 Cravero sbaglia a impostare e Mussi fa ululare la Maratona con uno splendido recupero e una ripartenza in slalom. Due anni dopo giocherà la finale dei mondiali americani. Non è un caso.

48.13 Ennesimo pallone recuperato da Mussi, che con la punta del piede fa ripartire Scifo, mentre il volume dello stadio sale. Casagrande supera due avversari a centrocampo con altrettanti dribbling netti che ti fanno sempre meravigliare di come un giocatore alto 1,91 possa avere quella leggiadria nel breve. Si inserisce ancora Scifo che lancia immediatamente Vazquez a destra, cross radente, tacco di Lentini, Casagrande a colpo sicuro trova il piede di Buyo. Azione incredibile, forse una delle più belle che abbia visto fare alle nostre maglie nella mia intera vita.

49.13 Ultimo brivido con Annoni che sbroglia allungando la gamba all’inverosimile. Fine primo tempo. 45’ alla finale, 45’ all’appuntamento con la storia. A distanza di ventinove anni, sono un po’ sudato.

LEGGI ANCHE: 1985/86: Storia di una stagione sottovalutata (parte 2)

INTERVALLO

 50.02 Si continua a sfidare la scaramanzia. Franco Costa dice ad Annoni: “Per adesso siete in finale”. Tarzan, con un gesto fugace, mette le mani ad altezza balle per un attimo e, prima di analizzare il primo tempo, dice che è meglio aspettare per dire di essere in finale.

50.57 In tribuna stampa si continua a calpestare qualsiasi regola scaramantica. In poco più di due metri quadrati sono molte le voci che si alternano al compianto Beppe Barletti, preso benissimo. Parte Claudio Sala, quindi Chiambretti che scherza sulla reale fede calcistica di Beppe che a un certo punto dice “a me va molto bene perché vado ad Amsterdam in finale” e si becca un “con le donne?” “No, col Torino!”. Chiambretti continua paragonando il Real alla Sambenedettese (con tutto il rispetto per la Sambenedettese) e poi tocca a Gino Bacci che, ridendo, interrompe Barletti mentre tossisce “smetti di tossire, se no non ci sentono”. Tutti carichi e contenti, quel Toro è così bello che fa sentire tutti sicuri. D’altronde, prima di quella partita, eravamo tutti convinti come mai nella vita di farcela. Solo un “Se ci dovesse andar male” di prammatica di Bacci dopo l’ennesima domanda ottimistica prova a riportarci sulla terra. Invano.

LEGGI ANCHE: 1985/86: Storia di una stagione sottovalutata (parte 1)

SECONDO TEMPO

 1.02.07 “Forza vecchio cuore granata” e “Sotto la curva, segnate sotto la curva” echeggiano dalla Maratona. Sì, perché sarà proprio sotto il tempio del suo tifo che il Toro attaccherà nella ripresa. Si riparte, battiamo noi.

1.03.41 Dopo un tiro telefonato di Hagi, occasione per noi. Scifo crossa da sinistra dopo aver fatto ballare un pochino Chendo, Lentini mette alto di testa da pochi passi.

1.04.39 Scifo ha proprio deciso di salire in cattedra e prova a mettere Casagrande davanti alla porta, ma Walter sbaglia un controllo non da lui

1.08.35 Bruno vince l’ennesimo duello sul Buitre, in modo sontuoso, a testa alta. Non ce n’è.

1.09.05 Stavolta Butragueno salta Bruno e verticalizza per Paco Llorente: ci pensa Cravero con uno splendido intervento in scivolata alla Cravero, finalmente.

1.13.32 Hagi, dopo due tiri velleitari, torna per un attimo Maradona dei Carpazi e fa viaggiare a sinistra Llorente, che prende velocità e crossa basso. Marchegiani in tuffo rimedia e Cravero spazza. Guai a lasciare mezzo spazio, guai.

1.23.34 Il Real inizia a farci sudare, anche perché il tempo stringe. Respiriamo quando conquistiamo un angolo grazie a una discesa di Annoni, sul quale Casagrande stacca praticamente solo, sembra fatta, ma no, pallone centrale, parato. La Maratona sostiene come non mai, squadra e tifosi si prendono per mano a vicenda.

1.24.35 Lasa lascia il posto a Luis Enrique che Pizzul, e la grafica, chiamano Martinez. Brunone dice che è un cambio per dare “maggior forza penetrativa” al Real. Mettete a letto i bambini.

1.26.22 Mini sombrero di Mussi su Llorente che rimane quasi in stato confusionale nel tentativo di capire cosa sia successo

LEGGI ANCHE: “Una gallina dal cuore Toro”

1.29.46 Milla ci prova dal limite e va fuori di niente. Ufficialmente lo spavento più grosso da inizio serata.

1.31.26 Llorente si vendica su Mussi sorprendendolo alle spalle su invito di Michel, ha spazio in area, ma ritarda a fare quello che potrebbe e si ritrova una selva di granata addosso. Alla fine Bruno tocca a Marchegiani e benediciamo il fatto che la regola dell’uso dei piedi su retropassaggio verrà ufficializzata solo da qualche mese.

1.32.03 Break di Scifo ai venti metri, triangolo con Vazquez, tutti si aspettano il tiro, ma si tramuta in passaggio per Casagrande che, di testa, non riesce a segnare, ma era in fuorigioco. Gran peccato.

1.32.40 Llorente va sul fondo e crossa, tutti reclamano palla fuori, Marchegiani sembra un pochino incerto, tiro al volo di Michel fortunatamente brutto e alto. Si soffre. E’ ora di smetterla. E’ ora di fare la storia.

1.33.38 La storia. Martin Vazquez sbaglia un pallone, ma corre indietro come l’ultimo dei gregari per recuperarlo e riesce a sporcare il passaggio madridista. La sfera è per Venturin che dà a Scifo, il quale serve indietro ancora Rafa. Il tocco di prima non è da gregario, ma da artista del passaggio e Lentini può scavallare di nuovo a sinistra. L’ennesima sgroppata di una splendida prova. Punta Chendo entrando in area, lo salta e il capitano del Real prova a toccarlo in scivolata. Non riesce. Gigi, giunto sul fondo, centra rasoterra all’indietro. Hagi non riesce a intercettare, la palla arriva a Fusi che in scivolata fa venire giù una curva, uno stadio, un mondo, il nostro. Lo abbracciano i compagni, lo abbracciano i raccattapalle. Poco distante dal mucchio più grosso Scifo e Vazquez sorridono e si abbracciano anche loro. Non sembrano i due fuoriclasse che sono, quelli su cui si sono spesi fiumi di inchiostro per capire se potessero coesistere o meno, perché quando ne abbiamo due forti bisogna rompere le palle su ste cose, spaccare il capello in mille, non sia mai che si dica che abbiamo uno dei centrocampi più forti di sempre. In quel momento Vincenzino e Rafael sono due come noi, due tifosi, due del Toro e ancora abbracciati raggiungono i compagni. 2-0, generalmente sarebbe il gol della sicurezza. Qui no, una rete del Real porterebbe ai supplementari. Mondo mette Benedetti per Casagrande. Pizzul e Agroppi sono perplessi. C’è una finale da difendere. Ci sono ancora poco meno di un quarto d’ora più recupero da giocare.

LEGGI ANCHE: “Avere cent’anni”

1.35.08 Un lancio per Michel è troppo lungo e sfila sul fondo. Olè del pubblico. Ogni giocata sbagliata delle merengues ci avvicina un centimetro in più alla finale.

1.35.39 Che bello quando la curva canta l’Aida. Che bello quando Pizzul dice “Toro”. Ha proprio un bel suono.

1.36.50 Mondo non sta più nella pelle, gesticola, mani che si incrociano. Pizzul dice che Agroppi sbuffa in preda alla tensione. “Non parli più tanto”

1.38.29 Ancora Mondonico, sempre lo stesso gesto, inversione di fasce o di marcature, non importa. Quanto ti voglio bene, Mondo.

1.39.08 Brivido che avevo rimosso: testa alta di Luis Enrique, ancora chiamato Martinez, che è un altro pezzo del suo nome, ma non importa, l’importante è che non abbia segnato. Marchegiani per guadagnare secondi finge di battere una punizione per fuorigioco, facendo il distrattone, poi chiede scusa e batte il calcio del terzino. Mentre prende la rincorsa, parte “LA GENTE”.

1.40.17 Ammonito Fusi per fallo sul Buitre, era diffidato. Sarà la notizia più cattiva della serata.

1.41.12 Dopo un fallo di Hagi su Vazquez a centrocampo, si accende una piccola rissa, figlia soprattutto dell’andata. Lentini va vicino al romeno e sembra volergli mettere le dita negli occhi o forse gli fa il segno di “due” o non so cosa. Madonna che bello vedere i nostri che non si tirano indietro, anzi. Mondonico e Pavarese cercano di mantenere la calma. Pizzul stuzzica Agroppi “c’è un tuo amico” riferito a Moggi. Aldo glissa “questa sera siamo tutti amici”

1.42.39 Vazquez lancia Gigi. “Vai, Lentini, vai” Non è un tifoso della curva. E’ Pizzul. Impossibile resistere a questo Toro e a questo Gigi.

1.44.54 I minuti passano, lenti, ma passano. Mussi, coi crampi, lascia il posto a Sordo.

1.47.08 Scocca il novantesimo. Niente lavagnette col recupero. Ogni momento è buono per i tre fischi di Galler.

1.48.27 Marchegiani blocca la palla in uscita bassa, boato del pubblico, Bruno fa segno che è finita.

1.48.53 Boato totale dello stadio, sì, stavolta è finita. Toro in finale, la prima finale europea della sua storia. Toro sulla luna. Costa prova a intervistare qualcuno. Lentini dice che non si può descrivere la gioia che abbiamo dentro. No, non si può. Bruno con la maglia del Buitre. Tutti sotto la curva. Marchegiani dice che sembravamo noi il Real e che il nostro stadio sembrava il Bernabeu.

LEGGI ANCHE: “Mago Abedi”

Si torna alla realtà. Lo stadio gremito scompare. Resta una stanza vuota, un monitor acceso. Le città senza persone sono solo macerie. Gli stadi senza gente sono solo cattedrali nel deserto. E’ uno sport, un bello sport, ma un altro sport senza i tifosi. Chissà quando torneremo. E quando torneremo chissà che Toro avremo, se questo triste e amorfo o un altro che può farci sognare se non di andare sulla luna, almeno di fare qualche giretto nello spazio. Chissà.


Classe 1979, tifoso del Toro dal 1985 grazie a Junior (o meglio, a una sua figurina). Il primo ricordo un gol di Pusceddu a San Siro, la prima incazzatura l’eliminazione col Tirol, nutro un culto laico per Policano, Lentinie…Marinelli. A volte penso alla traversa di Sordo e capisco che non mi è ancora passata.

Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabiogoa69 - 1 mese fa

    Ardi… ricordo infatti che si facevano due pullman.. uno che partiva appunto dal ponente savonese ed uno proprio da Savona.. bei tempi caro amico !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. enricolai68@gmail.com - 1 mese fa

    se scifo e policano ci aiutano…..solo qualche partitella ….di sicuro brillerebbero anche oggi in questa squadra di………fegnomeni !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pau - 1 mese fa

    Per chi non lo sapesse, su youtube si trova la partita integrale con la telecronaca di Pizzul e Agroppi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. smncast_93 - 1 mese fa

    Batticuore, palpitazioni e lacrimuccia… CHE RICORDI… E CHE SQUADRONE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Yu2 - 1 mese fa

    ..dopo aver visto i recuperi a centrocampo di gente come Scifo e Martin Vasquez..le scivolate in difesa di Bruno, Annoni, Fusi e capitan Cravero.. e li paragono alle gesta dei nostri “eroi” di oggi.. mi viene ancora più rabbia.. solo Belotti rende onore a quella magnifica squadra..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ardi - 1 mese fa

    Fabiogoa, ho letto ora, probabilmente abbiamo preso lo stesso pullman, ma non so mi pare fossero almeno due, io lo presi dal casello di Albenga perché vivevo a laigueglia. Chissà forse ci siamo conosciuti. Presi i pullman da Albenga anche per i quarti di finale e per la finale, oltre che per le partite in casa di serie a, avevo l’abbonamento in Maratona secondo anello. anch’io ho perso un amico tifoso, ma non si chiamava Gianni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ardi - 1 mese fa

    E come si dice: io c’ero Matatona secondo anello. Uno dei ricordi più belli della mia vita. Lo stadio era talmente pieno e Granata che c’era gente persino dove non doveva. La partita dopo contro L ajax, ricordo che presi dalle bancarelle fuori dallo stadio un gagliardetto di Torino ajax. Poi scopri che sotto c’era quello del Genoa contro L ajax, genoa che aveva perso la semifinale con loro. Poi ci fu il disgraziato ritorno ad Amsterdam, che vidi in tv. Collegai la sfortuna di quella sera con il gagliardetto che buttai. Da allora mi è rimasto in mente che il genoa portasse sfiga. So che è una scemenza, ma tant’è mi è rimasta l’idea. Eppure ormai da ventuno anni vivo a Genova.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Andreas - 1 mese fa

    Grazie Francesco, sei riuscito a farmi rientrare là, in quel posto, in quel tempo, in quell’energia, in quell’amore passionale incondizionato; dal titolo non pensavo. Non mi vergogno a dire che a 49 anni sto piangendo come un bambino e non c’è razionalità a spiegarlo. Mamma mia Fratelli … solo Voi potete capire. Grazie dei Vs commenti in cui riportate Voi stessi nel Toro: quanta splendida vita !!!! Anch’io c’ero. E ci sarò. Vi abbraccio tutti. Per sempre …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. smncast_93 - 1 mese fa

      Ho provato le stesse sensazioni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. charles - 1 mese fa

    Sembra il “LIVE” di Torino- Spezia…non proprio…ma si avvicina parecchio !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fabiogoa69 - 1 mese fa

    Grazie !! e lo dico forte e chiaro… GRAZIE !! ovviamente anche io ero in Maratona.. trovammo biglietti del primo anello.. si entrava e poi amici da sopra ci lanciavano quelli del secondo e si saliva !! pullman da Savona – Ultras Granata sezione Liguria – con gruppetto di amici.. nel mio palazzo eravamo tutti del Toro, grazie ad un vicino originario di Torino che vide e ci raccontò le gesta del Grande Torino e che quando si vinse l’ultimo scudetto ci portò in giro per il paesello offrendoci gelato e caramelle (grandi cuori quelli del Toro !!).. tutti del Toro tranne un gobbo (Alberto ti voglio bene !!).. due grandi emozioni: la partita ovviamente e Gianni.. il mio Gianni.. al mio fianco ad urlare a squarciagola.. il mio fratello di latte Gianni.. non c’è più !!! ecco le ragioni del mio grazie per questo articolo.. mi sono ricordato, con una stretta al cuore, due cose estremamente legate a loro !! Evito commenti e paragoni con la situazione attuale perché svanirebbe tutta la poesia !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13773864 - 1 mese fa

    C’ero. Mi sono commosso a leggere questa rievocazione. E che tristezza il paragone con il Toro di adesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. robinhood_67 - 1 mese fa

    Caro Francesco, grazie!
    Per noi granata ormai vecchi è una di quelle giornate indimenticabili: ricordo l’arrivo allo stadio, l’ansia e l’entusiasmo della curva in ebollizione, la formazione scandita, gli uomini in panchina che accompagnavano i giocatori in campo quasi potessero iniettare a distanza nuove energie. Racconti di giocate di fuoriclasse, giustamente: Rafa Martin Vasquez, Scifo, Casagrande. E hai ragione: gente che dava del tu al pallone.
    Aggiungo solo due cose, che rimugino pensando agli ultimi 2 anni così bui.
    La prima: in quel Toro c’erano Cravero, Lentini, Benedetti, Venturin, Cois, Vieri. Tutti usciti dal Filadelfia, con il granata cucito sulla pelle.
    La seconda: in panchina, Emiliano Mondonico, che una volta a me ed altri tifosi disse: ‘Ci sono molti allenatori del Toro, e poi ci sono pochi allenatori da Toro’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. LBgranata. - 1 mese fa

    Allora c’era un presidente tifoso, e soprattutto i 5 top player della foto.
    Squadra fortissima, un peccato aver vinto solo una coppa italia quando oramai era stata smembrata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. abatta68 - 1 mese fa

    Mi ricordo che parcheggiai arrivando da venaria, scesi dalla macchina per avviarmi verso lo stadio è avevo le gambe che mi tremavano! Uno volta dentro mi resi conto del perche… gia mi immaginavo il mondo che avrei trovato lì dentro, lo stesso che avrei rivisto nello spareggio contro il Mantova. Ti rendi conto che fai parte di una famiglia e allora ti passa ogni paura e inizi a cantare fino a perdere la voce. Sono state emozioni grandissime che non torneranno più. Ma non importa… come si dice, per riconoscere la bellezza basta vederla una volta sola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andreas - 1 mese fa

      grazie del commento fratello. Grazie a tutti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. eurotoro - 1 mese fa

    grrrrr ero di guardia al militare…ai giovani fratelli di oggi dico solo che gigi lentini=garet bale…casagrande=ibraimovic….martin vazquez=iniesta…scifo=modric.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 1 mese fa

      …enrico annoni= van dijk…pasquale bruno=sergio ramos…vabbe’ va’ buonanotte forza toro forza nicola!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Nero77 - 1 mese fa

    Mandate una copia dell articolo ad urbanetto,così invece di pensare sempre ai bilanci e tagli,magari si ricorda di essere il presidente del TORO!!p.s ricordo ogni parola della telecronaca di quella sera,mi si ferma il respiro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Junior - 1 mese fa

    C’ero. Serata indimenticabile. Ci abbracciammo con gente che non si conosceva. Giusto perché si sedeva a fianco. Momenti di grande fratellanza. Il Mondo che dirigeva l’orchestra, i nostri suonatori in campo che sudavano grinta da ogni poro. Noi con adrenalina ogni volta galoppavano verso la porta del Real. Los blancos mettevano veramente paura ogni volta prendevano palla. Ma ce l’abbiamo fatta. Grazie ragazzi e grazie Mondo ❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Gen-X Granata - 1 mese fa

    Che emozione, che brividi, che sensazione immensa che ritorna alla memoria e anche qualche lacrima. Sono passati tanti anni, ero lì quella sera, nonostante il sevizio militare; con mio padre e il mio amico/fratello granata, arrivati da Milano con tutta la tensione di un evento mai vissuto prima. Il Delle Alpi strapieno dei miei colori granata; ovunque guardavi c’era un’energia fuori dal normale, finalmente mia, tutta nostra (ero abituato alle partite importanti di S.Siro degli altri). C’era granata da tutte le parti e lo stadio difficilmente riusciva a contenerlo. E poi…. la partita perfetta; il 2 a 0 un capolavoro partito da Vasquez, caracollato da un Lentini indomabile e infilato dal Fusi, il più umile tra gli artisti del campo, poco visibile, ma tanto utile, come piacevano al Mondo. Appunto, il Mondo. Nulla c’è più di quella serata, uno degli ultimi sussulti d’orgoglio del nostro Toro. Pochi anni fa sono andato a salutare per l’ultima volta il Mondo nella sua Rivolta d’Adda, sempre con il mio fratello granata, in una fredda giornata di fine marzo colorata a festa di tante sciarpe diverse e ugualmente devote. Forse è stata l’ultima forte emozione che ho provato per questi colori; il ricordo di quello che eravamo è sempre vivo, ma se non recuperiamo la nostra cultura e tradizione, sarà sempre più lontano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. PerSempreToro - 1 mese fa

    Presente!!! Anch’io ero in Maratona quella sera: sicuramente la più grande emozione provata da tifoso del Toro. Indimenticabile. Anch’io voglio credere che un giorno la sorte ci ridarà tutto quello che ci ha sempre tolto. Torneremo ad Amsterdam!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Nel 76 ero piccolo, nel 92 avevo vent’anni e quella sera ero lì, nella bolgia immensa.
    Ricordo ancora con un brivido il boato assordante quando i nostri sono scesi in campo al fischio di inizio.
    Quanti eravamo ?
    Settantamila?
    Forse, allo stadio….ma in tutto il mondo eravamo un milione, forse di più, forse di meno, ma un amore e una gioia sportiva così grande non l’avevo mai vista e non l’ho mai più vissuta…

    Grazie per il bellissimo ricordo, una carezza in questo periodo di buio totale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. granata pavese - 1 mese fa

    Pure io c’ero..in quegli anni si andava a Torino con il pullman dell’unico toro club della mia zona grazie a Casasco mio ex compaesano.. Unica partita di coppa in cui non sono andato causa lavoro proprio con l’ajax.. Mai più rivista la partita, ma leggere questa “telecronaca” è stato emozionante..grazie! Peccato che le ultime generazioni di nostri tifosi non abbiano mai potuto godere di tali momenti nemmeno lontanamente…io però sono un inguaribile ottimista e voglio credere che prima o poi, pur nel ridimensionamento generale di ciò che è oggi il calcio rispetto ad allora, possano avere un giorno ricordi di tale intensità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sandro - 1 mese fa

      Sicuro che prima o poi la sfiga pagherà l’immenso credito verso di noi e…….non possiamo solo sempre soffrire noi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 1 mese fa

        Se mai capitasse nessuno potrebbe levarci la CL, come minimo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. sandro - 1 mese fa

    Mi ricordo ancora lo schieramento in curva secondo anello: io al centro mio fratello a destra , Fabry a sinistra Euro dietro e Steu lo spilungone davanti al secondo gol……….sembravamo la squadra di canguri per quanto abbiamo saltato insieme ad una Maratona ed uno stadio da sogno!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Toronelcuore - 1 mese fa

    Solo grazie. Per aver potuto rivivere per 5 minuti tutte quelle emozioni. Che TORO. Con la paura di non poterlo rivedere più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sandro - 1 mese fa

      Dai dai fiducia e un giorno saremo di nuovo tutti insieme in Maratona a godere come animali………il destino c’è lo deve!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. sandro - 1 mese fa

    In panchina Mondonico una star di quel tempo che da noi aveva trovato la sua dimensione ma non nel jet-set come fanno adesso ma nel ritrovare se stesso alla bocciofila di via Breglio con un mazzo di carte ed un barbera giocando a scopa con normalissime persone ed incazzarsi per un punto mancato……..Che Grande SIGNORE era il Mondo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. LeoJunior - 1 mese fa

    C’ero anch’io. Da Gorizia in autobus, trasferta organizzata dal Toro club Gorizia, con mio fratello Esperienza paranormale. Tifosi di ogni età, ceto, grado di follia. Racconti pazzeschi per tutto il viaggio, iniziato alle 5 del mattino. Per me esordio in casa! Potete immaginare la sensazione? Un tifo pazzesco anche se quasi trattenuto per l’emozione. Ma immenso. Non vi racconto le emozioni sui goals ma una cosa resterà impressa per sempre nella memoria: a fine partita decine di tifosi un po’ più anziani, che avevano vissuto l’epopea degli invincibili che erano seduti increduli e piangevano dalla felicità è abbracciavano chiunque incontrassero.
    Vorrei avere il video di quei momenti e farlo vedere a Cairo per fargli capire cosa sta profanando.
    Grazie a quei ragazzi che ci hanno regalato momenti unici!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. sandro - 1 mese fa

    Squadra fortissima ma costruita anche grazie ad un vivaio da sogno……..Benedetti, Cravero, Sordo, Venturin e la panchina con Vieri , Cois e poi in campo la Perla , il diamante di quel vivaio……….Gigio che vi giuro quella sera più la riguardo e più capisco perfettamente che l’abbia quasi vinta da solo………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. sandro - 1 mese fa

    Il mega striscione….Gobbo in poltrona guarda la Maratona……….Pizzul che ribadiva: stadio Esaurito in ogni ordine di posto….Gigio che sgroppava come un indemoniato…….la panchina che garantiva un futuro da sogno…….ringrazio di averlo vissuto perché mi aiuta in questi giorni di sofferenza atroce!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. sandro - 1 mese fa

    Davanti alla curva dalle 9 del mattino per finire la serata senza voce in centro e sotto la sede dei ladri……che goduria poi andare ad Amsterdam e quel palo al 88 minuto che a furia di vederlo tutt’ora prima o poi entrerà………giuro ho ancora i brividi adesso! Che Toro ragazzi!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Pau - 1 mese fa

    C’ero! ho ancora il biglietto. Che serata! e che racconto, bello davvero, tante cose non le ricordavo nemmeno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy