1985/86: Storia di una stagione sottovalutata (parte 2)

Culto / Torna l’appuntamento con la rubrica di Francesco Bugnone: “Il Toro comincia il girone di ritorno come quello di andata e, cioè, all’insegna della media inglese: vittorie al Comunale, pareggi fuori casa…”

di Francesco Bugnone

Come già scritto nella prima parte, il Toro 85/86 ha tanto Filadelfia dentro e nella partita contro il Bari si fa largo proprio un figlio del Fila, uno dei più attaccati alla maglia, uno dei più duttili, uno che spesso, nelle formazioni tipo di inizio stagione, non parte titolare per poi giocare più degli altri. Si tratta, ovviamente, di Ezio Rossi che decide la sfida coi pugliesi, nell’ennesima gara granata giocata all’attacco, ma dura da sbloccare. Al 63’ Ezio raccoglie un pallone vagante ai venti metri, lo controlla con la coscia e lo scaglia in rete da fuori col sinistro. Poi, dopo una traversa di Junior, al 78’ Rossi lascia il campo per infortunio: vuoi mica una giornata di completa gioia per il primo centro in serie A?

Dopo la seconda vittoria consecutiva in campionato, il sorriso si spegne a Spalato, nel ritorno del secondo turno di coppa Uefa. A differenza del match di Atene col Panathinaikos, stavolta il gol a freddo lo subisce il Toro con Asanovic di testa a sorprendere la difesa granata, ma il rigore di Junior al 15’ rimette a posto le cose, di fatto annullando il vantaggio croato dopo la gara d’andata. Dura poco, complice, anche, l’infortunio di Zaccarelli. Su un campo sferzato dal vento, un’incredibile punizione di Sliskovic al 29’ da distanza siderale e un rigore di Zlatko Vujovic che per poco Martina non para a inizio ripresa, ci fanno salutare in anticipo l’Europa. Un motivo in più per riprendercela.

LEGGI ANCHE: “Una gallina dal cuore Toro”

Al Partenio di Avellino, campo notoriamente duro, gli uomini di Radice trovano il punto che volevano. La cosa migliore è il sostituto di Zaccarelli nel ruolo di libero, un certo Roberto Cravero, 21 anni, voto sette. Ne sentiremo parlare. La vittoria torna contro il Pisa e dire che le premesse erano pessime: Berggreen segna dopo neanche 2’ su torre di Kieft (in futuro li ameremo), Dossena viene espulso un po’ severamente per una presunta reazione intorno alla mezzora, ma quel Toro è tanto Toro e, guidato dal rientrante capitan Zac, si rifà sotto. Al 36’, su punizione da destra di Junior, Sabato pareggia in spaccata. Nell’intervallo una telefonata di Sergio Rossi carica ulteriormente i granata che decidono di far sembrare in dieci il Pisa e vanno di goleada. Al 57’ Corradini scaraventa in rete un’altra punizione da destra di Junior e tutti ad abbracciarsi guardando la Maratona. Al 70’ il sempre più prezioso Sabato lancia Schachner che, con un diagonale simile a quello di Berggreen, rompe finalmente il digiuno in campionato. L’austriaco è anche un mostro di altruismo quando serve Junior davanti a Mannini e il brasiliano viene travolto in piena area: Leo ama così tanto la Maratona che tira il pallone in curva. Poco male, all’86’ il solito Sabato verticalizza a destra per Francini che, come se fosse un consumato attaccante, si porta la palla dal destro al sinistro e batte in uscita il portiere il pisano con un gran diagonale.

Il Toro inizia dicembre con due trasferte consecutive in Lombardia. La prima è a Como. Al “Sinigaglia” ci sono dei bei ricordi, come l’esodo nella prima gara post-sorpasso 75/76 decisa da Graziani in apertura. Al di là del risultato, la presenza granata del settore ospiti in quello stadio all’inglese in riva al lago è sempre massiccia e bella a vedersi. La fortuna non sembra nostra amica: Francini colpisce la traversa sugli sviluppi di un corner, poco dopo Corneliusson intercetta un azzardato rilancio di Dossena in area e Borgonovo anticipa una difesa granata pasticciona per sbloccare risultato. Ferri e Bruno, facce da Toro presente e futuro, vengono espulsi severamente da Redini e i primi a essere increduli, e a scagionarsi a vicenda a fine gara, sono proprio loro. Paradisi chiude il primo tempo con tre miracoli sugli invasati granata e, solo nel finale, arriva il pareggio con Comi che anticipa l’uscita del portiere lariano, stavolta imperfetta, su centro di Zaccarelli all’81’. L’11 granata avrebbe il match point sempre di testa e sempre su su uscita imperfetta di Paradisi, ma la palla esce. Questa benedetta vittoria esterna non arriva mai.

LEGGI ANCHE: “Avere cent’anni”

E non arriva nemmeno a San Siro contro l’Inter, ma è una delle più spettacolari e pirotecniche partite di un grandissimo Toro, di quelle che ti ricordi se ci vai. Di quelle che ti ricordi anche se sei un bambino che ascolta la partita alla radio. Dopo 10’ Collovati rinvia addosso a Zaccarelli che va a segno con un gran tiro da fuori che fa esplodere la Maratona in trasferta, ma Paparesta dice “braccio”, mentre Zac dice “petto”. Il potere è del fischietto barese e il vantaggio è annullato. Al 20’ il capitano commette uno dei pochissimi errori stagionali provocando il rigore su Rummenigge e Brady realizza. Il Toro non molla dopo il cazzotto preso, ormai lo sappiamo, e Comi pareggia quasi subito di testa su punizione da sinistra di Junior. Al 40’ Francini e Collovati devono lasciare il campo dopo una terribile craniata: nel Toro entra Vittorio Pusceddu che ci mette meno di 5’ per entrare nell’immaginario collettivo. Su passaggio di Corradini, il sardo lascia partire un incredibile sinistro che Zenga può solo sfiorare. Un groviglio di abbracci sull’autore del gol che, permettemi il ricordo personale, è il primo di cui abbia memoria nitida. Rete di un semi-esordiente in A con un siluro dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo: non male come battesimo. Il Toro chiude il primo tempo in vantaggio, ma a inizio ripresa, mentre Altobelli continua a litigare col gol contro di noi (almeno con la maglia nerazzurra addosso, con quella bianconera ci farà discretamente piangere, accidenti a lui), Kalle Rummenigge vuole far ricordare a tutti che giocatore bestiale è con una sforbiciata vincente dopo un’incerta uscita di Copparoni. Poco dopo viene espulso Sabato per proteste, ma, come contro il Pisa, la cosa ci carica e un gran tiro al volo di Schachner su appoggio di testa di Comi ci riporta avanti. Dopo due pali (Rummenigge sotto misura, il povero Cucchi da fuori) l’Inter trova il 3-3 definitivo con testa di Bergomi su centro del solito tedesco da destra, ma quanto gonfia il petto, a prescindere dal risultato, una partita così?

Purtroppo il finale del girone d’andata non è altrettanto gratificante: un pari a reti inviolate contro l’Atalanta senza brillare, nonostante il solito grande Zaccarelli, e una sconfitta di misura a Verona causata da un colpo di testa da un passo di Galderisi sugli sviluppi di una punizione, mentre i granata sprecano molto e colpiscono anche un palo con Schachner. Al giro di boa Toro settimo a sedici punti alla pari proprio con gli scaligeri e con l’impressione di essere in credito con la sorte.

Il Toro comincia il girone di ritorno come quello di andata e, cioè, all’insegna della media inglese: vittorie al Comunale, pareggi fuori casa. Si riprende la marcia contro l’Udinese ed è un secco 2-0. Junior, appena rientrato dal Brasile, ricomincia a far ballare tutti. Le marcature le apre un gran colpo di testa di Comi nella prima frazione e le chiude, con un meraviglioso diagonale dal lato destro dell’area, proprio Leo su appoggio di Dossena, al 58’. Stavolta il palo lo prende De Agostini e se la sfortuna guarda altrove, si può sorridere. Sorrisi parzialmente rovinai da volantini anonimi che criticano l’operato della società, indizio di quel che succederà la stagione successiva. A Firenze si gioca meglio e si spreca, come in quasi ogni partita fuori casa, e non si sblocca lo 0-0, complice un gol dubbio annullato a Sabato, giusto per non farci mancare nulla, mentre in casa col Lecce arriva la vittoria, nonostante un arbitraggio discutibile di Luci, ma abbiamo già detto che questo Toro sa essere spesso più forte di tutto.

LEGGI ANCHE: “Mago Abedi”

I salentini passano in vantaggio con Pasculli al 27’ dopo un pallone perso a centrocampo dai nostri, ma Schachner, di testa, pareggia abbastanza in fretta, però la rete viene annullata per fuorigioco millimetrico, mentre Sabato, poco dopo, si vede negare un rigore sacrosanto per fallo di Barbas. Il Toro si incazza e inizia la ripresa come una furia: al 46’ il Lecce deve ancora capire dove si trova quando Dossena pesca in area Corradini defilato sulla destra. Centro per Schachner e facile deviazione di testa per il pari con Stefano Di Chiara che tocca per ultimo nel tentativo di salvare. L’austriaco viene messo giù probabilmente in area dall’ex Danova, ma Luci fischia punizione dal limite e il pensiero di un’ingiustizia subita continua a gasare i granata, nonostante un incrocio dei pali colpito da Nobile su punizione ci faccia tremare. Al 68’ Junior intercetta palla a centrocampo, Dossena smarca Corradini in area e il terzino, ormai più punta delle punte, è freddo sull’uscita di Negretti per il 2-1. Il punto esclamativo lo mette Junior: Dossena gli tocca una punizione, Leo la tira a giro ed è samba sugli spalti. A Genova, contro la Samp, il Toro ha il lutto al braccio per la morte del papà di Ezio Rossi, regolarmente in campo e autore della solita prova coraggiosa. I granata stavolta limitano i danni, Comi si ritrova a fare addirittura il difensore, prova tecnica del suo ruolo futuro, e, dopo un palo di Lorenzo, il salvataggio di Zaccarelli su Souness è una delle cose che gli saranno sicuramente servite per vincere il Guerin d’Oro: finisce zero a zero.

Il trittico terribile contro Roma, Juventus e Milan, che all’andata portò tante recriminazioni e zero punti, sembra partire allo stesso modo. Contro i giallorossi il Toro inizia bene, Junior conquista un calcio di rigore, ma Tancredi ha un conto aperto con noi dal dischetto (vedi due finali di Coppa Italia, vedi la parata su Hernandez due anni prima all’Olimpico in una di quelle slinding doors che riusciamo spesso a trovare chiuse) e blocca. Leo, ben lanciato da Comi, dopo una splendida azione corale, si vede di nuovo il tiro parato da Tancredi in uscita. Al 35’ la giocata che decide il match è un’inarrestabile azione personale di Boniek che crossa con precisione per Pruzzo, il cui colpo di testa prende in controtempo Copparoni. Un altro strappo di Boniek nel finale porterà Junior a causare un penalty per la Roma, ma il portiere granata dirà no in modo indentico a quello di Tancredi a Pruzzo.

LEGGI ANCHE: “Come lampi”

Sconfitta amara, ma non c’è tempo di disperarsi. Arriva il derby. La Juventus non è più la schiacciasassi dell’andata, sta rallentando e, pian pianino, la Roma si sta facendo sotto. Quattro lunghezze sono ancora un buon margine coi due punti, ma non lasciano tranquilli. Al Toro manca Schachner, sostituito in avanti dal giovanissimo Lerda. Un inserimento di Laudrup porta in vantaggio i bianconeri, ma il Toro è irriducibile, prende qualche pugno, ma non cade e nel secondo tempo si getta in avanti sotto la Maratona, che prima aveva sghignazzato vendicativa quando Serena si era accartocciato senza riuscire a spingere in rete l’assist di Platini a porta vuota, poi ha chiamato i granata all’assalto e quando una curva così chiama, non si può che rispondere. C’è una mischia furibonda dopo corner di Junior, dove Dio solo sa come quel pallone non sia entrato, c’è uno splendido tiro a spiovere di Sabato che centra la traversa, poi, finalmente, il pareggio quando mancano 3’ alla fine. Punizione di Junior, respinta plastica di Tacconi che però rimette in gioco l’attacco granata. Arriva come un razzo uno dei nostri e la mette dentro al volo in spaccata. Non si capisce subito chi sia. Lo sommergono i compagni. Lo sommerge quello splendore di individui incappottati che, ai tempi, stava dietro le porte, non sempre con un ruolo chiaro. Poi qualcosa si vede, una fascia, un numero quattro, un baffo. Ha segnato Renato Zaccarelli, aveva già deciso un derby nel finale nel 74/75, allora fu 3-2, questo è un pareggio, ma vale come una vittoria ed è giusto che un gol così pesante l’abbia segnato lui, quello che Radice, a fine gara, definirà “il mio Beckenbauer”. La Juve perde un altro punto nei confronti dei giallorossi, Roma-Lecce è ancora lontana, per adesso un po’ di strizza è anche merito nostro, ma quello che conta è un punto che pesa come granito.

Toro sesto a ventitré punti, domenica arriva il Milan che è avanti di due. Il profumo di aggancio è intenso, quello di Europa pure. Questo Toro lo può fare, questo Toro lo deve fare. Questo Toro lo farà.

(continua)

LEGGI ANCHE: “1985/86: Storia di una stagione sottovalutata (parte 1)”

Classe 1979, tifoso del Toro dal 1985 grazie a Junior (o meglio, a una sua figurina). Il primo ricordo un gol di Pusceddu a San Siro, la prima incazzatura l’eliminazione col Tirol, nutro un culto laico per Policano, Lentinie…Marinelli. A volte penso alla traversa di Sordo e capisco che non mi è ancora passata.

Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. abatta68 - 4 settimane fa

    Al goal di zaccarelli nel derby di ritorno sono sceso di 20 gradini trascinati da una fetta di maratona! Ho ritrovato i miei amici il giorno dopo! Il calcio era diverso ma il tifo lo era ancora di più rispetto ad oggi. Portare a termine un derby significava entrare alle 12 e uscire 5h dopo, in bilico attaccato ad una transenna, schiacciato da tutti! Ne uscivo distrutto comunque, ma se vincevi e si vinceva, era una fatica che svaniva subito! Gli ultimi derby che ho visto di recente mi sembrava di vedere toro Ascoli! Mi spiace i giovaniche si beccano solo sta merda creata da cairo, perché si sono persi il bello del calcio, ma soprattutto si sono persi il toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pulster - 4 settimane fa

    Troppi soldi e poca professionalità condita da agenti subdoli che fanno da ago della bilancia, il calcio è questo, business, non c’è più passione, rabbia agonistica e potrei annoverare tante altre caratteristiche assenti in questo calcio malato, in questo Toro malato ….cmq ieri sera tanta roba, record di punti persi in un giorno solo ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Junior - 4 settimane fa

    Tempi che furono e che i nostri figli vedono come preistoria su foto sbiadite. Sogniamo all’indietro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ToroNelCuore - 4 settimane fa

    Evabbè, bei ricordi! Putroppo ormai viviamo solo di quelli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. come un pugno chiuso - 4 settimane fa

    il Toro di Junior, Dossena, Zaccarelli sta alla Cairese di Rincon, Meité e Linetty come un Barolo del 2016 a un Sangiovese annacquato

    l’unico elemento in comune è Comi, che però all’epoca faceva qualcosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy