Juventus-Torino 2-1: l’analisi tattica del match analyst

L’analisi tattica / Torna la rubrica di Dario Biasiolo: ecco alcune indicazioni tecnico-tattiche provenienti dall’ultima gara disputata dai granata

di Dario Biasiolo

ANALISI TATTICA

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Andrea Belotti of Torino FC controls the ball during the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. Football Stadiums around Italy remain empty due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in fixtures being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il derby contro la Juventus è stato impostato dal Torino utilizzando lanci, soprattutto del portiere, a evitare la pressione alta della Juventus: purtroppo però le spizzate di una punta per l’altra o gli anticipi sui difensori bianconeri per scaricare non ci sono quasi mai stati. Nella costruzione della manovra, le azioni con passaggi radenti (uno-due, imbucate e palla dentro per il terzo uomo, scarichi al rimorchio e palla nello spazio) sono state davvero poche. Spesso è mancato lo smarcamento, molti sono stati i passaggi intercettati per una decisione sbagliata e alcuni giocatori granata si sono ostinati in un dribbling di troppo.

LEGGI ANCHE: Le tre sentenze di Juventus-Torino 2-1: la squadra granata è incapace a palleggiare

Nelle ripartenze si poteva osare di più, anche se alcune sono state fatte bene. Ad esempio ottima l’azione di Belotti per Zaza che tira ma il portiere Szczesny esce e respinge (minuto 12.44); poco dopo (minuto 19.38), Belotti manda Linetty nello spazio il quale però si porta la palla sul destro dove arriva De Ligt a chiudere. Al minuto 44.13, Linetty non gioca palla nello spazio a Zaza; invece ottima la ripartenza al minuto 44.32 con uno-due, imbucata più inserimento e cross di Ansaldi per la semi-rovesciata di Belotti finita alta.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Giaguaro - 2 mesi fa

    Analisi vera, ma i gol sono venuti entrambi da cross dalla trequarti, in teoria il punto meno pericoloso da cui crossare in area. Per carità cross ben fatti, oltre i difensori dove in entrambe le occasioni si era in tre/quattro attaccanti contro un difensore. Ma più li guardo più li vedo come cross alti, sufficientemente lenti e a 5 metri dalla linea di porta… Quando giocavo, a infimi livelli, si diceva che le palle alte in area piccola dalla trequarti dovevano essere del portiere, sempre. E allora i portieri non erano alti 1,90 m e con le reattività di oggi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. oscarfc - 2 mesi fa

      Chiedere a Sirigu di uscire a prendere o respingere le palle che piovono nell’area piccola equivale a chiedere a Rincon di fare il regista, non è nelle sue corde. Non ricordo di aver visto Sirigu uscire dalla porta a smanacciare la palla togliendola dalla testa di un attaccante. E’ un suo limite, probabilmente più che problemi caratteriali, questo è stato la causa delle tante panchine che ha accumulato nella sua carriera, poichè molti allenatori chiedono espressamente al portiere di uscire dalla porta a prendere i cross che spiovono in area.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bela Bartok - 2 mesi fa

    Parecchie osservazioni dell’articolo si possono riassumere in “Giampaolo non marca a uomo e non fa pressing”. In definitiva Giampaolo è l’AntiMazzarri: gioca esattamente all’inverso. E’ stata una scelta geniale, la squadra aveva propio bisogno di una complicatissima transizione da un metodo all’altro, non era abbastanza in difficoltà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata69 - 2 mesi fa

    E l’analisi sulle azioni di cuadrado , gol annullato e due gol buoni, totalmente libero di crossare ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fb - 2 mesi fa

    Interessante, ma manca un commento: e se non fossero mancanze, ma Giampaolo fosse daccordo a lasciare impostare la Juventus in questo modo?

    Onestamente ci siamo difesi bene, la juve ha fatto 3-4 tiri in 90’. Poi certo che se a ogni tiro prendi un gol…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 2 mesi fa

      In realtà l’analisi dimostra che ci sono molte pecche nell’esecuzione dei dettami tattici, che si corre troppo e male (e infatti crolliamo nella parte finale di ogni match). Nessun allenatore professionista al mondo, neanche il più sprovveduto, sceglie scientemente di fare correre male la squadra. Purtroppo la rosa è infarcita di alcuni calciatori con attitudini diverse da quelle ricercate dal mister (Rincon, Verdi, Edera, Millico, Zaza) a prescindere dal modulo, altri con le motivazioni sotto i tacchi, le valigie in mano da tempo e/o con la testa altrove (Sirigu, Lyanco, N’Koulou, Verdi, Izzo, Edera, Millico). In questo contesto i più giovani e i nuovi in generale (Gojak, Vojvoda, Singo, Bonazzoli e Segre) non hanno grandi punti di riferimento e si ritrovano in un ambiente pessimo che non facilità il loro inserimento. Alla fine il povero Giampaolo si ritrova a poter contare su pochissimi effettivi: Belotti per lo spirito giusto che mette sempre in campo, Liberty e Rodriguez per i dettami tattici. Ma va da sé che non può bastare, è impossibile fare calcio in queste condizioni. Le sta provando tutte il mister ma non sta funzionando e non certo per colpa sua. La spietata analisi dell’articolo non a caso si conclude definendo “enorme lavoro” la sfida che attende mister Giampaolo. Fossero arrivate le giuste pedine oggi non vedremmo sempre gli stessi errori, a prescindere dal modulo, che ormai da 1 anno dobbiamo sorbirci, prima con Mazzarri, poi con Longo, ora con Giampaolo e in futuro con il malcapitato che prenderà il suo posto, se la società non interverrà seriamente per regalare al mister gente con le caratteristiche necessarie per esprimere il suo (bel) calcio ripulendo lo spogliatoio da chi ha la testa altrove per fare posto a chi vorrà sposare il progetto Giampaolo. A quel punto vedrai che il match analyst avrà molti meno errori da sottolineare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. paulinStantun - 2 mesi fa

        Io Lyanco non lo metterei tra quelli che vogliono andare via… Secondo me ora che è diventato titolare (inamovibile direi) non credo abbia nessun problema a restare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Dajeee - 2 mesi fa

    Come stiamo messi invece in classifica di bilancio?? Zona ciampionz??? Riusciremo ad ottenere la decima quest’anno?? La stella la cuciamo sul petto?? Daje urbano facci sognare!! Plus plus plus plus plus plus plus plus plus

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 2 mesi fa

      Questo è un articolo estremamente tecnico e, a parere mio, interessante.
      La stessa cosa non posso dirla del tuo commento: ma cosa c’entra????
      Ci sono decine di articoli che parlano di come la società gestisce mercato, squadra, singoli giocatori… potresti postare le tue interessanti (??) domande in quegli articoli.

      PS: l’importante è non stupirsi se le manifestazioni di protesta, invece di parlare chiaro a giocatori e società, si risolvono in gridare insulti e biascicare cose senza nessun costrutto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dajeee - 2 mesi fa

        Il dialogo era aperto 15anni fa. Compralo tu il Toro (cit.) Ahahah

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Dajeee - 2 mesi fa

        Ma che poi quali analisi devi fare? Hai visto la partita? Quello ha fatto 4cambi da 30/40 mln cad e Jumpy è riuscito a buttare nella mischia un ex covid a 10’dalla fine e il capitan futuro Segre a tempo finito…che analisi devi fare?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. paulinStantun - 2 mesi fa

          Ma non ti è mai venuto il dubbio che il calcio ad alto livello abbia delle finezze che un profano a volte non nota??? A me si e quindi apprezzo questi articoli tecnici che mettono in evidenza delle sfumature che magari fatico ad apprezzare.

          Poi grazie al caxxo che la gobba ha giocatori più forti di quelli del Toro. Se però ti limiti a questa profondità di pensiero poi finisci tra quelli che pensano che il derby non si perdeva se si facevano un paio di cambi, e che GP è così somaro che non se ne è accorto…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Dajeee - 2 mesi fa

            Ah ecco sei un profano, non avevo capito Sorry… comunque è da polli pensare che Jumpy non se ne sia accorto da solo ahaha pensa a chi l’ha messo lì e a chi gli ha messo a disposizione la squadra(secondo te non se ne erano accorti pure loro?)… Poi certo possiamo fare tutte le analisi del caso ma lasciano il tempo che trovano.possiamo blaterare di crescita e capire i nostri errori, io so solo che le merde 15anni fa erano in b e noi no, il loro processo di crescita forse è passato attraverso analisi più approfondite? Ti prego aiutami a capire come queste preziose analisi possano risollevarci? Adesso che abbiamo capito che meité è un mezzo giocatore( ovvero che gioca solo il primo tempo), Zaza è un fenomeno ma solo con la Virtus Entella, rincon forse non fa il regista di ruolo (da circa 20anni) e tutta un’altra serie di masturbazioni mentali, cosa abbiamo in mano? Una certezza? La convinzione di non ripetere gli stessi errori? L’analisi secondo me è: finché c’era freschezza, non c’è stata partita. Nonostante il divario tecnico, nonostante il divario economico. La differenza la stava facendo la motivazione.Poi il mister ha sbagliato a farli i cambi e,per me, potevano rimanere gli 11per 90minuti e poi lamentarsi dopo di non avere sostituti credibili( a volte manco titolari credibili).
            Che poi sirigu sia il sosia del passato, Belotti abbia sbagliato la rovesciata, lyanco abbia tenuto in gioco il saltatore 2volte su 2 non cambia né il risultato né la prestazione né, tantomeno, il fatto che ai piani alti siano inadeguati (più che la rosa). Aspetto ancora analisi di bilancio però, quella interessa di più a società ed evidentemente ai tifosi di cui vedo diversi paladini impavidi.
            Poi sinceramente che a te interessi l’analisi mi riempie di gioia. Infatti io non criticavo l’articolo, cercavo di dare nuovi spunti al pennivendolo di turno che ovviamente non tocca chi gli firma la busta paga. Saluti e baci

            Mi piace Non mi piace
          2. paulinStantun - 2 mesi fa

            Quindi tu che sei un esperto (se dai a me del profano) non ti interessano articoli di stampo tecnico-calcistico, vorresti solo leggere di articoli che mettono a nudo le carenze della società ed in particolare di Cairo.
            Bene, sempre da profano chiaramente, sono interessato al lato calcistico della squadra (pensa te che roba strana): io vado allo stadio da una vita e mi piace vedere giocare a pallone.
            Adoro Cairo e sono contento della situazione: ma manco per il piffero!!!
            Però me ne devo fare una ragione (visto che non ho i soldi per comprare il Toro, e tutto sommato vedendo cosa porta ai presidenti – e parlo almeno degli ultimi 50 anni – anche avessi i soldi me li mangio in alcool e mignotte ma non nel calcio) e cerco di guardare il lato calcistico anche se fa abbastanza schifo.
            Il giorno in cui non mi interesserà più leggere di calcio e calciatori ma di Cairo / Comi / Vagnati… beh… smetterò di seguire il calcio, tanto si vive lo stesso

            Mi piace Non mi piace
          3. Dajeee - 2 mesi fa

            Guarda che ti sei dato del profano da solo ahahah leggi i tuoi commenti, e poi anche i miei, prima di rispondere. Comunque se fai i milioni ti faccio compagnia volentieri sia per l’alcool che per le mignotte. FVCG

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy