Il pasticciaccio brutto

Prima che sia troppo Tardy / Torna l’appuntamento con la rubrica di Enrico Tardy. Il brutto momento dei granata viene messo nuovamente sotto i riflettori

di Enrico Tardy
tardy

Cairo, calciatori, allenatore, ognuno scelga un colpevole dello scempio. La sintesi di tutto ciò inizia con la lettera B…
Siamo ai minimi storici. Se Cairo ha mantenuto più o meno la stessa (arida economicamente ed emozionalmente) linea dal primo giorno – ricordo a titolo esemplificativo la faticosa riacquisizione dei trofei dalla società fallita, la vicenda Filadelfia, i seggiolini ecc.- , i calciatori che abbiamo avuto in questo ultimo anno rappresentano un condensato di menefreghismo raramente reperibile. Cairo invece di cacciarli a fine campionato scorso se li è tenuti e loro hanno proseguito nel loro atteggiamento intollerabile di mollezza e disinteresse. Preciso: oltre a quelli insoddisfatti, ma retribuiti, ci sono proprio quelli che emotivamente non danno segnali percepibili e dunque sono “semplicemente” indolenti (Meitè).

LEGGI ANCHE: Mistero della fede

Il cocktail è esiziale. I due o tre che si danno da fare fanno tenerezza. Qualche sorriso qua e là, per una maglietta di Dybala o per tre pere raccolte nel sacco, un bel flash mob muto di fronte ai tifosi imbufaliti e tutto scivola via senza che nessuno ponga rimedio a questa vergogna.
La società non esiste oggi come non esisteva quando giocavamo a Bilbao sia chiaro. Il suo barcamenarsi fino ad oggi è legato ad alcuni tecnici “tuttofare” capaci di scegliere dei calciatori di gestire il gruppo, ottenere i risultati prefissati e nonostante ciò invisi ad alcuni tifosi cultori del bel gioco (si certo…noi abituati al calcio champagne). Dico questo perché Cairo è rimasto lo stesso dal primo giorno e mi fa sorridere che una parte dei tifosi quando si perde scopra che Cairo non ha fatto questo o quell’altro salvo poi non dire nulla quando si raggiunge qualche risultato.

LEGGI ANCHE: Zona rossa

Rispetto al “solito” in questo ultimo anno gli errori strategici si sono moltiplicati, questa è la ragione per cui siamo dove siamo. Siamo tutti esasperati, ma l’esasperazione non crea un acquirente del Toro. Siamo in ostaggio? Mettiamola pure così, ma i calciatori di oggi sono i Di Michele ecc. di ieri e non hanno alibi legati al denaro. Ricordo ancora una volta che il Torino ha l’ottavo monte ingaggi della serie A, più del doppio del Verona e più elevato dell’Atalanta. Questi signori il “progetto” lo vedono sul conto corrente ogni mese.
Mi hanno stremato tutti, ma vedere gente che si muove in slow motion e pure goffamente non lo sopporto più. Poveri… loro lavorano tanto per uscire da questa situazione, sono dei professionisti…


Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PotenzaGranata - 1 mese fa

    Caro Avv. Tardy, condivido in pieno il suo articolo, ma sarebbe il caso che Lei, l’Avv Marengo e tutti coloro che tengono al Toro, uniscano le forze per mettere fine a questo scempio e a coostringere il mandrogno a vendere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mario66 - 1 mese fa

    Bell’articolo condivisibile in tutto. Mi limito a dire che i giocatori sono ragazzi giovani che guadagnano molto e spesso sono adulti. Questo porta alcuni ad assumere atteggiamenti di strafottenza o superficialità. Ci vuole una guida seria ed autorevole per salvarli dalla deriva. Tradotto: per farli funzionare al meglio serve una società solida e decisa. Al Toro la società proprio non esiste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. olivia - 1 mese fa

    Abbiamo una rosa da Settimo ottavo posto e per colpa di un ciarlatano siamo ridotti in queste condizioni.Una società che non riesce a gestire i giocatori motivarli farli rendere al meglio e dargli una guida valida e’ una società guidata da una persona che di calcio non capisce un cazzo.Riusciamo sempre a mettere in campo ogni partita una formazione diversa.Facciamo venire il mal di testa a Sirigu che non fa che raccogliere palloni nella porta.E’ possibile che Giampaolo non sappia la posizione migliore dove deve mettere i giocatori?.Siamo alla follia.Sicuramente un urbiochimico saprebbe posizionarli meglio.Cairo non capisco come possa dormire la notte .Evidentemente e’ senza cervello oppure ormai ce l ha sconnesso.Faccia l Editore dia i soldi in mano a un direttore sportivo valido che riassetto la società.Bisogna prendere NICOLA come allenatore in questo momento contingente.Persona valida tifoso del Toro conoscevi giocatori e dovrebbe metterli al posto giustoInoltre e’ senza dubbio meno sfigato di quello iettatore diGiampaolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nero77 - 1 mese fa

    Non siamo Mai stati una società calcistica,per il nostro presidente siamo un azienda ,con costi e ricavi,tagli e riduzioni,rari investimenti e fredde analisi.Eccolo il risultato finale,Fallimento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pulster - 1 mese fa

    Sbattere questi personaggi in panchina/tribuna? Qualcuno magari perde la nazionale, mentre qualcuno l’ha già persa (Izzo), qualcuno l’ha persa anni fa (Zaza) e qualcuno non la vedrà mai (Meite’), e poi parentesi N’koulu che ce lo trasciniamo dietro da 2 anni; devo proseguire mettendo nel calderone anche il buon Baselli che da quando milita nel Toro avrà giocato bene 5 partite? Strano che Lyanco non si sia ancora rotto nulla.
    Tanto schifo per schifo stravolgiamo la situazione, Almeno se dobbiamo perdere, lo facciamo correndo!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. come un pugno chiuso - 1 mese fa

    ‘mi fa sorridere che una parte dei tifosi quando si perde scopra che Cairo non ha fatto questo o quell’altro salvo poi non dire nulla quando si raggiunge qualche risultato’

    e quale mirabolante risultato si sarebbe mai raggiunto in questi 15 anni ?
    le statistiche di questa presinienza sono le peggiori della storia granata ma la colpa è sempre degli allenatori o dei giocatori, certo, come se li avesse scelti il caso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13794907 - 1 mese fa

    Purtroppo quella che racconti è la sacrosanta verità! Il Bocconiano dell’anno è in confusione e non ne azzecca più una…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Forvecuor87 - 1 mese fa

    Mai come quest’anno il Toro condiziona le mie giornate in maniera negativa e provoca così tanto magone dentro di me. Prima mi incazzavo come una iena a tal punto di distruggere qualcosa. Oggi provo tanta sofferenza. E comunque se ad oggi l’ottavo monte ingaggi della serie a se ne fotte alla società è sfuggito qualcosa forse???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    A me Tardy sta simpatico, e lo leggo con piacere. Il fatto è che ormai mancano le parole. Tutto è stato detto, peggio di così non può andare. Anzi, sì. Con Cairo e il suo staff non c’è limite al peggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ottobre1955 - 1 mese fa

    Enrico Tardy. Grazie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy