Primavera, i fuoriquota diventano cinque: i 2000 tra cui il Torino può scegliere

Primavera, i fuoriquota diventano cinque: i 2000 tra cui il Torino può scegliere

Giovanili / Al ritiro di Cantalupa andranno in otto, Adopo rientrerà in autunno

di Roberto Ugliono

Sul campionato Primavera soffia un vento di cambiamento. Nella giornata di ieri la FIGC ha reso noto con un comunicato ufficiale che dalla prossima stagione i fuoriquota schierabili in una partita sale da 3 a 5 – uno di questi senza limiti d’età, mentre gli altri non devono aver compiuto il 20° anno di età nell’anno in cui ha inizio la stagione sportiva – e ora la parola passa alle leghe di Serie A e B, che dovranno decidere rispettivamente per i campionati di Primavera 1 e 2. Dunque si allarga la forbice dei 2000 che possono fare parte del gruppo insieme all’annata base dei 2001. Intanto il Torino è pronto a iniziare la prima gestione Sesia, che mercoledì prossimo dirigerà il primo allenamento (QUI il programma del pre-campionato dei torelli).

Primavera 1: il campionato inizia il 14 settembre, la finale sarà il 10 giugno

VERSO IL RITIRO – La lista dei convocati è in via di definizione in queste ore: negli ultimi due giorni il tecnico Marco Sesia ha accompagnato Massimo Bava a Bormio, da oggi si tornerà a pensare alla Primavera che – lo ricordiamo – ha per ora accolto due acquisti, Freddi Greco e Bucri arrivati dalla Roma. Per quanto riguarda i fuoriquota classe 2000, la società deve ancora decidere la lista definitiva e convocherà per il ritiro di Cantalupa diversi giocatori. Più precisamente stiamo parlando di Marcos, Potop, Munari (reduce da sei mesi in prestito al Cesena), Onisa, Lucca (reduce dal ritiro di Bormio con la prima squadra), Gonella (negli ultimi sei mesi al Bra), Sportelli e Petrungaro (il cui passaggio al Rimini è saltato). Incerto anche il futuro di Onisa, che al momento verrà aggregato al gruppo di Sesia, ma il suo cartellino formalmente appartiene ancora alla Virtus Entella dopo il mancato riscatto del Torino nei termini pattuiti inizialmente.

ADOPO ANCORA KO – A questa lista si aggiungerà, probabilmente, Adopo. Il centrocampista granata tornerà presumibilmente in autunno, perché è stato operato dopo il Torneo di Viareggio per risolvere i problemi legati alla cartilagine del ginocchio destro. Insomma, vista la situazione, il Torino può valutare con calma chi portare nel prossimo campionato Primavera come fuoriquota e al momento verranno valutate le possibili alternative dal trio Sesia-Fabbrini-Bava.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. al_aksa_831 - 3 mesi fa

    I fuoriquota dovrebbero essere ZERO, a vent’anni si dovrebbe giocare con i pro, sennò vuol dire che qualcosa non va ed è inutile perderci tempo. Ne abbiamo visti di fuoriquota in primavera osannati, ma che poi sono miseramente naufragati tra i pro, tipo Butic e Debeljuh.
    Onisa è un medianaccio ruvido e coi piedi quadrati, trattenerlo, addirittura fuoriquota, sarebbe spreco di tempo e denaro. Gli altri son già nostri e pazienza, ma comprare un fuoriquota è da manicomio, cosa comunque già successa in passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy