Il Torino e i ritiri punitivi: da Mihajlovic a Mazzarri, i precedenti non incoraggiano

L’approfondimento / Squadra in ritiro dopo la sconfitta contro l’Udinese. Ma negli ultimi anni i risultati sperati non sono arrivati

di Alberto Giulini, @albigiulini

Prova a correre ai ripari la società, dopo la brutta sconfitta di sabato del Torino contro l’Udinese che non è affatto piaciuta al presidente Cairo. Confermata la fiducia a Giampaolo (un esonero adesso sarebbe difficilmente realizzabile), il patron granata ha criticato apertamente la squadra. “Molte responsabilità sono dei giocatori – le parole del presidente –, non mi aspettavo di vedere un primo tempo con così poca grinta”. Quindi la decisione, annunciata da Cairo stesso, di mandare la squadra in ritiro. Una situazione certamente non nuova in questi mesi caratterizzati dai continui ritiri dettati dal protocollo anti-Covid, ma questa volta con uno scopo “punitivo”.

ROME, ITALY – OCTOBER 30: Francesco Acerbi of SS Lazio celebrates the opening goal with his team mates during the Serie A match between SS Lazio and Torino FC at Stadio Olimpico on October 30, 2019 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

L’ADDIO DI MAZZARRI – Nelle ultime stagioni il Toro ha fatto ricorso a questo genere di ritiro solamente nei momenti peggiori. Lo scorso anno il primo arrivò ad inizio novembre, dopo il pesante 4-0 in casa della Lazio nel turno infrasettimanale che precedeva il derby. La società confermò Mazzarri in panchina, ma decise di mandare la squadra in ritiro. Qualche piccolissimo passo avanti non mancò: la squadra giocò un buon derby (pur perdendo 1-0) e andò successivamente a vincere 4-0 a Brescia. Si trattò comunque di un minimo cenno di ripresa che non trovò seguito. Tanto che giusto due mesi più tardi, dopo il brutto 0-7 rimediato dall’Atalanta, la squadra tornò nuovamente in ritiro. In quell’occasione il Toro sfiorò le semifinali di Coppa Italia (rimontato dal Milan nel recupero ed ai supplementari), ma la domenica crollò clamorosamente a Lecce portando alla separazione consensuale con Mazzarri.

GENOA, ITALY – MAY 21: Luca Rigoni of Genoa scoring a goal 1-0 during the Serie A match between Genoa CFC and FC Torino at Stadio Luigi Ferraris on May 21, 2017 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

CON MIHJALOVIC – Tornando indietro fino al 2017, anche Mihajlovic decise di mandare la squadra in ritiro. In quel caso la squadra pagò un pesante 0-5 contro il Napoli che non andò giù a società ed allenatore. I risultati non furono però dei migliori, anzi. La domenica seguente il Toro andò al Ferraris ad affrontare un Genoa in piena lotta per non retrocedere ma la squadra non mostrò nessun cenno di reazione. I rossoblù si imposero quindi 2-1 (la riaprì Ljajic su punizione all’89’) e festeggiarono la salvezza con un turno d’anticipo. I precedenti ritiri punitivi non sono dunque di buon auspicio per la società, dato che non hanno portato i risultati sperati. Il banco di prova sarà ora rappresentato dalla difficile trasferta di giovedì sul campo della Roma: dalla squadra è lecito aspettarsi quanto meno un atteggiamento completamente diverso da quello visto sabato. Solo il campo potrà dire se stavolta il ritiro avrà effettivamente funzionato o meno.

LEGGI ANCHE: Torino: Cairo-giocatori, che rapporto c’è?

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pupi - 1 mese fa

    Sergente Cairo: “Io sono il sergente maggiore
    Cairo, vostro capo istruttore, da questo momento potete parlare
    soltanto quando vi sarà richiesto e la prima e l‘ultima parola che dovrà
    uscire dalle vostre fogne sarà “signore”, tuttochiaro luridissimi
    vermi?”
    Giocatori: “Signor sì Signore!”
    Sergente Cairo: “Ma che cazzo non vi sento! Rispondete come se le aveste davvero!”
    Giocatori: “Signor sì Signore!”
    Sergente Cairo:
    “Se voi signorine finirete questo campionato e se sopravviverete
    all’addestramento, sarete un’arma, sarete dispensatori di morte,
    pregherete per combattere, ma fino a quel giorno siete uno sputo, la più
    bassa forma di vita che ci sia nel globo, non siete neanche fottuti esseri umani, sarete solo pezzi informi di materia organica anfibia comunemente detta merda! Dato che sono un duro non mi aspetto di piacervi, ma più mi odierete, più imparerete: io sono un duro ma sono
    giusto, qui non si fanno distinzioni razziali, qui si rispetta gentaglia
    come gobbi,
    laziali, milanisti o ciclisti, qui vige l’eguaglianza non
    conta un cazzo nessuno; i miei ordini sono quelli di scremare tutti quelli che non hanno le palle necessarie per servire nel mio beneamato
    Torino, capito bene luridissimi vermi?”
    Giocatori: “Signor sì Signore!”
    Sergente Cairo: “Ma che cazzo, non vi ho sentito!!”
    Giocatori: “Signor sì Signore!!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Spliff - 1 mese fa

    Mah chiamalo ritiro… Da questa sera sono in albergo e Giovedì giochiamo a Roma.. 2 giorni..Cioè manco lo chiamerei ritiro dai su..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. suoladicane - 1 mese fa

    BRAVA REDA!!!
    ho scritto un commento sulla dirigenza del torino fc, lo avete lasciato un po’ e poi lo avete cancellato……….proprio bravi
    vi siete offesi per MORETTI NON PERVENUTO o per COMI ciccione (le parole erano molto meno offensive)?
    ciaparat
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 1 mese fa

      E dai. Ma Moretti e Comi hanno famiglia. Non so Moretti ma Comi, se lo manda via, più che aprire una pizzeria che vuoi che faccia?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bela Bartok - 1 mese fa

    Serve a niente, esattamente come il “confronto coi tifosi”. Anzi, solitamente sono passi del classico percorso verso la B.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paul67 - 1 mese fa

    Anche se meritano una punizione, la questione è servirà a qualcosa? Il dubbio sorge, ci sono giocatori che già sono scontenti perché nn sono stati ceduti e li mandi in ritiro? Nn penso che Sirigu comincerà a gettarsi in mischi aeree rischiando gomitate, che Izzo, faccia quello scatto in più… e mi fermo qui la lista sarebbe molto lunga.
    Ormai è chiaro che alla squadra nn frega più niente, nn è più una squadra, é questa la triste realtà, ognuno pensa a salvare il proprio culo in qualche modo, giocatori e proprietà, a rimetterci siamo sempre e solo noi tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Innav (CAIROVATTENEINBELIZE) - 1 mese fa

    Immagino poi i ritiri punitivi della cairese: la società farà controlli severissimi, non più di due donnine x stanza

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy