Toro, Giampaolo per ora non rischia. E Cairo: “Molte responsabilità sono dei giocatori”

La situazione / Fiducia confermata per il tecnico, aiutato anche dalle troppe gare ravvicinate. Ma nelle prossime tre sfide serve una sterzata

di Alberto Giulini, @albigiulini

Giampaolo non rischia, almeno per il momento. È questa la situazione in casa Toro dopo la brutta sconfitta di ieri contro l’Udinese. Per i granata la classifica rimane dunque molto brutta con appena sei punti in undici partite, ma a farne le spese non dovrebbe essere il tecnico.

TURIN, ITALY – DECEMBER 12: Torino players form a huddle during the Serie A match between Torino FC and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on December 12, 2020 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

LA CONFERMA DI CAIRO – Ad allontanare la possibilità di un esonero è stato il presidente Cairo, intervenuto ieri dopo la gara: “Purtroppo la partita è stata quella che è stata, ma Giampaolo non è a rischio. Io ho fiducia in lui e avevo visto delle buone cose, ma non oggi”. Nel mirino del patron c’è soprattutto la squadra, per la quale non sono mancate le critiche: “Molte responsabilità sono dei giocatori, infatti andremo in ritiro. Non mi aspettavo di vedere un primo tempo con così poca grinta”. E a rendere ancora più solida la posizione del tecnico c’è anche il calendario, che fino alla sosta natalizia lascia poco spazio per immaginare un cambio di guida tecnica.

Cairo

IL CALENDARIO – Difficile, con tre partite in dieci giorni, pensare ad un cambio in panchina. I granata torneranno infatti in campo giovedì sera a Roma, prima di ospitare domenica il Bologna ed andare mercoledì a Napoli per l’ultima prima della sosta. Troppe gare ravvicinate, dunque, per pensare ad un ribaltone che ad oggi appare improbabile. Una situazione per certi versi simile a quella vissuta a febbraio, quando Mazzarri rimase anche dopo lo 0-7 con l’Atalanta perché in settimana erano in programma i quarti di Coppa Italia contro il Milan. Ma senza una svolta, con l’arrivo della sosta, potrebbe essere proprio Giampaolo a pagare per tutti. Del resto, nonostante la rinnovata fiducia nei confronti del tecnico, il presidente Cairo è stato molto chiaro: “Il gioco va bene, ma sono i risultati che contano. E sei punti in undici partite sono molti pochi”.

50 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nicodeimos8_13775722 - 1 mese fa

    Caro urbanetto, se la colpa ora la dai ai giocatori come mai nella Fiorentina dei Della Valle e nel Napoli di Aurelio (squadre fallite anni fa come noi E ADDIRITTURA RIPARTITE DALLA C2 O DALLA C1) non accadono queste situazioni corrotte? Come mai la Fiore e il Napoli dopo la loro rifondazione non sono piú retrocesse e anzi sono tornate a raggiungere spessissimo grandi traguardi COME LA LORO TRADIZIONE MERITA? COME MAI INVECE NOI, CHE SIAMO ADDIRITTURA DAVANTI A LORO NELLA TRADIZIONE, IN 16 STAGIONI DI TUA PRESIDENZA ABBIAMO FATTO SCHIFO INDEGNO IN 9 ANNATE E CI IMPONI DI VANTARCI DI 2 SETTIMI LURIDI POSTI OVVIAMENTE SEMPRE FUORI DALL’EUROPA SUL CAMPO?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ciroa974 - 1 mese fa

    A mio avviso, questa squadra doveva retrocedere lo scorso anno, per come si è fatto il girone di ritorno. Grazie al Covid-19 e a qualche dose di fortuna, la squadra si è salvata, ma è rimasta quella che era: una squadra scarsa. Se fate la conta dei punti racimolati nel 2020 non arriviamo a 25, quindi score da squadra di serie C.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Faustoro - 1 mese fa

    Da oggi mettere in campo Gallo,Singo e 9 giocatori che non hanno trovato spazio.
    Di sicuro l impegno sarà maggiore, se poi non arrivano i risultati,amen…ma tutti gli altri metterli in tribuna fino a Maggio e farli sentire dei frustrati.
    Poi l anno prossimo vedremo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cuore Granata - 1 mese fa

    Sono di Napoli e non ho mai tifato per un’altra squadra che non fosse il Toro, anche ai tempi di Maradona non ho voluto tradire l’amore verso il Toro. I principi, gli ideali, i valori che la maglia granata trasmettono ai propri tifosi non hanno eguali al mondo. Sono è sarò indissolubilmente legato a questi colori. Comunque vada. Il problema è che dal 1989, prima storica retrocessione “dell’era post scudetto”, le cose vanno sempre male. Nel 2005 mi sono rovinato le vacanze nell’attesa che il nostro amore non sparisse per sempre. Da allora pochissime gioie. Vengo al punto: trovo inaccettabile che un professionista lautamente pagato grazie ad un contratto firmato liberamente decida di punto in bianco di non volerlo più rispettare e attua il più classico dello “sciopero in bianco”. Lo scorso anno Nkoulu, poi Izzo adesso Sirigu. Per Zaza preferisco stendere un velo pietoso, solo per come si comportò in un derby di coppa non avrebbe mai dovuto avere l’onore di vestire i nostri colori. Sirigu: è sotto l’occhio di tutti che giochiamo a porta vuota. Dopo Firenze nessun intervento di rilievo, praticamente ogni tiro in porta ha l’80% di trasformarsi in gol, non è gol solo se gli giunge il pallone addosso. Basta rivedere i gol subiti con il Cagliari, il 1° 2° e 4° con il Sassuolo e la Lazio (la posizione sulla punizione di Milinkovic è da censura), i due con la Samp e la Juve (non esce mai e non parliamo dei gol presi per mancati interventi nell’area piccola). Nkoulu: rivedetevi il gol di ieri, non tenta nemmeno di correre per recuperare su Pussetto, praticamente passeggia! Su Izzo dico solo che è il caso che rimanga in tribuna fino alla cessione. GP: caro maestro, ma persa per persa perchè non giocare con Milinkovic a porta? Perchè Bremer non sta giocando visto che era il più in forma tra tutti i difensori? Crede davvero che Buongiorno non merita un’occasione? Perchè non Segre al posto di Meitè o Linetty? Ma Edera è davvero cosi’ scarso da non dargli una chance? Tranne ieri, perchè con 5 cambi inizia le sostituzioni al 70°? Non le dice nulla che siamo diretti in B con la media di 2 gol fatti a partita e 3,5 subiti? Sinceramente sono stanco di vedere tanta superficialità verso i valori di cui sopra, ogni partita è un’offesa alla nostra storia. I sorridenti di ieri, per favore, li metta in tribuna sino alla cessione. Non meritiamo di essere presi in giro. Ci basta già che lo faccia da 15 anni il nostro Presidente! Infine un grazie al nostro Capitano: è commovente vederti giocare, oltre ad un grande campione sei un uomo vero. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. claudio sala 68 - 1 mese fa

    I giocatori li ha scelti la società, non sono venuti da soli. Ogni tanto un poco di autocritica non farebbe male a Cairo, forse diventerebbe più obiettivo. Mercato condotto in modo bislacco ed approssimativo, le società di calcio devono essere gestite da professionisti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. abatta68 - 1 mese fa

    Non voglio nemmeno stare a ricordare le responsabilità mancate da cairo, perché verrebbe fuori un romanzo! Ma i giocatori cazzo! Ma come su fa a giocare con le mani in tasca una partita come quella di ieri e riuscire a prendere tre goal pure dall udinese, ovvero k attacco più scadente del campionato! Questi non si rendono conto, anche perché ladocueta è seduta. Ora chi vuole essere ceduto lo dica apertamente e venga escluso dalla rosa, punto! Compriamo 4 bricchi a gennaio dalla serie Bper avere i ruoli coperti e basta, mettiamo in campo qualche primavera e proviamo a salvarci. Tanto peggio di così è impossibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 1 mese fa

      I giocatori praticamente sono gli stessi dello scorso anno con gli stessi limiti caratteriali. Longo si è concentrato a fare i punti necessari per salvarsi consapevole che non sarebbe riuscito a cambiare il gruppo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. LeoJunior - 1 mese fa

    Facciamo capire alla società che stiamo con l’allenatore e contro quei quattro mercenari che ridono dopo le sconfitte. Li mettano alla porta a costo di retrocedere con la primavera. Me ne frego se hanno ragione e se Cairo è quello che è. Così stanno prendendo per i fondelli noi tifosi e la storia. Questo non eccettuabile. Moretti, sei tu il team manager!! Sveglia. Schierati e tira fuori le palle. Denuncia, non puoi accettare una roba del genere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Luigi65 - 1 mese fa

    inutile girarci più intorno, la situazione è diventata complicata, fa benissimo la Società a confermare il tecnico e a dare un senso di stabilità…se si va in B ci si va con Giampaolo e si conferma anche per il prossimo anno, le responsabilità vanno prese e portate avanti fino all’ultimo, speriamo di risollevarci ma nel breve la vedo scura…sempre Forza TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 1 mese fa

      Non basta confermare Giampaolo per dare senso di stabilità. Serve irrobustire lo staff con gente capace o delegare chi già c’è per organizzare tutte le attività a più livelli. Solo ieri Condó ha dichiarato di sapere da diversi procuratori che Cairo diceva di parlare con lui e non con il DS. Questo è gravissimo, vuol dire gestire la società in modo accentrato e peggio ancora il centro è un individuo che chiaramente non capisce molto di calcio, ossia il presidente.
      La stabilità si ottiene con pianificazione, programmazione e figure chiave competenti che siano sempre presenti in ogni frangente, dal mercato alla logistica, dagli allenamenti al campo, dalla gestione delle infrastrutture a quella dello staff medico e tecnico. Mantenere un allenatore, scarso per la A, e fare due acquisti a gennaio non cambia nulla e ci porta comunque in B o peggio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi65 - 1 mese fa

        sono d’accordo con te che la stabilità non concerne solo al tecnico, ma almeno è un punto fermo e toglie alibi ai giocatori, cambiare allenatore adesso significa ricominciare da capo e perdere 3 mesi di lavoro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. cinquantott_13953589 - 1 mese fa

    Chiedo un nuovo sondaggio e questa volto diretto ai giocatori: vi sentite di rappresentare l’anima storica della squadra granata o, diversamente, questa maglia vi sta stretta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luigi65 - 1 mese fa

      a parte Belotti, tutti gli altri della rosa della storica maglia granata non sanno neanche cosa sia, compreso il Presidente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. claudi_689 - 1 mese fa

    Giampaolo ha voluto i mezzi giocatori della samp, nel possibile sono stati presi i giocatori che voleva. Questa come la mettiamo? Lui è imbarazzante come allenatore, non ricordo che abbia mai vinto niente, anzi solo danni. Che la cairese ormai sia marcia ok ma giocano meglio squadre come Benevento Spezia ecc che hanno una rosa molto inferiore. Anche questa come la mettiamo? È evidente che metà gruppo non vuole Giampaolo, come successo al Milan giocano contro, ma Cairo è cieco.
    Gente come Zaza e Meite che fanno danni risaputi continuano a giocare, cosi come altri imbarazzanti, vedi Linetty ( che ieri sembrava una giocatore amatore, non l’ho mai visto rincorrere qualcuno ), Voivoda che sembra uscito dalla terza categoria.
    Ve la prendete con Sirigu che fino a ieri era il vostro dio, Sirigu semplicemente si è rotto i coglioni e probabilmente non ama Giampaolo, Rincon spacciato per regista è un assurdità. Lukic trequartista quando è chiaramente una mezz’ala. Verdi trequartista quando è da sempre un esterno da 4-3-3. Non avremo la squadra per l’Europa ma i giocatori ma sono veramente messi male in campo, il 3-5-2 di Mazzarri almeno aveva un senso, catenaccio e vediamo che succede

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cinquantott_13953589 - 1 mese fa

      E’ evidente che Sirigu non sia allo stesso livello degli anni scorsi ed è altrettanto evidente che non gradisca giocare nel Toro. Faccia oggi un passo indietro e chieda la panchina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luigi65 - 1 mese fa

      Sirigu è un professionista e non può essersi rotto i coglioni, gli altri anni è stato come avere un centravanti alla Belotti tra i pali e ci ha portato tantissimi punti, quest’anno ha fatto un paio di ottime parate e basta, molte delle reti subite sono a causa sua, se è fuori forma o in stato demotivazionale è opportuno che si sieda in panchina e ricarichi le pile, tanto peggio di così non si può fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. cocco.dixi_10363554 - 1 mese fa

      Direi tutto giusto, niente da aggiungere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. cinquantott_13953589 - 1 mese fa

    Sono d’accordo con tutti Voi: fuori Sirigu Meitè Zaza Rincon Nkoulu Rodriguez Linetty e dentro il campo baldi giovani. Ormai è assodato che andremo in serie B. Onore a Belotti e auguri di una grande squadra. Teniamo l’allenatore, unico a dare un gioco degno di nome alla squadra granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudi_689 - 1 mese fa

      Gente come te che ancora difende Giampaolo, da pazzi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. cinquantott_13953589 - 1 mese fa

        Ognuno ha le proprie opinioni; rispettarle è da gentiluomini.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. eurotoro - 1 mese fa

          ..avevo dato fiducia incondizionata al mister ma se mi dicono che i giocatori se la ridono anche dopo una sconfitta..questo e’ il fallimento madre x un allenatore!..poi e’ dalla prima giornata che cambia la difesa in continuazione..poi non aver capito che in rosa c’e’ gente svogliata che voleva andare..ancora piu grave farli giocare! cosi facendo ha demotivato gli altri! difesa a 4 difesa a 3 importante puntare sui titolari e questi non potevano essere coloro che volevano andare!…la fragilita’ difensiva e’ dovuta a questo! Anche un dilettante sa’ queste cose!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. mirafiori64 - 1 mese fa

    Premetto che l’arrivo di gp non mi convinceva, gli allenatori integralisti non mi sono mai piaciuti e inoltre non capivo il perché quando avevamo un squadra lontanissima dal suo credo calcistico.
    I nodi sono venuti al pettine e adesso? Le soluzioni sono solo due a mio parere.
    1 si avanti con Gp, gli si da carta bianca e a gennaio si tirano fuori i soldi per un trequartista vero e valido, un terzino sinistro e possibilmente un altro centrocampista degno, pulizia di chi non rientra nei piani di Gp, al di la delle minus.
    Ammetto che sia di difficile attuazione servirebbero una trentina di milioni e sopratutto tanta competenza, me è quella che ci salverebbe dalla b
    2 la via più semplice, cacciata immediata di gp, subito oggi e non tra due settimane, panchina a Semplici che credo che sia l’unico che accetterebbe il rischio di fare una magra figura, anche perché secondo me segue da tempo e con particolare interesse le vicende nostre e forse si sarà già fatto un’ idea, a me piacerebbe donadoni o al massimo Nicola perché abituato a vivere nei bassi fondi, a gennaio ascoltare e accontentare Semplici di cosa ha bisogno e sperare che si accontenti di poco. Più praticabile ma non assicura la permanenza in a
    Cosa accadrà…..sconfitti miseramente a Roma e Napoli, pareggio col Bologna e ultimi in classifica a natale, allontanamento di gp, arrivo di semplici, arriverà dal mercato di gennaio un portiere un terzino dx e un immancabile incontrista dai piedi di ghisa, tanto a centrocampo ci sarà baselli e siamo a posto così, contestazione al fila, a marzo allontanamento di semplici e chiamata di longo o ventura o reintegro di Gp, si finira in serie b, ultimi in classifica con 24 punti
    Non dite che non ve lo avevo detto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 1 mese fa

      Per la prima opzione il problema è che il bilancio graverebbe molto più che 30 milioni di investimenti. Per cambiare servirebbe anche sfoltire altrimenti perdo anche con minusvalenze molto forti e il bilancio andrebbe molto in rosso. Ma se vuoi dare una chance a GP, bisogna scendere Sirigu, Verdi, Zaza e Izzo, mettere in tribuna N’Koulou e gli eventuali invenduti. Provare a rivitalizzare Meité o vendere anche anche lui. Alchè per tentare la via del modulo Giampaolo, conti alla mano, probabilmente rimarrebbero prospetti su cui scommettere o validi giocatori di serie B che facciano un onesto lavoro e diano tutto pur di stare in serie A.
      Sarebbe una strada onesta perché anche io in fondo ritengo Giampaolo, seppur aggravante della situazione, uno onesto che non si tira indietro. Il modus operandi di Cairo fino ad oggi però è sempre stato un altro, ma forse essendo ora attaccato anche da tutti i giornalisti potrebbe decidere di fare diversamente per evitare pubblicità negativa, lui ragiona in base al ritorno che ha in fondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Cuore granata 69 - 1 mese fa

    Adesso anche quelli che ” almeno con lui si resta in a non ci fa fallire” forse cambieranno idea su sto soggetto…in a si può restare finché la ma matematica non ti condanna,ma le uniliazioni subite sopratutto nel ultimo anno sono altro che da serie b…lui è il peggiore ha diviso i tifosi, sta distruggiendo quel poco di buono che era rimasto al Toro…il peggio del.peggio..i ciminelli vidulich goveani erano dei ciarlatani con 4 denari…lui pottebbe fare qualcosa in più perché qualche soldo in più lo avrebbe..ma siccome lui del.Toro non gliene mai fregato nulla se non per pubblicità e plusvalenze( chi era Cairo 15 anni fa , un pubblicitario che lo conoscevano in pochi pochissimi, chi è ora..uno che è conosciuto, proprietario di rcs la7 e grazie a quelli di venaria entra nei salotti buoni)..quindi le possibilità le avrebbe per costruire qualcosa di buono..ma se navighi a vista prima o poi qualche scoglio lo trovi e la barca può affondare..per questo è il peggiore..potrebbe ma se ne fotte e di conseguenza fa sopravvivere una squadra da anni senza avere nulla di proprietà( stadio,filadelfia , sede, nulla del nulla) quando potrebbe farla vivere..gli altri etano ciarlatani senza speranza..lui è un ciarlatano che potrebbe ma non vuole per questo lo fa il peggiore …con la grande colpa di aver anche diviso una tifoseria storica come la nostra..vattene..ripartire dalla b ma senza di te sarebbe un gran successo..e vada come vada peggio di così credo sia impossibile..umiliazioni e prese per il culo continue che la nostra maglia e la nostra gente non MERITA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GRANATORO - 1 mese fa

    E, inutile illudersi, le prossime 3 partite 0 punti. Bravo Cairo, bravo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. GRANATORO - 1 mese fa

    Si, l’esempio negativo viene dall’alto poi però se sei una persona seria fai tutto tranne che sorridere dopo 7 sconfitte e valanghe di gol presi….se sei serio e hai un minimo di dignità e di rispetto verso i tifosi. Devo dire che anche sirigu comincia a starmi altamente sul cazzo, ha poco da ridere considerando le cappelle che sta facendo quest’anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. WGranata76 - 1 mese fa

    Il film è sempre lo stesso. In questo momento del campionato la colpa è dei giocatori, così da poter dire che la rosa è valida e non rispecchia il suo attuale posto in classifica. Poi si fa un mercato a zero euro o non si fa proprio, perché non ci sono le condizioni e poi, a mercato chiuso, la colpa diventa dell’esonerato allenatore, che non è riuscito a fare rendere questa rosa. Non vi sembra un dejavù?
    Detto ciò il problema di malagestione ha sempre e solo una causa fondamentale, il presidente, che gestisce la società di calcio come una qualsiasi società commerciale. Finalmente ieri anche Sky lo ha detto che la società non solo gestisce male, ma è assente e colpevole, peccato che fino a 2 anni fa la osannavano..
    La differenza tra passato e presente è che avevamo allenatori che sapevano gestire al posto del presidente e tamponarne i difetti, gente con carattere ed esperienza come Ventura, Mazzarri e lo stesso Sinisa. Ventura non aveva grandi ambizioni ed ha fatto un ciclo litigando meno col boss e aveva Petrachi, che senza portafoglio ha fatto comunque il suo onestamente, ma Sinisa e Mazzarri non hanno resistito oltre il primo mercato valido con Cairo. Oggi invece abbiamo un allenatore con scarso carattere e poca competenza, non solo manageriale, ma anche calcistica. È onesto e si prende le responsabilità, bravo e da ammirare, ma comunque è responsabile di aver aggravato la situazione per le sue limitate capacità. In altre società si era dimesso, ma qui non credo lo farà perché sono troppi soldi e soprattutto si brucia l’ultima chance di credibilità.
    D’altronde cosa si può pretendere da uno che usa come regista Rincon, insiste su Linetty che è nullo, usa Rodriguez con centrale di difesa seppur sia un bradipo. Non ha il coraggio di mettere da parte Sirigu e Meité che sono chiaramente con la spina staccata. Sbaglia la formazione iniziale e pure i cambi. È completamente in confusione e questo danneggia ancor più una situazione già grave.
    Ora il problema sarà che seppur tardi, quando sarà esonerato e con tutti i giornalisti che ormai sbugiardano Cairo, chi davvero verrà sulla nostra panchina a salvarci? Non credo proprio ci sarà la fila..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. altoro - 1 mese fa

    Il calendario è troppo ravvicinato e pertanto la Società TORINO F.c., nella figura del suo unico azionista, il patron Urbano Cairo, prende tempo attendendo l’esito dei risultati sportivi della squadra granata in occasione del prossimo complicato trittico di partite che il TORO è chiamato ad affrontare prima della sosta natalizia. Solitamente nel calcio non ha senso fare tabelle in quanto le stesse sono elaborate sulla carta, quindi in teoria, per essere puntualmente smentite dalle successive dinamiche del terreno di gioco. Tuttavia personalmente credo che soltanto con cinque punti all’attivo da conseguire nel prossimo trittico di partite, quindi tramite una ipotetica vittoria contro il Bologna e il pareggio nelle difficili trasferte di Roma e Napoli, il tecnico Giampaolo potrà rimanere alla guida tecnica del TORO e quindi degustare il panettone natalizio. Da ieri sera lo stesso tecnico abruzzese è consapevole di essere sulla graticola e ritengo che soltanto con l’auspicato conseguimento del sopracitato obiettivo di punti, peraltro di ardua attuazione a causa degli evidenti limiti tecnici della squadra granata, la cui prestazione nel primo tempo di ieri sera contro l’Udinese si è rivelata assolutamente “inguardabile”, Giampaolo rimarrà al timone del TORO all’alba del nuovo anno. Successivamente, chissà … . Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Vecchiotifoso - 1 mese fa

    A mio parere un allenatore così ha senso tenerlo solo ad una condizione.
    Si prendano Sirigu, Izzo, Lyanco, Ncoulu, Meitè, Zaza, e si mettano fuori rosa, si sostituiscano con 7 primavera e si accetti di andare in B .
    Altrimenti non è accettabile un allenatore che si fa mangiare in testa dallo stesso gruppo che usando la contestazione dei tifosi di febbraio, ha fatto fuori non solo un allenatore, ma tutto il Toro.
    Allenatore senza palle.
    La società non adeguata a gestire una squadra di calcio, deve lasciare, questo oramai lo sanno anche i sassi, ma le soluzioni al ribasso sarebbero il colpo finale di una parabola, che come in un girone infernale ha visto loschi figuri a partire da Borsano,i Vidulic i Ciminelli…
    Quindi per me o fuori rosa mezza squadra e questo allenatore a insegnare a qualche ragazzotto con fame a giocare al calcio, oppure via l’allenatore e dentro qualcuno che abbia il polso per fare piegare le ginocchia a questi traditori di cui sopra.
    Per la presidenza non mi illudo, attendo!
    Quando il presidente capirà che più va avanti e più il valore complessivo scende, forse si deciderà a vendere, ma non illudetevi, quando le cose vanno male, non ci sono salvatori della patria su cavalli bianchi che corrono in soccorso, ma solo avvoltoi.

    Ma una cosa è certa! Lo spirito e l’anima di cosa vuol dire Toro è dentro di me e lì resta.
    Questo, né Cairo, né Sirigu, né nessuno me lo porterà mai via.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Scott - 1 mese fa

    L’unico rischio che corre Cairo è Dover aprire il portafogli a gennaio. Per il resto, sono sicuro, non gliene frega nulla. Pertanto non c’è da meravigliarsi se i calciatori escono sorridenti come fossero andati ad un party. L’ottimo esempio vien loro dall’alto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. FVCG80 - 1 mese fa

    La verità è che non so chi schifare per primo. Quindi, democraticamente, schifo tutti: in primis il padrone, se la società è una macchietta derisa e perculata da tutta Italia è merito suo, poi vengono i giocatori, gente che percepisce stipendi annuali che noi comuni mortali non vedremo in tutta la nostra vita e ride dopo l’ennesima sconfitta, mentre mio figlio piange. Uomini di merda senza dignità e rispetto, ancora di più in un momento come questo. Salvo solo il gallo, unica luce granata nel buio. Poi ci siete voi giornalisti, proni al padrone, che avete taciuto per anni la verità, censurato il dissenso, esaltato il padrone e scaricato le sue colpe sempre su qualcun altro. Mi fate schifo tutti e spero che prima o poi pagherete. A breve, se Dio vuole, questo virus finirà. Spero che i tifosi tornino compatti. Sono pronto a fare la guerra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Nero77 - 1 mese fa

    I complici si aiutano,il Maestro ha dato un bel 10 al mercato,La volpe lo conferma!Attento GP,comprati un paio di mutande rinforzate,Urbanetto dopo il 4 febbraio ti farà una grossa sorpresa..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano67 - 1 mese fa

      Nn arrivera a febbraio anke se cairo vorrebbe evita un altro mister col mercato di gennaio aperto.a napoli sara na batosta sonante e le suo parole sono fumo.a me farebbe piacere che nessuno accetti l incarico del dopo giampaolo.ma qualche altro fallito lo trouera.il peggior toro della storia nn poteva avere che lui come presidente.pensavate fosse cimminelli?naaa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. BACIGALUPO1967 - 1 mese fa

    Le risate di Sirigu e Izzo mi hanno ricordato quelle di Padelli dopo l’errore in amichevole compiuto da Gomis in pre campionato….
    Bene auguro loro la stessa fine di Padelli zimbello della tifiseria interista e terzo insignificante portiere peggio di quello stronzo di Pinsoglio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Simone - 1 mese fa

    Infatti il “genio” furbescamente tenne in panchina WM fino al termine del mercato invernale in modo che nessun nuovo allenatore potesse pretendere nuovi acquisti.
    Rivedremo lo stesso film anche quest’anno anche se la B non ce la leva nessuno.
    Speriamo almeno serva a far cedere la società xké non se ne può più di questo cazzaro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Fede Granata - 1 mese fa

    Sirigu l’avevamo messo su un piedistallo come meritava fino allo scorso anno. Ieri sera vedere uscire lui e Izzo ridendo mi ha fatto molto male. la mia ammirazione per loro non c’è più da un bel po. Ma ridere è molto significativo nei nostri confronti. Denota menefreghismo neanche rispetto per i soldi che prendono.NON li voglio più vedere in campo come NKoulou e Zaza. Vedere Gallo e altri uscire a testa bassa mi ha fatto pena e mi ha fatto male ma in un altro senso. Cairo vada anche lei in ritiro con i suoi competentissimi collaboratori e parlatevi a quattrocchi. Questa società che lei ha creato è la nostra vergogna. Grazie a tutti . Il Gallo non centra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. donato - 1 mese fa

    Sirigu Izzo e Zaza in tribuna. Subito!!!
    In quanto a GP, ma lo scempio tattico del rpimo tempo col 3-5-2 e il solito inutile Zaza in campo, li ho visti solo io??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

    Urbano ha detto:a Gennaio vedremo…Mi permetto dire:Urbano a Gennaio và “a cantè’nt n’atra cort!”FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Mario66 - 1 mese fa

    L’unico che se ne dovrebbe andare è Cairo. L’unico veramente responsabile di questa catastrofe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. troppiminut_9167412 - 1 mese fa

    io non chiedo attaccamento alla maglia o che tifino Toro, ma correttezza e dignità, sono professionisti no? un professionista non esce ridendo se perde, quella m**** di ronaldo esce incazzato se non va tutto bene e sti fenomeni se ne fregano di perdere?? ma allora non sono neanche professionisti! mettete fuori rosa queste macchiette sopravvalutate senza dignità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. troppiminut_9167412 - 1 mese fa

    io non chiedo attaccamento alla maglia o che tifino Toro, ma correttezza e dignità, sono professionisti no? un professionista non esce ridendo se perde, quella m**** di ronaldo esce incazzato se non va tutto bene e sti fenomeni se ne fregano di perdere?? ma allora non sono neanche professionisti! qualcuno glielo dica chiaro, macchiette sopravvalutate senza dignità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Pavl73 - 1 mese fa

    Il tifo organizzato deve fare quakcosa
    I calciatori del toro che fu devono fare quakcosa
    Gli imprenditori tifosi del toro devono fare quakcosa
    Cairo deve lasciare la società

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Il Giaguaro - 1 mese fa

    Giampaolo è l’ultimo dei colpevoli… Questo gruppo in un anno si è “mangiato” tre allenatori con i risultati sportivi che tutti sappiamo! Una società seria (cioè uno staff di dirigenti degni di tal nome ed un Presidente) avrebbe iniziato già l’Estate 2019 a “rimuovere” quei granelli di sabbia (Nkoulu, Izzo & C.) che inesorabilmente portano guai. Comincio a leggere, e mi associo, che Mazzarri fece un miracolo sportivo per un anno e mezzo con questi giocatori. Cambiare un altro allenatore non servirà a nulla se prima non cambiamo l’aria dello spogliatoio, quindi a Gennaio serve una mossa alla Petrachi nel 2010 (se ben ricordo l’anno).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Ezio 76 - 1 mese fa

    Io non sono tra quelli che credono che le responsabilità siano dei giocatori, semplicemente è una squadra che ha evidenti limiti tecnici a centrocampo. Moltissimi come me lo stanno scrivendo da illo tempore. Questo centrocampo non ha qualità e sostanza, non appoggia adeguatamente le punte, non protegge la difesa perché nel corso della partita spesso perde inopinatamente palla favorendo le cosiddette imbucate della squadra avversaria che tanto ci hanno fatto male. La colpa è di chi ha la responsabilità tecnica della squadra, il DS in primis se no che ci sta a fare, poi di un presidente incapace o mal consigliato.
    I giocatori fanno quello che possono con le loro caratteristiche, compatibilmente con il covid, molti infortunati ecc. Ora anche con le contestazioni, che non hanno mai risolto niente anzi hanno sempre peggiorato la situazione. Né possiamo sperare nel mercato di gennaio, chi si arrischierebbe ad accettare di venire a giocare qui, sicuramente nessuno che abbia qualità e capacità e quindi altre alternative possibili a noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 1 mese fa

      Sirigu come lo spieghi?
      Gli errori folli da interregionale in difesa come li spieghi? Con il centrocampo?
      Davvero?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    In effetti cambiare allenatore adesso non servirebbe a nulla. Serve mandare via gli scontenti (e gli ingrati )
    Se cambio ci sarà dovrà arrivare un allenatore manager scafato ed esperto. Non un altro capro espiatorio.
    Sinisa, Mazzarri, Longo, Gianpaolo: vittime di una società fragile, senza progetti e senza un vero organigramma aziendale.
    Qui c’è solo Cairo a gestire il suo portafoglio.
    Non mi piaceva Gianpaolo, ma per quanto mi riguarda non riesco a dargli nessuna colpa per i risultati. Sono figli dell’operato del presidente. Chi pensa il contrario è cieco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cocco.dixi_10363554 - 1 mese fa

      Sono parzialmente d’accordo sulle enormi responsabilita’ della societa’, ma un allenatore che incassa 27 reti, pur se e’ un onesto galantuomo, e’ sicuramente responsabile. A volte la squadra e’ messa verente male, come ieri sera, ed alcuni giocatori sono fuori contesto. E’ quantomeno inverosimile che l’allenatore non se accorga, visto che li vede tutta la settimana. Linetty uno dei tanti, ma anche Lyanco, che ha una lentezza disarmante nei recuperi, o Zaza, che si impegna ma gioca meglio come unica punta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

        Cocco@ sulla difesa hai ragione, ma la colpa è anche di N’Koulou e Sirigu che non guidano più la difesa, di Izzo che aspetta con ansia di essere ceduto.
        Guarda il derby: in panchina chi aveva Gianpaolo ? Nessuno, e tra i pochi, erano reduci da covid e infortuni. Bonazzoli fino a ieri era stato impalpabile. Murru mediocre …Lukic, Voyvoda e Goyak convalescenti.
        Ve

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. WGranata76 - 1 mese fa

          Un allenatore con carattere però li riprende e se necessario li mette in panchina inserendo fissi Lyanco, Bremer e Milinkovic. Potrà anche non mettere gente più forte sulla carta, ma non puoi dire che metti sempre chi ti sembra meglio preparato e motivato e poi lasciare questi interpreti in campo. Allenatori come Mazzarri e Sinisa li avrebbero già messi da parte a mio avviso. Poi chiaro che le cause dei mali siano da imputare a Cairo, ma a mio avviso Giampaolo può ambire al massimo alla serie B.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. cocco.dixi_10363554 - 1 mese fa

          Hai ragione, ma vedo altre squadre, tipo Spezia e Crotone, che non hanno certo una rosa migliore delle nostre “riserve”, ed e’ qui che mi chiedo se l’allenatore non ci mette anche un po’ del suo. Noi volevamo una squadra da quartieri alti e non l’abbiamo, va bene, pero’ con questa stessa squadra, facendo giocare chi e’ motivato, magari riesci a salvarti. Cosi si va veramente allo sfascio. Poi se mi sbagliassi, sarei il primo ad essere felice

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy