Juventus-Torino, i precedenti: due pareggi recenti incoraggiano i granata

Derby della Mole / Statistiche negative per i granata in casa bianconera, Rizzitelli siglò l’ultima vittoria del Toro. Con Mihajlovic e Mazzarri due pareggi allo Stadium

di Marco De Rito, @marcoderito

DOMINIO

TURIN, ITALY – JULY 04: Matthijs de Ligt of Juventus is challenged by Andrea Belotti of Torino FC during the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on July 04, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Filippo Alfero – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Era il 8 aprile 1995, Juventus-Torino terminò 1-2. Al 6′ sbloccò Ruggiero Rizzetelli, al 13′ arrivò la beffa con l’autogol di Roberto Maltagliati. Ma dopo 10′ ancora Rizzetelli portò in vantaggio il Toro. Allo stadio Delle Alpi, che all’epoca le due squadre condividevano, il match terminò con una vittoria dei granata, l’ultima conquistata fuori casa. Ma la definizione ha poco a che vedere con il significato che assume oggi. All’epoca ai tifosi della squadra “ospite” nel derby non veniva concesso solo lo spicchio del settore ospiti e così anche sugli spalti le stracittadine erano molto combattute.

Se si guarda il parziale all’Allianz Stadium, lo score per il Torino è negativo, tuttavia negli ultimi anni è fuori casa che i granata sono riusciti a limitare il numero di ko. In 8 partite, neanche una vittoria, 6 sconfitte e due pareggi. Entrambe le ‘X’ sono arrivate con il punteggio di 1-1. Il  confronto anche dal punto di vista dei gol è a senso unico, con il Toro che ha siglato appena quattro reti in 7 sfide contro le 14 dei bianconeri.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bordeauxgranata - 1 mese fa

    Uno dei tanti record di urbanino, c’era molto più orgoglio e voglia di lottare quando il divario tecnico era molto più evidente di quello odierno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxxvigg1968 - 1 mese fa

    loro sono (mi duole dirlo) società modello come organizzazione e hanno bisogno di punti
    noi abbiamo la proprietà completamente asservita agli zebrati e una società senza un progetto allo sbando da svariati anni

    chissà come finisce sabato ………..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 1 mese fa

    Mi sento rinfrancato dopo aver letto questo articolo! È un po come scoprire che tua moglie negli ultimi tempi ti ha tradito più di rado…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ulisse71 - 1 mese fa

    caspita, le statistiche sono davvero incoraggianti! meritano un bel 7 in pagella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. iard68 - 1 mese fa

    Ah si… davvero incoraggianti. Potessimo non giocarla, sarebbe tanto di guadagnato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Stegiachi - 1 mese fa

    Quando vedo i difensori che non sono in grado di tenere la linea alta con il portiere sul dischetto del rigore e la squadra corta in 30 metri in questo calcio moderno sei fritto..
    Puoi fare 352 il 4231 433 ma se non sai fare l’elastico difensivo non puoi giocare in serie A.
    Bisogna tenere la difesa alta e stringere gli spazi per poter ripartire in rapidità.
    Allenatori preparati lo stanno facendo a Verona o con lo Spezia.

    Se non cambia qualcosa (almeno 2 uomini a centrocampo, uno in difesa e uno in attacco) oppure mandano via il mister attuale (ad oggi scandaloso) retrocediamo in B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 1 mese fa

      Era il gioco di Mazzarri, i tifosi l’hanno cacciato

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy