Nicola contro Di Francesco: il granata è più abituato alle lotte salvezza

Il Confronto / Di Francesco, nonostante i pessimi risultati, ha la fiducia della società ma deve consolidare la sua posizione

di Andrea Calderoni

Eusebio Di Francesco aspetta in Sardegna questa sera alle 20.45 Davide Nicola. Cagliari e Torino si giocheranno una fetta della loro permanenza in Serie A in un match delicatissimo. Di fronte ci saranno due tecnici con pochi tratti in comune. Di Francesco è probabilmente, insieme a Roberto De Zerbi, l’allenatore di Serie A più vicino per idee di calcio a Marco Giampaolo, ex mister del Torino. Non è sbagliato definire Di Francesco un esteta del gioco del pallone, uno di quelli che vuole dominare la partita. Fin qui, però, le cose a Cagliari non sono andate affatto bene per Di Francesco. Anzi, la sua panchina non è mai stata così in bilico come in questa settimana. Perdere in casa contro il Torino significherebbe rendere più traballante la sua panchina, sebbene il patron rossoblù Tommaso Giulini abbia rinnovato il contratto del 51enne tecnico di Pescara un mesetto fa fino al 30 giugno 2023.

LEGGI ANCHE: Nicola pre Cagliari-Torino: “Voglio un Toro che vada sempre al massimo”

PASSAGGI DI MODULO – Proprio come nelle ultime settimane di gestione di Giampaolo, anche Di Francesco sta provando a scuotere l’ambiente e il gruppo squadra con alcune scelte tattiche che vanno in controtendenza rispetto alla sua carriera caratterizzata in Serie A dall’esperienza positiva al Sassuolo, da quella luci ed ombre alla Roma e dal fallimento alla Sampdoria. È passato, infatti, ultimamente ad una difesa a tre, riponendo momentaneamente in soffitta il suo schieramento difensivo a quattro. Partito ad inizio campionato con il suo marchio di fabbrica, il 4-2-3-1, ha poi optato per il 4-3-2-1 o 4-3-1-2. Adesso, come detto, ha abbandonato la retroguardia a quattro e contro Lazio ed Atalanta ha addirittura schierato il suo Cagliari con il 3-4-1-2. Anche il modo di giocare del suo Cagliari sta evolvendo nelle ultime settimane. I sardi tendono a tenere meno il pallone e a verticalizzare maggiormente. Difensivamente le cose stanno andando un po’ meglio ma offensivamente i rossoblù stanno facendo una fatica terribile a segnare.

BASSIFONDI – Nicola, dal canto proprio, è un tecnico molto più “pratico” rispetto a Di Francesco. Sta ragionando con il gruppo granata soprattutto sugli aspetti mentali, quelli legati al cuore, al temperamento, alla grinta. Tatticamente sta provando a dare equilibrio. Anche per lui la coperta è stata fin qui un po’ corta: quando la sua squadra è riuscita a segnare, ha anche incassato un po’ troppe reti (Benevento e Atalanta), mentre quando ha blindato la porta non ha praticamente tirato in porta (Genoa). Tuttavia, la differenza più eclatante tra Di Francesco e Nicola forse risiede nel fatto che il primo non è abituato a navigare nei bassifondi della classifica mentre il secondo conosce come le sue tasche le ultimissime posizioni del torneo di Serie A.

LEGGI ANCHE: Acquafresca: “Cagliari leggermente favorito. Bonazzoli più imprevedibile di Zaza”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dadomariatt_13973712 - 2 settimane fa

    Tipico commento provocatorio, la dialettica di Nicola mi sembra molto più valida della media degli allenatori, calcolando che nelle interviste, a parte Mihajlovic, vanno tutti col freno a mano tirato. Poi sull’aspetto ognuno la vede alla sua maniera. A me Nicola piace, mentre Giampaolo mi metteva una tristezza infinita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Torino Calcio 1906 - 2 settimane fa

    Se riuscite fate una foto decente (va bene anche di spalle) a Nicola…. non si può vedere, sembra un tossico. Già la dialettica non gli appartiene, sembra un punzico…. Come siamo ridotti. Dai stasera in cerchiooooooooooooooo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. barrieradimilano - 2 settimane fa

      Ma qunto di divertirai a scrivere stronzate su un sito di una squadra di cui non sei tifoso?? Che piciù ragazzi

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy