Rampanti: “Toro, ho sospetti sulla tenuta atletica. Segre? Ecco come la penso”

Parola al Mister / Serino analizza così i temi di casa Toro dopo la sconfitta in rimonta nel derby

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Il Torino perde l’ennesimo derby con una modalità ormai familiare, la rimonta nei minuti finali. E’ il momento di “Parola al Mister”, la rubrica settimanale nella quale Serino Rampanti ci fornisce il suo punto di vista su alcuni dei temi più caldi di casa Toro. “Nel derby è stata persa un’occasione clamorosa – dice l’ex giocatore e allenatore granata – contro una Juventus dimessa e avendo anche un arbitraggio equo e giusto, cosa che difficilmente è successa negli ultimi anni in queste partite. C’è da annotare che di questo passo la squadra retrocederebbe ma io sono dell’opinione che le cose non potranno continuare ad andare così male”.

Serino, se le partite finissero nei primi tempi, il Torino lotterebbe per lo Scudetto.
“Finora abbiamo sempre interpretato questo come un dato legato a una debolezza mentale della squadra. Sarà così, ma se ci fosse anche un tema di tenuta fisica? Quest’estate non è stato fatto un precampionato normale, si sa: è mancato il momento iniziale della stagione in cui si lavora sul fondo, per far sì che la squadra possa reggere i novanta minuti. E’ un tipo di lavoro che si fa di solito in estate e poi dopo Natale. Ma quest’estate c’è stato meno tempo del solito e io mi chiedo se sia stato gestito nel modo migliore. Ipotizzo che, volendo provare a cambiare modulo, Giampaolo abbia voluto dare la priorità al lavoro tattico piuttosto che al lavoro fisico. Non voglio accusare lui, che ha dimostrato intelligenza e buonsenso nel tornare al 3-5-2, ma mi chiedo se i preparatori atletici abbiano gestito nel migliore dei modi la situazione”.

Come si esce da questo momento?
“Io credo che sarà fondamentale portare a casa qualche punto in qualsiasi modo da qui fino a Natale. Poi in quegli undici-dodici giorni di pausa che ci saranno, con tutta la squadra a disposizione e senza Nazionali, si potrà fare un richiamo di preparazione e aggiustare la condizione fisica della squadra”.

Giampaolo ha anche accennato al fatto che le rimonte subite dalla squadra sono legate a una scarsa capacità di palleggio dei suoi giocatori, sei d’accordo?
“Assolutamente sì, mi pare una cosa perfino scontata. Ho visto il Napoli a Crotone, giocavano a uno o due tocchi, il Torino purtroppo applica un altro tipo di calcio. Però un allenatore deve essere bravo ad adattarsi al materiale che ha disposizione. Quindi se le caratteristiche dei giocatori che hai non sono dedite al palleggio, tocca puntare su difesa e contropiede”.

LEGGI ANCHE: Maurizio Pistocchi: “Avevo avvertito Cairo, gli allenatori ideologi sono pericolosi”

Che opinione hai dei due gol fotocopia presi nel derby? Vedi delle responsabilità di Sirigu?
“Eravamo abituati a un super Sirigu. Ora non è più super ma è un portiere normale. Parlando di quei due gol però dico che forse è vero che sarebbe potuto uscire, ma per me le uscite non sono mai state il suo punto forte, a differenza del posizionamento tra i pali. Sono più propenso a colpevolizzare i difensori, che si sono fatti tutti attrarre dalla palla. Sono le cose che insegnano le Scuole Calcio, e invece loro ci sono cascati per due volte in maniera a dir poco ingenua”.

In difesa si è tornati allo schieramento a tre, ma Izzo sta sempre fuori.
“La scorsa settimana dissi che occorreva ricucire con lui e Nkoulou. Quest’ultimo nel derby ha giocato, non così Armando. Io dico che servirebbe recuperare anche lui. Che bello sarebbe se Izzo e Nkoulou tornassero quelli della stagione 2018-2019. Credo che per il bene di tutti bisogna mettere tutto da parte, fare squadra, ottenere la salvezza e poi, a campionato finito, separarsi se sarà il caso”.

Nel derby è rimasto in panchina, ma come lui gli altri compagni: prima del 90, Giampaolo ha fatto un solo cambio, cosa ne pensi?
“Penso che forse è poco aiutato, un allenatore ha in testa tante cose ma ha tanti collaboratori che durante la partita devono confrontarsi con lui e fargli presente ogni cosa. Quando c’era Mazzarri io vedevo Frustalupi parlare spesso con lui, invece non vedo grande confronto tra Giampaolo e i collaboratori durante la gara, ma magari è perché non vengono inquadrati…”

LEGGI ANCHE: Toro, per Nkoulou ritorno agrodolce: il gol non basta se la linea difensiva sbaglia

Chiudiamo con il capitolo della foto di Segre con la maglia di Dybala. Cosa ne pensi?
“Premetto che io non sono un leone da tastiera né un odiatore di professione. Non mi piace chi insulta nascondendosi dietro un nickname. Detto questo, credo che Segre sia semplicemente un figlio di questi tempi, non colpevolizzo lui ma i tanti esempi non positivi che si trovano davanti i giovani che crescono oggi. Oggi ci sono molte più tentazioni e distrazioni di quelle che esistevano ai nostri tempi. Ricordo ad esempio che, quando giocavo nelle giovanili del Torino, c’era Oberdan Ussello che ripeteva prima di ogni partita importante: “Oggi andate in campo e date tutto perché vestite la gloriosa maglia granata”. Cose che a ripensarci adesso mi vengono i brividi. Spero e voglio credere che anche Segre abbia avuto maestri simili… Detto questo, per me la cosa si apre e si chiude qui, credo sia opportuno concentrarsi su altre cose, e cioè su quello che sta capitando e capiterà al Torino”.

42 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bischero - 2 mesi fa

    Su segre concordo. Il problema non é il ragazzo. È la mentalità attuale in generale da buttare nella rumenta. Non abbiamo palleggiatori? Ok. Ma come sottolinea il mister rampanti non abbiamo neanche la tenuta fisica per poter giocare a ritmi elevati in contropiede. Zaza non é un contropiedista. Meité non ne parliamo. Ansaldi e ha fine carriera. Rincon si sta avvicinando. Quando gioca verdi la dinamicità non é il suo forte.linetty a mio avviso una delusione sopratutto sotto questo punto di vista. Quindi considerando che il baricentro é basso giocando a 3 togli, un laterale togli la mediana la fase di ripartenza é nelle mani di sìngo, Belotti e lukic. Non é troppo poco? Le squadre di Gasperini e juric fanno della dinamicità una peculiarità. Alla fine tirando le somme non siamo adatti a giocare con nessun modulo. E la colpa di chi è? Piena estate:”non ripeterò lo stesso errore dello scorso anno. Chi non è contento andrà via”.infatti i musi lunghi sono rimasti tutti. Viva la coerenza. Questo é il Torino fc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granataLondinese - 2 mesi fa

    Ciao Serino, rispondo ad ogni punto, con ordine:

    Giampaolo abbia voluto dare la priorità al lavoro tattico piuttosto che al lavoro fisico.

    > Forse, ma tutte le societa’ dovrebbero essere uguali, invece la societa’ ha puntato su un cambio tattico alla guida, ha cambiato ‘la centralina’ della macchina senza cambiare il motore e le ruote. Risultato? Andamento come l’anno scorso.

    E piu’ che altro, c’e’ qualcuno che mi spiega come mai abbiamo problemi fisici da anni in squadra? Lascia perdere i bolliti, gli anziani, i troppo giovani? Ma non vi pare che siano 3-4 anni che ci lamentiamo delle prestazioni fisiche?
    Ma non nota nessun’altro che il Gallo, a parte qualche acciacco fisico, non ha mai un calo fisico?
    Perche’ non chiamiamo il parco giocatori con il nome giusto: un parco giocatori mediocre, con poche motivazioni, la societa’ e’ assente, zero programmazione, gente che cerca di mettersi in mostra (come Cairo) per andare nel calcio che conta.

    >Tocca puntare su difesa e contropiede

    Certo, l’unico che puo’ far questo, mi pare Singo, e comunque anche solo per un tempo, Linetty spinge anche bene, mentre Meite pasticcia, rallenta, perde palla.
    Anche qui, TVTB Giampaolo ma forse serve un allenatore che fa del contropiede il suo marchio di fabbrica.

    Goals nel derby
    > magari il primo, ma il secondo e’ un difensore che si e’ inserito molto bene in fretta, secondo me lo doveva seguire un centrocampista, secondo me Giampaolo ha tirato via Linetty a tempo scaduto per posizione, poi che ne sono, non ho il patentino io.

    Difesa:
    > Concordo e scrivo da tempo che la difesa a 3 dev’essere Rodriguez, N’Kolou, Izzo sono 3 giocatori di 3 nazionali maggiori. A questo punto anche un Izzo svogliato giocherebbe meglio della difesa che ha preso 24 goals, ma ricordiamoci che ci sono Rincon a far falli davanti alla difesa e Meite a perder palla. Non e’ solo colpa loro.
    E’ colpa di Conti? Mi sembra anche in gamba.

    Collaboratori:
    > Dai i collaboratori scarsi di Giampaolo, ha sbagliato a non sostituire gli spenti Ansaldi e Singo, ha sbagliato ad abassare il baricento rinunciando ad un attacante.

    Segre:
    > Longo proibi’ lo scambio delle maglie, con sportivita’, sarebbe ora di finire i derby (Che perdiano sempre) senza finire a pizza e fichi con gli avversari, abbracci, scambi di maglia, sorrisoni, atteggiamento non rispettevole della tifoseria granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Francamente trovo assurdo che addirittura non ci si possa scambiare la maglia tra avversari.
      A sto punto neanche una stretta di mano.

      Siamo all’assurdo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. granataLondinese - 2 mesi fa

        Con i gobbi? Per pulirmi il culo la maglia bianconera magari.

        Bah.

        Condanno chi ha sputato sul povero segre, ci mancherebbe, e’ solo un ragazzino.

        Ma io odio la juve, la maglietta o mi pulisco il culo o la brucio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 2 mesi fa

          Anche io la odio e sputerei sulla loro maglia, ciò non toglie che quando si scende in campo ci si da la mano e tra professionisti ci si scambia la maglia come il Gallo l’ha data a Bonucci x il figlio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pikabu - 2 mesi fa

    Come al solito ho dovuto sedimentare. Dopo il primo goal di quelli di Venaria ho detto a mio figlio (povero ragazzo)che non sarei andato oltre e l’ho lasciato da solo a vedere l’ennesima bestialità.
    Vi ho letto come al solito per sbollire un po’ e mi permetto di dire:
    1) Non esiste che una squadra di serie A al 70esimo sia a corto di gambe e fiato: vedere Lynetti, Meité e Rincon in debito d’ossigeno è uno scempio e le responsabilità vanno individuate (ma c’è in società qualcuno che può farlo?)
    2) Non esiste che un allenatore non capisca che l’unico in quel momento in grado di farci male nella squadra avversaria (Quadrado)vada marcato negli ultimi 20 minuti a uomo (usi Segre, Bremer ma non dite che non esisteva l’alternativa in panca perchè per quel tipo di marcatura c’era).
    3) Non esiste che un portiere si faccia fare 2 goal dall’area piccola di testa, senza uscire che anche se solo lo sfiorano è sempre fallo a favore.
    4) è il manico tecnico (Giampaolo) che trasmette la paura di perdere restando in tranche negli ultimi 20 minuti: Lynetti e (un po’ meno forse) Meité andavano sostituiti anche solo con onesti pedatori che portassero acqua (e fiato)
    5) Segre si è rivelato, dopo la partita, proprio un gran minchione. Ma che vogliamo fare? Plotone d’esecuzione o ricordare che, credo proprio tutti noi, almeno una volta nella vita minchioni in qualche circostanza siamo stati?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gianluca - 2 mesi fa

    Provo a essere più lucido ancora. Per me Giampaolo non è stato scelto da Vagnati.Quest’ultimo,giustamente, dopo il ko con il Cagliari (coppia Lyanco-NK) ha tuonato contro Giampaolo chiedendogli un atteggiamento diverso e più prudente. Quando questa cosa andava fatta prima di Firenze, dove abbiamo reglato tre punti a una squadra non in grande salute, anche se all’epoca era un po’ meglio di ora. O sembrò tale. Poi il ko contro un’Atalanta messa male in difesa a causa di nostre amnesie, ma sempre con Bremer migliore dei nostri là dietro. Dopo Cagliari siamo andati a Sassuolo e abbiamo giocato la partita finora più convincente, mostrando progressi nella difesa a 4, ma il pressing di Vagnati ha coinciato a dare frutti tardivi e così Giampaolo ha iniziato a snaturarsi, perché è lui stesso che disse “Non l’ho mai fatto e non voglio rifarlo”. Quindi è in corso una battaglia interna, mi sembra evidente. Un “ricatto” del ds al mister, no? Come può funzionare? In più contro l’Inter sbagliano NK e Lyanco sul primo gol… contro la Samp sbaglia Lyanco sul gol di Quagliarella… e chi sta fuori contro la Juve??? Bremer, reduce dalla prima partita un po’ scialba, ma senza errori decisivi contro la Samp. Tirando le somme: io ero quello che sosteneva il 3-5-2 a inizio stagione, ma non condivido la marcia indietro successiva. A gennaio imbarcherei NK, Izzo e Lyanco per prendere un compagno di reparto di Bremer (con Rodriguez terzino sinistro) e un raccordo fra centrocampo e attacco. La difficoltà a uscire dal pressing asfissiante è dovuta al fatto di giocare “a tre” (o “a cinque” come preferite) dietro. Se un difensore non esce e si propone… hai troppi uomini bloccati e non puoi trovare linee di passaggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 2 mesi fa

      È da inizio stagione che dico che Lyanco e N’Koulou dovranno per forza giocare o non li cederemo neanche a gennaio. Al Toro continua a dettare legge la partita doppia a discapito del campo. Hai ragione e come te sostengo da tempo che Giampaolo è costretto a farsi violenza e mi stupisce positivamente (anche se non naturale) la flessibilità che sta mostrando. Ora, se a monte di tutto ciò c’è un accordo per arrivare a gennaio e fare ciò che andava fatto d’estate, questo caos organizzato lo si può anche accettare. Il fatto è che ormai abbiamo i calli al culo con Cairo e il rischio che a gennaio si faccia pulizia dei vari Lyanco & C. per poi sentirci dire che il mister è rimasto piacevolmente sorpreso della bravura di Bonazzoli nella difesa a 4 e della rivelazione Milinkovic Savic in regia è estremamente concreto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Toro_felix - 2 mesi fa

      Fu scritto che Vagnati voleva Semplici e accetto a malincuore GP. Poi non so…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 2 mesi fa

    X non addossare colpe a GP x i mancati cambi adesso la si da ai suoi collaboratori rei di non averlo opportunamente consigliato.
    Geniale!!!

    Questi i cambi effettuati dalle altre squadre questa giornata senza considerare quelli degli ultimi secondi.
    Fiorentina – Genoa
    4 cambi a testa prima del 80’
    Samp – Milan
    Doriani 5 cambi prima del 82′
    Milan 2
    Crotone – Napoli
    Crotone 2 cambi prima del 86′ (erano cmq in 10)
    Napoli 5 cambi prima del 83′
    Roma – Sassuolo
    Sassuolo 5 cambi prima del 85′
    Roma 2
    Parma – Benevento
    Parma 2 cambi prima del 74′
    Benev. 3 cambi prima del 81′
    Verona Cagliari
    Verona 4 cambi entro il 67′
    Cagliari 3 entro l’83’.
    Inter Bologna
    Inter 4 cambi entro l’83’
    Bologna 5 entro il 79′
    Spezia Lazio.
    Spezia 3 cambi entro il 65′
    Lazio 4 entro il 74′

    Noi 1 al 74′!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Malco160576 - 2 mesi fa

      GP è bravo sicuramente a preparare la partita e al 45° si trova in vantaggio. A questo punto entro il 60° minuto i mister avversari fanno le dovute correzioni (Ranieri addirittura ne cambia 4), e GP non capisce più niente. E’ lento a metabolizzare e se la frittata (rimonta) avviene dopo l’ 80° minuto non abbiamo più tempo di rimontare. Con la Samp invece subendo prima del 65° è riuscito ad avere il tempo (facendo 2-3 sostituzioni) di raddrizzare la partita e di rischiare di vincerla. Nel derby prendi il 2-1 all’ 89°, le sostituzioni le fai subito (anche a casaccio), non al 91-92° quando il tempo non c’è più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 mesi fa

        Non sono i 2′ a fare la differenza ma non averli fatti x tempo quando era palese che la mediana era in sofferenza fisica. Ansaldi e Meite su tutti e i pericoli arrivavano tutti da Cuadrado (zona Ansaldi)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. GRANATORO - 2 mesi fa

    E cmq anche lo scorso campionato c’era il problema della tenuta atletica, possibile che ci toccano solo a noi preparatori atletici scarsi? cioè, vorrei capire, anche le altre squadre non hanno avuto tempo per fare una preparazione adeguata, non è forse che i nostri si limitano a fare il compitino, a risparmiarsi durante la gara anziché giocare col coltello tra i denti e spremersi fino alla fine? Quanti km percorrono rispetto alle altre squadre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Simone - 2 mesi fa

    Alla scuola calcio insegnano anche che nell’area piccola il portiere la deve fare da padrone.
    Sostenere che Sirigu avrebbe dovuto rimanere tra i pali xké “non è mai stato bravo nelle uscite” non può scaricare la responsabilità sui difensori.
    La stima per il portiere rimane intatta ma ha sbagliato lui senza se e senza ma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Comunque la più grande amarezza me l’ha data Segre. Hai appena perso il derby, sei terz’ultimo in classifica e cosa fai? Ti fai fotografare con un sorriso smagliante e la maglia di dybala? Non hai rispetto per la delusione per i tuoi tifosi? Gente che rinuncia a comprarsi qualcosa per sè pur di andare alla partita… Non hai un minimo di amor proprio per te stesso? Hai perso, dovresti essere incazzato. Cose del genere mi fanno passare la voglia di seguire il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Il calo fisico è stato evidente. L’hanno visto tutti tranne Giampaolo.
    Mi chiedo: ma con 5 cambi a disposizione che senso ha farne solo 1 (non considero i 2 cambi fatti a tempo scaduto)?
    Poteva mettere Segre e Bonazzoli già a metà secondo tempo. Ranieri la scorsa settimana ne ha fatti 4 a fine primo tempo e lui si fa dei problemi a farne 2/3 a metà ripresa? Peccato perché il mister lavora bene durante la settimana ma durante la partita dorme come un ghiro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. granata68 - 2 mesi fa

    Una volta mio figlio, che gioca come portiere, quando aveva circa dieci anni, mi disse che gli sarebbe piaciuto avere la maglia di Buffon.
    Gli dissi che se si fosse presentato in casa con una maglia del genere gliela avrei bruciata (e l’avrei fatto veramente).
    Capito, caro Segre, che vuol dire essere granata dentro ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Faustoro - 2 mesi fa

      Perché pensi che se il Gallo riceve una buona offerta non va?
      Lentini,Immobile solo x dire due nomi insegnano..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. granatadellabassa - 2 mesi fa

        Sono due cose diverse. Se il Gallo un domani se ne andrà, avrà sempre la mia gratitudine per quello che ha fatto, per la maglia sempre sudata, per le mille corse fatte… Anche se non è cresciuto nel Toro, anche se da piccolo era milanista.
        Segre invece sorrideva dopo aver perso il derby

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Faustoro - 2 mesi fa

    Come siamo provinciali, Segre è libero di fare quello che vuole,quando è costato messo in campo ha giocato moooolto meglio di altri.
    Guardiamo la sostanza,non la forma, altrimenti andiamo in B.
    Nel 2020 i calciatori bandiera di una volta non esistono più.
    Buona giornata a tutti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatadellabassa - 2 mesi fa

      Segre dovrebbe rispettare i sentimenti dei tifosi, gente grazie al quale fa il calciatore ben pagato!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. renato (quello vero) - 2 mesi fa

        Quello che ha fatto Segre è una stupidaggine senza senso, mi domando come abbia fatto a venirgli in mente un’imbecillità delgenere.
        Se fossi l’allenatore lo metterei fuori squadra al minimo di stipendio per due mesi, poi al termine della punizione lo richiamerei e gli direi a quattr’occhi: “Caro ragazzo, hai capito che cagata hai fatto o no? Spero di sì, adesso sei qui e devi ricuperare la fiducia che ti sei giocato.
        Per quanto mi riguarda se t’impegnerai sarai titolare fisso nel Toro perchè io credo in te, altrimenti la tua carriera rischia di finire prima ancora di cominciare, vedi tu cosa vuoi fare”

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gianluca - 2 mesi fa

    Fra il Toro e questo sito credo impazzirò. Tutto per commentare come un pazzo, ma non mi ritengo ovviamente tale, che abbiamo giocato il derby senza uno dei nostri tre migliori giocatori. E non lo dico io, perché per me è il nostro giocatore più forte e di prospettiva in assoluto, lo dice il mercato. Come si fa a tenere Bremer in panchina con questa squadra? Giampaolo è in confusione totale per la seconda volta in stagione. Faceva il 4-3-1-2 quando doveva giocare a 5 in avvio di campionato. Quando la squadra ha ingranato è andato a toglierle le certezze che si stavano acquisendo per sottostare a quanto Vagnati gli diceva 20 gg prima. Tutto una follia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Messere Granata - 2 mesi fa

    Se il Torino spende troppo nel 1° tempo, nel 2° va in riserva. Questione di equilibrio e questo lo deve dare l’allenatore così come la gestione dei cambi. Vista la “rottura prolungata” del Toro (non è più possibile chiamarlo “momento negativo”) vanno corretti questi aspetti in maniera radicale, altrimenti non si potranno più chiamare “virgole” ma errata conduzione tecnica. Con le conseguenze del caso. Segre ha commesso una leggerezza che in altri momenti sarebbe passata quasi inosservata, ma la grave situazione del Toro e il senso di “abbandono” avvertito dai tifosi, ha esacerbato gli animi. Come raccontare una barzelletta ad un funerale. Questione di “tempismo” e di buon gusto. C’è un tempo per i sorrisi e un tempo per le lacrime, e noi tifosi stiamo piangendo da troppo tempo. “Tu quoque, Brute, fili mi?”. Un po’ più di rispetto per il nostro sconforto l’avremmo gradito. Niente di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GRANATA_11 - 2 mesi fa

    Per quanto riguarda segre è chiaro che il percorso è concluso, a gennaio deve essere allontanato, non si può nemmeno pensare di fare quella foto e pure sorridendo…io non riuscirei nemmeno a toccare un escremento tale(maglietta)…figuriamoci foto con sorriso a derby appena perso…io sono granata dentro questo è un’altra cosa….poi parliamo di tecnica e tattica nonché di atletismo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. fabrizio - 2 mesi fa

    palleggiare con i piedi di Rincon…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Guevara2019 - 2 mesi fa

    Su Segre non ho insultato, ho scritto che ha fatto una stupidaggine sesquipedale, e la chiudo qui.
    Che dire su tenuta fisica, recupero giocatori e strategie staff in panca,mi auguro si facciano passi in avanti su tutti i fronti, tra pochi mesi sapremo se arrenderci all’evidenza o lottare per salvarci.
    Ma è un Toro quasi tutto da rifare, momentaneamente non vedo la famosa luce in fondo al tunnel!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. robinhood_67 - 2 mesi fa

    Derby amaro, indigeribile. Ma ora c’è l’Udinese. Udinese e Bologna sono le partite decisive per Giampaolo e per la stagione disgraziata del Toro. Dice Rampanti che le cose miglioreranno. Ma poi riconosce che abbiamo un problema di tenuta atletica. Sono partite da dentro/fuori: senza 6 punti, siamo con un piede in serie B. La serie B ai tempi della pandemia, è bene saperlo subito, è se possibile ancora più lontana dalla serie A. In B il centravanti non si chiama Belotti, ma Duric, Dionisi, LaMantia. Questo significa che il club da qui a gennaio si gioca i prossimi 5 anni, non qualche partita o l’allenatore attuale. Poi arriverà il mercato, e lì, se Cairo vuole evitare di seppellire il suo patrimonio sociale, dovrà fare di più e meglio. Il dato di partenza è che questa è una squadra da retrocessione con l’ottavo monte ingaggi in serie A. La prova inconfutabile di errori tecnici giganteschi della società nel valutare calciatori e loro complementarieta’: in 3 anni buttati più di 60 milioni per Niang Zaza e Verdi, prima del nulla o quasi degli ultimi 2 mercati. Silente e aziendalista nei mesi estivi, Giampaolo ora spiega il 5-3-2 con l’assenza di giocatori con le caratteristiche che privilegia per il suo 4 – 3 – 1 2. Però, mister, siamo a dicembre, alla decima di campionato. E abbiamo 6 punti dopo aver imbarcato Linetty, Murru, Bonazzoli e aver implorato il si di Gaston Ramirez per ricostruire in granata un po’ di Samp d’annata. Le priorità: mentre Tuttosport rilancia la chimera Torreira, a me sembra evidente che a questa squadra serva prima di tutto un centrale difensivo. E non un prospetto (c’è già Buongiorno) ma un giocatore finito (Giampaolo aveva chiesto Andersen). Un nome dell’era Petrachi vanamente inseguito è Verissimo, Santos. La pandemia c’è per tutti, e con 6 milioni si prende un giocatore di esperienza e con attitudine al gioco aereo, facilmente integrabile con Lyanco. A centrocampo, due giocatori già da anni in serie A che potrebbero cambiare parecchio a centrocampo sono Sensi (Inter) e Diawara (Roma). Sono entrambi scalabili grazie alla nutrita schiera di giocatori potenzialmente in uscita dal Toro, che potrebbero rientrare nell’affare. Anche un prestito fino a giugno, se non c’è altra soluzione, va bene. A noi servono titolari. Se si guardasse al futuro con coraggio, Ricci dell’Empoli. Inutile dire che il carisma e la duttilità di Nainggolan servirebbero come l’aria, ma il problema, con il belga, è l’ingaggio faraonico e la sua preferenza per Roma o Cagliari. Davanti, per lottare per non retrocedere tenendo quasi sempre 8-9 uomini sotto palla, a noi manca un contropiedista da spazi aperti, un attaccante in grado di saltare l’uomo..lo Gervinho della situazione. Se invece la scelta della società è retrocedere, è inutile andare a cercare i vari Ceppitelli, facciamo con quelli che abbiamo.
    Dopodiché, è inutile girarci intorno: l’era Cairo è finita. Anche se ci salviamo, sarà un’altra proprietà, tutta da trovare a meno di affidarsi a avventurieri ai quali crede solo Tuttosport, a dover rifondare la società e la squadra.
    Questo, per il Toro, è l’anno zero. Speriamo non finisca come temiamo.
    Forza Toro sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. drino-san - 2 mesi fa

    Prima era la difesa a quattro, adesso la tenuta atletica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vergnanoluig_14331621 - 2 mesi fa

      Sul gol di testa non era necessaria un grande tenuta atletica per evitarlo ma concentrazione su quello che si stava facendo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. leggendagranata - 2 mesi fa

    Sul problema della tenuta ci sono secondo me limiti organici da parte di alcuni giocatori, e mi riferisco in particolare a Lynetti e Meitè, che non reggono i 90′ minuti a certi ritmi. Sono limiti fisici, che peraltro, nel caso di Meitè e Lynetti, hanno altre carenze (mancanza del lancio lungo preciso, del tiro dal limite, poca velocità). Hanno discreta tecnica – soprattutto Meitè – e perciò sembrano migliori di quanto in realtà sono. Abbiamo di meglio? Io credo che Segre sarebbe dovuto essere (insieme a Singo) la novità importante di questa stagione, dopo che in quella precedente si erano evidenziate carenze a centrocampo (il reparto che anche con la Juventus a un certo punto è franato). E invece Giampaolo difende i giocatori che ha voluto e fa fare panchina a Segre. Su questo sito si è anche ipotizzato che non si fidi dei “panchinari”, da Segre a Bremer, a Izzo (su cui sono d’ accordissimo che per una squadra come il Toro è comunque una risorsa, come lo è ‘Nkoulou). Così non arrivano i cambi o arrivano molto in ritardo e si perdono le partite nel finale. I problemi mentali, e lo riconosce anche Rampanti, c’ entrano fino a un certo punto. Nel derby si poteva anche giocare l’ ultimo quarto d’ ora con una sola punta, ma allora inserisco un roccioso difensore come Bremer e Segre a centrocampo dove si annaspava. Invece Giampaolo ha fatto una cosa insensata (Lukic per Zaza) e le conseguenze si sono viste, soprattutto perchè Pirlo aveva messo quattro giocatori freschi. Una persona intelligente impara dai suoi errori, spero che Giampaolo lo faccia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 2 mesi fa

      Se lukic fosse stato quello visto pre COVID il cambio era condivisibile ….concordo su segre ….io in coppa ho visto segre calciare al volo da fuori area cosa che rincon non ha mai fatto da quando è in Italia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Kieft - 2 mesi fa

    Le verità sono due …crollo fisico dovuto anche al fatto che gli altri sfruttano i cambi (Inter e juve li hanno sopra la media) mentre noi no ma anche una scarsa qualità nel palleggio da parte di rincon e la lentezza di meite ….
    Però voler sacrificare Lyanco con Izzo sarebbe assurdo ….ha contrastato chiesa e Ronaldo, ha fatto partire l’azione di zaza, è pericoloso in fase offensiva, è quello che gestisce il pallone meglio di tutti i nostri difensori e centrocampisti…..
    Sirigu non poteva uscire sui goal …erano troppo veloci …..forse poteva gestire meglio il pallone in impostazione ma quello non l’ha mai fatto troppo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luca - 2 mesi fa

      Un portiere che non è padrone nell’area piccola non è un portiere di rango. Presidiare l’area piccola significa dare sicurezza a tutto il reparto arretrato, cosa che sembra mancare in quei momenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kieft - 2 mesi fa

        Entrano entrambi sul limite ….comunque lui non si è mai distinto in questo …resta il fatto che c’erano 4 iuventini contro due all interno della nostra area ..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Kieft - 2 mesi fa

        Io non sono un allenatore …Giampaolo vuole che marchino lo spazio e non l’uomo …me se arrivano in 4 nello stesso spazio ? Bisogna chiedere al mister … io apprezzo la volontà di fare gioco …

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Toro Loco - 2 mesi fa

          La difesa a zona è una minchiata pazzesca e impedisce ai portieri di presidiare l’area piccola. Non mi stancherò mai di ripeterlo..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. tric - 2 mesi fa

    Anche i ciechi cominciano a capire che manca la tenuta atletica e piantatela con questa fesseria di Segre, piuttosto facciamolo giocare!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 2 mesi fa

      Forse è una fesseria per te, per la stragrande maggioranza dei tifosi del Toro non lo è per niente. Ci hanno già privato di tutto, un minimo di dignità per preservare la nostra identità almeno i tifosi dovrebbero averla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kimi Forza Toro - 2 mesi fa

      Ma tu sei “fuori”, perdona la mia irruenza. Ma non riesco ancora a digerire il fatto che un giocatore del Toro si sia messo in posa fiero con la maglia di un giocatore della Juve appena vittoriosa nel derby

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gen-X Granata - 2 mesi fa

      Sono d’accordo con il Principe non tanto per andare contro un giovane, ci mancherebbe, ma per far notare 2 cose:
      1) Una persona, seppure giovane, dovrebbe avere la sensibilità al contesto che vive e capire che un certo gesto potrebbe offendere qualcuno; non mi sembra complesso ed è alla base della convivenza tra persone che si rispettano e vivono in una comunità (meno individualismi, più attenzione al sociale). Molte volte le nostre azioni dovrebbero porsi prima un limite dettato dall’educazione e non dalle leggi dei tribunali
      2) Il fatto che Segre abbia non solo pensato, ma anche eseguito quell’azione, ed è questa la cosa veramente grave, è che non ha sentito nessun freno proveniente dall’ambiente in cui vive; come se la sconfitta in un derby sia la normalità. Questo è un tema culturale di una pericolosità estrema che porta a pensare che il granata si sia sbiadito dall’interno insieme alla forza e al tremendismo che lo ha sempre contraddistinto
      Spero vivamente di sbagliarmi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Mimmo75 - 2 mesi fa

    Non credo sia questione di preparazione atletica, visto che i crolli sono una costante che ci accompagna da inizio torneo, quando chi ha lavorato poco sul fondo è subito brillante e riesce a fare molti punti, calando poi a metà campionato. E poi Giampaolo ha spiegato chiaramente che trattasi di MELMA cerebrale d’annata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy