Torino, Buongiorno si conferma affidabile anche a Napoli: può entrare nelle rotazioni

Focus on / Serietà, applicazione e duro lavoro: così Buongiorno ha conquistato la fiducia di mister Giampaolo dopo un primo periodo di “apprendistato”

di Nicolò Muggianu

A Roma se l’era cavata, a Napoli ha decisamente convinto. Alessandro Buongiorno è il nuovo che avanza in casa Toro ed la prova al “Maradona” fa capire che si tratta di un giovane che può entrare in pianta stabile nelle rotazioni difensive di Marco Giampaolo. Un percorso – quello del canterano partito dai Pulcini del Torino ed arrivato fino alla Prima Squadra – fatto di pazienza e applicazione che lo ha portato da un primo periodo di “apprendistato” fino alle due maglie da titolare contro Roma e Napoli (che erano state precedute dalla prima presenza stagionale in Coppa Italia con la Virtus Entella).

ROME, ITALY – DECEMBER 17: Edin Dzeko of Roma shoots past Lyanco and Alessandro Buongiorno of Torino during the Serie A match between AS Roma and Torino FC at Stadio Olimpico on December 17, 2020 in Rome, Italy. The match will be played without fans, behind closed doors as a Covid-19 precaution. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

BUONGIORNO – Due avversari molto complicati, ma contro i quali Buongiorno non ha tremato e si è anzi comportato discretamente. Di particolare rilievo, in tal senso, la prestazione offerta dal classe 1999 al “Diego Armando Maradona” contro il Napoli con 7 recuperi, 1 passaggio chiave e una prova complessiva più che sufficiente. Se contro la Roma il match era stato fortemente influenzato dall’espulsione di Singo in apertura di gara, infatti, contro la squadra di Gattuso Buongiorno ha dato conferma di poter essere una risorsa per il Torino, riuscendo ad arginare prima Politano e poi Lozano senza particolari difficoltà. Solo il tempo potrà dire se Buongiorno potrà affermarsi come titolare in una difesa che ha cambiato tanto (e forse troppo) in questo girone di andata. Le prime impressioni, però, parlano di un giovane che può reggere questi palcoscenici.

TURIN, ITALY – NOVEMBER 26: Alessandro Buongiorno (R) of Torino FC is challenged by Michele Pellizzer of Virtus Entella during the Coppa Italia match between Torino FC and Virtus Entella at Stadio Olimpico di Torino on November 26, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

FUTURO – Difficile dunque immaginare che Buongiorno, fresco di rinnovo fino al 2024 con il Torino, possa lasciare il club in cui è cresciuto nel mercato di gennaio. Al contrario, la sensazione è Giampaolo continuerà ad investire sempre di più sul centrale classe ’99 che ha già dimostrato di possedere i mezzi per dire la sua a questi livelli avendo a cuore la causa del Torino come solo a un giovane cresciuto dagli otto anni con la maglia granata può succedere. Un particolare tutt’altro che irrilevante, specie in tempi come questi in cui l’attaccamento alla maglia è stato merce fin troppo rara da parte di molti altri giocatori.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Vittoria - 4 settimane fa

    Certo che sì!
    Se Nkoulou vuole partire siamo un po’ più tranquilli…
    E lo saremo ancora di più se arrivano almeno 2 centrocampisti tecnici (i famosi 2 registi…).
    Quest’anno è cresciuto davvero tanto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fiorentino - 4 settimane fa

    E’ un elemento con buone qualità e in quella posizione di centrale di sinistra è agevolato essendo mancino; potrebbe alternarsi con rodriguez,che agisce in quella zona nella nazionale Svizzera.Comunque non si deve caricare di troppa responsabilità, anche se si è già fatto le ossa per momenti difficili passati a Carpi e Trapani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 4 settimane fa

      Vero, aggiungo che lo stesso vale per Singo. Non possiamo pensare che un ragazzino di neanche 20 anni sia il salvatore della patria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rimbaud - 4 settimane fa

    E’ un ragazzo che seguo da tempo. L’esordio in Torino Crotone di due anni fa in cui si fa male dopo 7 minuti fa presagire che avrà un futuro da Toro. Perno della difesa di Coppitelli che ha alzato la Coppa, non ha partecipato alla finale proprio per quel dannato infortunio. Mentre tanti altri venivano acclamati, lui in silenzio è andato a farsi le ossa prima a Carpi poi a Trapani.
    Anche quest’anno era nei piani di andare a Salerno e seguire il suo mentore Castori, poi i cattivi rapporti Lotito/CAiro credo abbiano per fortuna fatto saltare tutto. Umile e serio, cresciuto in una famiglia granatissima.
    Mi auguro di vederlo crescere ancora e diventare un perno di questo Toro, coccoliamolo e teniamocelo stretto. Questo ragazzo vale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. altoro - 4 settimane fa

    Buongiorno è in evidente crescita. Già nel giro della Nazionale Under 21, egli dimostra sul campo una buona tecnica individuale con ottime e tempestive chiusure. Nel modulo della difesa a tre, con Izzo titolare fisso sul centro-destra il ventunenne Buongiorno si candida per una maglia da titolare posizionandosi al centro oppure sul centro sinistra in ballottaggio con la coppia centrale brasiliana costituita da Lyanco e Bremer. Personalmente sono convinto che il ragazzo è dotato di maturità, equilibrio, umiltà e determinazione ossia tutte le qualità che accelerano il processo di crescita di un calciatore proveniente dal settore giovanile della squadra del cuore. Nel ruolo specifico lo ritengo assolutamente affidabile e quindi all’altezza di emulare, sotto l’aspetto tecnico, nel corso delle prossime stagioni la carriera di un altro difensore centrale, proveniente dalla florida “cantera” granata ossia Angelo Ogbonna, da tempo nel giro della Nazionale azzurra maggiore, da alcuni anni apprezzato protagonista nella Premier League inglese. Le premesse per una fulgida carriera ci sono tutte ! Quindi Forza Alessandro, continua così alla grande ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. martin76 - 4 settimane fa

    Buongiorno e Singo sono le note liete di questa stagione…. solo perché è natale riesco a trovare cose positive in questa stagione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Garnet Bull - 4 settimane fa

    N’koulou e izzo da certezze dono diventati 2 giocatori inaffidabili (grazie cairo), lyanco concede un gol a partita e anche bremer ha fatto svariati errori… Giusto che abbia spazio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ToroNelCuore - 4 settimane fa

    Non è che deve entrare nelle rotazioni. Deve essere titolare fisso e basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy