Torino, gli highlander di Longo: è Meité il più utilizzato dopo la sosta

Torino, gli highlander di Longo: è Meité il più utilizzato dopo la sosta

Approfondimento / Ogni squadra ha la sua spina dorsale e anche Longo sembra aver trovato i giocatori giusti su cui basare il suo Toro

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Il Torino ha i suoi stacanovisti. Nella fase post Covid-19 del campionato, sono cinque i giocatori granata che sono sempre stati schierati tra gli 11 iniziali: Sirigu, De Silvestri, Bremer, Meité e Belotti. Sono loro  sono ad essersi dimostrati una costante nelle formazioni disegnate da Moreno Longo. Tra questi – ad esclusione dell’estemo difensore granata, sempre in campo da inizio stagione – il francese ha registrato il minutaggio maggiore nelle ultime sei partite.

LEGGI: Inter-Torino, da D’Ambrosio ad Ansaldi: gli ex che incrociano il proprio passato

CONFERME – Come prevedibile, Sirigu, De Silvestri e Belotti sono stati tra i più impiegati. Il Toro ha nel portiere sardo un vero e proprio angelo custode. L’estremo difensore granata è infatti sempre rimasto in campo per tutti i 2985 minuti giocati dal Torino in questa stagione. Come lui, anche Lorenzo De Silvestri è sempre partito titolare nelle prime sei gare dalla ripresa, data la mancanza di alternative sulle corsie laterali ed i problemi al polpaccio che hanno tenuto Ansaldi out contro Parma e Udinese. L’esterno romano ha giocato per 497 minuti finora sui 586 a disposizione a partire dalla gara di recupero con gli scaligeri, la prima dopo l’emergenza sanitaria. Il Gallo Belotti – contro il Brescia in rete per la quinta giornata consecutiva – ha sfiorato di poco il tetto massimo: il capitano granata ha infatti giocato 580 minuti da fine giugno ad ora. Ma non è lui il giocatore più impiegato da Longo nell’ultimo periodo.

LEGGI: Inter-Torino, i precedenti: la tradizione recente a San Siro è favorevole ai granata

SORPRESE – Da outsider a costanti, questo è stato invece il salto fatto da Bremer e Meité. Il brasiliano sembra aver finalmente trovato la sua dimensione nella linea difensiva granata, tant’è che Longo gli ha dato fiducia per ben 561 minuti. Il record vero e proprio però è stato registrato dal centrocampista francese. Il centrocampista numero 23 ha tenuto infatti lo stesso ritmo di Sirigu: sempre titolare e sempre in campo per tutti i 586 minuti a disposizione, dimostrando di essere sulla buona strada per ritrovare la concretezza dell’inizio della scorsa stagione. Alla luce di questi dati, è possibile che Longo possa pensare di tenere a riposo qualcuno i loro per la gara con l’Inter, così da potergli permettere di ricaricare le batterie in vista dello scontro diretto casalingo con il Genoa di giovedì prossimo.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 4 settimane fa

    Sicuramente non è quello inguardabile di tutta la stagione ma resta un giocatore da liberarsene a fine stagione.
    Un centrocampista che non fa assist è utile quanto un attaccante che non segna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

    Per me quel suo favoloso nuovo taglio di capelli c’entra qualcosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 settimane fa

      Mi sa tanto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 4 settimane fa

    Spesso ci si dimentica come si sia TUTTI diversi, gli uni dagli altri….
    Nello specifico i calciatori non sono per nulla dissimili a noi, al resto dell’umanità, e così come ognuno di noi ha i Suoi tempi anche Loro (i giocatori) hanno bisogno dei propri…
    Il periodo di tempo che va sotto il nome di “preparazione atletica” consiste esattamente nel “preparare atleticamente al meglio” ciascun giocatore, ed è chiaro a chiunque che un giocatore con un fisico “asciutto e brevilineo” sia diverso da un giocatore con un fisico “massiccio e imponente”….
    Tutto questo per far notare come giocatori come Bremer (1,83Mt x 80Kg) e Meité (1,87Mt x 82Kg) abbiano fisici “diversi” ad esempio da Edera (1,74Mt x 70Kg) o Millico (1,73 x 68Kg), ed è naturale e fisiologico che i primi ci impieghino più tempo per raggiungere una condizione atletica che il Mister di turno ritenga “adeguata” rispetto ai giocatori che hanno una struttura fisica più simile ai secondi menzionati….
    ——
    Infine partendo dall’assunto che Longo, come CHIUNQUE altro allenatore DI QUALUNQUE squadra non sia autolesionista tenendo fuori-partita dei giocatori in forma (soprattutto quando la posta in gioco è così ALTA come nel nostro caso..), credo che in queste ultime 7 partite vedremo giocare quelli che finora sono “stati fuori” recuperando e migliorando la propria condizione atletica: giocatori come appunto Millico (rimasti fermi 15gg per positività COVID-19), come Singo o meno impiegati finora come Lukic/Berenguer/Edera: se noi quasi piangiamo per la Rosa gli altri non stanno certo ridendo, basterebbe ascoltare le dichiarazioni in conferenza stampa di Juric, Iachini, Nicola, ecc…ecc…..oppure leggere la situazione infortunati di tutte le squadre, oltre a tenere presente che fra poco ci saranno le partite decisive delle Coppe, almeno per chi le gioca, e “rischiare” un giocatore importante per una partita che, in fondo, non cambierebbe la classifica credo che sia un aspetto che un allenatore capace ad attento tiene bene presente….
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy