Inter-Torino, da D’Ambrosio ad Ansaldi: gli ex che incrociano il proprio passato

Inter-Torino, da D’Ambrosio ad Ansaldi: gli ex che incrociano il proprio passato

Verso il match / Non solo i due esterni, anche il secondo e il terzo portiere nerazzurro hanno un trascorso legato ai granata

di Marco De Rito, @marcoderito
Inter

Quattro sono gli ex che lunedì sera ritroveranno la propria vecchia squadra nella sfida di San Siro tra Inter e Trino. Nei nerazzurri ci sono Daniele Padelli, Tommaso Berni e Danilo D’Ambrosio. Tra i granata solo l’esterno Cristian Ansaldi.

I PORTIERI – Dietro al titolare Samir Handanovic, ci sono due ex Toro nella panchina del club meneghino. Padelli arrivò all’ombra della Mole nel 2013 e, anche per via delle vicende giudiziarie di Jean Gillet, divenne subito titolare. Al Torino giocò quattro stagioni, difendendo anche la porta della squadra di Giampiero Ventura in Europa League. Nel 2016-17 diventò secondo, per lasciare spazio a Joe Hart arrivato in prestito dal Manchester City. Nel 2017 si trasferì nel capoluogo lombardo per fare il vice di Handanovic dove ha collezionato 8 presenze subito 8 gol. A Milano raggiunse Tommaso Berni, che al Torino fu terzo portiere nell’annata 2013-2014 seppur non scendendo in campo nemmeno una volta con la maglia granata. E anche tra le fila dell’Inter non ha ancora giocato dopo 6 stagioni.

Leggi anche: Inter-Torino, i precedenti: la tradizione recente a San Siro è favorevole ai granata

GLI ESTERNI – Danilo D’Ambrosio è emerso in maglia granata nella stagione 2009-10, dove arrivò nel mercato di gennaio 2010. Diventò un elemento imprendibile prima per mister Colantuono, poi per Franco Lerda ma in Serie A trovò la definitiva consacrazione con Ventura. A gennaio 2014 si trasferì all’Inter e da quella stagione sono sei anni che l’esterno indossa la maglia nerazzurra dove ha collezionato, sino ad oggi 198 presenze e 14 gol. Cristian Ansaldi, invece, ha indossato la maglia del Biscione nella stagione 2016-17, per poi essere ceduto al Torino. Con i nerazzurri, nonostante alcuni problemi fisici, ha disputato 26 partite senza però riuscire a segnare. Al Torino invece è sceso in campo per 74 gare andando in rete in 9 occasioni. Per questi quattro giocatori dunque si tratterà sicuramente di una sfida dal sapore particolare. Non solo per la delicata posizione in classifica delle due formazioni, ma anche perché si tratta di un ritorno al passato e avranno la possibilità di riabbracciare vecchi compagni e conoscenze.

Leggi anche: Toro, Cairo e Longo tracciano la strada: a San Siro in cerca di conferme

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. scifo66 - 2 mesi fa

    D’Ambrosio è diventato un calciatore grazie al Toro. Scoperto da Petrachi alla Juve Stabia se non sbaglio, arrivò da noi a Gennaio 2010 per la famosa rivoluzione dei peones. È cresciuto molto in questo anni ma io , ed è un mio limite lo ammetto, non gli ho perdonato di aver lasciato Gennaio la squadra che l’ha portato nel grande calcio nella stagione di Immobile e Cerci e dell’Europa League.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. eurotoro - 2 mesi fa

    da dambrosio ad ansaldi..ebbe’ come dire dalla mortadella al caviale! grande Cristian ancora una partita di rodaggio e poi gran finale in crescendo daje che ci serve la tua classe!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy