Toro, il calendario fino a Natale: quattro gare con due trasferte complicate

I prossimi impegni / Ora contano solo i punti: da non sbagliare gli appuntamenti casalinghi con Udinese e Bologna

di Alberto Giulini, @albigiulini

Quattro gare per regalarsi una boccata d’ossigeno prima della sosta natalizia. Che il Toro non stia vivendo una situazione rosea è ormai sotto gli occhi di tutti: sei punti in dieci giornate sono troppi pochi per la squadra di Giampaolo, a prescindere dalle prestazioni e da come siano maturati i risultati.

LEGGI ANCHE: Contestazione al Filadelfia: faccia a faccia tra squadra e tifosi

IL CALENDARIO – Facendo il punto sugli impegni dei granata da qui sino alla sosta natalizia, emergono due gare abbordabili in casa e due trasferte decisamente più complicate. Sabato i granata ospiteranno al Grande Torino l’Udinese in quello che rappresenterà un primo e fondamentale impegno da non sbagliare. Quindi, dopo un difficile impegno in casa della Roma (giovedì 17), domenica 20 dicembre arriverà a Torino il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Priorità della squadra di Giampaolo sarà non sbagliare i due impegni casalinghi, cercando di centrare due vittorie che permetterebbero almeno di vivere con minore apprensione le brevi vacanze natalizie. Chiuderà infatti il mini tour de force la trasferta in casa del Napoli del 23 dicembre.

TURIN, ITALY – NOVEMBER 30: Andrea Belotti of Torino F.C. celebrates after scoring their team’s first goal with his teammates during the Serie A match between Torino FC and UC Sampdoria at Stadio Olimpico di Torino on November 30, 2020 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

PUNTI PER GIAMPAOLO – Del resto lo stesso Cairo si è detto soddisfatto dei passi avanti sul piano del gioco ma ha sottolineato la necessità di iniziare a fare punti con continuità. La mano dell’allenatore si è vista – ha detto il presidente -, ma ora ci vuole il passo successivo; ci vogliono cuore e grinta, il mister ce li ha e li deve trasmettere ai giocatoriIo ho molta fiducia in Giampaolo, lo stimo moltissimo, ma dobbiamo portare in porto match che sembrano alla portata e poi non lo sono”. Per il tecnico sarà quindi fondamentale trovare punti, altrimenti la panchina verrebbe davvero messa in discussione. Due vittorie contro Udinese e Bologna garantirebbero una piccola boccata d’ossigeno ed un’iniezione di fiducia per la sosta. Poi, dopo dieci giorni, il 3 gennaio riprenderà il campionato con le ultime cinque giornate del girone d’andata. E per il Toro l’imperativo è arrivarci con una classifica migliore rispetto a quella attuale.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. olivia - 1 mese fa

    Purtroppo noi tifosi speriamo sempre nei miracoli come l anno scorso a Roma con la Roma.Il fatto e’ che Giampaolo oltre a fare casino e’ anche sfigato.GRAZIE CAIRO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 1 mese fa

    A roma e a Napoli ne prendiamo tanti… iniziamo a vincere sabato va!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emilianozapata - 1 mese fa

    Versione molto ottimistica 6 punti in casa e uno in trasferta
    Versione ottimistica 4 punti in casa e 1 in trasferta
    Versione ottimistica fino a un certo punto: 4 punti arraffati
    Versione quasi ottimistica: 3 punti
    Versione realistica…
    Scusate devo andare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nero77 - 1 mese fa

    I più ottimisti,quelli romantici,quelli che vedono il bel gioco ,si aspetteranno un bel regalo sotto l albero,magari si vincerà a Napoli o Roma!E all apertura del calciomercato,il primo giorno,il nostro amato presidente si presenterà con i calciatori tanto attesi quanto utili al maestro dei fallimenti!Bel sogno..arriveremo alla sosta con 8-9 punti ,sarà il solito mercato angosciante fatto di nomi importanti,di trattative estenuanti,di colpi di scena,di procuratori avidi e calciatori mercenari,così,come negli ultimi 14 anni,il buon maestro svizzero-abruzzese si dovrà accontentare del solito semisconosciuto-parametro zero-prestito gratuito-svincolato qualsiasi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. olivia - 1 mese fa

    COMPLIMENTI al Sig Cairo che e’ contento dei passi avanti della squadra.Ho e’ un pazzo o non sa quello che dice.Vorrei vedere avesse una sua società ‘ che perde 10 milioni di euro se direbbe poteva andare peggio.Abbiamo un Presidente che pensa solo a non rimetterci.Tiene sempre in conto che se anche si va in B di riuscire a salvare il portafoglio.Non e’ un tifoso granata .Se ne fotte di noi tifosi .GRAZIE CAIRO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fabrizio - 1 mese fa

    certo Se cairo e’ soddisfatto dei progressi… siamo a posto. di cosa ci preoccupiamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy