La memoria

La memoria

Prima che sia troppo Tardy / “Chi vorrà il Toro, se mai si farà avanti qualcuno, visto che di acquirenti potenziali e reali improponibili ne abbiamo avuta una collezione, dovrà avere precisi requisiti”

di Enrico Tardy
tardy

L’anno prossimo giocheremo in Serie A. Dopo una parte di stagione particolare siamo riusciti nell’impresa di mantenere la categoria (si dice così nel calcio più ruspante). Abbiamo già detto e scritto tutto su un’annata avvilente. Ora le voci su una cessione del club iniziano a circolare e mercoledì si dovrebbero palesare i primi, anzi gli unici, potenziali acquirenti.

Leggi anche: Quel che non si vede

Dobbiamo tutti stare molto vigili ed usare la memoria. L’arrivo di Cairo venne salutato dal giubilo popolare, di fatto dimenticando il modestissimo esborso effettuato per assicurarsi il club ed il complesso ri-acquisto dei trofei del vecchio Toro fallito. Insomma l’aver evitato Giovannone era stato sufficiente a renderci miopi di fronte ad una scarsa progettualità dell’imprenditore alessandrino ed alla sua inesistente passione per il calcio in generale e per il Toro in particolare. L’acquisto di tutti calciatori svincolati – causa ritardata iscrizione – favorì ulteriormente la confusione. Questo per ricordare, a me stesso in primis, che nei momenti di scoramento e disperazione si tende a perdere lucidità. Corretto ribadire che il tempo stringente e l’alternativa a Cairo diedero un impulso decisivo…

Leggi anche: Diciotto

Chi vorrà il Toro, se mai si farà avanti qualcuno, visto che di acquirenti potenziali e reali improponibili ne abbiamo avuta una collezione, dovrà avere precisi requisiti. Va bene il business ma coniugato con la storia del club e la passione dei tifosi, ora ai minimi storici. Mi rendo conto che tutto quel che scrivo sia quasi surreale in quanto Cairo non credo abbia intenzione di vendere il club e dunque queste mie righe molto probabilmente rimarranno puri voli pindarici. Ricordo che Cairo ebbe già un duro periodo di contestazione che superò abilmente ed astutamente attraverso la conferenza stampa di tal

Leggi anche: Diamo i numeri

Ciuccariello… come a dire: eccovi l’alternativa al sottoscritto. Dunque non credo sia particolarmente turbato da queste voci. I suoi problemi potranno, al più, nascere da Sky che non paga l’ultima rate dei diritti e dalla prossima stagione che causa virus è ancora tutto un enorme punto interrogativo.Pochi soldi in giro per tutti, calcio e Toro inclusi.

Insomma quel che è accaduto quest’anno va tenuto ben a mente da tutti così come quel che accadde quindici anni or sono e per tutti gli anni a seguire prima di osannare il secondo venuto.


Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

    Qualcuno mi spieghi come si può fare peggio di Cairo, in termini di risultati sportivi, strutture societarie, senso di appartenenza. Numeri alla mano. Questo per dire che può anche arrivare Gianduia travestito da Paperone, non credo che possa fare peggio. Va da sé, tutti ci auspichiamo un presidente abbiente, appassionato, attento, allergico all’AltraSquadra. Ma la scelta tra la peste e il colera non sposta molto i termini dell’agonia attuale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. OldBull - 2 settimane fa

    La memoria mi dice che ai tempi di Ciuccariello mi lasciò perplesso il fatto che il primo giornale a dare la notizia fosse stato La Stampa, insomma c’è Tuttosport che è specializzato per certo tipo di gossip, insomma mi parve strano, poi finì come finì… Oggi lo stesso, il primo giornale a dare la buona novella è stato La Stampa, e allora non mi sono più stupito, la cosa puzza di gobbo marcio lontano un miglio…!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Tutto vero.
    Ma intanto il Parma è stato acquistato dagli sceicchi..
    Nel 2020
    In piena Pandemia
    Con pochi soldi in circolazione.
    Diciamo piuttosto che la famiglia Agnelli non vuole un Toro competitivo. È lampante. Dopo ogni stagione discreta ruzzoliamo in fondo. Puntualmente
    Anche questa è memoria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pau - 2 settimane fa

      Amaramente e frustrantemente vero. Il modo in cui sbagliamo partite le rarissime volte in cui potremmo essere primi dopo tre giornate ne è la controprova.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Dr Bobetti - 2 settimane fa

      Tutto vero tristemente vero. E nel ns caso gli acquirenti sono i Ciuccariello o altre sedicenti figure.
      Con un retrogusto da vomito a strisce.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andr - 2 settimane fa

    La memoria…di chi?
    La mia dice: “questo non é toro e non é più calcio”.
    Cambiate nome, colore e facciamola finita…ah, già fatto:)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Guevara2019 - 2 settimane fa

    Che si sia comprato il Toro per pochi spicci lo sappiamo,se pure comprato il corriere della sera e gazzetta praticamente a costo zero,che sia abile e furbastro non ci piove.
    E’ verissimo che nel momento attuale,crisi covid,mancati abbonamenti stadio e pay tv che scuciono pochi soldi e dire che ne dovrebbero cacciarne di più essendo il calcio diventato solo più televisivo,ma al di là del momento ormai lo sanno un po’ tutti come la penso,avendolo scritto più volte che al Toro nonostante la storia e gli innumerevoli tifosi non arriverà mai nessuno che ci farà sognare,condividiamo la città con qualcosa di molto ingombrante e non c’è spazio per diventare finalmente competitivi come meriteremo.
    Un po’ come il gatto che gioca col topo,qualcuno si divertirà fino a quando darà il colpo di grazia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 2 settimane fa

      chiedo venia

      s’è pure comprato “è meglio assai”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Junior - 2 settimane fa

    Prima di Cairo abbiamo avuto una serie di sciacalli e incapaci. Poi è arrivato lui ma se vogliamo alzare l’asticella bisogna cambiare musica. Questi anni abbiamo vivacchiato ed ogni tanto tolto qualche soddisfazione ma paghiamo un prezzo molto alto per così poco. Non ci meritiamo questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy