Giampaolo pre Juventus-Torino: “Il gap si colma con organizzazione e cuore”

Le parole / Il tecnico granata affronta le principali tematiche in vista della partita contro la Juventus

di Redazione Toro News

CONFERENZA STAMPA

È la vigilia di Juventus-Torino. Domani alle 18.00 all’Allianz Stadium bianconeri e granata si sfideranno. Si tratta del primo derby della Mole per Marco Giampaolo, tornato ieri a guidare la squadra sul campo dopo essere risultato negativo al tampone. Il tecnico, dalla sala conferenze dell’Olimpico Grande Torino, presenta la partita contro la squadra di Andrea Pirlo.

Innanzitutto il tecnico, ai microfoni di Torino Channel, parla delle sue condizioni di salute: “In questi giorni sono stato lontano dalla squadra, ma non emotivamente. Ci sono sempre stato. Dal punto di vista della salute, io sono stato asintomatico i primi due giorni, poi ho avuto dei sintomi. Io qualcosa ho avuto, ancora mi porto dietro qualche segno. Bisogna fare attenzione e fare sacrifici, perché si devono evitare luoghi affollati, altrimenti il rischio è di cascarci dentro dal nulla. Posso dire che 20 giorni a casa è pesante. Non bisogna pensare che tanto a me non succede“.

Poi racconta lo smart working del periodo in isolamento: “Ho lavorato molto, avevo gli occhi fissi sul video. Ho visto tante partite nostre e tante degli avversari. I miei collaboratori sono stati bravi a dare continuità alla programmazione. Le mie giornate sono state queste. Con la squadra mi sono confrontato in riunioni video. L’aspetto più negativo è vedere giocare la squadra dal divano“.

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatadellabassa - 2 mesi fa

    I numeri non mentono mai ma bisogna anche analizzarli. Posso anche concedere poche palle gol ma se quelle poche sono eclatanti… Come se un pugile prendesse solo 2/3 pugni ma a guardia completamente abbassata. La verità è che siamo vittime di veri e propri black out. E’ lì che c’è da lavorare.
    I limiti tecnici e tattici ci sono ma abbiamo una rosa che può stare tranquillamente a metà classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ghiry7 - 2 mesi fa

    Io rimango sempre convinto che le ns difficoltà sono in mezzo : Rincon non è un play e se pressato (come puntualmente succede perchè gli altri allenatori non sono stupidi) va in confusione e perde la palla, e Meitè, anche se dotato di gran fisico e piedi discreti, compie spesso castronerie che ci costano punti, vuoi per leggerezza e/o cali di concentrazione.
    In queste due pedine si doveva intervenire sul mercato, era palese a tutti fuorchè agli scienziati in società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Askorbato - 2 mesi fa

    Ma lascia perdere…. preparato? È stato esonerato da per tutto. In questo mondo di scemi è uno che ha capito come funziona…..bla bla vende crostate e via. I numeri bisogna sempre capire come li si vuol far vedere . Svegliamoci che se non imbrocchiamo 3-4 risultati positivi è tristissimo! Sempre forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granataLondinese - 2 mesi fa

    A chi critica il Maestro consiglio di vedere il video della conferenza stampa sul canale del Torino calcio.
    Un allenatore, che finalmente è preparato, che guarda i numeri giusti.
    Il problema da risolvere è solo questa incredible statistica dei goals presi su azioni avversarie.
    Due azioni due Goals.
    Segnano un goal ogni due azioni, numeri pazzeschi.
    Secondo me la squadra fa la fase difensiva anche bene, però non ci siamo col portiere.
    Poi la sfiga toro per carità e la palla girerà prima o poi a nostro favore.
    Gianpaolo non vuole puntare il dito su Sirigu, ma al momento la differenza la sta facendo lui.
    Proprio come nell’anno buono di Mazzarri, ma li la faceva in positivo, sempre migliore in campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. giacki - 2 mesi fa

    Altra domanda…se ci fanno pochi tiri ma becchiamo tanti goal due paroline a sirigu(che quando vuole è fortissimo)e il caso di dirle?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. giacki - 2 mesi fa

    Io spero che i risultati migliorino…però mister quando veniamo pressati chi gestisce il pallone Rincon?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. olivia - 2 mesi fa

    Giampaolo si da la zappa sui coglioni da solo.Quando dice abbiamo preso una valanga di goal ma pochi tiri in porta non si rende conto che la fase difensiva non funziona? Bisogna essere lucidi nei momenti difficili.Noi nei momenti difficili affondiamo.Facciamo una cosa fino al 65esimo teniamo Giampaolo allenatore negli ultimi 25 minuti mettiamo la Santa di Volvera alletrice .Forse adesso avremmo 15 punti in classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. rogozin - 2 mesi fa

    Sentimento e cuore. Lì massacrano coi bacini e le carezze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Torello di Romagna - 2 mesi fa

    Quindi quanto manca alla svolta della squadra dal mercato da 10 ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ddavide69 - 2 mesi fa

    Il.gap si colma aprendo il portafogli . Ma per davvero , non con le partite di giro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Nero77 - 2 mesi fa

    “Cuore e Organizazzione”,perfetto,entrambi le cose che mancano alla squadra,aggiungerei alla lista le”PALLE”,quelle vere ,che servono a non farsi rimontare,a lottare su ogni pallone e sporcare le maglie di sudore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Ciccio Graziani - 2 mesi fa

    Allenatore perfetto per il nostro Toro, uno da medio bassa classifica, come tutta la carriera che ha fatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Daltor - 2 mesi fa

    …e anche tanta corsa, aggiungerei…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Fb - 2 mesi fa

    Correggo l’ultima frase dell’articolo: questa e una squadra che non ha bisogno del ritiro per perdere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Pulster - 2 mesi fa

    Da settembre dello scorso anno è successo qualcosa, che purtroppo io ignoro, ma che la squadra non riesce a scrollarsi di dosso; penso a livello societario; troppo distacco tra presidente e squadra ed anche degli altri organi che fanno parte della società! Cmq domani mi aspetto una buona gara e chissà…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Il_Principe_della_Zolla - 2 mesi fa

    Un ottimo allenatore, in una pessima società, con una rosa a disposizione composta da due terzi di mezze tacche. Domani, se ci si tiene ad un minimo di razionalità, ci asfaltano. E se non ce fanno i Pirli, ci metterà mano il pirla Orsato. Il cuore lo lascerei perdere, troppa retorica. Ma se ci mettiamo organizzazione e disciplina, voglio sperare che magari un punto lo prendiamo, e sarebbe grasso che cola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 2 mesi fa

      Le qualità dell’allenatore io non sono in grado di riconoscerle ma i numeri non sono buoni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. donato - 2 mesi fa

    La Rube ha due squadre, quella con Ronaldo e quella senza. La seconda possiamo batterla, la prima perdiamo.
    Purtroppo pare che giochi la prima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Schiffer - 2 mesi fa

    Retrocederemo. Ma in crescita costante e con molti indicatori sopra la media. Quindi direi bene e volitivi. Sempre ovviamente grazie al miglior presiniente degli ultimi millemila anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Emilianozapata - 2 mesi fa

    La caterva di gol beccati ha un’unica spiegazione: quando l’avversario reagisce, ci aggredisce e pressa, quando i ritmi si alzano ed è più difficile mantenere gli schemi, noi soccombiamo. Molti gol, infatti, li abbiamo presi in rimonta. L’impressione che mi fa il Toro di questo campionato è quella di un neopatentato. Guida bene, ma va piano e al primo imprevisto va in palla. Se al semaforo gli si spegne il motore e quello dietro suona il clacson, va nel panico e non riesce a riaccendere. Purtroppo è così: si vede la fatica con la quale su sono appresi schemi ai quali, dopo allenatori come Miha e Mazzarri, meno teorici, non si era abituati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

      Ma l’unica via è quelle di insistere. Tornare indietro sarebbe un suicidio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. miele - 2 mesi fa

    “Organizzazione e cuore”: cambino allenatori e giocatori, sono una ventina d’anni che in occasione dei derby sento questi discorsi. Poi, regolarmente si perde, a volte anche con il fraudolento concorso arbitrale; mi ricordo un gol con Tevez in clamoroso fuorigioco, oppure il fallo di mano di De Light non punito ed altre vergogne simili. Purtroppo ci vorrebbe ben altro per schiodarci da questa condizione e penso che per come è cambiato il sistema calcio, dove contano solo i soldi ed il potere, le nostre aspirazioni rimarranno solo delle chimere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. rossogranata - 2 mesi fa

    Basta con queste lamentele continue! Giampaolo è un allenatore preparato, serio e affidabile. Se la squadra ha giocato almeno in tre partite un primo tempo perfetto vuol dire che le cose vanno gradatamente, bene. Quindi il tempo sono sicuro darà ragione al nostro allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 2 mesi fa

      Gradatamente bene?? 5 sconfitte su 9, 20 gol dubiti, 1 sola vittoria stentata, terzultimo posto in classifica! Quando le cose vanno gradatamente male che deve succedere?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        Ehh quanta fretta! È passato solo un quarto del campionato, che diamine!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Pacman - 2 mesi fa

    Ha ragione Giampaolo: questa squadra non ha bisogno del ritiro per rendere….. ma di un esorcista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. abedinpele - 2 mesi fa

    Analisi dei numeri, sforzandosi di trovarne qualcuno a proprio favore. Io invece dico peggior difesa e se vuoi far punti non devi prenderle, il resto è fuffa. Quando combiniamo qualcosa di positivo poi c’è un rilassamento generale e subiamo i gol, questo è un problema su cui lavorare. Quando gli altri alzano i ritmi e ci vengono a pressare alti andiamo in crisi e prendiamo i gol, altro argomento su cui lavorare. Pressiamo alti solo quando dobbiamo recuperare il risultato altrimenti ci ritiriamo già nella metacampo nostra e lasciamo giocare facile, ulteriore atteggiamento su cui lavorare.
    Inoltre mister il derby per noi non è una partita, è la partita (l’ho scritto anche su un altro post) e se non si capisce questo è difficile trasmettere cuore, agonismo e furore a chi va in campo, il calcio non è matematica, non è solo schemi e organizzazione, noi sappiamo bene che il calcio e soprattutto il nostro calcio è e deve essere passione, sacrificio, saper buttare il cuore oltre l’ostacolo, son convinto che solo con questo atteggiamento riusciremo a colmare il gap. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Mimmo75 - 2 mesi fa

    Mister, dopo 4 mesi questi discorsi non li accetto. Tu li fai, giustamente, perché non puoi dire le cose come stanno o viene giù tutto e salti per aria dopo 5 minuti. A questo punto un silenzio stampa sarebbe la cosa migliore in attesa dell’esonero, se proprio non vuoi dimetterti denunciando lo squallore nel quale ti ritrovi. Prepara le valigie che domani saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 2 mesi fa

      Se prendi 30 dislike, vuol dire che qui la gente non comprende che con il Genoa e Crotone siamo la terza candidata alla retrocessione…che poi le responsabilità da 15 anni sono di Cairo questo é chiaro, ma non si e’ mai visto un allenatore saldo al suo posto con 6 punti in saccoccia dopo 9 partite

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 2 mesi fa

        I dislike (e i likes) lasciano il tempo che trovano, così come le opinioni personali, la mia in primis. Contano i fatti e questi dicono che siamo molto mal messi e non certo per colpa di Giampaolo. È una situazione che si trascina da troppo tempo ormai e Cairo DEVE agire anche solo per far credere (a chi ancora ci crede) che ha a cuore il bene del Toro. Il derby è una partita particolarissima, dove oltre ai tre punti c’è in gioco la faccia. Perderlo in malo modo dopo 4 mesi che han prodotto 6 punti e la peggior difesa, una classifica da serie B e il record europeo di punti persi in rimonta sarebbe la goccia che fa traboccare il vaso. Io spero di vincerlo il derby, prima di tutto per quel che rappresenta, in secondo luogo per Giampaolo che ha tutta la mia stima. Ma se guardiamo in faccia la realtà il rischio esonero domani è assolutamente concreto. Ovvio che spero con tutto me stesso di sbagliarmi ma ho alcuni segnali molto espliciti in tal senso. Domani sapremo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marchese Granata - 2 mesi fa

      Io non credo che sarà esonerato, non prima di Natale, almeno. Anche se dovesse perdere pesantemente domani, cosa che reputo possibile e non auspico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bordeauxgranata - 2 mesi fa

        Io non mi auguro il suo esonero, sia chiaro, le colpe principali sono d Urbanino,ma arrivare al giro di boa con una proiezione di 12/15 punti vuol dire retrocedere al 100%…contano i punti, non il suo specchiarsi nel bel gioco e possesso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

          Tutto vero ma i punti, questa squadra, li può fare solo attraverso il bel gioco e il possesso, perchè senza, con questi uomini, quello che ci rimane è l’orrore del girone di ritorno dello scorso anno.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Andrea63 - 2 mesi fa

    La proprietà non trasmette nulla, se i giocatori avessero le palle un decimo piene come quelle dei tifosi di Cairo… Domani vincerebbero 4a0!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. avvopal_14171626 - 2 mesi fa

    Comunque tutte le volte che rilascia dichiarazioni non è mai banale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. bordeauxgranata - 2 mesi fa

    Una squadra matura non si fa rimontare ogni domenica, po4c@ dį qūē!!@ pu77an@!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. ottobre1955 - 2 mesi fa

    Abbiamo tutti che ci gufano contro. Sembrano marziani, alla fine 11 sono loro 11 siamo noi, dovremmo sopperire a delle carenze tecniche con un maggiore dinamismo, voglia di fare il risultato, Classica partita dove non abbiamo niente da perdere dobbiamo scendere in campo con la voglia di fare risultato, lo devono volere i giocatori, lo deve trasmettere la società e lo vogliamo noi come tifosi. FVCG sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy