Toro, Belotti re a Biella: dopo il mercato, si penserà al prolungamento

Toro, Belotti re a Biella: dopo il mercato, si penserà al prolungamento

Focus on / Il “Gallo” osannato dai tifosi nel primo giorno del mini-ritiro. Il contratto vale ancora due anni, ma la società e il capitano sembrano disposti a sedersi al tavolo per adeguarlo oltre il 2022

di Andrea Calderoni

Il mini-ritiro di Biella ha ribadito una cosa: Andrea Belotti è il re del Torino. Cambiano le guide tecniche, ma il popolo granata non ha dubbi sul proprio capitano. È stato impressionante assistere al primo allenamento granata a Biella: ogni tocco del pallone, ogni minima giocata del “Gallo” è stata accompagnata da una vera e propria ovazione da parte dei circa 300 tifosi presenti al La Marmora-Pozzo. In un Torino da rivoluzionare dopo la scorsa deludente stagione uno dei pochi punti di riferimento è proprio Belotti, che anche dalla Nazionale ha strizzato l’occhio alla società, parlando bene del nuovo allenatore Marco Giampaolo. Ma soprattutto da Coverciano, Belotti ha detto di trovarsi alla grande sotto la Mole. Il che non è passato inosservato tra i tifosi del Torino che, alla prima occasione utile, hanno fatto sentire nuovamente tutto il loro affetto al proprio numero 9.

LEGGI ANCHE: L’allenamento del Toro a Biella: Verdi non si allena

INTENZIONI GRANATA – Anche Davide Vagnati e Urbano Cairo nelle scorse settimane hanno iniziato a prospettare un lungo futuro granata per Belotti. Hanno incominciato a parlare, almeno a mezzo stampa, del prolungamento contrattuale del “Gallo”. Le parti non si sono ancora sedute al tavolo: lo faranno al termine della sessione di calciomercato, quando sarà avviato il campionato, ma appaiono ben intenzionate a proseguire l’avventura assieme. Addirittura Vagnati ha abbozzato la frase “per me Belotti può rimanere a vita al Torino”. Ad oggi può sembrare un po’ troppo ottimistica l’affermazione del responsabile dell’area tecnica, ma sul fatto che il Torino e Belotti vogliano continuare assieme non ci sono dubbi. E anche i tifosi, se servisse, hanno evidenziato che sono estremamente favorevoli alla permanenza del “Gallo”.

LEGGI ANCHE: Toro, un positivo nello staff: annullate le amichevoli

OBIETTIVI – Nato il 20 dicembre 1993, Belotti ha ancora due anni di contratto (scadenza il 30 giugno 2022). In Serie A ha già superato le 200 presenze (213 con 85 gol). Il prossimo obiettivo saranno proprio le 100 reti nella massima serie, ma ancor prima punta ad arrivare a 200 apparizioni in granata in tutte le competizioni. È attualmente a quota 192 con 92 reti (anche in questo caso la cifra tonda è vicina). Tanti, quindi, i traguardi professionali da raggiungere nel breve periodo. Belotti vuole farlo nel Torino. Il Torino vuole che Belotti possa ancora crescere da calciatore sotto la Mole. Sono tutti d’accordo, ora testa al campo e poi alla trattativa per prolungare il contratto e per adeguarlo.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 3 settimane fa

    Non dirò mai abbastanza cose che rendano idea della gratitudine e della stima che provo per il Gallo, unico vero Capitano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14287754 - 3 settimane fa

    noi dobbiamo far capire sempre di più che lui è il re del TORO quindi appena si potrà tornare allo stadio dobbiamo fare mille cori per lui ma sempre selo merita e veramente speciale in questo calcio di mercenari!!! contratto a vita per il magnifico capitano sei grande ANDREA CAPITAN BELOTTI!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Blasphemous !Sentenza.3! - 3 settimane fa

    Portaci portaci portaci in Europa! Oooooooh Belotti portaci in Europa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

    Il gallo lo abbiamo, la gallina l’abbiamo avuta, speriamo non arrivi un cappone bollito a fine mercato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

      Abbiamo anche la fauna se per quello 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

        La faina cazzo di t9

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. gianTORO - 3 settimane fa

        anche diversi animali domestici da compagnia…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Messere Granata - 3 settimane fa

    Corsa e grinta. Umiltà e generosità. Bomba sotto la traversa e “Cresta alzata”. Palla al centro. Questo è il Calcio e così dovrebbe essere tutto il Torino. Uomini prima e calciatori poi. Invece scriviamo fiumi di inchiostro per “psicanalizzare” dei divetti impomatati. Siamo sicuri che esistano ancora i tifosi del Toro? O invece siano solo impegnati a “teorizzare” su improbabili “Bayernizzazioni” o “Siviglismi” fuori portata? Proponendo sogni irreali che diventano poi incubi terreni? Vieri Poletti Fossati, Puja Cereser Agroppi, Meroni (Carelli) Ferrini Combin, Moschino Facchin. Io c’ero e mi divertivo. C’erano degli uomini in Campo e non delle sbiadite “caricature”. C’era il Toro. Semplice, umile e popolare. E lo rivoglio. Riempire il Filadelfia di mocciosi viziati non servirà a niente se non recupereremo i nostri valori distintivi. Tutti, ma proprio tutti. Tifosi compresi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 settimane fa

      Caro Messere Granata,
      mi piaci sempre di più.
      Applausi !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. suoladicane - 3 settimane fa

      come non essere d’accordo!
      poi però ti scontri con una realtà in cui la società i concetti di granatismo e del tremendismo non solo non sa cosa siano, ma nemmeno è interessata a saperlo….
      parafrasando Nanni Moretti ..”Cairo fai qualcosa di granata!”….
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

        Per fare qualcosa di Granata bisognerebbe capire che cosa sia il Granata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Messere Granata - 3 settimane fa

      Relazione di causa ed effetto. Cairo, checché se ne dica, è molto sensibile alla Piazza. Vorrebbe piacere a tutti finendo così col non piacere a nessuno. Ha cercato di assecondarne “gli umori” prima con Niang, poi Zaza e poi con Verdi. Sempre la “Piazza” ha preteso, e ottenuto, la testa di Miha prima, di Mazzarri poi e infine di Longo. “Scimmiottare” le abitudini di altre Squadre, senza averne le capacità sia economiche che gestionali, ha finito per farci perdere l’identità. Ora si profila un altro disastro. Torreira. Ci farebbe fare il “salto di qualità”? Come Niang? Come Zaza? O come Verdi? 25 milioni per un giocatore bravo 3 anni fa e che non gioca nel suo Club? E tutto il resto che manca, come lo gestiamo? A chiacchere? Cairo ha sbagliato molte volte. Ma ha avuto un sacco di complici, ammaliati dai nomi e dai sogni. Me compreso. Penso che faremmo un passo in avanti, se ne faremo uno indietro. Torniamo alle origini. Siamo sempre il Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

        Ricostruzione un po’ tanto forzata che a mio modo di vedere non corrisponde assolutamente a verità né alla personalità di Cairo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Il_Principe_della_Zolla - 3 settimane fa

          Quoto

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. TOROPERDUTO - 3 settimane fa

            Essere ammaliati poi da Niang e Zaza?
            Boh a me sembra che ormai valga qualsiasi cosa per giustificare certe cose.
            Boh va bene così

            Mi piace Non mi piace
  6. Mestregranata - 3 settimane fa

    Gallo a vita il Toro deve essere il tuo pollaio per sempre…..un Totti granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Garnet Bull - 3 settimane fa

    Certi personaggi che abbiamo in squadra, rubano uno stipendio che il gallo meriterebbe di ricevere al posto loro, perché si 2 milioni dono tanti, ma per uno come belotti sono pochi, per il tremendismo e il sudore che mette in campo, più le prestazioni sempre di alto livello oltre il puro amore per il toro caratteristiche che si ritrovano in pochissimi calciatori moderni… Tra l’altro ovunque andasse prenderebbe un botto di più di ingaggio, almeno il doppio e dovrebbe probabilmente spaccarsi meno perché intorno avrebbe giocatori che lo aiuterebbero di più… Io adoro belotti e spero diventi LA NOSTRA LEGGENDA INDISCUSSA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Scifo-68 - 3 settimane fa

    Contratto a vita, anche come futuro dirigente: Assegno in bianco…. la cifra mettila tu! GALLO CAPITANO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 3 settimane fa

      bravo. mandagli il tuo contratto allora eheheh

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy