Torino, Vagnati blinda Belotti: “Per me può rimanere a vita”

Torino, Vagnati blinda Belotti: “Per me può rimanere a vita”

Focus / Il responsabile dell’area tecnica granata toglie ogni dubbio sul futuro del Gallo

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Il Gallo Belotti rimane al Torino e a fine mercato potrà parlare con la società del nuovo contratto. Parola di Davide Vagnati. Il dt granata durante la conferenza di presentazione dei due nuovi volti Karol Linetty e Mergim Vojvoda ha approfondito anche i temi sugli altri giocatori. Oltre ad aver blindato Salvatore Sirigu – “rimane al 100%” – e a essersi auspicato la permanenza di Nicholas Nkoulou – “voglio che capisca quel che stiamo costruendo“, ha di fatto spento le voci su un possibile trasferimento di Andrea Belotti.

LEGGI ANCHE: Torino, parla Vagnati: “Torreira? Costi alti. Sirigu resta al 100%”

ATTACCAMENTO – Il Gallo per Vagnati “può rimanere a vita” e dall’altra parte c’è l’intenzione di rimanere, perché il capitano granata ha già comunicato al dt di essere “innamorato di questa piazza“. Insomma un matrimonio che continuerà. D’altronde il dirigente del Torino lo stima e non ci gira troppo intorno, perché di Belotti apprezza sia le sue qualità tecniche che umane. Dichiarazioni che fanno capire quanto il Gallo rimanga assolutamente centrale nel progetto Torino.

LEGGI ANCHE: Torino, Linetty si presenta: “La società mi aveva già cercato a gennaio”

FUTURO – Adesso chiaramente la priorità di Vagnati è costruire la squadra per la stagione 2020/2021, così che Giampaolo possa avere il miglior gruppo possibile. In particolare serve trovare quel regista che per il nuovo tecnico è fondamentale. Quindi per un eventuale rinnovo i discorsi sono rimandati a ottobre, quando finirà il calciomercato. Non è un’impellenza ora, ha ancora due anni di contratto. Stiamo pensando a formare il gruppo. A fine mercato ci sarà tempo e modo di parlargli. Per lui non c’è una porta aperta, ma un portone“. Una tranquillità che dà ancora più spessore a quel “per me può rimanere a vita“. Non c’è fretta di rinnovare, il Torino è disposto a farlo e Belotti non ha mai esternato intenzioni di lasciare il granata se non dovesse arrivare un nuovo contratto. Il Gallo, quindi, rimane il punto fermo del Toro e l’idolo di tutti i tifosi, che potranno continuare a imitare la sua esultanza così iconica, sperando che lo possano fare a breve sugli spalti.

LEGGI ANCHE: Vojvoda si presenta: “L’Atalanta mi voleva, ma ho scelto il Torino per la sua storia”

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Messere Granata - 4 settimane fa

    “Ciò che faremo urlera’ cosi forte, che ciò che diremo non lo sentirà nessuno”. Sentire la voce del Gallo tremolante per l’emozione, scandire i nomi degli Invincibili di Superga, ha reso Belotti il nostro Robin Hood per l’eternità. Grazie Andrea per i tuoi sentimenti puliti e genuini. Umiltà e semplicità che ti fanno onore e ti rendono grande nel Cuore della gente Onesta. Resta così e resta con noi. Con affetto. I tuoi tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabio.tesei6_13657766 - 4 settimane fa

    E allora se questo ragazzo è innamorato di questa squadra, merita che gli venga costruita intorno a lui una vera SQUADRA. FORZA PRESIDENTE È ORA DI TIRARE FUORI LE PALLE. Adesso o mai più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 4 settimane fa

    Io credo che il massimo della statura etica un calciatore la raggiunga quando si lega una società nell’attuale si trova bene esi sente amato e, anche se non può permettersi di vincere chissà cosa, si impegna sempre di più, magari raggiungendo grandi obiettivi con la sua nazionale. Penso a uno su tutti, a gigi riva, che mandò a cagare Agnelli e rimase a cagliari, vincendo uno scudetto e giocando una finale mondiale contro il Brasile dei mostri sacri. Io auguro a belotti di essere questo e fi rappresentare una parte di storia del toro. Se il gallo ha capito questo, di questi tempi è tantissimo! Se poi lo ha capito anche Cairo è davvero un miracolo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 4 settimane fa

      Purtroppo sono altri tempi, magari la piccola di turno come l’atalanta si affaccia ancora, ma nonostante meritasse lo scudetto, rigori e favori arbitrali rimettono le cose a posto. E’ palese

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 4 settimane fa

        Vabbe, anche senza vincere nulla, ma almeno essere orgogliosi di un nuovo vero capitano del toro! Per l ultimo degno di una carriera in granata forse è stato cravero prima e asta poi, ma è ovvio che quando poi è un attacante che fa tanti goal tutto cambia, perché diventA la rappresentazione della tua gioia ogni volta che segna. Spero davvero che belotti resti ancora a lungo, ce lo meritiamo sia noi che lui.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. christian85 - 4 settimane fa

    Vorrei scusarmi con il Gallo,
    in alcuni momenti avevo dichiarato che il Gallo non era adatto per essere il capitano, che non aveva il carisma giusto da Toro, come lo avevano per esempio Asta, Bucci o Ferrante.

    Vorrei scusarmi, anche se per la stagione appena passata avrei gradito che sia lui che Sirigu, avessero parlato apertamente al pubblico, spiegandoci quello che e’ successo veramente. Sarebbe stato un gesto di rispetto verso noi tifosi che specie quest’anno che abbiamo dobuto subire le cose piu’ vergognose della storia del Toro, come il 7-0 casalingo contro l’Atalanta, il 4-0 con il Lecce e le 7 sconfitte consecutive che non accadevano forse sin dai tempi di Vidulich oppure di quella maledetta stagione del 2003.

    Detto questo, a parte questa cosa, mi auguro che proprio l’anno appena trascorso abbia maturato al Gallo ancora di piu’ la sua personalita’ e il filo diretto con noi tifosi che lo amiamo.

    Adesso voglio dire che sono orgoglioso che ci rappresenti e che sei il nostro capitano, caro Andrea.
    Noi ti saremo sempre vicini e ti sosterremo anche nei momenti piu’ difficili, ma ricordati che sei il capitano e devi avere anche obblighi morali nei nostri confronti.

    Che Giampaolo possa farti fare 37 gol e che tu possa superare il grande Pulici nella classifica dei capocannonieri di tutti i tempi del Toro !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 4 settimane fa

      Bravo Cristian! L unica cosa che non ho capito è perché tu volessi che fossero i giocatori spiegare certe cose che, già di per sé, sono difficili da spiegare. Io mi aspettavo che cairo ci spiegasse certe cose, ad esempio su cosa ha determinato l allontanamento di mazzarri, il gruppo che di era creato contro fin dall inizio, chi fossero questi e perche… non sono i giocatori quelli ad essere autorizzati a parlare di queste cose.di sicuro belotti e sirigu hanno masticato amaro per certi comportamenti di alcuni che hanno remato contro (si parla di Izzo, ma anche di altri).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. christian85 - 4 settimane fa

        @abatta68
        Certo che doveva essere Cairo a darci delle spiegazioni….. ma secondo te quello lì si è mai assunto le colpe? Qualunque esse siano.
        Non c’è mai stata una volta che si sia preso le responsabilità a fronte dei vari fallimenti quando le aspettative erano ben altre.
        Un esempio banale e stupido ma significativo… Ljajic è stato venduto alla stessa cifra di quanto acquistato, può darsi che fu Mazzarri a voler la cessione però poi a conti fatti l’anno dopo il Toro fece 63 punti sul campo.

        Quello che è successo poi con Petrachi, N’Koulou e Izzo non si può sentir dire che Cairo non ne sapeva nulla, dai! Non siamo scemi….

        È il primo e l’ultimo ad aver parola su tutto, visto che comanda e decide sempre tutto lui..

        Detto questo, dal Gallo e Sirigu mi sarei aspettato un dialogo onesto e sincero.. ma poichè non è che una squadra che fa 63 punti all’improvviso diventa scarsa era chiaro come il sole che qualcosa di grave nello spogliatoio era successo. Ecco, mi sarebbe piaciuto solo che almeno il Gallo ci avesse spiegato o fatto capire qualcosa.

        E sai perchè ti dico questo? Perchè se non viene ancora fuori ho paura che in qualche modo questa triste storia possa ripetersi!!

        Noi tifosi, per primi, abbiamo pagato sofferenze continue e vergogne infinite.

        Non c’è stato rispetto… e per questo ho ammonito il Gallo.

        Asta o Ferrante ai tempi, le cose eccome le dicevano!
        Spero tu abbia capito il mio discorso e punto di vista su cosa voglia dire essere e fare il capitano del Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 4 settimane fa

          Ho capito certo! Il fatto è che oggi i calciatori non dicono più nulla, a parte le solite quattro stronzate a seguito di domande idiote. Sembra che chi gioca a pallone non possa mai dire qualcosa con la sua testa, manco le signorine del meteo vengono così limitate! Dopodiche belotti non ha voluto uscire con frasi infelici probabilmente per non alimentare troppo un contesto già difficile di suo ( immagina cosa può voler dire retrocedere per un giocatore che gioca in nazionale). Certe cose si dicono in spogliatoio, sta poi alla dirigenza spiegare ai media e ai tifosi. Hai mai sentito Totti parlar male di qualche compagno? Eppure in 20 anni alla roma chissà quante porcate si è visto passare davanti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Héctor Belascoarán - 4 settimane fa

    Io dal Gallo mi aspetto i record di presenze e sopratutto il record di gol in serie A con la nostra gloriosa maglia. Sogno che alimenti il nostro orgoglio dopo i miti di Pulici e Ferrini.

    Quel giorno sarà un grande giorno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cuore granata 69 - 4 settimane fa

    Il Gallo e’un ragazzo d’oro..Umile ,non si è montato la testa,nonostante 100 milioni e un sacco di voci, lavora ha sani principi trapiantati dalla sua famiglia che ha fatto prima del calciatore un grande uomo..complimenti a papà e mamma hanno fatto un gran lavoro con il loro figliolo..una mosca bianca da preservare in un mondo di mercenari che si sentono arrivati dopo 6 mesi fatti bene..battono casaa vogliono le cosidette big..pee poi si far soldi,ma la maggior parte di quelli passati da noi passano anche parecchio tempo in panchina e tribuna..nel calcio che conta mica tutti sanno contare..Grande Gallo un vero cuore granata, di quelli che ti fanno credere che ci possa ancora del romanticismo coke nel il calcio dei vecchi tempi…GALLO degno di essere accostato ai grandi giocatori granata6 di tutti i tempi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 4 settimane fa

      Non solo Ti ho “likeato” perché mi è piaciuto quello che hai detto ma hai toccato un argomento che mi sta particolarmente a cuore, cioè: i giocatori che sono DAVVERO DAVVERO una spanna sopra gli altri sono ben pochi, per contro sono invece tantissimi quelli che vivono attraverso gli altri, siano i Loro compagni di squadra (quelli che si dice “giocano per Loro..”) siano i Mister di turno che “disegnano” la squadra a Loro misura… Un Cerci, ad esempio giusto per citare uno che “nel calcio che conta” ha pensato bene di andarci prendendoci a calci sui denti (noi, i Suoi compagni di allora e GPV), ha mostrato bene cosa intenda dire: da giocatore determinante a comparsa nell’arco di un campionato…
      Vedere un Millico “messo da parte per motivi disciplinari” da un allenatore che ha costruito la Sua carriera allenando le giovanili è indicativo, e proprio come dici Tu @CuoreGranata69, anche l’atteggiamento del Suo agente/procuratore è un segno dei tempi: giustificare il Suo comportamento non gli fa certo bene, né ora né tantomeno in futuro, se avremo sempre più “Balotelliani” sarà forse anche per questo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cuore granata 69 - 4 settimane fa

        Grazie bertu62 ..anche il tuo discorso non fa una grinza..io credo che il.gallo abbia vicino persone a partire dalla moglie ( che di sicuro non è come Lady Cerci) che lo fanno stare tranquillo.cocondividono le scelte non decidono per lui decidono INSIEME..poi il comportamento l’atteggiamento li ripeto è segno di una famiglia ben presente e con sanissimi principi..fatti di lavoro umiltà impegno mantenere il profilo giusto…io ho avuto la fortuna di vedere Andrea un po di volte sia in città che nei ritiri a Bormio..sempre disponibile con me con i miei figli..arroscisce quando lo intervistano si vede che è impacciato..ma per questo che gli vuoi bene..in campo da tutto vuole sempre aiutare..mette la squadra davanti a se e non viveversa..CONSIGLIO AI GIOVANI NONOSTANTE ANDREA LO SIA ANCORA DI PRENDERE ESEMPIO..questi sono gli esempi positivi nel calcio..Grande Gallo DEGNO CAPITANO non so se resterai per sempre me lo auguro..di sicuro io e la mia famiglia tiferemo sempre per te e la tua felicità..Fvcg

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Cuore granata 69 - 4 settimane fa

          E aggiungo 92gol.in 5anni mica pochi..da 5 anni va in doppia cifra e se non avesse fallito qualche rigore sarebbe vicino ai 100..anche per questo uno così me lo tengo stretto. Tra l’altro il primo campinato con Ventura nel girone d’ andata gioco’ poco poco..ricordo perché presente fece il primo gol in un Toro Bologna 2 a 0 gol suo raddoppio di Vives grande pure peppino..credo fosse dopo 11giornate o giù di li….da li in poi ne ha fatti tanti e ci ha fatto esultare con la cresta alzata..grazie ANDREA

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14287754 - 4 settimane fa

    basta che rimane il gallo io sono contento perché non c’è un calciatore che possa reincarnare lo spirito del TORO come fa il gallo e magnificamente perfetto sei grande capitano!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Pavl73 - 4 settimane fa

    Andersen kurtic Praet e vera o biglia
    Io sono contento così

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pavl73 - 4 settimane fa

    Anderson potrebbe essere il sostituto di izzo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy