ToroPreview, verso Torino-Udinese: “È l’ultima spiaggia per i granata?”

Istruzioni per l’uso / Ogni settimana alcune domande sul prossimo match a tre dei nostri giornalisti, che ci dicono la loro sul momento del Toro

di Redazione Toro News

Quattro domande, tre pareri in merito. I nostri pareri, a volte concordi e a volte discordanti tra di loro. Ecco ToroPreview: prima della partita, tre dei nostri giornalisti risponderanno alle domande della redazione, dicendo la loro sull’impegno che attende la squadra e in generale sul momento dei granata. Opinioni personali a volte agli antipodi, per cercare di dare una visione più completa possibile al lettore sull’argomento trattato. Questa settimana, dall’altra parte del microfono ecco i nostri Silvio Luciani, Lorenzo Chiariello e Alberto Giulini.

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Federico Chiesa of Juventus fights for the ball with Wilfried Singo of Torino FC during the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Il Torino ospita l’Udinese all’Olimpico in una gara da dentro o fuori dopo il derby perso in rimonta contro la Juventus. Pensate che i granata riusciranno a conquistare la prima vittoria casalinga della nuova stagione? 

Luciani – Più che pensarlo lo spero. Il Torino è indecifrabile e non può più sbagliare nulla. Spero di vedere una squadra affamata, che invece di subire gli eventi riesca ad indirizzarli. Solo così si può uscire da un periodo del genere.

Chiariello – Credo che il nemico principale del Torino sia il Torino stesso. E’ una squadra che ha dimostrato di poter andare in vantaggio, ma che nei momenti di difficoltà perde ogni sicurezza. Da una situazione del genere non si esce da un momento all’altro, è logico però che serva una prova praticamente perfetta ora. Non solo perchè la vittoria in casa manca da metà luglio, ma anche perchè si è arrivati ad un terzo del campionato e ancora non si è capito quale sia l’identità di questo gruppo.

Giulini – In queste prime dieci giornate il Toro ha dimostrato di essere imprevedibile, capace di tutto nel bene e nel male. Credo che oggi possa arrivare una vittoria, perché le prestazioni ci sono e Giampaolo potrà contare su qualche uomo in più per dare benzina nel secondo tempo ed evitare pericolosi crolli. L’Udinese è una squadra in forma e ha aggiunto pedine di qualità, ma il Toro ha le carte in regola per conquistare tre punti importanti.

Il clima in città si è fatto teso dopo il derby di sabato scorso e i tifosi hanno contestato la squadra al Filadelfia. Chi pensate che abbia più responsabilità tra squadra, allenatore e società del momento attuale?

Luciani – Quando sei in zona retrocessione e vinci una partita su dieci la colpa è di tutti. Ovvio che la società, che ha costruito la stagione con le sue scelte debba prendersi la fetta più grande. Ma sarebbe una follia dire che la situazione attuale non sia condizionata dal rendimento dei giocatori. La rosa del Toro non vale 6 punti e in campo ci vanno i giocatori.

Chiariello – Penso che la situazione in cui versa il Toro sia frutto di una pianificazione sbagliata da parte della società, il resto è conseguente. Se la crisi dura dalla stagione scorsa e a metà di quella attuale ancora non è stata risolta, vuol dire che le energie spese sono state indirizzate male. I tentativi di raddrizzare la rotta ci sono stati, ma finora di risultati ne sono arrivati davvero troppo pochi, forse il club sta pagando la poca lungimiranza.

Giulini – La fetta più grande di responsabilità va alla società, che ha scelto allenatore e giocatori ma non ha saputo trasmettere le giuste ambizioni. Prendere Giampaolo in un’estate così particolare e dopo un campionato tanto complicato sicuramente è una mossa azzardata. Da un lato segna la volontà di aprire un percorso preciso, creando una squadra con un’identità ben definita. Dall’altro questo percorso richiede tempo e soprattutto investimenti. E sotto questo punto di vista il mercato non ha aiutato: sono rimasti giocatori che per Giampaolo sono quasi inutili (penso soprattutto ad Izzo) e la squadra non è stata completata come sarebbe servito all’allenatore (regista e seconda punta in primis). Detto questo la rosa del Toro non vale la lotta salvezza ma può tranquillamente navigare a metà classifica ed i giocatori non sono quindi esenti da colpe: non si può passare dal settimo posto alla zona retrocessione in un anno e mezzo.

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Rodrigo Bentancur of Juventus kicks the ball during the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Passiamo al campo: senza Murru e Ansaldi infortunati Giampaolo potrebbe riproporre il suo 4-3-1-2. Potrebbe essere questa la mossa vincente per il Torino?

Luciani – Paradossalmente con una squadra come l’Udinese sarebbe stato meglio il 3-5-2. I friulani chiudono molto bene gli spazi e sfruttano l’ampiezza nella fase offensiva e il Toro ha dimostrato che con la difesa a 4 soffre, l’ampiezza, la soffre particolarmente l’ampiezza: sarà una sfida complicata per i granata.

Chiariello – Una squadra che sa disporsi in modi diversi è più facilitata nell’adattarsi, anche in corsa, all’avversario. Il 4-3-1-2 è il modulo che Giampaolo avrebbe voluto usare sin dall’inizio, quindi penso che per i giocatori possa essere utile rispolverare quello schema.

Giulini – Credo che ora, con il recupero di Lukic e Gojak, si debba tornare al 4-3-1-2. Giampaolo è stato preso per portare avanti un percorso e questo dovrà fare. Avere alternativa valide è comunque fondamentale ed il 3-5-2 è un’opzione da tenere nel cassetto in caso di necessità. Anche il Sassuolo di De Zerbi, “integralista” del bel gioco, non ha disdegnato in più occasioni il passaggio alla difesa a tre – specialmente a gara in corso – per dare maggiore copertura in determinate circostanze. Quindi ben venga un Toro camaleontico e capace di adattarsi a seconda delle necessità.

Menzione finale per Belotti, che in caso di gol contro l’Udinese raggiungerebbe quota 100 gol con la maglia del Torino. Quanto sarebbe importante per il Torino blindare il suo capitano con un rinnovo contrattuale?

Luciani – Non solo importante, fondamentale. Da qualche anno Belotti è più granata del Torino. E non penso che serva aggiungere altro.

Chiariello – L’importanza di Belotti è fuori discussione e la firma darebbe ancora una volta prova del fatto che i valori granata, che i tifosi reclamano, non sono così lontani. Il Toro gli deve tanto, perchè in molti, con le sue qualità, avrebbero potuto cercare fortuna altrove senza poter essere biasimati.

Giulini – In questo momento – oltre ad essere un grandissimo centravanti – è l’incarnazione del Toro. La società non può permettersi di perderlo, anzi: dovrà costruire attorno a lui una squadra capace puntare ad un piazzamento europeo. E poi perdere il Gallo non sarebbe un danno solamente tecnico: penso – giusto per fare un esempio – ai tantissimi bambini che girano con la maglia di Belotti o esultano mimando la cresta dopo un gol al parco. Il rinnovo del capitano va quindi portato avanti a tutti i costi, riconoscendogli lo stipendio che ha dimostrato di meritare.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toroperduto - 1 mese fa

    Per quest’anno non cambiare
    Ultima spiaggia, ultimo mare
    Per poterti rivedere
    Per tornare, per restare in serie a
    E come l’anno scorso
    Sul campo col binocolo
    Vedremo gli avversari lontano, lontano
    Nessuno li vedrà, vedrà, vedrà
    Per quest’anno non cambiare
    Ultima spiaggia, ultimo mare
    Torna ancora quest’estate
    Torna ancora quest’estate in serie b.
    Per quest’anno non cambiare
    Ultima spiaggia, ultimo mare
    Per poterti rivedere
    Per tornare, per restare in serie a
    E come l’anno scorso
    Sul campo con il binocolo
    Vedremo gli avversari lontano, lontano
    Nessuno li vedrà, vedrà, vedrà
    Per quest’anno non cambiare
    Ultima spiaggia, ultimo mare
    Torna ancora quest’estate
    Torna ancora quest’estate in serie b
    E come l’anno scorso
    Sul campo
    con il binocolo
    Vedremo gli avversari lontano, lontano
    Nessuno li vedrà
    Per quest’anno non cambiare
    Ultima spiaggia, ultimo mare
    Torna ancora quest’estate
    Torna ancora quest’estate in serie b
    Ultima spiaggia, ultimo mare
    Insieme a te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pupi - 1 mese fa

    L’Udinese era messa peggio di noi poi ha vinto 2 partite del piffero e si è portata un po’ avanti. Certo che a noi il gol di Scamacca all’ultimo minuto non sarebbe mai stato in fuorigioco di 4 cm. Oggi voglio una valanga di culo, non mi frega altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14356946 - 1 mese fa

    Ma no……fino a marzo c’è tempo x rimediare………….vero Cairo?????comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gallochecanta - 1 mese fa

    C’è bisogno di chiederselo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. altoro - 1 mese fa

    Personalmente condivido integralmente il post di Lemmy, tuttavia, ribadisco, a mio parere, il risultato di stasera costituisce il bivio stagionale della guida tecnica. Il “Professore” Giampaolo possiede una personale filosofia calcistica e gli do atto che talvolta alcuni scampoli di bel gioco della squadra granata si sono notati durante questo quarto di campionato. Tuttavia non c’è stata assolutamente continuità nè nel gioco nè tantomeno nei risultati sportivi conseguiti dalla squadra granata. L’attuale deprimente terzultimo posto in classifica del TORO certifica in modo assolutamente oggettivo una situazione profondamente imbarazzante per la posizione del tecnico abruzzese. Stasera contro l’Udinese conteranno esclusivamente i tre punti, e non assolutamente le virgole, nella fattispecie i dettagli, secondo i quali, a parere di Giampaolo, il TORO ha perduto lo scorso Sabato l’ennesimo derby, per la cronaca 19 sconfitte su 24 stracittadine disputate, della fallimentare quindicennale gestione societaria dell’editore alessandrino Urbano Cairo, milanese di adozione e milanista per fede rossonera nell’animo interiore.
    Nell’ambiente del calcio professionistico la fiducia ha sempre un termine e quindi ritengo che un eventuale risultato differente, e a questo proposito naturalmente faccio gli scongiuri, come d’altronde l’intero popolo di tifosi del Vecchio Cuore Granata , dal successo della squadra granata pone inevitabilmente il tecnico abruzzese sulla graticola. Fratelli granata, crediamoci con fede indissolubile ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Guevara2019 - 1 mese fa

      Fosse stato per me non l’avrei portato,quest’estate lo avevo espresso,sono anche dell’idea però che il prossimo sarà il quarto tecnico che avrà a che fare con i tanti scarsi che abbiamo in rosa,se questo nuovo tecnico saprà farli vincere e raggiungere la salvezza gli altri tre cambino mestiere,altrimenti tiriamo lo sciacquone su 3/4 della squadra e ne riparleremo con un reset in serie B, ovviamente innanzitutto di proprietà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Lemmy - 1 mese fa

      Ti ringrazio.FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Guevara2019 - 1 mese fa

    Altro quesito sciocco,con la classifica che abbiamo sono tutte ultime spiagge.
    Dopo i friulani,abbiamo la Roma da loro,poi il Bologna in casa,a Natale andiamo a Napoli e nel nuovo anno abbiamo il Parma.
    Ditemi,che prospettive abbiamo senza i tre punti stasera?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Bela Bartok - 1 mese fa

    Penso sia l’ultima spiaggia per Giampaolo, se non vince per me Cairo lo esonera. Anche perchè se accumuliamo altro ritardo in classifica l’unica alternativa sarebbe comprare qualcuno forte appena apre il mercato e sappiamo bene che per Cairo non fare a mercato a gennaio è quasi un comandamento religioso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ddavide69 - 1 mese fa

    Ehhhh va tutto bene , madama la marchesa…. ci sarà sempre una prossima spiaggia….bah.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. pupi - 1 mese fa

    Penultima?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Lemmy - 1 mese fa

    E’ sempre l’ultima spiaggia……. 4 anni fa il Crotone di Davide Nicola, 9 punti dopo 19 giornate, 13 alla 26a e 34 punti con salvezza alla 38a.
    Ovviamente è un paragone improponibile per tutta una serie di condizioni (squadra appena salita in A per la prima volta e senza ambizioni particolari, giocatori con motivazioni diverse etc.), però solo se quest’anno ci si crede fino alla fine si può sperare di uscirne, con questo presidente, con questo allenatore, con questi dirigenti e con questa squadra. Poi è altrettanto evidente che chi non ama ognuno o qualcuno di questi soggetti ha il diritto di dirlo e manifestarlo, ma il Toro resta il Toro e sarà il Toro a doverne uscire da questa melma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. mamaluk - 1 mese fa

    Adesso voglio contare quante volte verrà scritto: “ultima spiaggia per i granata” da qui alla fine del campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 1 mese fa

      É da marzo che andiamo avanti con l ultima spiaggia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Toro71 - 1 mese fa

    L’importante è vincere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 1 mese fa

      Vincere:
      parola ostica e di difficile attuazione, ma noi
      “crediamoci sempre!!!”.

      Però domandarsi se la 11° partita del girone di andata sarà l’ultima spiaggia x il Toro mi sembra un’assurdità!
      10 le partite giocate, anche se con pessimi risultati, e 28, se non sbaglio, le partite da giocare ancora, e ci si chiede se il Toro, perdendo oggi, sarebbe ormai spacciato??
      Il gioco, secondo me, è complessivamente migliorato, però la difesa fa acqua da tutte le parti: per ciò, pur facendo sempre gol per primi, i granata finiscono poi per perdere tutte le partite!
      Speriamo che Giampaolo riesca a “sistemare” un po’ meglio quel reparto, e che il rientro di Baselli completi e dia forza e sicurezza ad un centrocampo tentennante.
      Poi (la speranza è l’ultima a morire) il Toro potrebbe, dovrebbe, invertire la rotta!!
      E di partite x recuperare ed assestarsi in una posizione dignitosa, per fortuna, ce ne resteranno ancora molte!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CLAUDIO - 1 mese fa

        Bentornata Madama era un po’ che non la “leggevo” e sinceramente ero preoccupato. Felice di ritrovarla.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy