Torino, un Meité a metà tra Chievo e Frosinone: va recuperato al top per l’Europa

Torino, un Meité a metà tra Chievo e Frosinone: va recuperato al top per l’Europa

Focus on / Il giocatore francese non ha convinto nelle ultime due uscite da titolare e rischia la panchina nella sfida esterna contro i ciociari.

di Roberto Bianco
Meité, Torino FC

In conferenza stampa, prima di Torino-Chievo, Mazzarri era stato chiaro: “Chi non sarà concentrato verrà sostituito”. Ammonimento che, con il senno di poi, sembra chiamare in ballo soprattutto Soualiho Meité. Contro i clivensi il giocatore francese è sceso in campo a metà. Ha dimenticato negli spogliatoi la sua verve esplosiva e si è presentato timido e impacciato all’appuntamento, incorrendo anche in errori che non gli appartengono. Esempio ne è la palla persa a inizio primo tempo che libera Meggiorini al tiro. Poco meglio la settimana precedente, nel match contro l’Atalanta, quando, al netto della bella intuizione che serve a Iago Falque il pallone del raddoppio granata, il centrocampista non brilla, stenta e fatica, e a metà del secondo tempo viene sostituito.

Torino FC v Frosinone Calcio - Serie A

AL RALLENTATORE – Questa prima parte di 2019 racconta di un Meité distratto, in ritardo rispetto alla velocità e alla qualità che a inizio campionato lo avevano consacrato rivelazione del mercato estivo granata. Arrivato nella prima decade dello scorso luglio dal Monaco nell’ambito del controverso scambio con il canterano Antonio Barreca, a Bormio il centrocampista ha faticato per raggiungere la giusta condizione fisica e rispondere presente ai dettami di Walter Mazzarri. Un crescendo, il suo, iniziato nelle amichevoli estive e concretizzatosi nelle prime uscite di campionato, dove ha dimostrato di avere qualità tecniche e fisiche notevoli, oltre che carattere e voglia di lottare. Undici partite titolare, due goal e un assist, prima di essere fermato per squalifica nell’infelice partita contro il Parma. Poi, tra fine novembre e dicembre, un leggero appannamento nelle prestazioni e l’espulsione contro la Lazio che lo tiene fuori dai giochi nei primi due match dell’anno, contro Roma e Inter. Prima delle due prestazioni con Atalanta e Chievo, tre spezzoni da subentrato con SPAL, Udinese e Napoli. E la distrazione del mercato di riparazione che lo accosta a club importanti, il Tottenham su tutti.

Rincon e Ansaldi, messaggio chiaro a Mazzarri: la panchina non fa per loro

CERTEZZE PERDUTE – Se a inizio campionato Meité aveva assunto i connotati di vera e propria certezza della mediana granata, ora, in vista della trasferta allo stadio Benito Stirpe, le gerarchie interne vedono il ragazzone francese costretto a inseguire. Da Rincon, sempre più padrone del centrocampo granata, al sorprendente Ansaldi e a un Lukic in ascesa, la sana concorrenza in casa granata non manca. Il numero 23 dovrà riconnettersi con la squadra e ritrovare la spinta iniziale se vorrà confermare quanto di buono mostrato al suo arrivo sotto la Mole.

Torino FC v Genoa CFC - Serie A

PAROLA AL MISTER – Toccherà ora a Mazzarri decidere se dargli un’altra opportunità dall’inizio contro il Frosinone o se gestirlo diversamente. D’altronde le qualità del giocatore sono ben note al tecnico toscano: “Meité? Nel nostro centrocampo ognuno ha le sue caratteristiche – spiegava il mister dopo il pareggio con la SPAL -, la sua fisicità penso che ce l’abbiano in pochi”. Giocare al fianco di Rincon, El General che una certa garra la sa trasmettere a tutta la squadra, lo può favorire nel recupero del giusto approccio mentale alla partita. Certo è che al Toro in lizza per un posto in Europa servirà, di qui a fine campionato, anche il miglior Meité.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 3 mesi fa

    Qualcuno ha avuto il coraggio di sostenere che col Chievo è stato il migliore in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. patricio.hernandez - 3 mesi fa

    meite’ ha fatto bene fino a novembre poi un’ecatombe eccetto con l’atalanta e domenica di nuovo malissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ardi - 3 mesi fa

    Credo che meite sia il nostro giocatore con più potenzialità. Va fatto giocare se possile e va seguito mentalmente. Penso che per lui non sapere l Italia sia un problema

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      X correre devi conoscere l’italiano?!?!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Seagull'59 - 3 mesi fa

    domenica gioca, anche perché Iago non sta bene e davanti ci saranno Zaza e il Gallo.
    quello che non mi spiego, viste le tecniche attuali e la scienza sportiva a disposizione, è il fatto che non lo si riesca a velocizzare: può diventare un giocatore imprescindibile per il Toro, se ci riescono…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Cecio - 3 mesi fa

    Meitè è in un periodo di flessione che è iniziato dopo la sua squalifica ed è probabilmente stato accentuato dal fatto che ha visto poco il campo (almeno rispetto a quanto lo vedeva prima).
    Va comunque recuperato perchè può essere un valore aggiunto se è in forma. Credo che sia meglio di Lukic e anche di Baselli perchè unisce una fisicità importantissima ad una tecnica discreta.
    Speriamo che rientri in forma perchè ci serviranno tutti per il final di campionato

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy