Bisogna stringere per Loviso

di Edoardo Blandino

 

Sono giorni convulsi per la società di Via Arcivescovado. Ieri è ripresa la preparazione alla Sisport davanti a poco meno di 2000 tifosi amareggiati che hanno espresso il loro disappunto verso i giocatori. Al centro della contestazione c’è stato Matteo Rubin, reo di aver rilasciato delle dichiarazioni troppo lusinghiere nei confronti del Palermo…

di Edoardo Blandino

di Edoardo Blandino

 

Sono giorni convulsi per la società di Via Arcivescovado. Ieri è ripresa la preparazione alla Sisport davanti a poco meno di 2000 tifosi amareggiati che hanno espresso il loro disappunto verso i giocatori. Al centro della contestazione c’è stato Matteo Rubin, reo di aver rilasciato delle dichiarazioni troppo lusinghiere nei confronti del Palermo e sminuenti verso i granata. Ecco dunque che è stato “invitato”, insieme agli altri compagni, a trasferirsi in Sicilia. In realtà, stando almeno a quanto riferito dal nuovo procuratore, non esiste alcuna trattativa con i rosanero per la cessione del terzino sinistro. Sembra dunque che tutto sia nato da una fantasia del giovane esterno. Tuttavia il rapporto con la tifoseria dopo quell’intervista si è incrinato a tal punto da far credere che difficilmente Rubin possa rimanere a Torino. Però, per il momento, il mercato granata è in fase di stallo. In realtà questo “momento” dura da quasi un mese. Il primo giorno di ritiro a Folgaria Foschi dichiarò che la campagna acquisti (tra cessioni e acquisti) era conclusa al 50%. Al 5 di agosto non si registra però alcuna novità.

La società era vicinissima a Italiano, ma alla fine non si è fatto nulla. Ora i nomi più gettonati sono quelli di Loviso e Iori. Ieri il centrocampista del Livorno a TN ha ammesso la trattativa con i granata, però si è ben guardato dal definirla conclusa. C’è un contratto di mezzo da adeguare, poi si vedrà. In qualche modo ricorda un po’ la stessa telenovela a cui abbiamo assistito con Abate (rientrato da Empoli doveva definire alcuni dettagli con il Milan prima di accettare il trasferimento al Toro). In quell’occasione poi l’esterno approdò sotto la Mole. Oggi la dirigenza granata può solo sperare che la trattativa vada a buon fine. Anche perché si tratta di un ruolo delicato e sarebbe utile prendere confidenza con compagni, mister e modulo il prima possibile. Perso Italiano non si può perdere altro tempo per l’acquisto di un regista.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy