Calciomercato: Grassi piace, ma il Toro non fa regali

Calciomercato: Grassi piace, ma il Toro non fa regali

Interessamento / Le parole dell’agente confermano l’apprezzamento da parte della dirigenza nei confronti del centrocampista, ma la situazione è tutta da decifrare

di Nikhil Jha, @nikhiljha13

Se l’avvicinarsi delle festività natalizie prepara l’allontanarsi per qualche settimana il calcio giocato dalle prime pagine dei giornali sportivi, a fare capolino nell’interesse di media e tifosi è soprattutto il calciomercato, che avrà il suo fischio d’inizio soltanto a gennaio ma che già da questi giorni inizia a scaldare i motori, con le squadre che – da diversi mesi, ormai – hanno iniziato a guardarsi intorno per capire dove e in che modi agire al fine di migliorare la qualità della propria rosa, impresa sempre difficile nella finestra di riparazione.

E come le altre è alla finestra anche il Toro, che studia, tra gli altri ruoli, anche il movimento a centrocampo, reparto nel quale Mihajlovic necessità di un sostituto di qualità alle spalle di Benassi e Baselli come mezzala, per affiancarsi a profili come Acquah e Obi che, seppur validi dal punto di vista fisico, non garantiscono lo stesso apporto in termini di qualità in caso di ingresso in campo. Si è scritto su queste colonne qualche giorno fa dell’interessamento granata per Castro, giocatore del Chievo (QUI i dettagli). La società veneta, però, punta alto nella valutazione dell’argentino, costringendo perciò Cairo e Petrachi a continuare a sondare altri percorsi.

GettyImages-487266310

E uno di questi sembra portare al profilo di Alberto Grassi, talento cresciuto nel vivaio dell’Atalanta, squadra dove è ritornato in prestito dal Napoli: il giocatore però non sta trovando continuità nella sinora strepitosa stagione della Dea, e così la partenza non è un miraggio, considerando il fatto che anche l’agente del giocatore (QUI le dichiarazioni complete) ha confermato che il tecnico centrocampista è apprezzato – niente di più – dai granata, che studiano il da farsi. Dalle parti di via dell’Arcivescovado, infatti, non c’è l’intenzione di crescere un giovane altrui, dato che i granata sembrano decisi ad intraprendere un modello di crescita che passa dalla costruzione di una rosa di proprietà, senza prestiti – ove possibile. Grassi, però, piace, il nodo sta nelle modalità con cui si dovrà lavorare con i partenopei, negli ultimi tempi protagonisti di incontri-scontri in sede di mercato.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rock y Toro - 4 anni fa

    Bello Obi valido “dal punto di vista fisico”. Lo dovrebbero chiamare Ohi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy