Calciomercato, Izzo in uscita? Sì, ma il Torino non farà sconti

Calciomercato, Izzo in uscita? Sì, ma il Torino non farà sconti

Calciomercato / Il difensore granata dovrebbe essere ceduto, ma alle condizioni del Torino

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Andrà via? Probabilmente sì, ma lo farà alle condizioni dettate dal Torino. È questo il sunto sulla situazione di Armando Izzo su cui è intervenuto ancora il Presidente Urbano Cairo: “Izzo è un giocatore molto importante che ha una serie di pretendenti ma non lo lasciamo andare via a cuor leggero”. Che tradotto significa: chi vorrà strappare Izzo al Toro dovrà pagarlo, nonostante non sia fondamentale nei piani di Giampaolo, nonostante la stagione negativa da cui è reduce. Quello del patron granata è sembrato un messaggio – neanche troppo velato – da recapitare alle pretendenti di Izzo. E non è neanche il primo: “Ci sono tante acquirenti” aveva dichiarato lo stesso Cairo qualche giorno fa. Niente sconti, quindi, Armando Izzo è un patrimonio del Toro e non andrà via a prezzo di saldo.

IN USCITA – D’altra parte, con quella dichiarazione, è Cairo stesso che ha ammesso che il giocatore è in uscita. Il Toro ritiene che il valore del suo cartellino si aggiri tra i 20 e i 25 milioni di euro: una cifra non banale, soprattutto nel mercato del post-Covid. Izzo ha diverse squadre interessate a lui ma il Toro – che sta ascoltando diversi interlocutori – è in attesa di un’offerta ufficiale, che difficilmente raggiungerà quelle cifre. Per questo, spunta la seconda opzione. Probabile che i granata provino ad imbastire anche qualche scambio per giocatori con la stessa valutazione di Izzo. Insomma, il futuro di Izzo sembra lontano da Torino ma i granata non faranno sconti: chi vuole il giocatore dovrà pagarlo a prezzo pieno

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatadellabassa - 1 settimana fa

    Cairo fa un po’ di pretattica ma con la cessione di Aina, l’esigenza di vendere Izzo diventa un po’ meno scontata. Senza di lui rimarremmo tirati a livello di terzini. Ansaldi tanto bravo quanto fragile, Vojdina un esordiente per il campionato italiano, Singo un ex primavera e Rodriguez che sembrerebbe l’unica certezza. Non che Izzo terzino sia una garanzia però può venire buono.
    Credo quindi che non lo farà partire per meno di 14/15 milioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 1 settimana fa

    Ma dopo gli undici no dell’anno scorso detti da cairo agli infiniti pretendenti di 11 nostri giocatori, almeno aina in prestito oneroso ecc come scritto lo hanno preso? Perché ormai è stato scritto da giorni, ma mi è sfuggita l’ufficialità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pedro - 1 settimana fa

      Visite fatte
      Tra un mese gli danno gli esiti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pedro - 1 settimana fa

    Aina ha già fatto il primo allenamento a Londra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bastone e Carota - 1 settimana fa

      Ha fatto le visite mediche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alè Toro - 1 settimana fa

    Si potrebbe tenerlo fino a gennaio. Rilanciarlo ci farebbe comodo economicamente (a quel punto si potrebbe pretendere la giusta cifra) e tutto sommato comodo anche tecnicamente (mi sembra un buon difensore per il nostro campionato).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 1 settimana fa

      Se la squadra è questa a gennaio Izzo vale la metà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. toro52anni - 1 settimana fa

    il giochino è questo se non lo avete capito, il calciomercato funziona come al banchino del marocchino, ovvero si tratta il prezzo.
    Il calciatore che vale 10 di solito lo prendi con 7/8 mln
    quello che vale 20 lo prendi con 15/16 mln
    quello che vale 30 lo prendi poi con 24/25 ad esagerare.
    Ecco perchè Cairo lo valuta 20/25 ma poi lo cederà dai 15 ai 18 mln massimo oppure lo scambierà con calciatori che raggiungano una cifra di quotazione di 20/25 mln, che naturalmente valuteranno a loro piacimento il valore di ognuno per far quadrare i bilanci.
    Quindi Cash non prenderà mai più di 15/16 mln max mentre con gli scambi salta tutta la valutazione reale e resterà quella presunta di 20/25 mln.
    Il giochino è tutto li, se Izzo lo metti in vendita a 18mln non ne ricaverai più di 12/13.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 1 settimana fa

      E com’è che Verdi è stato comprato a prezzo pieno? Alle condizioni di Cairo nemmeno gli aprono la porta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bastone e Carota - 1 settimana fa

        Il pagamento di Verdi è stato un risarcimento per Maksimerdovich. Probabilmente a livello di contabilità avevano qualcosa da aggiustare ADL e Cairo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. marione - 1 settimana fa

          Lo credo anch’io che sia stata un’operazione contabile. Resta il fatto che DeLa non è indietreggiato di un euro

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. mamaluk - 1 settimana fa

        Nessun prezzo pieno per Verdi. Si è trattato di uno scambio quasi alla pari con Maksimovic: milione più. milione meno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. marione - 1 settimana fa

          Ma se Maximovic è stato venduto al Napoli e Verdi era ancora al Bologna? Quale scambio? DeLa ha scambiato un giocatore non suo?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. toro52anni - 1 settimana fa

        l’ultimo giorno o gli ultimi giorni di mercato esulano dal prezzo imposto a secondo la necessità.
        Ne ho bisogno a tutti i costi e allora per forza lo prendo, però è un azzardo per chi vende perchè poi se lo può ritrovare come esubero se il compratore non accetta il prezzo.
        Hai forato la macchina e sei in un posto dove c’è un solo gommaio nel raggio di 100km, non hai attrezzi e sei a piedi: cosa fai se ti chiede 50€ per riparare la gomma?
        Semplice , o paghi o resti a piedi.
        Ecco perchè Verdi è un caso limite.
        Se De Laurentis avesse avuto bisogno di liquidità vai tranquillo lo prendevi al massimo per 18/20 mln.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. marione - 1 settimana fa

          Io non mi metto in questi frangenti. Di giocatori è pieno e Verdi nemmeno serviva. Se il presidente è un incapace sono cazzi suoi. E che costui sia conosciuto per un barbone incapace è cosa notoria. Basta guardare i risultati ottenuti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LeoJunior - 1 settimana fa

      Non sottovalutiamo mai l’aspetto contabile. I valori spesso sono “farlocchi” e rispondono ad esigenze di bilancio. Non dimentichiamo che in questo mondo finto ci si mette anche il fatto che i giocatori in bilancio non vengono presi per il loro valore di mercato (tecnicamente si chiama fair value) ma quello contabile. quindi non ci sono obblighi di farne una valutazione reale. Questo cosa determina? Che si possono fare giochini per aggiustare i bilanci. Io ho un giocatore che in bilancio è a 10 ma vale 5 per il rendimento/valutazione. Se lo cedo al valore giusto mi prendo una minusvalenza di 5. Se poi con quei 5 prendo un giocatore che magari ne vale 10 questo non ha impatto (lo devo iscrivere a 5). Allora lo vendo per 10 a una squadra dalla quale poi compro un giocatore che vale 5 ma che me lo vende per 10.
      Quindi quando si parla dei 24 per Verdi si devono accoppiare ai 20 (? non ricordo) per Maksimovici. Quando si parla dei 10 di Aina si deve accoppiare con i 26 (?! per Zappa) e via andando.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bastone e Carota - 1 settimana fa

        Esatto, come i 10 mln di Meité corrispondono esattamente ai 10 mln di Barreca. Abbiamo scambiato due giocatori di modesta qualità a un prezzo gonfiato: il bilancio ne gode, tanto il nostro quanto quello dei francesi. Il problema è quando poi vorresti vendere Meité a 10 o più mln, idem Barreca.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Forzatoro - 1 settimana fa

      Mi dispiace smentirti, ma quello che dici non è assolutamente la verità.
      Nella maggior parte dei casi, se un giocatore è molto appetito sul mercato (non dico sia il caso di izzo), se lo metti in vendita a 45 milioni, ed ha tante pretendenti, è capace che si scateni un asta e che tu riesca a venderlo anche a 50-55 milioni più bonus.
      Poi, in generale, dipende da mille fattori a quanto vendi un giocatore, mica c’è una regola fissa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. maxx72 - 1 settimana fa

    Bene bene 20 milioni ed è vostro, è fortissimo ma per niente affidabile quindi pagare e via. Avanti un altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. CUORE GRANATA 44 - 1 settimana fa

    Nulla da fare! Cairo vive in un Suo mondo “parallelo!”Covid,che con una certa superficialità un pò tutti abbiamo forse cercato di accantonare,ci rammenta la sua costante presenza che riconduce l’ambito sportivo ad una situazione d’incertezza.Il Campionato inizierà il 19 settembre?Il cd. calciomercato,almeno per quanto riguarda Torino fc in particolare sul versante cessioni prodromico,forse a qualche innesto,come si svilupperà e sopratutto a quali valutazioni? Il Nostro ancora una volta non ha perso occasione di “fare il ganassa”: “stà nascendo un bel Torino!”.Ripeto per l’ennesima volta che un bel Torino lo avremo solo quando la Società avrà colmato i deficit di struttura ed infrastrutture non più accettabili a livello professionistico che ci stanno rendendo ridicoli agli occhi degli addetti ai lavori.Dovrà,a mio parere,essere questo il “tema di fondo” sul quale noi tifosi ,organizzati o meno,dovremo “insistere” e “marcare stretto” tutti i soggetti pubblici e non deputati a risorverli.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 1 settimana fa

      Caro mio hai ragione ma purtroppo non è l’unico a vivere in un mondo parallelo….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatasky - 1 settimana fa

    18 milioni più bonus e fuori dai coglioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. marinelli70 - 1 settimana fa

    A me pare che 20/25 milioni siano una cifra un tantino esagerata… alla fine della fiera Izzo ha fatto una buonissima stagione ed una insufficiente e mi pare difficile trovare un acquirente che voglia investire tutti quei soldi su di lui. Sarà anche nel giro della Nazionale ma non è un titolare, ha 28 anni e credo che margini di miglioramento non ce ne siano: il giocatore è questo, con pregi e difetti e un rendimento incostante. Il Toro lo ha pagato 9 milioni dal Genoa, se non ricordo male… venderlo a 15/18 milioni sarebbe comunque una buona operazione e una bella plusvalenza.
    Certo che se si ritiene che Lyanco valga 15 milioni (altro valore assurdo, noi lo pagammo 7, se non erro, e non mi pare che il ragazzo abbia fatto faville) allora per Izzo ne deve valere almeno 10 di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 settimana fa

      la differenza la fa l’età. Concordo però che 20-25 siano tanti. Ma credo anche che si spari la cifra di 20-25 per poi cercare di ottenere 18

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianTORO - 1 settimana fa

        infatti. si chiamano trattative…come quando vai a comprare una macchina, un alloggio, una moto, un tappeto ecc ecc sempre di commercio si tratta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13958142 - 1 settimana fa

    A me non sembra una grande idea per tre motivi:
    1) sono convinto che una difesa a 2 Izzo-Nkoulu sia di assoluto livello e non credo avrà problemi ad adattarsi al modulo, sopratutto con un compagno di reparto così
    2) Affidare le chiavi della difesa a Bremer con alternativa Buongiorno mi sembra avventato, attenzione li considero due difensori forti, semplicemente mi piacerebbe siano affiancati da due difensori esperti e affidabili
    3) Vojvoda e Singo non hanno mai giocato contro squadre di livello troppo alto e non hanno mai marcato esterni sinistri d’attacco fenomeni, in quel caso Izzo avrebbe dato le garanzie necessarie a destra (e guardate che è tutt’altro che scarso come terzino “bloccato” di una difesa a 4, anzi in difesa farebbe la differenza)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 settimana fa

      Credo che sia previsto comunque un acquisto. Se lo vendiamo a 20 (ma anche 18) una quota sarà destinata all’acquisto di un difensore (Anderson?). Concordo con te: Bremer è professionista assoluto e in grande crescita ma che possa essere titolare inamovibile mi crea qualche dubbio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 1 settimana fa

      Scusa, @user, leggo di terzini “bloccati”, ma che vuol dire ? Conosci, tatticamente, il 4312 di Giampaolo? Credo di no. Assolutamente. Tu e chi scrive di “terzini bloccati” sbaglia termine e concetto. Bloccato come posizione o come compito/concetto ? Come posizione no perché la linea a 4 di Giampaolo deve giocare a centrocampo. Il terzino deve garantire ampiezza e dare linee di passaggio agli interni in attacco per cui si deve muovere molto sia in fase positiva che negativa per rientrare. Come concetto nemmeno perché deve garantire ampiezza visto che gli interni occupano linee in profondità. Giampaolo accetta il rischio della difesa sguarnita rispetto ad una fase di attacco più incisiva. L’unico ruolo “bloccato” è il vertice basso del rombo che , comunque, mai si schiaccia sulla linea a 4 dietro. Lui si deve rimanere bloccato sia per dettare passaggi che per garantire copertura alle mezzali. Addirittura si può definire come liquido lo schieramento in avanti quando si attacca perché si copre il campo a seconda delle situazioni. Giampaolo ha bisogno di centrali forti di testa per sventare gli attacchi subiti dalle fasce. Se servisse un terzino buono solo a difendere, bloccato, non servirebbero giocatori con i piedi buoni per dialogare in avanti quali sono Rodriguez, Vojvoda, Ansaldi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bastone e Carota - 1 settimana fa

        Bravo Granata. E’ esattamente così. Basta aver visto anche solo uno spezzone di amichevole di quest’anno per notare che i terzini si fanno tutta la fascia e collaborano alla manovra offensiva. Ho visto Vojvoda per gran parte del secondo tempo fungere da ala dx.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 1 settimana fa

          Pensa che ho letto che il 4312 ha gli stessi movimenti del 442 !!! Il web da possibilità a tutti di scrivere ma c’è differenza fra un opinione ed un qualcosa di oggettivamente concreto ( non dico che una cosa escluda l’altra ma ci sono cose oggettive non soggette ad opinioni, son così). Un giocatore/allenatore può piacere o meno, la tattica presuppone dei compiti/ruoli ben specifici altrimenti non parlaremmo di moduli ma più semplicemente di obiettivi quali difendere, attaccare, segnare etc etc.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. suoladicane - 1 settimana fa

        @granata è sempre un piacere leggerti!
        personalmente credo che se non si prende un regista vero giocare con il rombo non sarà possibile, indipendentemente dal trequartista (che comunque non abbiamo), forse con tutte le ali che ci sono si potrebbe rispolverare il 4.3.3, che ne pensi?
        SFT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 1 settimana fa

          Che da quanto ho capito dovresti cambiare allenatore.
          Io trovo folle che nel 2020 ci siano ancora allenatori con un solo modulo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 1 settimana fa

          @suola, credo che un gioco funzionale si possa considerare tale se è armonico, equilibrato. Cambiare compiti ai centrocampisti senza cambiarli ai difensori ed attaccanti non produrrebbe buoni risultati. Dovresti , per farlo funzionare, poter contare su gente del calibro di Kross, De Maria, Iniesta, etc etc. Quella levatura di uomini/giocatori ti permette di fare cosa vuoi. I compiti difensivi cambiano perché cambiano le coperture. Secondo me no. Dal 4312 si può passare, ma SOLO in copertura, al 442. Mi piacerebbe moltissimo vedere il 4312 di Allegri al Milan. È vero, aveva un centrocampo meraviglia ma i movimenti erano eccezionali. Allegri, poi a Torino, aveva una difesa a 4 asimmetrica e grazie a Costa e Barzagli ( lui si “bloccato” ) costruiva bene dal basso e spesso da 4 passava a 3 avendo l’opposto in spinta ( Costa appunto ). Noi dobbiamo necessariamente alzare la cifra tecnica li in mezzo per togliere, quando ci saranno, le castagne dal fuoco.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. LeoJunior - 1 settimana fa

        mi sento di dire che interventi come quello di Granata vadano apprezzati e lui vada ringraziato. Spesso usiamo questo strumento di condivisione per insultarci, deriderci, bollarci ma poche volte per parlare di calcio. Ecco, interventi come questo invece ci servono per capire meglio e spesso evitano di farci parlare a vanvera. Capire come un allenatore gioca e cosa chiede ai propri giocatori ci dovrebbe dare la misura di chi è funzionale e chi no. Quindi prima di dire: quello teniamolo, vattene, ma ne abbiamo già 4, ne mancato 3 …. forse è meglio capire di cosa parliamo.
        Grazie Granata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 1 settimana fa

          Grazie a te @LeoJunior, io vorrei solo poter scrivere di calcio ma mi rendo conto che il calcio ha molte sfaccettature. Contano i numeri non solo in campo ma anche fuori. Tu scrivi una cosa esatta. Qui, come altrove ci si insulta. Questo non va. Fra noi tecnici, quando si ha idee diverse ci si confronta senza offendere. Sarebbe importante poter dialogare capendo che il dissenso non è lesivo di alcunché. Tralascio chi cerca di scrivere cose di cui non sa e pretende la ragione. Speriamo di poterci scambiare opinioni diverse con sempre maggior rispetto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. LeoJunior - 1 settimana fa

            Accolgo il tuo auspicio. A noi il compito di essere portatori sani di un clima più costruttivo e se possibile tecnico.

            Mi piace Non mi piace
          2. Granata - 1 settimana fa

            @LeoJ, mi piacerebbe, per esempio, scrivere perché e come sono nati i moduli. Perché si sono evoluti ed i cambiamenti della preparazione in funzione di uno sforzo/agonismo in continua trasformazione. No ? Che ne dici

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy