Il Toro che verrà: gli esterni, due riscatti e un rinnovo

Il Toro che verrà: gli esterni, due riscatti e un rinnovo

Approfondimento / Per Aina si prospetta il pagamento della clausola al Chelsea, mentre con De Silvestri si deve parlare di rinnovo. In caso di Europa servono rinforzi

di Roberto Ugliono

IL TORO CHE VERRA’

SSC Napoli v Torino FC - Serie A

 

Si sa, Mazzarri ha sempre dato molta importanza al lavoro dei suoi esterni e di conseguenza li ha valorizzati, ecco perché per il Toro è un discorso molto importante quello legato alle corsie laterali. E dopo aver parlato degli scenari del futuro riguardo alla difesa, passiamo dunque ad esaminare la situazione degli esterni. Ovviamente anche in questo caso la prima grande variabile che dovranno tenere in considerazione allenatore e società è quello legato a un’eventuale conquista del pass per le competizioni europee. Il campionato svolto fin’ora da Aina, Ansaldi e De Silvestri fa presumere che tutti e tre saranno in granata anche la prossima stagione.

Il Toro che verrà: la difesa tra mercato ed Europa League

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 6 mesi fa

    Ansaldi, a 33 anni è uno dei nostri migliori giocatori, e, in questo momento,uno dei più in forma.
    Uno dei pochi nostri calciatori abile in più ruoli: sulla fascia e a centrocampo. Se il Toro lo ha or ora riscattato, spero continuerà ad avvalersi delle sue prestazioni.
    Va bene riscattare Aina, ma deve ancora molto, ma molto migliorarsi. Soprattutto essere più preciso nei passaggi in generale e nei lanci alle punte in particolare. Deve poi migliorare molto in copertura e in difesa. Alla luce degli ultimi eventi, deve controllare il proprio carattere (e tenere a freno la lingua!!).
    Se Ansaldi non è “finito”, bensì in piena forma a 33anni, figuriamoci De Silvestri a 31!
    Globalmente, come calciatore e come persona, è uno dei miei preferiti.
    Corre come un forsennato, è forte e robusto nei contatti, abile anche nel gioco “di testa”: ce la mette sempre tutta, non si risparmia mai, ha grinta da vendere, ha dimostrato di tenere ai nostri colori.
    Se quest’anno il nostro attacco stenta a segnare, maggiormente De Silvestri, che attaccante non è!
    Con il consolidarsi del gioco di Mazzarri, è cambiato tutto: De Silvestri difende molto di più, e meglio, quindi gioca più arretrato. Molto più raramente riesce a sganciarsi in avanti, e, comunque, ripeto, non è proprio compito suo fare gol!
    Ammiro De Silvestri anche perché, preso di mira da molti tifosi ed alcuni giornalisti, ha sempre continuato a fare il suo dovere ed il suo lavoro bene, accettando le critiche (purtroppo persino gli insulti) senza mai protestare o ribattere.
    Mai una parola fuori posto, mai uno sfogo, mai una lamentela con la società, i compagni, la tifoseria.
    Leggo che nello spogliatoio e nella vita è uno di quelli che si adopera x tenere unito il gruppo, e questo, per me, è un valore aggiunto!
    Io, a De Silvestri, prolungherei immediatamente il contratto: fa parte dello “zoccolo duro”, cioè di quel “blocco di calciatori” inamovibile, intorno al quale costruire un Toro sempre più vincente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Torello_621 - 6 mesi fa

    Potrebbe sembrare non pertinente, ma osservo che su Toronews si tratta con pudore un argomento molto gettonato su altri siti. Trattasi del possibile, per alcuni probabile, addio di Petrachi verso una nuova esperienza professionale. Al netto di chi irride il DS per i fari spenti e con lui tutta la dirigenza, credo invece che sarebbe un duro colpo da assorbire in chiave mercato e programmazione futura. Anche il discorso sui futuri acquisti, in fascia e in tutti i settori del campo, credo sarà influenzato da tale aspetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

      Da quello che si legge in giro, mi pare che solo toro.it ne parli.
      Se l’attendibilità è pari a quella di altri scoop del passato… Petrachi avrà lunga vita al Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. robertozanabon_821 - 6 mesi fa

    Se andremo in Europa, serviranno rinforzi. Se non ci andremo, serviranno rinforzi. Non è un gioco di parole, ma a parte i “ritocchi” necessari in altri reparti, bisognerà finalmente mettere “mano” al centrocampo. Mancano sia la qualità che l’intensità e il dinamismo. Il tempo per valutare alcuni giocatori è stato più che sufficiente e non si intravedono le caratteristiche adatte per impostare, se vorremo crescere, la squadra del futuro. Non faccio nomi perché penso che il problema sia chiaro a tutti, Società e allenatore compresi. Senza qualità non ci sarà mai alcun salto di qualità. Sempre Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

      Vero,
      anche a parità di esterni attuali, se avessimo in futuro almeno un Signor Centrocampista cui affiancare Rincon e Lukic, faremmo sicuramente un bel balzo in avanti con la manovra e il gioco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cecio - 6 mesi fa

        Io Lukic non lo vedo pronto per essere un titolare inamovibile del nostro centrocampo, ma una buona alternativa.
        E’ un buon giocatore che fa bene le cose semplici ma per ora non ha mai fatto vedere spunti degni di nota sia in fase realizzativa che come assist. Spero cresca ulteriormente in personalità perché di gente che fa il compitino non abbiamo un gran bisogno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cecio - 6 mesi fa

    Parlando di esterni, va da sé che se si confermano i 3 citati se ne deve comprare uno da schierare titolare che abbia spinta.
    Ovviamente il preferito sarebbe Lazzari anche se improbabile per costi, l’unica possibilità per prenderlo sarebbe dare in contropartita Bonifazi alla Spal…ma mi dispiacerebbe parecchio.
    Se davvero si prendesse un esterno titolare, ho la paura che potrebbe essere in parte finanziato dalla cessione di Parigini che avrebbe sempre meno spazio in quanto fuori dagli schemi tattici di Mazzarri (così come Edera e in parte Berenguer).
    Comunque se il parco esterni fosse Lazzari (o un profilo equivalente), Ansaldi, Aina e DeSilvesti non sarebbe affatto male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14143365 - 6 mesi fa

    da chiarire la situazione di Zaza! al momento gioca per rivalutarlo e a rimetterci e’ jago Falque relegato in panchina! secondo me non e’ da confermate…..oltretuuto costringr Belotti a giocare lontano dalla porta avversaria! salarne uno per rovinarne due! vale la prna? quindi mandare via Zaza ! infine prendere gun centrocampista valido, anke se Lukic (?)sta crescendo bene….e poi avanti con i ns giovani….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

      Zaza trova abbastanza spazio ultimamente anche perché Falque, dal rinnovo del contratto in poi, è andato notevolmente calando come rendimento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

        Buffo è il fatto che una constatazione, non un’opinione, subisca dei “non mi piace”.
        Falque nel 2019 ha giocato una sola partita intera su nove.
        In altre tre occasioni è stato sostituito o è subentrato.
        Nelle rimanenti 5 è stato a guardare.
        Il suo rendimento è stato purtroppo per noi poco soddisfacente.
        Sono fatti che parlano chiaro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. SiculoGranataSempre - 6 mesi fa

    Zona cruciale da rinforzare con 2 uomini di cui uno già fatto e forte, l’altro un giovane di belle speranze tipo Ola Aina da completare. Uno dei capace di giocare in entrambe le fasce. I due nomi fatti da Garnet Bull sono interessanti. Il secondo è molto giovane ma costoso. Il primo più accessibile. In ogni caso uno dei due non sarebbe male per un posto da titolare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ddavide69 - 6 mesi fa

    Continua a mancare un centrale che sappia impostare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 6 mesi fa

      Intendo un centrale di centrocampo al posto di baselli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Garnet Bull - 6 mesi fa

    Secondo me il ruolo dell’esterno viene messo in secondo piano soprattutto da alcuni giornalisti che non ne vedono l’importanza, io sono invece di tutt’altra idea. Soprattutto considerando il nostro modulo.
    -Ansaldi: è forte, fortissimo. Grande corsa, velocità, tecnica, intelligenza tattica ed è polivalente. Basti pensare che è il giocatore in serie a con più dribbling riusciti. Pecca un po’ in fase difensiva, in forza fisica ed è soggetto ad infortuni.
    -De Silvestri:forte di testa e fisicamente, importante anche in attacco sulle palle ferme, grande resistenza e corsa. Quest’anno l’ho visto però molto più impreciso e troppe volte in ritardo. Non lo vedo come un titolare.
    -Ola Aina:quanto a doti fisiche lui e belotti fanno semplicemente paura. Corsa, potenza ed esplosività oltre a dribbling e colpi di testa. Sbaglia talvolta alcune valutazioni e compie alcuni errori in difesa. È già molto forte, se continua a crescere…
    -Acquisti: berenguer e parigini non sono schierabili a inizio partita in questo ruolo,di conseguenza serve un acquisto. È inutile dire che lazzari sarebbe un sogno, è il migliore assistman del campionato, oltre ad avere altre 1000 qualità. Ultimamente stiamo pescando molto bene in ligue 1, dove milita lo Strasburgo che ha tra le sue file Lala, un esterno copia di lazzari ma probabilmente meno conosciuto e costoso. Altro giocatore sempre su questa falsa riga potrebbe essere Valentino Lazaro dell’Herta Berlino. Sono solo miei pensieri e desideri. Lesghere e forza toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 6 mesi fa

      Ottimo commento. Propositivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Forzatoro - 6 mesi fa

      Ahahah quel lesghere finale mi fa morire

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Garnet Bull - 6 mesi fa

        Devi essere per forza un ragazzo come me per capirlo, grande bomber

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy