Torino, Lyanco vuole restare: in Coppa Italia l’occasione per farsi vedere

Torino, Lyanco vuole restare: in Coppa Italia l’occasione per farsi vedere

Focus on / Il difensore brasiliano sta lavorando per tornare al top: Mazzarri lo tiene sotto stretta osservazione

di Redazione Toro News

Prestito o permanenza? Lyanco vuole provare a giocarsi le sue carte nel Torino. Approdato sotto la Mole dal San Paolo ufficialmente nel luglio 2017, ma già aggregato al gruppo a partire dal gennaio precedente, il difensore brasiliano è stato accolto tra le grandi aspettative della piazza. Un’operazione complessiva da 9 milioni di euro (7 più 2 di bonus): non male per un ragazzo classe 1997, alla prima vera esperienza in un campionato europeo. Purtroppo però sin qui Lyanco non è riuscito a dimostrare ancora il suo talento. Anche a causa dei tanti infortuni che nell’ultimo anno ne hanno fortemente condizionato la disponibilità.

L’INFORTUNIO – L’ultimo, quello rimediato la scorsa stagione al piede, gli è costato quasi dieci mesi di stop. Un vero e proprio calvario per il ragazzo che, dopo essere tornato dal Brasile lo scorso agosto dirà ai microfoni di Torino Channel: “Ho avuto paura di non poter più tornare a giocare“. Un rientro graduale il suo, passato da diversi step di fisioterapia, riabilitazione e preparazione atletica. Poi, da circa un mese, la prima apparizione con la maglia della Primavera con un unico obiettivo: ritrovare la migliore condizione. Dall’anno scorso però, il difensore classe ’97 ha giocato solamente 4 presenze con la maglia della Prima Squadra granata. Poco, forse troppo.

FUTURO – Via in prestito a gennaio? Al momento le intenzioni del ragazzo sono chiare: rimanere a Torino e provare a giocarsi le sue carte. Attraverso il duro lavoro vuole tornare al top con la maglia granata e conquistarsi un posto da titolare in prima squadra. Non è affatto facile considerata la concorrenza nel reparto difensivo: nelle gerarchie di mister Mazzarri il numero 3 granata (al momento) è uno degli ultimi. Davanti a lui Izzo, Moretti, Nkoulou e Djidji che, dopo tante partite giocate insieme, hanno costruito un’ottima intesa. Il nuovo esordio di Lyanco con la maglia della Prima Squadra però dovrebbe arrivare a breve: il prossimo 6 dicembre in Coppa Italia, nella gara contro l’Alto Adige. Per il difensore sarà una grande chance per mettersi in mostra e dimostrare di poter rimanere in maglia granata e magari mettere in difficoltà mister Mazzarri. Il suo ruolo nella squadra di Cairo potrebbe essere quello al posto Nkoulou, in centro della difesa a tre, oppure come terzo difensore (di destra o di sinistra) al posto di Izzo o Djidji. D’altronde già lo scorso anno il classe ’97 aveva dimostrato di sapersi districare con buona personalità anche con il piede sinistro, pur essendo un destro naturale. Ora non resta che aspettare, con la consapevolezza che una chance arriverà anche per lui.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13722867 - 8 mesi fa

    lo cederanno sicuramente …è uno buono ma le esperienze passate mi faranno pensare a questo cioè che i buoni li diamo via vedi in passato Verdi Pellissier e tanti altri x prendere amauri Ramallo barreto larrondo e ultimamente damascan che manco nella primavera segna continuiamo a essere alla deriva

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 8 mesi fa

    Da gennaio 2017 a novembre 2018: 4 presenze!
    Mi sembra ingiusto, al confronto, sentire tanti di voi parlare dei vari giocatori presenti e passati dicendo che “sono sempre rotti!”
    Lyanco, non sarà colpa sua, ma nella Primavera è stato totalmente insufficiente, e si parla di campionato Primavera! Vogliamo rischiare di perdere anche con il Sudtirol?
    Moretti in panca da due mesi e Bremer, sano, integro e ben allenato, e che aspetta una occasione buona per poter giocare, li vogliamo sacrificare sull’altare di Lyanco?
    Lyanco non vuole andare in prestito: ribadisco, non sarà colpa sua, ma nelle sue condizioni è in grado di “dettare legge”?
    Anche Bonifazi sarebbe rimasto volentieri, proprio a giocare nel ruolo di Lyanco, e non parliamo di Edera, anche lui “papabile” per un prestito!
    Perché sempre 2 pesi e 2 misure?
    Detto ciò, auguro a Lyanco di fare la carriera di Burdisso e di giocare fino a 40 anni, ci mancherebbe!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13758358 - 8 mesi fa

    ma, x come visto con la primavera dubito sia pronto x la coppa italia.
    mimmobg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Orson - 8 mesi fa

    Per me, per quanto fatto intravedere nelle poche partite fatte, se sta bene è titolare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prometeora - 8 mesi fa

    lui e Bremer credo giocheranno in Coppa Italia contro il Sud Tirol. Uno dei due verrà prestato a gennaio salvo infortuni dell’ ultimo momento. Però devono andare nella squadra giusta. Lyanco lo vederei bene al Frosinone di Longo. Un po’ come Edera. Altrimenti tanto vale che si allenino qui. Che poi non si sa mai…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Serafino - 8 mesi fa

      UN RAGAZZO DA TENERE IN CONSIDERAZIONE,MOLTO SFORTUNATO SENZA GLI INFORTUNI CAPITATI AL RAGAZZO SAREBBE TITOLARE IO LO TERREI OPPURE 6 MESI IN UNA SQUADRA PERò CHE LO FACCIA GIOCARE. IO CI CREDO SPERO DI NON SBAGLIARMI. TANTI AUGURI RAGAZZO DA UN TIFOSO CHE PUò ESSERE TUO NONNO.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy