Il Cts ribadisce: “La quarantena per i calciatori rimane di due settimane”

Il Cts ribadisce: “La quarantena per i calciatori rimane di due settimane”

News / Nelle ultime ore circolavano indiscrezioni circa una riduzione dell’isolamento di giocatori trovati positivi ai controlli

di Redazione Toro News

Nelle ultime ore era circolata la notizia di una possibile riduzione del periodo di quarantena per i giocatori trovati positivi ai controlli di routine. Immediata la smentita del Comitato tecnico scientifico: “È comparsa sulla stampa nazionale, sostenuta da alcuni noti rappresentanti del mondo del calcio la notizia che il Cts avrebbe concordato con le autorità sportive, prime tra tutte la FIGC e la Lega Calcio, non solo le procedure e i protocolli per la riapertura del campionato, ma anche la riduzione del possibile periodo quarantenale a cui sottoporre calciatori e personale della squadra risultati positivi al test diagnostico per la presenza del virus SARS-CoV-2 o i loro contatti più stretti, ipotizzando una sola settimana di quarantena precauzionale, anziché due settimane universalmente riconosciute“. Poi il Comitato continua spiegando che: “non esistono alternative a quanto rappresentato in ogni sede, per ogni tipologia di attività e per ogni tipo di soggetto, relativamente alla ripresa di tali attività, nel pieno rispetto delle norme vigenti e dell’evidenza scientifica che tali norme hanno contribuito a generare“.

Il comunicato della Lega Serie A dopo il consiglio: “Giovedì la decisione sulle date della ripresa”

Il Cts conclude criticando l’idea di un eventuale “trattamento particolare, in eccezione per alcune categorie di persone e di attività, come i professionisti del giuoco del calcio, così come per altri sport di squadra che implichino contatto fisico prolungato è fuorviante e provocatorio, tendente a creare un clima di scarsa fiducia nell’attendibilità e nel rigore etico e scientifico con cui il Cts ha affrontato e continua ad affrontare i complessi problemi tecnici legati alle riaperture progressive del Paese, nel contesto del processo di rafforzamento dei settori territoriale e ospedaliero del Sistema sanitario nazionale e degli indicatori di monitoraggio stabiliti dal Ministero della Salute di concerto con le Amministrazioni regionali“.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 4 mesi fa

    Non faccio nomi (visto che non li fa nessuno) ma sono stati in particolare esponenti di una squadra a strisce di Torino ed una con l’aquila di Roma a dire che siccome non è/sarà prevista la quarantena per le persone che arrivano dall’estero si poteva/doveva accorciare a 7 gg la quarantena od addirittura toglierla per i giocatori. Per fortuna, al momento, sono stati bloccati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy