Toro: Scaglia a segno, bene Gomis e Diop

Italia Granata / Turno opaco per Bellomo, panchine per Suciu e Fiamozzi, bene Parigini, Stevanovic, Verdi, Chiosa e Gatto

di Diego Fornero, @diegofornero

Ecco come se la sono cavata, nel weekend appena trascorso, i giovani talenti del Torino, in prestito o comproprietà, sparsi per i campionati professionistici italiani, tra Serie B e Lega Pro.

SERIE B

GOMIS – DIOP – Nell’anticipo della cadetteria, giocato venerdì sera, grande protagonista il duo granata Alfred GomisAbou Diop, portiere ed attaccante, entrambi in prestito, entrambi classe ’93. I pitagorici beffano in casa il Brescia, cogliendo una vittoria per 1-0 che li lancia in zona play-off: decide l’incontro la rete di Mazzotta su rigore, propiziata proprio dall’attaccante senegalese ex Primavera granata, che conclude pericolosamente in area costringendo un’altra vecchia conoscenza granata, Valerio Di Cesare, al fallo di mano. Positivo l’impiego, ancora una volta, dell’attaccante da titolare (uscirà soltanto all’83’), mentre non fa neppure più notizia la buona prova offerta dal portiere, che conduce una gara autorevole e rischia soltanto al 90′ con un’uscita a vuoto sfruttata da Caracciolo, ma salvato dalla traversa. 

CHIOSA – Titolarissimo a Bari anche Marco Chiosa, difensore classe ’93 in prestito dai granata: l’ex Primavera, in campo per tutti i 90 minuti, gioca una gara ordinata e precisa, contribuendo alla vittoria casalinga per 1-0 dei galletti su un Pescara sempre più in alto mare.

FIAMOZZI – Brutte notizie per Riccardo Fiamozzi: il laterale basso classe ’93, in comproprietà tra Torino e Varese, è ormai definitivamente scomparso dai radar, ed in questo anno solare 2014 non ha mai giocato, neppure un minuto, in campionato. La sua ultima presenza risale al lontano 21 dicembre 2013, da allora 7 panchine consecutive, decisamente non un bel segnale per un giovane che, nella passata stagione, giocando con continuità, aveva raggiunto anche la Nazionale Under 21. Anche contro l’Avellino (per la cronaca, un pari per 1-1 colto a tempo scaduto dai lombardi sfruttando un’autorete) mister Gautieri ha deciso di non puntare su di lui.

SCAGLIA – PARIGINI – SUCIU – Chi sorride è Filippo Scaglia: il centrale difensivo classe ’92, in prestito al Cittadella dal Torino, dove ha accumulato minutaggio giocando la prima parte di stagione nella Primavera di Moreno Longo, mette lo zampino nel pari esterno dei suoi a Castellammare contro la Juve Stabia. 1-1 il risultato finale, deciso proprio da “Pippo” che, al 34′, è abile ad incornare in area su assist da calcio d’angolo di un altro volto noto ai tifosi granata, Juan Surraco, svettando più in alto di tutti e cogliendo la sua prima rete in Serie B, alla terza partita consecutiva da titolare.
Da segnalare, tra le vespe, l’ingresso in campo nella ripresa del giovanissimo Vittorio Parigini: l’esterno offensivo classe ’96, anche in questo caso in prestito dal Torino, gioca i secondi 45 minuti e si mette in mostra con un bel cross non sfruttato a dovere dai compagni al 7′, e procurando un’ammonizione ai danni di Surraco, costretto a stenderlo per evitarne la ripartenza in velocità.
Ancora panchina, invece, per Sergiu Suciu: il centrocampista classe ’90 non vede il campo dallo scorso 29 dicembre 2013, ed in questo anno solare ha raccolto soltanto panchine e tribune. Il pari contro il Cittadella, però, è stato fatale al tecnico Fulvio Pea: torna in sella Piero Braglia, che su Suciu aveva puntato ad inizio stagione come titolare: qualcosa, dunque, potrebbe cambiare anche a Castellammare per il talento rumeno.

VERDI – Titolare, nella vittoria per 1-0 del suo Empoli contro il Padova, Simone Verdi: l’attaccante esterno classe ’92, in comproprietà tra Torino e Milan, gioca una partita vivace, contribuendo anche alla rete decisiva di Maccarone con un tiro-cross il portiere padovano Nocchi non trattiene, consentendo a “Big Mac” la ribattuta da due passi. Cinque presenze consecutive nelle cinque gare del 2014, di cui tre da titolare: davvero un buon bottino quello del talento pavese, sul quale, la prossima estate, Torino e Milan saranno chiamate a prendere una decisione.

COMI – Medesime sorti contrattuali anche per Gianmario Comi: l’attaccante ’92, figlio d’arte, in comproprietà tra granata e rossoneri, gioca titolare nel pari a reti inviolate tra Virtus Lanciano e Latina, senza, però, riuscire ad incidere. Da segnalare, comunque, la terza partita consecutiva da titolare per il giovane puntero, per ora fermo alla rete segnata all’esordio contro il Cesena.

BELLOMO – STEVANOVIC – Turno da dimenticare per Nicola Bellomo: il trequartista classe ’91, in comproprietà tra Torino e Chievo ma in prestito allo Spezia, gioca titolare nel pari per 1-1 dei suoi contro il Palermo, ma stavolta non si fa notare, giocando una partita spenta e con poche idee, salutando il terreno di gioco al 67′ sostituito dal giovane Ciurria (attaccante classe ’95 sul quale il Torino aveva chiesto informazioni nella sessione di calciomercato invernale). Per il talento barese si tratta, comunque, della terza partita consecutiva da titolare. Prova convincente, tra i rosanero, per Alen Stevanovic: il serbo classe ’91, in comproprietà tra Toro e rosanero, gioca titolare e si esibisce in una buona prestazione, risultando tra i migliori dei suoi.

LEGA PRO 

GATTO – CINAGLIA – MILANI – In Lega Pro 1° divisione sconfitto il Lumezzane di Emanuele Gatto: il regista classe ’94, in comproprietà tra i lombardi e il Torino, gioca titolare ma nulla può nella sconfitta per 1-0 dei suoi contro i grigiorossi della Cremonese. Solo una manciata di minuti, invece, per Davide Cinaglia: il centrale difensivo, anch’egli classe ’94 ed in comproprietà tra Toro e Feralpi Salò, subentra al 37′ della ripresa nella vittoria dei suoi per 4-2 sul Pavia. Nella stessa gara, neppure convocato Daniele Milani: il centrocampista ’93 non è al meglio ed ha ancora qualche problema muscolare agli adduttori.

FUMANA – Ancora una sconfitta per il Bra, “Cenerentola” della Lega Pro 2° divisione, superata di misura, 1-0, dalla Torres: stavolta non vi prende parte Giorgio Fumana, attaccante classe ’94 che resta in panchina per tutti i 90 minuti.

VITA – Quinta vittoria consecutiva per il Monza di Antonino Asta, che regola 1-0 in trasferta la Virtus Vecomp Verona: assente, però, l’attaccante classe ’93 Alessio Vita, in comproprietà tra Torino e biancorossi, per squalifica. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy