Il passo indietro del Toro

Il passo indietro del Toro

Editoriale / Quanto successo contro i ferraresi è un altro segnale del fatto che la prospettiva più verosimile di questa squadra è, al momento, un anonimo campionato di metà classifica

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

La sconfitta contro la Spal è pesante, per la stagione del Torino. Perchè, proprio in occasione della sosta per le feste, fa ripiombare la squadra di Mazzarri nel tunnel, un tunnel del quale sembrava che si vedesse la fine. A questo punto è lecito pensare che i punti fatti di recente siano arrivati più per demeriti di squadre avversarie incontrate nel loro momento peggiore, più che per i meriti granata. E quanto successo contro i ferraresi è un altro segnale del fatto che la prospettiva più verosimile di questa squadra è, al momento, un anonimo campionato di metà classifica, senza reali velleità di lotta per l’Europa. Sarebbe (è) un sostanziale e concreto passo indietro rispetto alla scorsa stagione.

Un passo indietro di cui sarebbero (sono) responsabili tutti. Partendo da chi va in campo, ci sono i giocatori: evidentemente alcuni (molti) di loro sono stati sopravvalutati, e c’è anche chi sembra demotivato rispetto alla scorsa stagione. Poi c’è chi li manda in campo, l’allenatore, che pare davvero disorientato: i fatti dicono che due cambi insoliti per la filosofia mazzarriana dell’equilibrio prima di tutto (Belotti per Berenguer a Verona e Zaza per Lukic contro la Spal) hanno sortito l’effetto opposto a quello sperato. La squadra ha dei limiti di mentalità pazzeschi e ha dimostrato che l’ottima ora di gioco di Verona può considerarsi un episodio. Infine, chi coordina i lavori e sceglie le persone, la società: l’obiettivo era quello di migliorare il settimo posto della scorsa stagione, ma le mosse (o non-mosse) estive, si direbbe, non stanno pagando. Questo Toro proprio non riesce a conquistare quella stabile dimensione europea che anelano i suoi tifosi.

Che fare, ora? Non è certo all’ambiente che si può chiedere sostegno; i tifosi sono esasperati e in fibrillazione anche per questioni extra-calcistiche. E’ bastato il gol del pari di Strefezza per scatenare nuovamente la contestazione. E’ questo Torino che dovrà trovare in sè stesso le risorse per restituire la speranza ai suoi appassionati, portando a termine l’annata nel modo migliore possibile. Magari con interventi veri sul mercato di gennaio, una possibilità che proveremmo a sfruttare per quanto possibile. Comprensibilissimo che la piazza possa dubitarne. Ma noi ce lo auguriamo e lo auguriamo al Torino. Buon Natale.

101 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. byfolko - 8 mesi fa

    Ahahah i gobbazzi di merda hanno perso la Supercoppa, godooo !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro Forever - 8 mesi fa

      I “gobbazzi di merda” ti hanno messo 3 meno!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 8 mesi fa

        Infatti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. suoladicane - 8 mesi fa

    Mazzarri vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Capitan serpente - 8 mesi fa

    Babbo Natale facci un regalo manda all’inferno cairo urbano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. palmiro - 8 mesi fa

      Babbo Natale facci un presente levaci dai corbelli sto presiniente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Immer - 8 mesi fa

      Sarebbe l’unico regalo di Natale prescelto dai tifosi del toro. Cairo vattene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Martin Vazquez - 8 mesi fa

    Con tutto questo casotto, il presidente non si espone? Sembra una sociera`lasciata a sé stessa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Andrea63 - 8 mesi fa

    Se na vada da Torino mentitore!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dattero - 8 mesi fa

    urbano cairo,detto nel mondo economico finanziario, “lo squalo”ha posto l’ennesimo sfregio sul volto del Toro.
    il lodista Marengo ci resuscito’ da morte certa,scombinando dei piani.
    si decise allora di chiudergli,in varie maniere,tutte le porte,finche si trovo’ il dante causa giusto nella persona del mandrogno.
    non vuoi morire,”brutto toro”? allora ti narcotizzo,ti do in mano ad un eccellenza in questo campo,tu non conterai piu’ nulla,sarai solo parete e chi deve dominare,avra’ vita tranquilla e opulenta.
    nel frattempo,il ns uomo continua lentamente a sgretolare,illudendo,blandendo,dividendo come solo lui sa fare,e,se deve,pure minacciare lìincolumita’ delle persone,il fine giustifica i mezzi,cavolo!!
    sembrava un piano perfetto,ma una falla c’è,una grande finanziaria statunitense è infuriata,pure una banca italiana è furibonda.
    alla fin fine,non so se mi piu schifo lui o i suoi plaudenti accoliti. Bella lotta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 8 mesi fa

      Non sono assolutamente informato sulla situazione finanziaria di Cairo, ma se quello che scrivi è vero, e non ho motivo di dubitarne, allora per noi granata si prospettano tempi burrascosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Iltorosiamonoi78 - 8 mesi fa

      Complimenti hai fatto una disamina perfetta della situazione. Possibile che tanti non si rendano conto di come siamo messi?
      Ora piu che mai dovremmo stare UNITI noi veri tifosi GRANATA e fare si che il Sig. Cairo venda perchè sono 15 anni che ci facciamo prendere in giro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ardi - 8 mesi fa

    Se l avvoltoio avesse minimamente a cuore le sorti della squadra, prenderebbe subito un nuovo allenatore che decida insieme a lui quale centrocampista prendere a gennaio, visto che il ds di fatto non esiste. Invece, probabilmente, ci terremo mazzarri, non compreremo neanche uno svincolato e venderemo Bonifazi, cosicché bremen sia sempre più titolare, nonostante ci abbia fatto perdere 5/6 punti. W la cairese voluta dagli ovini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Iltorosiamonoi78 - 8 mesi fa

    Ma Cairo dove sta? Come mai non parla?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jimmy - 8 mesi fa

      Sarà a qualche mercatino di Natale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. byfolko - 8 mesi fa

      Sta chiedendo l’elemosina ai Navigli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. abatta68 - 8 mesi fa

      Meglio che stia zitto va… oltretutto non vedo Visa possa mai avere da dire… meglio di così…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Si Maxi lopez segnava a raffica…finché ha avuto voglia, mezza stagione o giù di lì.

    Poi siccome del professionista aveva ben poco ha iniziato a segnare in cucina.

    Fu Mihailovic non Mazzarri a dire che non lo faceva giocare perché si portava addosso una lavatrice.

    Quagliarella al Toro era cresciuto, costretto ad andarsene quando fallì.

    Era tornato per chiuderci la carriera. E il goal del famoso derby lo fece lui.

    Mandato via come un cane, perché tanto dicevano tanti ormai è finito. Si è visto alla Samp quanto era finito.

    Chi ha qualche capelli bianco come me si ricorderà di qyando Junior fu mandato vua dal Toro, finito pure lui. Andò al Pescara e fece un paio di campionati da urlo.

    Ripeto, memoria zero!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jimmy - 8 mesi fa

      Scusa Granatissimo ma non riesco a capire cosa vuoi dire. Con Quagliarella saremmo messi meglio in classifica? La Sampdoria con Quagliarella ci è sempre arrivata dietro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

      L’unica colpa dei tifosi è stata non voler Gasperini per i suoi trascorsi gobbi.
      Anche oggi Atalanta semplicemente spettacolare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ardi - 8 mesi fa

        Daniele tanti ex gobbi, per ultimo zaza, sono venuti al Toro. Non credo proprio che gasperini non sia venuto per capricci dei tifosi a cui cairo frega un caxxo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. rogozin - 8 mesi fa

      Non capisco il senso del post in senso stretto e in relazione all’articolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. abatta68 - 8 mesi fa

    Basta con la colpevolizzazione dei tifosi, basta!!! Ora che la curva maratona sia diventata un ritrovo di mammolette lo sappiamo tutti, ma il problema è nel contesto di una società senza ambizioni che produce ciò che vediamo da tanti anni. Gli obiettivi li deve definire la società, ma nel nostro caso tutto si riduce alla solita comparsata da 7/10imo posto, con tanto di freno ai facili entusiasmi, tipo “è una squadra difficilmente migliorabile!”, che è la miglior sintesi della presidenza cairo, ormai è un vero e proprio motto della cairese fc. Sulla gestione del tifo poi, davvero non ho parole… il Filadelfia chiuso? Ma che lo hai fatto a fare? Insomma sto calcio a chi si rivolge? Se è solo uno spettacolo tv statevene tutti a casa, cosa che io farò a partire da… ieri! Di personaggi come mazzarri ne abbiamo visti tanti, bersellini era uno di questi… ma il toro era una cosa diversa e faceva diventare anche quell uomo li una cosa diversa. Il problema sta in questo modo di fare dirigenza, che è lontano anni luce da un calcio antico, ma è alla stessa distanza siderale con “il calcio che conta”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Iltorosiamonoi78 - 8 mesi fa

      Sei un grande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. barrieradimilano - 8 mesi fa

      Ottima disamina tra l’altro fatta, se non erro, da un coetaneo 68ino. Il pesce puzza dalla testa, 15 anni di galleggiamento senza essere ne carne ne pesce. Comunque, per quello che rimarrà dopo le macerie che lascierà questo personaggio, l’aver dissipato un valore tecnico di un Gallo (non so se avremo mai più un capitano con il suo cuore), Sirigu, Lyanco Rizzo e Nkuolu (motivati), Ansaldi, ecc. ecc. senza aver comcluso un caxxo se non delusioni come domenica scorsa e ieri rimarrà nella storia come una delle presidenze più stucchevoli e false del Torino Calcio. Spero almeno che un qualche fastidio al ns.egocentrico oppurtunista nel suo curriculum imprenditoriale lo creino. Vergogna hai geneticamente modificato il nostro DNA, meglio in B che la tua lenta eutanasia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. byfolko - 8 mesi fa

      7/10 posto? Questi ben che vada si salveranno con grandissimo affanno. E solo in virtù del fatto che sono solo 3 a retrocedere, la nostra fortuna. A parte Sirigu, Ansaldi, Belotti e Rincon che inspiegabilmente continuano a sbattersi per questa società di merda, gli altri 2 buoni, cioè Izzo e Nkoulou hanno già da tempo tirato i remi in barca avendo capito l’antifona. Non li scuso ma posso capirli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Pau - 8 mesi fa

      d’accordissimo. Tra l’altro la protesta è cominciata da un mesetto a questa parte, il (i) campionato anonimo e tutte le questioni che hai sollevato tu da ben prima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. redman - 8 mesi fa

      Ti ricordo che con Bersellini ( e Sergio Rossi) siamo arrivati secondi l’anno del Verona di Bagnoli…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Maver - 8 mesi fa

        In panchina c’era GIGI RADICE…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Maroso - 8 mesi fa

    Dal redattore agli amici qua sotto, tutti a celebrare una sconfitta ed ad affermare che tutto quanto di positivo fatto finora è demerito delle avversarie piuttosto che del Toro. Bene, continuiamo a buttare il bambino assieme all’ acqua sporca, continuiamo a denigrare, ad assentarci dalle tribune, a desiderare Ferrero o altri meglio di lui, continuiamo a dire che Cairo è il peggior Presidente del Mondo e che Mazzarri è una testa di ghisa. Ecco qual è il vero passo indietro del Torino: credere che i mali siano sempre e solo negli altri, esimendo i tifosi, non i supporters, da responsabilità evidenti. La tensione, fuori dei momenti opportuni, produce quello che abbiamo visto ieri sera. Non solo la tensione degli spalti, ma anche quella del dopo Verona. Quante imprecisioni, quanti svarioni (sia in difesa che sottoporta).
    Io non credo che i 70 minuti a Verona siano stati un caso fine a se stesso. io non credo che i passi avanti delle partite precedenti siano stati fatti per demerito delle avversarie. Nel calcio se sbagli, e qualcuno sa approfittarne, paghi e caro e salato. E’ accaduto agli avversari del Torino, è accaduto al Toro ieri.
    Non si può essere negativi ad oltranza e poi pretendere positività, vero esimio redattore? Non si può dire che i tifosi sono esasperati e dargli il permesso di interferire nel gioco come anche ieri sera, vero esimio redattore? Non si può pretendere che la società migliori senza tener conto delle difficoltà oggettive di questa città (vedi Robaldo, vedi Olimpico Grande Torino, manto erboso incluso etc.). Non si può dire che Cairo ci farà scomparire dopo che ha aumentato, anche sbagliando, il valore della società che era nella polvere, vero amici qua sotto?
    Io non vedo solo positivo, c’è molta negatività, ma ci sono i presupposti per fare meglio, molto meglio, se solo qualcuno la piantasse di fare una dannosa caciara per sé (Diaspo etc.) e per la società. Andiamo avanti così, e ne vedremo ancora di passi indietro, eclatanti!
    E toglietevi dalla testa che Cairo ceda il Torino a chicchessia se non al prezzo che vuole. Cairo è un industriale, non regala nulla. Cairo non è Sergio Rossi, che regalò il Toro che poi iniziò il declino.
    Mi piacerebbe si iniziasse a ragionare, tutti quanti, tifosi e società, in termini di futuro, non di presente. Se quest’anno siamo da metà classifica, occorre migliorare, ponendo le basi, al momento opportuno, per costruire una buona squadra con elementi giovani e capaci, proveniente da dove si vuole, primavera inclusa, e dicendo ai tifosi chiaramente che quando si costruisce non si può pretendere.
    Andrei ancora avanti, ma voglio fermarmi qui. Scusate lo sfogo, ma mi fa male leggere di gente che strumentalizza le sconfitte del Torino solo perchè lui, vagamente, l’aveva detto.
    Qui si tratta di andare avanti, non di guardarci indietro, con tutte le iniziative pacifiche e concrete che i tifosi e i supporters assieme possono dare atto.
    FVCG – Sempre Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 8 mesi fa

      Ma a chi lo stai dicendo? A noi? Guarda che se cairo facesse le cose che tu chiedi saremmo in EL! Non sono i tifosi ad aver detto “siamo difficilmente migliorabili” nel momento in cui ci buttavano fuori dai preliminari di EL… sono i tifosi ad essere pessimisti? Oppure è cairo che si costituisce dicendo “più di così non si puo”?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Maroso - 8 mesi fa

        Ti capisco, molto più di quanto tu non creda. Sto dicendo “Mi piacerebbe si iniziasse a ragionare, tutti quanti, tifosi e società, in termini di futuro, non di presente”. Andiamo avanti, non indietro, con tutte le iniziative pacifiche e concrete che si possono mettere in atto. Dobbiamo renderci conto che c’è una crisi di tifo ed occorre riorganizzarsi per far sentire la nostra voce senza piazzate che non servono a niente se non a farsi dare dei Diaspo. Avere opinioni diverse, dire che anche i tifosi hanno delle responsabilità, non vuol dire colpevolizzarli, vuol dire sperare che si uniscano e diventino efficaci! Ecco cosa e a chi lo dico.
        Non ti incazzare, non volevo offendere nessuno.
        FVCG – SFT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 8 mesi fa

          Scusa maroso non avevo capito bene. Concordo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. leggendagranata - 8 mesi fa

        Caro Maroso, non sono mai stato fra quelli che gridano “Cairo vattene!”, non ho avuto pregiudizi nei confronti di Mazzarri, ma i fatti sono lì, evidentissimi e inconfuntabili, a giustificare critiche e malumore. Non si può dire “tutto va bene madama la marchesa”, fare finta di nulla e mettere la testa sotto la sabbia, come mi pare faccia tu. Ho sempre cercato di fare critiche costruttive (non vorrei apparire immodesto, ma per parecchi anni mi sono occupato di calcio a livello professionistico), ma le responsabilità di Mazzarri per il modulo, per la scelte degli uomini, per le ultime due campagne acquisti non si possono tacere. Da settimane lo invito a schierare un Toro con i suoi due arieti in attacco, una formula che a inizio stagione aveva dato buoni frutti anche in termini di gol. Niente di trascendentale, per carità, ma sicuramente meglio delle soluzioni alternative proposte da Mazzarri, il quale è arrivato al punto di vergognarsi di schierare la squadra con un modulo fortemente difensivistico, ma non ha nemmeno il coraggio di darle quella spinta offensiva necessaria per trasformare le occasioni in gol. Qualcuno forse aveva sorriso quando avevo scritto che la mossa di mandare in campo Belotti al fianco di Zaza negli ultimi 20′ della partita col Verona era stata una sorta di “ruggito del coniglio”, per far vedere (a risultato da lui creduto acquisito) che sapeva mostrare i muscoli. E invece ieri la sua ammissione è stata disarmante: “Ho messo un attaccante anche se eravamo in 10 perchè tutti vogliono che schieri degli attaccanti…”. Era dunque cvonsapevole della fesseria, ma ha cercato di vellicare la piazza. Mi pare un grave sintomo di stato confusionale. A te no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Maroso - 8 mesi fa

          Caro Leggenda Granata, scusami, ma mi sono fermato a leggere quando dici che secondo me “Va tutto bene madama la marchesa”. Ti invito a leggere più attentamente il mio articolo. Evidentemente qui o si dice “Cairo muori” come dice qualcuno sopra, oppure si è un “semprecuntent”. Questo vestito mi va molto stretto. Non è la contestazione che non mi va, sono i suoi metodi, e l’incapacità dei tifosi a proporre proteste efficaci, se non violenza (da cui i famigerati Diaspo e le bombe carta) e sterili polemiche “da tastiera”. In passato ho fatto delle proposte, cadute nel vuoto. Possiamo parlare di quelle o di altre migliori, non del merito che la società granata, attualmente, non sia gestita in modo adeguato, che do per scontato, i fatti sono evidenti. ma al di là di questo, cerchiamo di renderci conto della realtà dei fatti: chi rileva Cairo? E’ opportuno avvicendare Mazzarri a campionato in corso? E’ opportuno criticare sempre e solo tutti e tutto per esempio dicendo che i 70 min. di Verona sono stati un episodio? Ci sono o no responsabilità dei tifosi che hanno svuotato lo stadio ieri sera? (non mi frega niente del perché, in altro modo si contestano i Diaspo, se l’obiettivo è veeramente quello). Qui si tratta di ragionare, magari con un contradditorio, non di mettere vestiti addosso a nessuno.
          Ciao, buona domenica.
          FVCG – SFT

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Iltorosiamonoi78 - 8 mesi fa

      Mi spiace ma non sta ne in cielo ne in terra ciò che dici. Grande abatta. È da 14 anni che il tuo Cairo non fa quello che tu dici. Ma come si fa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. barrieradimilano - 8 mesi fa

      Se hai ambizioni (vedi il giovane presidente del Cagliari) e una discreta squadra come la nostra e già da almeno un anno sai che il DS a fine stagione cambierà aria ti muovi e prendi una pesona d’esperienza, ma è inutile disquisire il ns. è come il Berlusca che bollito over 80enne ha una visione della realtà distorta e tutta sua, faremo la fine di Forza Italia, la loro non è mai troppo tardi anzi, della nostra mi ci tira davvero il c…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Ardi - 8 mesi fa

      Maroso, scusa perché non ti conosco e sarai sicuramente una bella persona, ma questo commento è dettato da una serie di caxxate che difficilmente sono insieme in uno stesso post

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. chatamula203_12178705 - 8 mesi fa

      Se permetti il Toro è dei Torinisti (quelli veri) e non di Cairo che ne è semplicemente l’amministratore unico grazie a noi che abbiamo cacciato Giovannone. Cairo ha comprato il Toro a costo ZERO, perché mai non dovrebbe venderlo o quantomeno cercare un acquirente estero con disponibilità e passione come hanno fatto per es. a PArma, Firenze, Milano sponda Inter……….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. redman - 8 mesi fa

      sì, Rossi regalò il Toro per colpa di noi tifosi. Abbiamo almeno l’onestà di dirlo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Maxi Lopez amava la forchetta, Quagliarella signor giocatore autore del goal vittoria nell’unico derby vinto in 20 anni.

    Memoria zero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jimmy - 8 mesi fa

      Maxi Lopez, soprattutto nella prima stagione, segnava a raffica. Senza dimenticare i 3 gol all’Athletic, ridurlo a mr.forchetta mi sembra indecoroso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

      Tu di granata hai solo il Nick e la memoria corta l’hai tu che dimentichi quel che ti ha già ricordato un Granata qui sotto.
      Per non tralasciare che quel derby lo vincemmo anche grazie a Darmian, a El Kaddouri e perfino a Padelli che nel finale prese di tutto.
      Io ricordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Filadelfia - 8 mesi fa

      Averne di Maxi Lopez

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Kaimano - 8 mesi fa

    Ormai scrivo da anni la stessa cosa: Esiste un disegno scritto in cui viene sancita la scomparsa del Toro. I 3 delinquenti dei gobbi lo dichiararono chiaramente che 2 squadre a Torino erano troppe ma i fatti di allora ci salvarono da una scomparsa fin troppo evidente. Cairo ci farà sparire in un modo più silenzioso e subdolo. Lo dimostrano gli investimenti x la società e le strutture. Continassa messo su in 2 gg mentre noi stiamo aspettando Godot. Direttore Sportivo nn pervenuto. Giocatori necessari alla causa da anni mai arrivati (centrocampisti dai piedi buoni). Nel frattempo Cairo e gli Agnelli si spartiscono l’editoria Italiana. Cairo compra reti TV e il meglio dei giornalisti Italiani(Gruber & Co) e noi continiiamo ad aspettare Godot! P.S. se Mazzarri va via e inutile prendere altri allenatori dello stesso stampo(Nicola). Vorrei un Guidolin. Vorrei un allenatore capace di far correre la propria squadra in avanti e nn indietro. La capra Mazzarri vuole giocare in stile Napoli nn pensando ke in avanti ti manca un Lavezzi o un Cavani ke attaccano gli spazi e sono dei velocisti. Noi abbiamo giocatori cob altre caratteristiche per cui in area devi arrivare con i cross..ma ti manca, escluso Ansaldi, ki salta l’uomo e ki sa crossare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RossoSangueGranata - 8 mesi fa

      Dovresti anche aggiungere la cessione del pacchetto di maggioranza del Gruppo RCS a Cairo da parte degli Agnelli, con il beneplacito e la protezione dell’ex presidente della Lega Calcio Miccichè, fortemente voluto da Malagò, Cairo e Agnelli.

      In pratica Gaetano Micciché è un potentissimo banchiere del gruppo IMI, di cui detiene quote la Exor, la finanziaria della Famiglia Agnelli. Inoltre La banca di cui è presidente il succitato Micciché è quella che colloca i titoli della Juventus sul mercato azionario e ne cura le analisi. Infine, per chiudere il cerchio, il buon Miccichè è anche socio in affari e consigliere diretto e privilegiato di Urbano Cairo in RCS.

      Ovviamente ci sarebbe da indagare a fondo sul chiaro conflitto d’interessi tra questi signori e la Juventus nell’espletamento dei loro ruoli che dovrebbero garantire tutte le squadre di serie A.

      Semplificando, il presidente della banca che colloca in borsa i titoli della juventus e ne cura le analisi (fondamentali per far crescere il valore del titolo), è anche il consigliere di Cairo in RCS. E Andrea Agnelli e Cairo lo hanno proposto e fatto eleggere (ad oggi in modo irregolare e sotto inchiesta) a capo della lega calcio.

      Credo che, adesso, siano più chiari i rapporti tra Urbano Cairo e i suoi compagni di affari e di merenda. E di conseguenza si comprende perché il Toro galleggi chirurgicamente a medio/bassa classifica in tutti i suoi anni di presidenza, con tutti gli annessi e connessi del caso in termini societari, di mercato, di organigramma dirigenziale e così via.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. byfolko - 8 mesi fa

        Grande commento, quoto e straquoto. Con la complicità del simpatico De Benedetti, ovviamente. In ogni caso, in mezzo a questo letamaio che non concepisce i termini ”gloria ed onore” e fa della bramosia di denaro l’unico scopo, a prendere bastonate sui denti sono stati il Toro (che , ricordo, è scomparso 15 anni orsono) ed i suoi tifosi. Oggi infatti abbiamo la men che miserabile Cairese, a cui mi rifiuto assolutamente di associare il Toro, la sua leggenda e le sue reliquie. Questo sito, per coerenza verso i padroni Micchichè-Agnelli-Elkann-Cairo-De Benedetti dovrebbe chiamarsi Cairese News e lasciar stare in pace il Toro ed i suoi ricordi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. fabrizio - 8 mesi fa

    i passi indietro li puoi fare solo se vai avanti…. passare da un 7 posto ad un 8-9 non mi sembra un passo inditro. sempre posti mediocri sono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. granata60 - 8 mesi fa

    Questa è una squadra senza palle, non è il Toro, punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Stessi tifosi che hanno preteso la cacciata di Quagliarella e idolatrato per anni Maxi ciccione Lopez…bella tifoseria si…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

      Maxi Lopez amava il Toro,
      Quagliarella (solo con noi ) chiedeva scusa a Napoli e alla juve ! dopo aver segnato.
      Pessimo esempio per denigrare i tifosi del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 8 mesi fa

      Guarda, dei tuoi post a questo articolo non condivido quasi nulla, tuttavia non posso non sottolineare come Maxi Lopez ci abbia sempre rispettati, cosa che in più di una occasione Quagliarella non ha fatto. E poi, ciò che ha fatto a Bilbao..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. rampanti-vatta - 8 mesi fa

    Ridateci il Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. secondome - 8 mesi fa

    La squadra riflette il nulla societario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. MV - 8 mesi fa

    Tutto si può dire, ma sarebbe bene che l’articolo (equilibrato) di Sartori raccontasse tutta la verità. Ieri gli insulti a Mazzarri si sprecavano anche sull’1-0, mentre costruivamo occasioni in serie. D’altronde gli “ultras” hanno contestato la squadra dopo una vittoria a Genova e nel primo tempo con la Fiorentina, mentre vincevamo. Sarebbe bene che, con onestà, i giornalisti riconoscessero che una parte del tifo gioca allo sfascio, contestando a prescindere dai risultati. E usando le critiche a Walter per attaccare Cairo. E usando la polemica contro la repressione per attaccare la società e lasciare lo stadio vuoto. Questo dovrebbe scrivere uno che vuole raccontare la verità, senza lisciare il pelo ai tifosi. Che poi questa clima pesante non aiuti la squadra, mi pare evidente. “Tifosi speciali” un cazzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Iltorosiamonoi78 - 8 mesi fa

      quindi secondo te la situazione in cui si trova il toro è colpa di noi tifosi ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Carlin - 8 mesi fa

      M V secondo te,dopo 20 30 40 partite di non gioco cosa dovrebbero fare (gli ultras) come Mimmo che non esiste dio all’infuori d i lui? é logico che se la prende (giustamente) col colpevole di questo sfacelo,e di chi lo sostiene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. marione - 8 mesi fa

      Bella partita, grande società, grande cairese. Eh purtpoppo la sfortuna… il campo pesante… i tifosi…
      Peccato perchè sarenmmo da champions jajajajajaajaja

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Ribadisco che classifica alla mano fino a ieri eravamo ottavi.

    Dite che con Nicola o Ballardini o chi volete voi potremmo essere quarti o terzi? Ingaggiamoli subito, ma se guardo alle formazioni ne vedo almeno sette otto davanti a noi, anche con Mourinho o Klopp on panchina.

    E questo lo si vedeva già a luglio se lo si voleva vedere.

    Ieri malissimo squadra e mister e questo è palese, dico solo che un certo clima non aiuta.

    Non abbiamo una squadra che può dare quattro pipp a chiunque e nel calcio di oggi anche con le ultime in classifica è durissima e non solo per noi.

    Ieri sia pur a fatica si poteva vincere, giocando male ma cavolo…ci cambiava tanto vincere ieri.

    E invece alla fine sembra quasi ci sia chi è contento che su sia perso perché con la spal o si vince 5 a 0 o meglio perdere, manco si giocasse con pulici, mazzola, lentini e scifo.

    Questa è una squadra da ottavo dodicesimo posto, se va tutto bene, ficchiamocelo bene in testa e dal prix anno contestiamo da luglii chiedendi acquisti di peso soprattutto a centrocampo.

    Ora contestare serve solo agli avversari che passano incassano e ringraziano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 8 mesi fa

      Ma dai su… pure se venisse guardiola subito si riuscirebbe fare più di 50 punti quest anno. Chi occupa la sesta posizione ne farà almeno 60, mi spieghi come possa il toro farne almeno 40 nel girone di ritorno?!? Quest anno va così, dispiace eh, ma va così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. blubba - 8 mesi fa

    Sulla fase difensiva vorrei dire ke qualcosa nn torna. Era il reparto ke funzionava meglio lo scorso anno adesso ė il peggiore . Ci sono palesi errori individuali dei giocatori inimmaginabili . Da bremer me li aspetto perché nn ė un giocatore presentabile questi livelli ma Izzo ė l ombra di se stesso. Continuando così gli europei se li scorda anzi va fatta una scelta a gennaio se ci sono offerte congrue va dato assieme a bremer e lyanco sempre informato. A parte bonifqzi il reparto va rifondato. Aggiungerei ke meite e ola aina nn sono in grado di giocare a Torino e il centrocampo va messo a posto con degli innesti opportuni. Ovviamente il mister va cambiato alla svelta perché tra Verona e Spal ha fatto Delle cappella te assurde e nn da un gioco alla squadra fa due anni ormai. Cairo tirerà fuori la scusa ke agennaio nn si fanno affari ė scritto già perciò meglio nn farsi illusooni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Pesce - 8 mesi fa

    Faccio una proposta: visto che non riescono a stare dietro alla produzione dei Nutella biscuits, dato l’enorme successo avuto, propongo al Sig. Ferrero che se compra il toro da Cairo, veniamo a turno, gratuitamente noi tifosi a dare una mano in azienda per riuscire a soddisfare le richieste

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 8 mesi fa

      La famiglia ferrerò é troppo seria per entrare nel mondo del calcio che solitamente attrae personaggi che hanno bisogno di visibilità e loro come i Lavazza o i delvecchio o i Benetton non ne hanno bisogno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 8 mesi fa

        Il signor ferrero non c’è più, c’è il figlio che pare essere un minkia alla Lapo… c’è da sperare che non se li mangi tutti i lui i biscuit! Ad ogni modo i grandi vecchi Lavazza e ferrero a loro tempo dissero più o meno le stesse cose, ovvero che non sarebbero state così grandi le loro aziende se ci avessero messo in mezzo cose futili come il calcio, spesso incapace di produrre posti di lavoro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. alexku65 - 8 mesi fa

    Per fare passi indietro occorre averne fatti in avanti . Personalmente non ho visto passi sostanziali di miglioramento dalla condizione basica che abbiamo raggiunto dopo gli anni più mediocri ancora della B. Restiamo una squadra che quando va male arriva 12. /13 e se va bene siamo a ridosso di coloro che entrano in Europa league. Per cui siamo stabilente a metà classifica. Detto questo siamo a metà di tutto. Dell’organizzazione societaria (mancano diverse figure professionali che se ben occupate non possono che fare bene al Toro) manca l’allenatore (questo è totalmente squalificato) manca uno stadio (molte squadre al nostro livello dal punto di vista societario vedi Udinese e Atalanta sono già avanti anni luce ). Infine le ns ambizioni sono da metà classifica. Tentiamo la fortuna . Il resto è solo propaganda, cieca e stupida dedizione di intelligenze spente . Auguri a tutti meno che a questa società di buffoni. La festa più adatta per loro è il carnevale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    La contestazione andava fatta a Luglio quando non è stato comprato nessuno soprattutto a centrocampo capace di dare più spessore a questa squadra.

    Dove stavano i contestatori a Luglio? E i fautori dello sciopero del tifo? E quelli del via Cairo e via Mazzarri?

    A Luglio eravamo tutti lì a baloccarci con i nostri sogni di gloria europei e ad auspicare l’acquisto di Verdi come spalla ideale del gallo.

    Ora ci accorgiamo di avere una squadra scarsa…alla faccia cge fini intenditori ragazzi, la prix volta che gioca il Toro la squadra con i relativi cambi votiamola su toronews, con tutti gli esperti di cakcio che scrivono qui le vinciamo tutte di sicuro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 8 mesi fa

      Veramente io e altri già da subito avevamo dubbi. Non si gongolava di nulla e la squadra é bene o male dove pensavo potesse essere. Anche perché siamo senza 2 titolari da inizio anno. Noi siamo tifosi. Non addetti ai lavori. Semplicemente diamo pareri. Il problema é che non abbiamo addetti ai lavori in società. Ognuno deve avere i suoi compiti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Mario66 - 8 mesi fa

    Poi devo anche ammettere che la squadra ci mette del suo senza grinta e cattiveria agonistica non si va da nessuna parte. L’allenatore poi è ormai da tempo in confusione totale anche ieri scelte sbagliate e squadra senza una minima organizzazione si gioco. La fase difensiva è da museo degli orrori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. miele - 8 mesi fa

    Si deve parlare di passo indietro solo per chi sta procedendo in avanti ed ha un temporaneo sbandamento. Non è il caso del Toro inteso nel suo insieme presidenza, società, allenatore, squadra che pare più che altro un confuso e disorganizzato insieme, che non ha mai intrapreso un cammino deciso, razionale, con la precisa volontà di migliorare. Questo è l’ennesimo balzo verso l’anonimato e l’insignificanza, l’ennesimo oltraggio alla storia tragica di una gloriosa società ed ai suoi appassionati tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Mario66 - 8 mesi fa

    Purtroppo la dimensione dell’attuale torino è questa. Per tutti noi fratelli di fede il TORO è un’altra cosa.
    A volte nella disperazione più totale penso che 15 anni fa era meglio rimanere con giovannone ma capisco che esagero. Spero sempre in un TORO migliore quello che per mia enorme fortuna ho avuto il piacere di vedere da piccolo quello di pulici e graziani ma anche di pecci e claudio sala quello di Dossena e junior ma anche di Bersellini e beruatto quello di casagrande e Lentini ma anche di bruno e policano. Altri tempi e altri presidenti.
    Cairo è un arrivista senza scrupoli dedito solo a raggiungere il suo guadagno personale è come un parassita non lascerà mai il torino almeno fino a quando avrà qualcosa da succhiare e fino ad allora noi non rivedremo (forse mai più) il nostro TORO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. leo67 - 8 mesi fa

    CAIRO PAGLIACCIO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Con tutti i limiti che volete ma sino a ieri eravamo ottavi.

    Mi potete raccontare quel che vi pare ma la squadra questa squadra ottava massimo settima può arrivare, se guardi agli organici ne vedo almeno sette davanti a noi, mettete in panchina chi vi pare ma juve, inter, lazio, roma, napoli, atalanta e milan arriveranno prima di noi.

    Per tacere di cagliari e parma.

    La squadra veniva da cinque partite delle quali tre vinte, una pareggiata e una persa con la prima in classifica.

    Quindi secondo me la contestazione di ieri sera è una cosa che non ha avuto alcun senso a parte aiutare la Spal a vincere.

    Avanti così tafazzi, la prissima però non vi scomodate, la Roma è abbastanza forte da vincere col Toro anche senza il sostegno dei mitici tifosi granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 8 mesi fa

      La contestazione é alla proprietà e alla repressione nei confronti dei dissidenti. E poi cosa c’entra? Lo stadio era vuoto. Hanno giocato in tranquillità e anche bene per 25 minuti. Poi si sono spenti. Spiegami… Far diventare il grande Torino una bolgia adulante nei confronti di sti bimbi viziati li farà rendere di più? Non capisco il senso del tuo ragionamento…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

      La contestazione di certo non sta migliorando le cose ma secondo me è tardiva, non prematura. E scusami ma non credo proprio che ieri si è perso perché le curve erano mezze vuote. Si è perso perché è vuota la testa del Toro, nelle vesti del mister e della società soprattutto, che non ha mai dimostrato di provare amore per il Toro, e dopo 15 anni questo amore non ricambiato si è spento.
      Prima o poi doveva succedere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Iltorosiamonoi78 - 8 mesi fa

      Ciao granatissimo ma ti rendi conto di cio che hai visto fino ad ora in campionato? Te le ricordi Lecce Samp Udinese……solo per citarne alcune? Con la viola abbiamo sofferto come pochi. Su una cosa hai ragione tutte le squadre che hai elencato hanno una società ed un organico migliore del nostro. Quindi ringrazia pure il tuo presidente se siamo nella m……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Toro Forever - 8 mesi fa

    Assecondando il concetto di “reciprocità”, dovuta dal protocollo delle buone maniere, rimando gli stessi auspici e regali ricevuti. Auguro a tutta la Società Torino FC un meraviglioso Natale di merda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Karmagranata - 8 mesi fa

    Il passo indietro deve farlo solo una persona: urbano cairo. Per il resto Buon Natale Granata a tutti. SSFT!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Bischero - 8 mesi fa

    Ma di cosa ci si deve stupire? Siamo dal 1 giorno di chiusura del mercato da centroclassifica. Arrivare sesti é per noi vincere uno scudetto. Arrivare settimi o ottavi(dipende da infortuni, fortuna) un obbiettivo in linea con il potenziale della squadra. Sotto il 10 posto un fallimento. I miracoli capitano di rado e noi oltretutto non abbiamo nemmeno chi può provare a farlo il miracolo. Il toro é vuoto. Vuoto di chi può e deve decidere. Chi deve dare forza e fiducia alla squadra in altri momenti e cazziarla quando serve. Manca di chi deve programmare. Mi viene da ridere leggere ancora commenti su Mazzarri e il suo allontanamento. Ma per che finalità? Per far cosa? Per migliorare che aspetto? Per costruire cosa? Cairo non abbandona Mazzarri non perché costa. Ma perché é l unico in mezzo a sta banda che sa e parla di calcio. L unico con esperienza. Il problema vero é che non cé luce in fondo al tunnel perché non cé chi ti può tirare fuori dalla merda. E non parlo di giocatori o allenatore figure di passaggio. Parlo di una società. Dove l unico obbiettivo vero e dichiarato é lo scudetto del bilancio a completo discapito del progetto sportivo. Mandiamo via Mazzarri… E poi? Izzo smetterà di fare i selfie? Chi ha offerte importanti per andare via tornerà a concentrarsi e dare il 100%.Diventeranno tutti più attenti? Non commetteranno più ingenuità? Non spegneranno più il cervello e tireranno a campare senza fatica perché si pensano troppo forti? Non faranno più sceneggiate alle sostituzioni? (se anche quella mezza Pippa di Berenguer si permette di screditare il suo allenatore fa capire che cosa voglio dire quando parlo di mancanza di uomini guida in dirigenza,) diventeranno più cinici sotto porta? Cominceranno a crossare in maniera dignitosa. Parlare di squadra o allenatore é superfluo. La protesta non é per la classifica che abbiamo o per il modulo più o meno offensivo che pratica l allenatore. La protesta é per come questo pseudo presidente gestisce il club e tutto quello che ruota attorno ad esso. Ogni nostro intervento ogni santo giorno per il bene del toro dovrebbe essere rivolto a come mandare via Cairo visto che dopo 15 anni sia palese che non voglia capire o non sia in grado di cambiare il suo modo di gestione del pianeta toro. Scusate se mi sono dilungato. Auguro un buon natale a tutti. E chiedo scusa se a volte ho insultato qualcuno come successo di recente. Ho sbagliato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mauri - 8 mesi fa

      Concordo totalmente.Dopo 15 anni appare evidente ormai come Cairo abbia preso il Toro per poter entrare nelle stanze dei bottoni e frequentare i salotti buoni per i suoi affari: pubblicità, diritti televisivi, presidenza di lega gli interessano più del Torino. Noi siamo solo un biglietto di ingresso, da tenere senza spendere troppi soldi, senza dare fastidio ai suoi soci in affari. Sono 15 anni che ci usa, raccontandoci balle e perculandoci per tenerci buoni, senza darci nulla in cambio. Il problema è che non mollera l’osso facilmente. Sarà la nostra rovina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Granatadasempre - 8 mesi fa

    Abbiamo perso con l’ultima in classifica per la terza volta in neanche metà campionato.. credo che sia un record!!
    Non ho mai criticato Mazzarri, ma a questo punto non mi dispiacerebbe veder rotolarte la sua testa (metaforicamente, si intende!).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Paul67 - 8 mesi fa

    Il miracolo sono stati i 63 dello scorso anno, con un girone di andata scarso.
    Si pensava fosse un punto di partenza ed invece fu un punto d’ arrivo. Il livello della squadra è sempre quello 8/12 posto lo scorso anno ci siamo illusi un po’ tutti.
    ” difficile migliorare questa squadra” (cit.) questo diceva in estate il CAV. Aveva pure scomodato il presidente degl’invincibili, sua fonte d’ ispirazione.
    Mazzarri é questo, sempre stato prendersela con il mister nn serve a niente se poi Cairetto rimane al timone. Esonerare Mazzarri è un paliativo, potrà meglio rare un po’ il rendimento alimentando nuovamente speranze, ma poi vi sarà la solita regressione, perché Cairo fa squadre da 8/12 posto di più nn vuol fare, a lui va bene così. Purtroppo va bene anche a noi tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. GlennGould - 8 mesi fa

    15 anni fa Cairo prese il toro.
    Aveva vari obbiettivi, noi pure. Lui li ha raggiunti, noi no.
    Cairo ha avuto molto di più dal toro di quello che ha dato.

    Adesso spero abbia la compiacenza di mettere toro in vendita.

    Subito!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlGrandePolicano - 8 mesi fa

      Disamina perfetta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ToroMeite - 8 mesi fa

      Parole sante, anzi santissime!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. jimmy - 8 mesi fa

    La realtà, caro Sartori, è che nonostante i tuoi articoli del “è ancora il caso di contestare ecc” siamo sempre stati questi. Giustamente dici ” a questo punto è lecito pensare che i punti fatti di recente siano arrivati più per demeriti di squadre avversarie incontrate nel loro momento peggiore, più che per i meriti granata. ” Analizziamo le 3 ultime vittorie:Brescia, Genoa, Fiorentina.
    Cosa hanno in comune? I loro allenatori esonerati poco dopo. Abbiamo affrontato 3 squadre imbarazzanti riuscendo a soffrire con tutte e 3 nonostante 2 rigori e un’espulsione con il Brescia, 2 pali del Genoa e gollonzo nostro dopo non aver fatto niente per tutta la partita, graziati dagli scarponi della fiorentina che hanno sbagliato di tutto nel finale. Col verona l’impresa di pareggiare da uno 0-3 nell’ultima mezzora. Ieri sconfitta con l’ultima in classifica. È uno schifo incredibile, 8 sconfitte in 17 partite, a breve 9. Squadra difficilmente migliorabile, sicuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pesce - 8 mesi fa

      analisi perfetta. concordo in pieno. complimenti, non sarei riuscito ad esprimere meglio quanto hai detto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. prawn - 8 mesi fa

    Quando l’abbiamo mai fatto il passo in avanti?
    Siamo lo stesso toro di ventura, di miha e ora mazzarri.
    Sara’ che si tendono a dimenticare i momenti peggiori ma mi pare che siamo scesi piano piano, dai buoni campionati di ventura (uno su tutti quello con cerci+immobile e il mames) a qualche partita veramente emozionante con miha all’orrore di mazzarri.
    L’anno scorso ci e’ andata bene perche’ e’ stata una serie A veramente strana, a parte il milan con problemi di bilancio, molte squadre hanno fatto male e hanno fatto pochi punti e molte (noi inclusi) ne abbiamo fatti tanti.
    L’intera squadra e l’operato dell’ubriacone in panchina e’ stato sopravvalutato.
    Petrachi se n’e’ andato malamente e che piaccia o no ha fatto il suo sporco lavoro nonostante una societa’ di cacca per un bel po’ di anni.
    Non e’ stato sostituito e siamo finiti senza acquisti per tutta l’estate, un vuoto poi sbandierato come ‘teniamo tutti, siamo troppo bravi’.
    In realta’ fatti come Edera, Millico e Parigini ai margini sono la prova che Bava non sa contrattare con nessuno, manco il Chievo in fase di calciomercato.
    Tenendo tutti (E con sicuramente qualche promessa fatta da Petrachi/Cairo che non sappiamo) abbiamo generato una squadra che fondamentalmente e’ o rotta (Lyanco, Ansaldi, Iago: 3 tra i migliori talenti in rosa) o e’ scontenta (Gallo, N’Kolou, Izzo perche’ vogliono giocare in europa; Zaza perche’ semplicemente vuole giocare).
    E poi i soliti medi, che tirano la carretta ma sono da 10o posto (Rincon, Baselli) e le eterne promesse, che abbiamo sempre avuto in squadra ma sono 15 anni che non lanciamo un lentini (Aina, Bremer, Lukic, Laxalt).
    Ci sono episodi, quando la squadra si scuote dalle paure e dal torpore (i recinto degli schemi difensivisti! cosi’ ben descritti da un altro commentatore ieri sera!) e giocano anche sti quattro svogliati disgraziati, magari per le videocassette dei procutatori, ma almeno giocano.
    Contro la Samp, contro il Verona.
    Tutto il resto non e’ TORO.
    Preferisco la follia di Miha, preferisco giocare alla Zeman, andare in B ma almeno vedere del calcio, dei goals.
    Invece non tiriamo mai, le scelte dell’allenatore sono al 90% cannate ormai, ogni domenica (il contrario di quello che dicono Cairo e Rampanti!).
    A me Mazzarri non piace e mai piacera’, e’ un allenatore che ha finito la sua carriera nel 2013, a Napoli, sono sette anni ormai che non vince una cippa di niente, e’ pagato TROPPO per quello che da, non e’ ALLINEATO ai valori granata.
    Ma non credo che farlo andar via sia la soluzione, il marcio e’ sopra, il marcio e’ il presidente, cancro vero che sta distruggendo anno dopo anno la nostra gloria. Niente stadio di proprieta’, filadelfia manco finito (non dimentichiamo le porte chiuse, guai contestare), niente Robaldo, manco un DS, un cicccione di Comi a fare il manager pagato a mangiare panini e basta.
    Tutte le glorie vere granata, quelle con due PALLE cosi’ tenute prudentemente ALLA LARGA mentre si fanno SOLDI su plusvalenze, cedendo gente che poi FA PENA in altre squadre.
    E poi ci mancava solo la DASPO, gli Hooligans SMANTELLATI con l’aiuto della questura, evidentemente davano fastidio.
    Certo, grossi esperimenti sociali, vendere i biglietti degli ultras dell’inter in curva PRIMAVERA.
    Hai toccato il fondo nano mandrogno, hai veramente toccato il fondo, la pazienza e’ finita, e invito i fratelli granata a contestare ad oltranza, fino a quando il mandrogno non vendera’, deve vendere, deve andarsene.
    Non puo’ stare un altro anno a far soldi vendendo Gallo+Izzo e Sirigu perche’ lo so gia’ che succedera’ questo.
    Gennaio? Non compriamo mai nessuno, non risolverebbe niente, sarebbero comunque i soliti acquisti da quattro soldi (un altro Carlao dai compra Carlao).
    E cmq vergognatevi per far giocare queste mezze seghe senza cuore in campo, quando avete fior di ragazzi che avranno anche poca esperienza ma sotto la maglia granata batte sicuramente un cuore granata. Gente crescita nelle nostre giovanili.
    VERGOGNA e VIA DA TORINO! VIA SUBITO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlGrandePolicano - 8 mesi fa

      Condivido al 100%.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. byfolko - 8 mesi fa

      Giustissimo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. gianni bui - 8 mesi fa

    Non c’è mai stato un passo in avanti. Dobbiamo riconoscerlo, i limiti della squadra sono questi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. FVCG69 - 8 mesi fa

    In tutto questo c’è una cosa positiva finlamente Cairo ha smesso di raccontare cazzate sul TORO forse ha capito che è arrivato al capolinea

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. s.simone_183 - 8 mesi fa

    Il maggior problema del TORO è che manca il famoso e sano tremendismo granata dei tempi di Ferrini & company. E’ da parecchio tempo che il TORO non è più TORO, principalmente grazie ad una dirigenza composta da incompetenti, in primis il nostro presidente Cairo, circondato da servi e lecchini, suoi adulatori. Cairo, in 15 anni di Toro, ha avuto una pubblicità enorme per lui ed il suo gruppo, mentre il Toro non è riuscito a vincere neanche una coppetta del nonno. Lo stesso dicasi di TORINO CHANNEL, molto scarso, nauseante e poco incisivo, perchè del tutto accomodante alla dirigenza del Toro, senza neanche la benchè minima critica ed autocritica, dove parlano sempre di sfortuna intervistando principalmente persone facenti parte del Torino FC e/o tifosi del TORO. Hanno speso 25 milioni di euro per Verdi, considerato il Messi granata; un autentico flop perchè non ne azzecca una, e non era difficile prevederlo, perchè aveva già giocato nel Toro ai tempi di Ventura che di giocatori se ne intende. Non parliamo di Laxalt, un altro bluff. La squadra, a parte Belotti e Sirigu, è molto scarsa e priva di personalità; infatti, alla prima disavventura, si scioglio come la neve al sole. E’ da anni che non si riesce ad avere un centrocampo degno ed all’altezza della situazione, perchè indispensabile per creare un gioco apprezzabile. Manca un terzino destro, altro che De Silvestri ed Ola Aina, e potrei continuare. Ci vuole una rivoluzione sia a livello dirigenziale che tecnico, altrimenti si continuerà col solito tran tran.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 8 mesi fa

      Basta leggere chi scrive su questo sito.
      Chi aveva il coraggio di contestare è stato epurato (leggasi Chiarizia e Cassardo)
      Il bello è che hanno la faccia tosta di scrivere che loro sono per il pluralismo dell’informazione.
      X non parlare del sondaggio su Mazzarri taroccato durante la notte x fare emergere che la gran parte dei tifosi ha LE PALLE PIENE di questo pseudo allenatore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 8 mesi fa

        *X NON far emergere

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Karmagranata - 8 mesi fa

        Io starò sempre con Chiarizia. Sempre. SSFT.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 8 mesi fa

      Ma anche solo il toro di annoni-policano-bruno

      Ma a questo punto persino il toro di tricarico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. Toro75 - 8 mesi fa

    Il nostro sarà un Natale calcisticamente parlando “amaro”
    Tutto qua…
    Il nulla totale
    Una specie di presidente incompetente
    Un allenatore alla deriva
    Giocatori bravi a farsi piacevoli serate nei locali fingendo che tutto va bene
    E noi a rodersi il fegato ad ogni partita finita nel ridicolo come quella di ieri sera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. Il_Principe_della_Zolla - 8 mesi fa

    Il Torino FC è un guscio vuoto, con una testa vuota di allenatore, dei giocatori vuoti e insipidi (compresi i supposti top player, top solo nel conto in banca), e prospettive vuote per il futuro. Siamo sempre meno, siamo una storia che finisce. Tutti, società allenatore squadra, dovrebbero vergognarsi di allenarsi al Filadelfia e giocare in uno stadio intitolato agli Invincibili.
    Così si chiude il 2019, l’anno del Pagliaccio nell’astrologia granata. Il 2020 speriamo sia l’anno del Calcio In Culo a Cairo e la sua compagnia di giro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. leggendagranata - 8 mesi fa

    Caro Sartori, non parlerei di “passo indietro”, ma di “solito passo”. Il Torino di Mazzarri da sempre manca di continuità e di personalità. Chi mitizza il girone di ritorno dello scorso campionato (solo il girone di ritorno, si badi bene, perchè quello dell’ andata fu deludente), dimentica lo schifo di gioco spesso messo in mostra dalla squadra (basta andarsi a leggere i commenti, anche su questo sito). A penalizzarla è soprattutto la poca duttilità di un tecnico che, come ho più volte scritto, sa applicare un modulo: quello difensivistico a una sola punta, quello che ci condanna all’ asfissia offensiva, con pochissimi tiri e pochi gol.Questa è la verità. Ho sperato che le due molto convincenti prestazioni di Zaza contro Fiorentina e Verona, avessero convinto il nostro cocciuto allenatore a riconfermarlo al fianco di Belotti; qualsiasi tecnico con in mano una squadra del nostro livello, non rinuncerebbe a una simile coppia di arieti che a suon di gol in questa stagione ha dimostrato (chi scrive il contrario o ha la memoria corta o è vittima di pregiudizi) la sua efficacia. Non parliamo di Higuain e Ronaldo o di Lukaku e Lautaro Martinez, per carità, ma di un potenziale irrinunciabile per le latitudini del Toro. E, invece no, Mazzarri ha creduto di avere scovato la formula magica, ha chiuso gli occhi di fronte alla realtà e cioè che Berenguer è un giocatorino, rapido, di discreta tecnica, ma troppo leggero e fumoso, che Verdi, oltre a non essere nemmeno lui un corazziere, non sa giocare da trequartista, che Belotti non può fare,come scritto anche su questo sito, “il boia e l’ impiccato”. Ieri si è visto chiaramente che la Spal, se aggredita con due attaccanti di peso e aggressivi, sarebbe affondata nel primo tempo, come quei pugili che rimangono storditi e non riescono più a riaversi dopo alcuni pugni ben assestati dall’ avversario. Purtroppo una bella fetta di campionato se n’è già andata, ma Mazzarri dovrebbe farsi un bell ‘esame di coscienza, avere il coraggio di ricredersi a proposito dei suoi protetti, i vari Berenguer, Lukic, Meitè, Ola Aina, dare fiducia STABILMENTE alla coppia Belotti-Zaza, costruire un manovra che sia di sostegno ai due e non costringere i due a inseguire palla e avversari per tutto il campo. E poi, per favore, a fine campionato tolga il disturbo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 8 mesi fa

      Tutto molto vero e condivisibile, servirebbe che si convertisse ad un sano 442 per portare a casa la salvezza a questo punto, magari spostando verdi a centrocampo, ha il piede buono, magari riesce a fare regia.

      Se poi proprio non ce la fa magari 352 ma cmq sia e’ chiaro che deve riuscire a far giocare zaza e il gallo assieme, senno’ siamo spenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 8 mesi fa

        va anche detto che non sono convintissimo che i due cmq riescano a giocare, a me il gallo mi pare buono solo in un attacco a tre (non per caso face il suo record con Ljacic e Iago ai suoi fianchi).
        Si potrebbe fare con Verdi e Iago ai lati, se quest’ultimo tornasse.
        Mentre Zaza lo vedo bene a scambiare palla bassa veloce con Verdi e Berenguer, come a Verona (ma era il Verona) metti magari anche cmq con IAgo.

        Insomma, squadra mal assortita e anche classica sfiga, perche’ Iago manca come l’Acqua nel deserto quest’anno

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy