Lazio, attesa per le controanalisi dei tamponi: “Tra 5 giorni i risultati”

Inchiesta / Vincenzo D’Onofrio, il procuratore facente funzioni di Avellino, fa chiarezza sulle tempistiche e su quanto emerso fin qui

di Redazione Toro News
Lotito

Siamo ancora agli albori dell’indagine aperta dalla Procura di Avellino sull’operato della Futura Diagnostica, che vede al momento come unico iscritto al registro degli indagati Massimiliano Taccone, presidente del Cda del laboratorio che effettua i tamponi per conto della Lazio. Le ipotesi di reato sono falso, epidemia colposa e frode in pubbliche forniture. Dopo le indiscrezioni su alcuni presunti risultati nella tarda serata di martedì (negatività di Immobile e Leiva e positività di Strakosha), il procuratore facente funzioni di Avellino, Vincenzo D’Onofrio, ha infatti precisato: “Per quanto riguarda la Procura di Avellino la notizia non ha fondamento processuale: non ci sono ancora i risultati del lavoro che sta svolgendo il consulente da noi nominato. I risultati si sapranno solo al deposito della relazione del consulente tecnico della Procura. E ancora: “Non ci sono ancora i nomi, ma solo dei codici a barre. Bisognerà vedere in seguito se il tale codice corrisponde ad un determinato calciatore. Al momento, posso solo dire che i dati diffusi non corrispondono ai dati processuali ancora da acquisire”.

LEGGI ANCHE: Caos tamponi: oggi in procura Pulcini, il direttore sanitario della Lazio

ESAME – Il consulente nominato da D’Onofrio è Maria Landi, dirigente medico del laboratorio di microbiologia e virologia dell’ospedale Moscati di Avellino: a lei D’Onofrio ha concesso cinque giorni per depositare i risultati del nuovo esame (svolto ovviamente alla presenza anche del perito di parte Marilina Scalone) sui 95 tamponi dei biancocelesti sequestrati negli studi della Futura Diagnostica ed effettuati prima di Lazio-Juventus, a cui tutti i componenti del gruppo squadra erano risultati negativi. Ricordiamo l’esame mirava a comprendere come fosse possibile che Immobile, Leiva e Strakosha fossero positivi ai test di venerdì al Campus Biomedico di Roma e negativi nello stesso giorno, venerdì 6 novembre, a quelli di Avellino.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. extremoduro - 2 settimane fa

    Perchè tutta questa fretta, non è meglio dopo le feste natalizie più tranquillamente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. donato - 2 settimane fa

      Hai ragione, ma optiamo per quello del 2021, non è il caso di disturbare Lotito quest’anno che ci sarà un Natale sobrio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Forvecuor87 - 2 settimane fa

    Questa è l’Italia lo abbiamo già detto e ridetto è ancora ancora….
    in questo paese tutto funziona così dallo sport alla politica passando per tutti i settori dove girano soldi. Lotito ma vogliamo parlarne davvero???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pulster - 2 settimane fa

    Qui si parla dei tamponi prima di Lazio Juventus, e quelli prima di Torino Lazio? Quindi il nostro ricorso è finito nel cestino della monnezza….bene! Questo ti fa capire che valenza ha il Toro nel campionato italiano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 2 settimane fa

      Non credo. Se hanno fatto ricorso (c’era anche il Bologna) credo non possono archiviare la cosa.
      Ci sono 2 piani di inchiesta. Quella “sanitaria” e quella sportiva. Le conseguenze sono diverse. Lo 0-3 a tavolino così come l’eventuale squalifica/penalizzazione sono altra cosa. Se la Lazio ha fatto giocare uno che non poteva essere in lista allora si dovrebbe andare al 3-0.
      Questo in teoria. Poi stiamo parlando di Lotito e del calcio italiano …..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. christian85 - 2 settimane fa

    Si, poi ?
    Aspettare altri 2/3 mesi per avere controriprova dei test, poi altri 5 mesi per decisione verdetto finale ?

    Già viste ste storie.. fate prima a dire che non ci sarà nessun processo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy