Primavera, il Toro e altre 8 società chiedono di posticipare l’inizio del torneo

Primavera, il Toro e altre 8 società chiedono di posticipare l’inizio del torneo

Giovanili / La lettera è stata deposita alla Lega di Serie A: due settimane di rinvio, da questo week-end, a quello del 3-4 ottobre

di Redazione Toro News

C’è anche il Torino tra le nove società che chiedono di posticipare l’avvio del torneo di Primavera 1. La richiesta fatta alla Lega di Serie A, anche dai campioni d’Italia nelle ultime due stagioni dell’Atalanta, è di spostare di 14 giorni l’avvio del campionato, perché, si legge nella lettera, “ci sono enormi difficoltà a cominciare venerdì 18 rispettando il protocollo anti-Covid previsto per il calcio giovanile e dilettantistico”. Di fronte a una serie di problematiche, è stato soprattutto il buon senso a spingere i club a richiedere lo slittamento da venerdì-domenica, i 3 giorni in cui è in programma scaglionata la prima giornata del campionato più importante del calcio giovanile italiano, al weekend del 3-4 ottobre. Torino e Atalanta accompagnano nella richiesta alla Lega di Serie A Ascoli, Bologna, Cagliari, Fiorentina, Genoa, Sampdoria e Sassuolo.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Torino Primavera: per l’attacco arriva Rosario Cancello dall’Inter

DIFFICOLTA’ – C’è prima di tutto un problema relativo alle strutture che devono ospitare le partite del Primavera: molti impianti non sono ancora pronti per rispettare tutte le misure di sicurezza indicate dal protocollo, sia per le partite che per gli allenamenti. Un altro punto critico è alla voce trasporti per le trasferte, acuito nel caso degli spostamenti nella stessa città per gli allenamenti. Senza contare che tante Primavera hanno iniziato gli allenamenti da poco (come Bologna, Cagliari e Genoa), altre sono alle prese con casi di positività e allenamenti sospesi (come il Torino, fino a domani, mercoledì 16 settembre).

LEGGI ANCHE: Calciomercato Torino, colpo Primavera: Vianni ha firmato

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy