Torino Primavera, Lazio dominata e continua l’imbattibilità: ora servono i gol

Torino Primavera, Lazio dominata e continua l’imbattibilità: ora servono i gol

Follow up / Contro I biancocelesti i granata hanno sciupato troppe occasioni, rischiando così di non vincere una partita mai messa in discussione

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Lorenzo Lucca Torino Primavera

Prima non prenderle, diceva Enzo Bearzot. Un concetto fondamentale per una squadre se vuole raggiungere i suoi obiettivi. Nelle ultime due partite la Primavera allenata da Sesia ha mantenuto la porta inviolata e così sono arrivati due risultati utili per uscire dalla zona playout. Se con l’Inter il Torino ha corso qualche rischio, con la Lazio i granata non hanno praticamente mai rischiato, fatta eccezione per un palo colpito da Falbo su punizione. Quello dell’inviolabilità di Lewis non è l’unico tratto distintivo delle ultime partite.

Primavera, le pagelle di Torino-Lazio 1-0: Rauti punito dall’arbitro. Singo decisivo

PRIMO TEMPO – Dalla partita con il Chievo, infatti, i granata hanno sempre dominato a lungo i primi 45 minuti, salvo poi calare nella ripresa. Contro la Lazio è stata giocata la prima frazione migliore della stagione, visto che il Torino ha schiacciato i biancocelesti nella propria metà campo e i laziali non si sono mai visti dalle parti dell’area di rigore di Lewis. In tutte e tre le partite giocate, però, il secondo tempo è stato meno positivo per diversi motivi. Con i clivensi lo svantaggio arrivato a sorpresa ha disunito i ragazzi di Sesia, con l’Inter era stato un calo fisico a rendere più complicata la partita, mentre con la Lazio nel secondo tempo i torelli sono stati frettolosi.

SCIUPONI – Per risolvere i problemi relativi ai cali nella seconda frazione servirebbe concretizzare quanto creato. Se è vero che il Torino in difesa rischia sempre meno, c’è da dire che in avanti il Torino – soprattutto con la Lazio – è apparso troppo sciupone. Sabato scorso solo nel primo tempo i ragazzi di Sesia hanno avuto quattro occasioni nitide per passare in vantaggio: due con Lucca, una con Michelotti e una con Onisa. Innegabile la crescita a livello difensivo e questo è il miglior segnale, visto che fino alla partita con l’Inter il Torino aveva sempre subito gol, ma ora dev’essere migliorata la vena realizzativa. A tenere alta l’attenzione è stato lo stesso Sesia, che, dopo la vittoria con la Lazio, ha detto chiaramente che non bisogna essere tranquilli e ha invitato i suoi ragazzi a mantenere lo stesso spirito visto nelle ultime giornate. Intanto sabato c’è il derby, un’importante prova per valutare la recente crescita.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. al_aksa_831 - 5 giorni fa

    E’ dall’inizio campionato che la squadra fatica a metterla dentro, non è una novità.
    Speriamo queste due aprtite a rete inviolata siano l’inizio della ripresa, ma io aspetterei a parlare dopo la prossima…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy