”C’è una flessione, ma non facciamo drammi”

di Enrico Matteoni


Reduci da un girone d’andata strepitoso, i giovanissimi granata hanno iniziato il 2011 evidenziando una leggera flessione venendo prematuramente eliminati dal torneo “Tappari” ad opera del Lucento e perdendo la prima partita di campionato contro la Pro Patria. Abbiamo quindi contattato l’allenatore Fogli per fare un attimo il punto con lui sulla situazione che sta vivendo…

di Redazione Toro News

di Enrico Matteoni


Reduci da un girone d’andata strepitoso, i giovanissimi granata hanno iniziato il 2011 evidenziando una leggera flessione venendo prematuramente eliminati dal torneo “Tappari” ad opera del Lucento e perdendo la prima partita di campionato contro la Pro Patria. Abbiamo quindi contattato l’allenatore Fogli per fare un attimo il punto con lui sulla situazione che sta vivendo attualmente la sua squadra.

Mister Fogli, buongiorno. Non si può dire che questo nuovo anno sia iniziato nel migliore dei modi per voi.
Buongiorno a voi. Beh sì, abbiamo un po’ rallentato, è innegabile, probabilmente dopo una sosta così lunga non è detto che si ritrovino subito gli stessi equilibri e situazioni che si aveva l’anno scorso. Bisogna comunque tener ben presente che questi sono pur sempre dei ragazzi, e che quindi un momento un po’ così può capitare, non c’è nulla di strano. E poi abbiamo perso solo due partite, non credo sia una tragedia.

Una di queste due sconfitte è coincisa proprio con l’eliminazione dal “Tappari”. Una sconfitta forse inaspettata.
Premesso che bisogna sempre guardare in casa propria e mai in quella degli altri, credo che si debba un attimo tenere anche conto di quello che hanno fatto vedere le altre formazioni, ci sono state diverse eliminazioni eccellenti. Va da sè poi che noi contro una squadra dilettantistica come il Lucento abbiamo il dovere non dico di vincere, ma quantomeno di offrire una prestazione di un certo tipo. Poi come spesso accade in Italia si vanno subito a guardare i risultati, trascurando di fatto le prestazioni che hanno offerto le squadre.

Eppure il torneo era iniziato bene per voi, con il passaggio del turno da primi del girone e una serie di partite molto ben giocate.
Sì, nelle prime partite avevamo reso bene anche perchè erano scesi in campo dei ragazzi che magari nel girone d’andata avevano giocato un po’ meno di altri. Nella gara contro il Lucento ho dato spazio a gente con un po’ più di presenze in campionato. Ci tenevamo a fare bene, ma abbiamo perso e di ciò prendiamo atto. E’ stata comunque un’esperienza positiva perchè ho avuto diverse risposte positive da chi ha giocato un po’ meno di altri.

E settimana prossima ci si ributta nel campionato, ci arrivate carichi?
Noi ci siamo allenati bene in questa settimana e cerchiamo di non caricare eccessivamente di pressioni questi ragazzi perchè non mi sembra proprio il caso. E’ chiaro che ci sia voglia di rivarla, ma noi continuiamo ad allenarci normalmente senza strafare. E poi come ho già detto, non bisogna guardare solamente i risultati. Si dice tanto che in Italia c’è il problema dei settori giovanili che non producono abbastanza giocatori, ma fintantochè si guarderanno unicamente i risultati e non le prestazioni che stanno dietro ad ogni risultato sarà difficile uscire da quest’impasse.
 

 

(Foto torinofc.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy