Toro e Olimpico: Fassino e Gallo d’accordo con la mozione di revoca

Toro e Olimpico: Fassino e Gallo d’accordo con la mozione di revoca

In Comune / Un passo avanti da ambo i lati: la Giunta pronta a ridiscutere l’accordo con Cairo, i consiglieri firmatari ne alleggeriscono i termini temporali, tramite una modifica

di Manolo Chirico, @ManoloChirico

Oggi a Palazzo Civico c’è stata l’annunciata riunione in maggioranza con all’ordine del giorno un tema che riguarda il Torino FC e la Città di Torino. Parliamo della ben nota mozione di revoca della concessione, per l’utilizzo dello stadio Olimpico, ora in mano a Cairo.

Dopo un’animata discussione, la Giunta ha fatto un netto passo avanti nei confronti degli consiglieri firmatari: Fassino e Gallo ora sono d’accordo e – di fatto – approvano appieno la mozione. Se questa, dopo l’iter previsto dalla legge, sarà approvata, il Torino non potrà più utilizzare l’impianto cittadino, se non attraverso un nuovo accordo, vincolante e già stabilito.

Un passo avanti da ambo le parti, così abbiamo titolato, proprio perché se da un lato la Giunta è a favore della mozione, dall’altro i consiglieri hanno accettato di alleggerire i termini temporali. Infatti, la mozione è stata modificata nella parte riguardante le scadenze. Ora, fino al 31 dicembre 2014, la concessione resterà la stessa e non sarà in alcun modo revocata.

Dal primo di gennaio, invece, la mozione di revoca sarà valida a tutti gli effetti e l’unico accordo possibile sarà quello che prevederà l’aumento del canone sino alla cifra di 24mila euro a partita (non più i 70mila di si era distrattamente vociferato negli scorsi giorni).

Un modo come un altro per dar tempo al presidente Urbano Cairo e alla Città di Torino, di trovare un nuovo accordo entro e non oltre la fine dell’anno. Un’intesa su base pluriennale o, magari, addirittura sull’eventuale acquisto del pacchetto ”Olimpico ed area ex Combi” Domani alle ore 9.00, la mozione sarà discussa durante la quinta commissione consigliare ”Cultura e Sport” e giovedì, la stessa sara in ”sala” per essere ”liberata”. Solo a quel punto, la mozione andrà ai voti nella giornata di lunedì prossimo.

La querelle legata allo stadio Olimpico continua: la sensazione e che la questione terrà banco almeno per i prossimi tre mesi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy